sanremo-al-via-ibrahimovi-matilda-de-angelis-e-le-canzoni
Zlatan Ibrahimović: 'Noi atleti unisce mondo, politica divide mondo'
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
9 ore

Usa: sfigurata da trattamento, chiede 50 milioni

La top model Linda Evangelista fa causa alla società responsabile del trattamento cosmetico che le ha rovinato il volto, rendendola irriconoscibile
Musica
10 ore

Addio a Pee Wee Ellis, ‘gentiluomo’ del sassofono

Fu nella band di James Brown. Il ricordo di Nicola Gilliet, che lo unì ai ticinesi Re:Funk: ‘Aggressivo ma dolce, spiazzante. E col suono dei grandi di sempre’
Settimane Musicali
12 ore

Il weekend asconese di Piemontesi & Friends

Sabato 25 e domenica 26 settembre, omaggi a Messiaen e a Chopin e il Viaggio d’inverno di Schubert con Matthias Goerne
Scienze
13 ore

Cina, l’amido sintetizzato dal CO2 è una ‘prima’ assoluta

In passato sono stati condotti diversi studi a livello globale sulla sintesi dell’amido, ma finora i progressi raggiunti erano stati scarsi
Spettacoli
17 ore

Ed Sheeran a Zurigo, prevendita dalle ore 11 del 25 settembre

Il Letzigrund Stadion, 16 settembre 2022, è l’unica tappa svizzera del tour di ‘=’, nuovo album del cantautore britannico
Musica
21 ore

Nirvana, c’era una volta ‘Nevermind’ (e ancora c’è)

Segnò l’affermazione del grunge, spazzò via l’hair rock e spostò Seattle un po’ più al centro del mondo. Era il 24 settembre 1991
Fotografia
22 ore

‘Out of the night’, a Carona scatti di jazz di ieri e di oggi

Alla Galleria la Loggia, dal 25 settembre, la scena jazz tra le immagini d’archivio del fotografo ticinese Maurizio Gonnella e gli scatti di Matteo Ceschi
Spettacoli
22 ore

Leo Pusterla e Terry Blue, ‘Only to be there’ allo Studio 2 Rsi

Per MusicaViva targato Rete Tre, mercoledì 29 settembre il nuovo disco uscito in primavera per Areasonica Records
Spettacoli
23 ore

Un anno dopo, Parigi dedica una piazza a Juliette Gréco

Si trova a Saint-Germain-des-Près, sulla rive gauche fulcro della vita intellettuale del dopoguerra dove l’artista, morta nel 2020, cominciò la sua carriera
Cinema
1 gior

Addio a Roger Michell, regista di ‘Notting Hill’

Nel 1999 diresse la commedia romantica con Julia Roberts e Hugh Grant. ‘The Duke’, con Helen Mirren, il suo ultimo lavoro
Spettacoli
1 gior

Uma Thurman: ‘Ho abortito a 15 anni, il Texas sbaglia’

L‘attrice attacca la legge che vieta l’aborto anche in caso d’incesto o stupro: ’La mia scelta di allora mi ha permesso di diventare la madre che dovevo essere’
Spettacoli
1 gior

Addio a Melvin Van Peebles, icona nuovo cinema afroamericano

‘Uomo rinascimentale’, come definito dal New York Times, il pioniere dei film indipendenti americani è morto a 89 anni nella sua casa di Manhattan
Scienze
1 gior

Perchè i bambini odiano i broccoli? Nuovi indizi da uno studio

Secondo un team australiano, a rendere antipatici i vegetali sarebbe una reazione chimica con la saliva che libera composti sulfurei dall’odore sgradevole
La recensione
2 gior

‘Tre piani’, ben venga il Moretti snaturato

Algido, doloroso, perfetto per chi al cinema vuole farsi del male. Tratto dall’omonimo romanzo dell’israeliano Eshkol Nevo, in sala dal 23 settembre
Teatro Sociale
2 gior

‘Maybe a concert’, Raissa Avilés oltre la forma-concerto

’C’è teatro, movimento, lavoro sul corpo, e musica’. Sabato 25 settembre, primo atto della stagione 21-22 del Sociale. A colloquio con la protagonista
Scienze
2 gior

Scienza e filosofia, vaccini per l’infodemia

Intervista ad Antonietta Mira, autrice con Armando Massarenti di ‘La pandemia dei dati’ che sarà presentato giovedì a Lugano
Culture
2 gior

A Biasca, in Biblioteca, l’azione scenica di Nando Snozzi

Domenica 26 settembre alle 18 il primo schizzo di quello che sarà lo spettacolo del progetto ‘Ipotesi per l’ultima spiaggia, dove l’arte ha il dono dell’ubiquità’
Culture
2 gior

‘Tutt’orecchi’, il podcast di letteratura per ragazzi

Prodotto dall’Istituto Svizzero Media e Ragazzi, ogni primo del mese offre il meglio della letteratura per l’infanzia su tutte le maggiori piattaforme
Culture
2 gior

Fiabe al museo, un podcast da 12 racconti naturalistici

Tre per stagione, ogni puntata della durata massima di 7 minuti, per i giovanissimi ma anche per le famiglie
Sogno o son Festival
02.03.2021 - 14:180
Aggiornamento : 16:23

Sanremo al via: Ibrahimović, Matilda De Angelis e le canzoni

Al via questa sera. Amadeus: 'Si farà tardi’. L'attrice di ‘The Undoing’: 'Sull'isola deserta porto Dalla, Bon Iver e Belafonte'. Il ricordo di Claudio Coccoluto

«Cosa mi aspetta non lo so. Non so niente del programma», dice il calciatore; «Nessuno sa nulla di nessuno. Nessuno sa cos’accadrà», dice il presentatore; cosa che «per un direttore di rete è preoccupante», commenta il direttore di rete. Zlatan Ibrahimović, con tutto il suo adduttore sinistro leso, prende posto e dopo il breve sketch degno della migliore improvvisazione comica – anche involontaria – la conferenza n.2 del Festival di Sanremo no-Covid comincia. È il giorno 1 dell’Amadeus Bis, dello spettacolo e della gara tra cantanti, 13 Big e 4 Nuove Proposte questa sera, l’altra metà domani. «La preparazione è sembrata più lunga, ci sembra sia passata un’eternità, ma così non è», esordisce il direttore artistico, che dedica la serata e quelle a venire «a tutti coloro che hanno permesso che il Festival possa andare in onda. Ora sta a noi far sì che sia valorizzato al meglio». Un Festival che «prova a rimettere in moto la musica e tutto il resto». Un Festival dagli applausi finti, «sperimentati in altri programmi, importanti perché ti aiutano psicologicamente, ti sostengono. Magari troveremo qualche idea scenografica, qualcosa di allegro di contorno, strada facendo». A proposito d'idee: «Saranno cinque serate con tanto varietà e tanta musica, finiremo tardi, perché mi piace che sia uno show ricco e ampio. Pur con tutto il diritto di spegnere per andare a dormire, lo scorso anno il pubblico ha apprezzato», chiude Amadeus.


Quadratini

‘Io vagabondo’

A prendersi la scena, in un incontro più sintetico di ieri, è inizialmente Ibra, prodigo di massime degne del miglior Vujadin Boškov come «Noi atleti unisce mondo, politica divide mondo». Nel valzer di allusioni calcistiche tra lui, milanista, e i conduttori, interisti, che ci accompagneranno per tutta la settimana, alcuni punti fermi: «Penso che tutto andrà bene. Nessuno mi può giudicare perché non è il mio mondo, se faccio bene è ancora meglio, così ho un altro lavoro quando smetto di giocare». Nel non sapere cosa farà, si sa però che Ibra canterà ‘Io vagabondo’ con il connazionale Siniša Mihajlović: «Se Sinisa non sa cantare, allora saremo allo stesso livello».

Altri punti fermi: «Sono qui perché voglio restituire quello che l’Italia mi ha dato» e «perché Amadeus vuole spaccare tutti i record: mi presento». Ancora: «Non voglio essere troppo programmato, voglio essere Zlatan» e, in risposta a chi gli fa i conti in tasca: «I soldi che entrano li diamo a charity, non ti preoccupare». Per la sezione musical-gossip della nostra rubrica, la playlist di Zlatan Ibrahimović è: «House, reggae, hip hop, un po’ di slavo e d’italiano, e pure svedese. Ma è un mix segreto». Quanto all’ipotesi di una riappacificazione col centravanti dell’Inter Lukaku dopo la mezza rissa del derby, da tenersi sul palco dell’Ariston: «Quello che succede in campo rimane in campo. Ma se vuole venire, è il benvenuto».


Matilda De Angelis

Matilda

La scena la ruba definitivamente Matilda De Angelis, una volta espletato il lancio della fiction Rai e specificato lo stilista (Prada): «La prima volta che ho visto il palco mi sono messa a piangere, è magico e tira fuori il meglio e il peggio di tutti. Spero di tirare fuori il meglio di me, in questo Festival che speriamo unico nel suo genere, con queste caratteristiche». Matilda De Angelis, attrice nata a Bologna, di recente ne ‘L’incredibile storia dell’Isola delle Rose’, ma soprattutto ‘The Undoing – Le verità non dette’, serie Hbo diretta da Susanne Bier in cui De Angelis recita con Nicole Kidman e Hugh Grant, segue il Festival da «sei, sette anni, perché sono cresciuta senza la televisione». Oggi, «a casa del mio agente, con il suo compagno, guardo Sanremo e faccio anche il totoclassifica».

Matilda ha trascorsi nella musica: «Ho studiato chitarra, violino, tutto male, poi a 16 anni ho iniziato a suonare in un gruppo, girando l’Europa su un Iveco Daily del ’98, come artista di strada e in festival soprattutto del Regno Unito, cosa che mi ha permesso d’imparare l’inglese, un background frickettone che mi è servito. E poi il bello di un artista è quello di potersi trasformare a proprio piacimento». Matilda Ama Lucio Dalla, Tiromancino, Afterhours, Madame («Talento smisurato, si muove in un ambiente prettamente maschile come quello del rap, chapeau»), Francesca Michielin, Gaia, e altri giovani che stanno rivoluzionando la canzone: «Sono cresciuta con musica più indie, ma quest’anno a Sanremo c’è anche Toffolo dei Tre Allegri Ragazzi Morti, la mia adolescenza più totale». Non s’ispira a nessuno in particolare e sull’isola deserta porterebbe: «Un disco di Bon Iver, per rilassarmi, uno di Lucio Dalla per ricordarmi di Bologna, e uno di Henry Belafonte per ricordarmi del mio nome e della mia famiglia».

Ricordi e programmi

La morte di Claudio Coccoluto arriva anche a Sanremo. Amadeus: «Lo ricorderemo, perché grande dj e ragazzo fantastico, che purtroppo, ancora giovane, se n’è andato». Coccoluto, 59 anni, spentosi questa mattina nella sua casa di Latina per un male incurabile, fu nel 2003, 2007 e 2013 membro della giuria degli esperti, portatovi dal lungimirante Baudo, che volle introdurre anche un dj nel gruppo di valutatori. C’è un altro lutto, la morte del padre di Ignazio Boschetto de Il Volo. Ma Boschetto, mercoledì, non mancherà nel tributo dei tre tenori al maestro Ennio Morricone.

Questa sera inizia la gara dei giovani, regolata dalle tre giurie, la Demoscopica al 33%, quella della Sala stampa al 33% e il televoto al 34%. In ordine d’uscita: Gaudiano, Elena Faggi, Avincola e Folcast. Da questo gruppo usciranno i primi 2 finalisti. A seguire, valutati dalla Demoscopica, i Big nel seguente ordine d'uscita:

Arisa
Colapesce e Dimatrino
Aiello
Francesca Michielin e Fedez
Max Gazzè
Irama
Madame
Maneskin
Ghemon
Coma_Cose
Annalisa
Francesco Renga
Fasma

Gli ospiti: Diodato (vincitore 2020), Loredana Berté, Matilde De Angelis, l’infermiera Alessia Bonari (tra i selfie più iconici della pandemia), la Banda della Polizia con Stefano di Battista e la ginnasta Olg’a Kapranova. Ospiti fissi, Achille Lauro e Zlatan Ibrahimovic.

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved