il-tutt-altro-che-machiavellico-machiavelli
Ritratto di Niccolò Machiavelli di Santi di Tito
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
14 min

Tra jazz, nuove musiche e Florian Favre Trio

Il pianista a Jazz in Bess il 4 dicembre per la rassegna di Rete Due, con Manu Hagmann (contrabbasso) e Arthur Alard (batteria)
Spettacoli
20 min

‘Liricomincio’ al Sociale, il ritorno di Ale e Franz

Cavalli di battaglia, pezzi inediti, situazioni riviste e riadattate. 25 anni di storia in scena martedì 30 novembre alle 20.45 a Bellinzona (con band)
Cinema
1 ora

‘Lede dignità’: gli eredi di Aldo Gucci contro ‘House of Gucci’

La produzione ‘non s’è curata d’interpellare gli eredi prima di descriverlo’ e, ‘ancor più censurabile’, ha trasformato Patrizia Reggiani in ‘una vittima’
Streaming
2 ore

I Simpsons vanno in piazza Tienanmen e Disney+ li oscura

Sul servizio streaming di Hong Kong non v’è traccia dell’episodio. Il gigante dell’intrattenimento non dà spiegazioni. Nemmeno il governo locale
Spettacoli
3 ore

Emma Dante e la catartica danza della misericordia

Nello spettacolo andato in scena al San Materno di Ascona ci sono tutto l’amore e la violenza delle famiglie immaginate da Emma Dante
Culture
20 ore

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
23 ore

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Architettura
1 gior

Aurelio Galfetti, ‘Costruire lo spazio’ a Mendrisio

Mercoledì primo dicembre al Teatro dell’Architettura la presentazione dei tre saggi raccolti nel volume edito da Mendrisio Academy Press
Arte
1 gior

Dopo 25 anni, ‘Nudo maschile in piedi’ attribuito a Lucian Freud

Secondo alcuni, il dipinto sarebbe addirittura un autoritratto che l’artista voleva nascondere per imbarazzo, forse destinato a Francis Bacon
Culture
1 gior

Casa della Letteratura, Alberto Nessi con Zeno Gabaglio

È l’evento che giovedì 2 dicembre alle 18.30 chiude a Lugano la stagione 2021. Introduce e modera Fabiano Alborghetti
Covid e Cultura
1 gior

Sì alla Legge Covid-19: ‘La Taskforce Culture è soddisfatta’

Alla fiducia popolare segua, da parte del Parlamento, l’estensione delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale
La recensione
1 gior

Osi al Lac: il romanticismo tedesco

François Leleux non oltre una piatta lettura delle tre opere in programma. Serva da stimolo per un cambiamento di rotta. Ma Sergej Krylov è poesia
Culture
1 gior

Dalla mostra al romanzo, da ‘Real bodies’ a ‘Guasti’

‘Real bodies, i corpi del mistero’, mostra a Lugano dal 16.12, è lo spunto per la lettura del romanzo di Giorgia Tribuiani, nato da un’analoga esposizione
Musica
1 gior

Al Jazz Cat Club le magie musicali di ‘Mr. Beautiful’

George Cables, leggendario pianista, in quartetto lunedì 29 novembre al Jazz Cat Club di Ascona. Con lui, al sax, Piero Odorici, che abbiamo incontrato
Spettacoli
1 gior

Bonomi, Sanzari e la magia del Natale con l’Insubria Brass

Domenica 5 dicembre alle 18 ad Arbedo, nella chiesa di San Giuseppe, per l’ottavo e l’ultimo appuntamento del Festival della musica
Pensiero
 
27.10.2021 - 05:300
Aggiornamento : 10:22

Il tutt’altro che machiavellico Machiavelli

Marcello Simonetta, ospite giovedì del Liceo di Bellinzona, ci racconta dell’inferno nel quale il pensatore fiorentino sarebbe stato gradito ospite

In un anno dantesco che si avvia verso la conclusione, il Liceo di Bellinzona in collaborazione con la Fondazione Sasso Corbaro per le Medical Humanities dedica un incontro a un altro fiorentino forse altrettanto noto ma certamente meno rinomato: Niccolò Machiavelli. Il fondatore della scienza politica moderna, il cui nome è diventato sinonimo di cinismo e spregiudicatezza. Immeritatamente, ci ha spiegato Marcello Simonetta, docente alla Sapienza di Roma e ospite, giovedì 28 ottobre alle 18 nell’Aula multimediale, del liceo bellinzonese per parlare di ‘L’inferno di Machiavelli’.

A cosa si deve questo titolo, a parte l’omaggio a Dante?

