laRegione
quando-la-filosofia-e-sexy-vanzi-e-mulligan-a-colloquio
"La Scuola di Atene" di Raffaello Sanzio, Musei Vaticani
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
1 ora

Vanno all'asta i gioielli di Franca Valeri, signorina snob

Per la casa d'asta Christie's 'è un orgoglio poter essere scelti per la vendita di gioielli di un personaggio così iconico per l'Italia'.
Arte
16 ore

Covid, Art Basel spostata a settembre

La grande fiera dell'arte ha deciso di rimandare di qualche mese la sua edizione 2021
Spettacoli
17 ore

Addio a Juan Carlos Tabio, sorriso serio del cinema cubano

Morto nei giorni scorsi, il regista e sceneggiatore è stato più di ogni altro autentico testimone di un’epoca
Rock e Brexit
1 gior

‘Won’t get fooled again’, la musica contro Boris Johnson

Sting, Elton, Ed Sheeran, e anche il pro-Brexit Roger Daltrey (The Who) contro i visti per suonare in Europa. Ne parliamo con due inglesi del settore.
Archeologia
1 gior

'Cristo figlio di Maria': antica lastra affiora in Galilea

La scritta risale a 1500 anni fa. È stata trovata durante gli scavi archeologici condotti nel piccolo villaggio di Taibe
Società
1 gior

Il New York Times online spegne 25 candeline

'Per allargare il pubblico e creare opportunità nell'industria dei media elettronici', si leggeva il 22 gennaio del '96 a pagina 7 del cartaceo
Libri
1 gior

Nessuno ha venduto più libri di James Patterson

84 milioni di unità in formato cartaceo ed e-book: è l'autore più venduto al mondo nell'ultimo decennio.
Musica
1 gior

Osi: annullato Ogrintchouk, il 28 gennaio Maurice Steger

Giovedì 21 gennaio, al posto del Play&Conduct dell'oboista russo, ReteDue trasmette il meglio di ‘Osi in Auditorio’. Si riprenderà all'insegna del flauto.
Culture
2 gior

Joker: il lockdown, il dolore, l'amore

Storia di un mal de vivre e di due ragazzini lombardi in cerca di un sorriso 'non convenzionale'.
Musica
2 gior

Sanremo avanti tutta, e col pubblico all'Ariston

Confermato a marzo, ma sembra tramontare l'idea della nave. L'idea di una platea di operatori sanitari già vaccinati al vaglio degli organizzatori
Cinema
2 gior

Al via Soletta, dove il cinema è molto ticinese

Iniziano domani, mercoledì 20 gennaio, le Giornate cinematografiche n.56. L'apertura è affidata ad ‘Atlas’ di Niccolò Castelli (anche su La2).
Musica
2 gior

900presente, l'Oriente Immaginario è in streaming

Domenica 24 gennaio alle 20.30. Senza pubblico, dall'Auditorio Stelio Molo di Lugano, in live streaming e in diretta su Rete Due.
Arte
2 gior

WopArt 'Virtual Fair', i numeri del gradimento

Successo di pubblico, vendite e trattative per l'edizione 2020 della fiera luganese dedicata alle opere su carta, svoltasi in forma digitale
Scienze
3 gior

Si chiama Wasp-107b, è il pianeta 'di zucchero filato'

Individuato alla distanza di 212 anni luce, il pianeta dimostra per la prima volta che i pianeti gassosi si formano più facilmente del previsto.
Spettacoli
3 gior

JazzAscona guarda a New Orleans e al 24 giugno-3 luglio

La speranza, scrivono gli organizzatori, è dar vita a un festival completo e proporre il programma pensato per il 2020
Pensiero
29.11.2019 - 10:000
Aggiornamento : 12.12.2019 - 16:39

Quando la filosofia è sexy: Vanzi e Mulligan a colloquio

Perché studiare filosofia? Perché esplora non solo ciò che esiste, ma anche il possibile. O per ottenere ragione in ogni discussione

Che cosa significa fare filosofia oggi? È uno sterile esercizio mentale o le capacità di pensiero e ragionamento critico che ne derivano possono essere applicate alla vita di tutti i giorni? Insomma, una laurea in filosofia è davvero così inutile come molti pensano? Ogni terzo giovedì del mese di novembre c'è la Giornata mondiale della filosofia istituita dall'Unesco nel 2002 e lo scorso 21 novembre, per celebrarla, l’associazione filosofica Ratio assieme all'Università della Svizzera italiana e, all'Istituto di studi filosofici hanno organizzato un incontro con Achille Varzi, esponente della filosofia analitica e professore alla Columbia University di New York e Kevin Mulligan, filosofo britannico e professore dell’Usi (in sostituzione dell’annunciata Anna Gialluca, direttrice editoriale della Laterza, purtroppo assente).

Cosa spinge a studiare filosofia

Lo scambio è partito con una domanda apparentemente semplice: che cosa ha spinto a dedicarsi a questo tipo di studi? Varzi ha risposto introducendo uno dei mille aspetti della filosofia applicata alla vita: le scelte. Tutto risale a quando, ancora molto giovane, lesse 'L’uomo senza qualità' di Robert Musil. Nel romanzo Ulrich, il protagonista, vive all'insegna della possibilità: non dice mai di no, piuttosto “non ancora”. In ogni momento della nostra vita – ha proseguito Varzi – noi prendiamo delle decisioni e quindi, di conseguenza, eliminiamo delle possibilità. È secondo questo pensiero che Ulrich, a poco a poco, si rovina la vita non essendo mai in grado di prendere una decisione certa. Leggendo questo romanzo il futuro filosofo si è chiesto quale fosse la scienza che studia non solo come stanno le cose in un determinato momento, ma in ogni attimo possibile.

Con la risposta di Mulligan, vediamo quanto varie possano essere le motivazioni per studiare filosofia: gli è sempre piaciuto avere ragione, sin da piccolo e cosa meglio della filosofia può insegnare ad abbattere teorie altrui? Qualcuno potrebbe controbattere dicendo che con qualsiasi laurea si è in grado di avere ragione in un determinato campo – ma solo con la filosofia si può essere in grado, o almeno provare, di vincere in qualsiasi ramo. Avere ragione, come poi ribadisce Varzi, non significa però soltanto vincere una discussione, ma avere alla base una argomentazione sensata, cosa che si può raggiungere tramite la logica, disciplina pilastro della filosofia. E non dimentichiamo che non c’è una vera e propria definizione del fare filosofia: certo ogni filosofo ha dato la sua risposta, per esempio Campbell disse che un filosofo “pensa al rallentatore”, prende la vita come un film e la analizza fotogramma per fotogramma, aggiungendo punti interrogativi dove sembrano essercene solo di esclamativi.

Ma ha senso studiare filosofia all'università?

La discussione è proseguita con un’altra domanda di Mulligan, curiosa se pensiamo al luogo e alla professione dei due relatori: studiare filosofia all’università ha senso? La filosofia è veramente una facoltà valida come potrebbe esserlo matematica, o economia? Partendo da qui, Varzi e Mulligan hanno dato dimostrazione di cosa significa davvero fare filosofia, discutendo amichevolmente e facendo esempi e teorie su come effettivamente sì, il santo valga la candela. Alla base della loro risposta c’è il fatto che tutto parte dalla filosofia, dalla politica alla fisica quantistica. Si tratta di una disciplina importante proprio per questo motivo: si hanno basi eterogenee e si impara a ragionare in campi molto diversi tra loro e non soltanto, come si potrebbe credere, a studiare idee e parole di famosi pensatori del passato come Aristotele, Tommaso D’Aquino o Kant; personalità importantissime del pensiero filosofico, ma non sicuramente il punto d’arrivo dello studio della filosofia stessa. In molti sono interessati allo studio della storia della filosofia ma quello che un vero filosofo deve essere in grado di fare è scovare e porre domande sempre nuove, mettere in dubbio qualsiasi cosa che possa apparire certa. Certo, si potrebbe obiettare che pensare è condizione necessaria ma non sufficiente. E quasi in risposta a questo dubbio, Varzi ha presentato una statistica statunitense sulle facoltà umanistiche i cui laureati fanno meno fatica a trovare lavoro. Contro le aspettative di molti, filosofia viene direttamente dopo economia e diritto.

Il più sexy della metafisica

La serata si è conclusa con un ultimo quesito di Mulligan: “Quale è il problema più sexy della metafisica?”. Varzi, divertito e un po’ confuso, ha risposto che tutti i problemi della filosofia hanno un loro fascino – ma a parer suo nessuno quanto i problemi dell’identità nel cambiamento, che troviamo ad esempio in Eraclito. Un esempio dello stesso Varzi: io oggi conosco una nuova persona con cui faccio amicizia; se rincontrerò questa persona tra due anni, la riconoscerò ancora anche se non sarà lo stesso individuo che avevo conosciuto tempo prima. Eraclito usa l’esempio delle acque nel fiume – il celebre “tutto scorre” –, ma il quesito resta lo stesso: come posso continuare a riconoscere la persona? O applicandolo agli oggetti, se io comprassi una matita e scrivessi, la temperassi e infine spezzassi, fino a che punto questa resterebbe la stessa matita che avevo comprato prima?

© Regiopress, All rights reserved