La leggenda vuole che Machiavelli, subito prima di morire, abbia fatto un sogno in cui visitava un luogo molto noioso che gli dissero essere il paradiso, ma tutta quella gente vestita di bianco non lo interessò molto. Poi visitò un altro luogo dove tutti erano molto eleganti e simpatici, he gli dissero essere l’inferno. “Io mi trovo benissimo e vorrei restare qui” la risposta.

Questa è la versione, un po’ semplificata, della leggenda postuma che mi sono divertito a integrare nella conclusione del mio ‘Volpi e leoni’, dedicato ai rapporti tra Machiavelli e i Medici. Ho immaginato che sì, Machiavelli all’inferno ci voleva andare, ma quando si rese conto che all’inferno ci sarebbero finiti anche i Medici cominciò a ripensarci. Non posso dimostrare cosa avesse in testa Machiavelli ma al momento della sua morte questa deve essere stata una delle sue considerazioni, perché i Medici tanto bene non gli avevano fatto… tanto quanto i Borgia erano autori espliciti del male, i Medici sono stati ipocriti apostoli del bene e in questo forse ancora più pericolosi.

All’inferno però ce lo hanno mandato anche gli altri.

Un altro modo di guardare al titolo, un po’ meno giocoso, è il fatto che Machiavelli descrive la nostra realtà umana come un inferno: non è tanto l’inferno suo, ma l’inferno nostro, l’inferno in cui viviamo di cui hanno scritto tanto gli esistenzialisti del Novecento.

Machiavelli conosceva Dante?

Come tutti i fiorentini conosceva Dante a memoria. In un’opera che si intitola ‘Dialogo intorno alla nostra lingua’ – a volte non è stata riconosciuta come opera di Machiavelli, ma le posso assicurare che è sua – prende le distanze da Dante in particolare proprio sull’Inferno notando come avesse trovato solo cinque ladri fiorentini da mettere all’inferno… al che Machiavelli si fa una grande risata: “Fossero solo cinque!”. Così facendo mette in ridicolo l’idea di poter contenere i peccati umani in una lista limitata di nomi.

Conosceva anche il Dante pensatore politico?

Non credo che Machiavelli avesse letto le opere esplicitamente politiche di Dante. Se c’era un poeta politico a cui faceva riferimento era piuttosto Petrarca. Non è un caso che ‘Il principe’ finisca con la citazione di una celebre canzone di Petrarca.

Dicevamo della cattiva reputazione di Machiavelli.

È la fama del manipolatore, del dissimulatore, appunto, machiavellico. Il punto è tuttavia capire se Machiavelli stia attribuendo all’umanità dei comportamenti che non sono morali o se piuttosto non stia descrivendo la realtà come è. È questa la grande difficoltà che lui pone: la verità effettuale, come lui la chiama, consiste nel guardare le cose come sono e non come noi vorremmo che fossero o come dovrebbero essere. Con questo spietato empirismo lui mette in difficoltà l’edificio morale cristiano, ma non solo cristiano, perché nella retorica secondo lui ipocrita il dover essere prevale sull’essere.

La realtà è un’altra.

Lui come persona non era particolarmente machiavellico, anzi: ha dimostrato in più situazioni di non essere in grado di sfruttare le occasioni. La fortuna ha giocato contro la sua virtù, per usare una sua espressione. Altri suoi contemporanei hanno dimostrato di essere assai più machiavellici dello stesso Machiavelli. Nel mio libro ‘Tutti gli uomini di Machiavelli’ ho fatto un ritratto dei suoi amici, dei suoi nemici e anche della sua amante mostrando alla fine in modo indiretto, se vuole un po’ pirandelliano, come va riletto il mito di Machiavelli. Spero che l’edizione delle sue lettere, che sta per uscire e che mi vede tra i curatori, apra un dibattito che porti a una revisione di questi luoghi comuni.

Chiuderei con Dante: in quale cerchio dell’inferno avrebbe messo Machiavelli?

Avrebbe avuto l’imbarazzo della scelta. Però Machiavelli non era un violento, nonostante dica che la violenza bisogna usarla quando è necessario, e non era neanche un grande mentitore, nonostante avesse fatto qualche scherzo ai suoi amici. Tutto sommato io lo vedrei simpaticamente in compagnia dei lussuriosi: era un uomo molto libidinoso e lo racconta con dovizia di particolari, secondo me in parte esagerati o inventati, ma certamente non era fedele a sua moglie. Senza gli esiti tragici di Paolo e Francesca, lo potremmo mettere a svolazzare fra di loro.

Lui naturalmente si sarebbe visto in compagnia dei grandi intelletti vestiti “di panni reali e curiali” che sono nel limbo, a fare queste grandi discussioni ignorando le sorti dei veri dannati.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved