ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
11 min

‘La nave dei folli’ di Brant è tornata a Friburgo

L’incunabolo di fine Quattrocento sottratto ai frati cappuccini dagli Stati Uniti è tornato alla Biblioteca universitaria cantonale, grazie all’Ambasciata
Cinema
2 ore

Castellinaria porta ‘Europa’ al PalaCinema di Locarno

Il quarto appuntamento della rassegna ‘10 Film Festival @ PalaCinema’ ospita il Festival del cinema giovane, giovedì 1° dicembre, alle 18
La recensione
2 ore

Vivian, Edward e Pretty Bryan

Doppio sold out al Lac per l’ottimo ‘Pretty Woman - Il musical’, due ore di buon umore con musiche di Bryan Adams (ti piace vincere facile)
Culture
3 ore

Il settore culturale ha sofferto il Covid, nonostante gli aiuti

I dati pubblicati dall’Ufficio di statistica rilevano come nel 2020 siano diminuiti impieghi e imprese attivi nell’ambito nella Svizzera tedesca e romanda
Conferenza
3 ore

Incontro su tabù e lo stigma per le vittime di violenza sessuale

La Biblioteca cantonale di Bellinzona ospita la serata con ospiti Valentina Mira e Angela Andolfo Filippini, venerdì 2 dicembre, alle 18
Culture
6 ore

Da Hannah ad Anna, le tante facce della Valle Bavona

Il lucernese Kurt Koller ci parla del suo film ‘Vento di vita vera’ in programma martedì 29 all’Otello di Ascona, con la presenza del regista
Castellinaria
15 ore

Per tutte le Anna Frank del mondo

Highlights della cerimonia di chiusura, palmarès e pensieri in libertà con Flavia Marone, presidente, e Giancarlo Zappoli, direttore artistico
Culture
15 ore

Scienza, violenza, arpa elettrica, Ayo: al via il dicembre Lac

Primo atto il primo dicembre, con ‘Feeling Science’, fusione tra teatro e scienza
Sanremo
19 ore

Ecco gli ultimi quattro nomi, ora Sanremo Giovani è al completo

Amadeus ha annunciato i cantanti provenienti da Area Sanremo che si aggiungono agli otto finalisti: Colla Zio, Fiat 131, Noor, Romeo & Drill
La recensione
21 ore

Diretti da Mencoboni, in quattro per Monteverdi

Voces suaves, Concerto Scirocco, Männeroktett Basel, Coro Clairière: al netto delle scelte interpretative, il pubblico applaude
Osi al Lac
23 ore

Con Mahler nella modernità

L’Orchestra della Svizzera italiana, Markus Poschner e il baritono Christian Gerhaher, solista: cronaca di un giovedì stupefacente
Società
1 gior

Colpo di spugna di Camilla sulle dame di compagnia

Da metà dicembre si chiameranno ‘compagne della regina’ e non dovranno più occuparsi della corrispondenza e delle pratiche amministrative
Spettacoli
1 gior

Anastacia, secondo stop: nessun concerto a Locarno

Sintomi influenzali e mal di gola hanno costretto la cantante statunitense a dare forfait all’ultimo minuto al Palazzetto Fevi
Società
1 gior

Il mondo della moda in lutto: è morto Renato Balestra

Fra i maggiori rappresentanti dell’alta sartoria mondiale, lo stilista italiano, di origini triestine, si è spento all’età di 98 anni a Roma
Società
1 gior

Il memoir bomba di Harry già disponibile in versione audio

Il libro (‘Il minore’) di oltre 400 pagine preoccupa la famiglia reale soprattutto dopo l’impegno di essere ‘inflessibilmente sincero’
29.11.2019 - 10:00
Aggiornamento: 12.12.2019 - 16:39

Quando la filosofia è sexy: Vanzi e Mulligan a colloquio

Perché studiare filosofia? Perché esplora non solo ciò che esiste, ma anche il possibile. O per ottenere ragione in ogni discussione

di Giorgia Servalli
quando-la-filosofia-e-sexy-vanzi-e-mulligan-a-colloquio
"La Scuola di Atene" di Raffaello Sanzio, Musei Vaticani

Che cosa significa fare filosofia oggi? È uno sterile esercizio mentale o le capacità di pensiero e ragionamento critico che ne derivano possono essere applicate alla vita di tutti i giorni? Insomma, una laurea in filosofia è davvero così inutile come molti pensano? Ogni terzo giovedì del mese di novembre c'è la Giornata mondiale della filosofia istituita dall'Unesco nel 2002 e lo scorso 21 novembre, per celebrarla, l’associazione filosofica Ratio assieme all'Università della Svizzera italiana e, all'Istituto di studi filosofici hanno organizzato un incontro con Achille Varzi, esponente della filosofia analitica e professore alla Columbia University di New York e Kevin Mulligan, filosofo britannico e professore dell’Usi (in sostituzione dell’annunciata Anna Gialluca, direttrice editoriale della Laterza, purtroppo assente).

Cosa spinge a studiare filosofia

Lo scambio è partito con una domanda apparentemente semplice: che cosa ha spinto a dedicarsi a questo tipo di studi? Varzi ha risposto introducendo uno dei mille aspetti della filosofia applicata alla vita: le scelte. Tutto risale a quando, ancora molto giovane, lesse 'L’uomo senza qualità' di Robert Musil. Nel romanzo Ulrich, il protagonista, vive all'insegna della possibilità: non dice mai di no, piuttosto “non ancora”. In ogni momento della nostra vita – ha proseguito Varzi – noi prendiamo delle decisioni e quindi, di conseguenza, eliminiamo delle possibilità. È secondo questo pensiero che Ulrich, a poco a poco, si rovina la vita non essendo mai in grado di prendere una decisione certa. Leggendo questo romanzo il futuro filosofo si è chiesto quale fosse la scienza che studia non solo come stanno le cose in un determinato momento, ma in ogni attimo possibile.

Con la risposta di Mulligan, vediamo quanto varie possano essere le motivazioni per studiare filosofia: gli è sempre piaciuto avere ragione, sin da piccolo e cosa meglio della filosofia può insegnare ad abbattere teorie altrui? Qualcuno potrebbe controbattere dicendo che con qualsiasi laurea si è in grado di avere ragione in un determinato campo – ma solo con la filosofia si può essere in grado, o almeno provare, di vincere in qualsiasi ramo. Avere ragione, come poi ribadisce Varzi, non significa però soltanto vincere una discussione, ma avere alla base una argomentazione sensata, cosa che si può raggiungere tramite la logica, disciplina pilastro della filosofia. E non dimentichiamo che non c’è una vera e propria definizione del fare filosofia: certo ogni filosofo ha dato la sua risposta, per esempio Campbell disse che un filosofo “pensa al rallentatore”, prende la vita come un film e la analizza fotogramma per fotogramma, aggiungendo punti interrogativi dove sembrano essercene solo di esclamativi.

Ma ha senso studiare filosofia all'università?

La discussione è proseguita con un’altra domanda di Mulligan, curiosa se pensiamo al luogo e alla professione dei due relatori: studiare filosofia all’università ha senso? La filosofia è veramente una facoltà valida come potrebbe esserlo matematica, o economia? Partendo da qui, Varzi e Mulligan hanno dato dimostrazione di cosa significa davvero fare filosofia, discutendo amichevolmente e facendo esempi e teorie su come effettivamente sì, il santo valga la candela. Alla base della loro risposta c’è il fatto che tutto parte dalla filosofia, dalla politica alla fisica quantistica. Si tratta di una disciplina importante proprio per questo motivo: si hanno basi eterogenee e si impara a ragionare in campi molto diversi tra loro e non soltanto, come si potrebbe credere, a studiare idee e parole di famosi pensatori del passato come Aristotele, Tommaso D’Aquino o Kant; personalità importantissime del pensiero filosofico, ma non sicuramente il punto d’arrivo dello studio della filosofia stessa. In molti sono interessati allo studio della storia della filosofia ma quello che un vero filosofo deve essere in grado di fare è scovare e porre domande sempre nuove, mettere in dubbio qualsiasi cosa che possa apparire certa. Certo, si potrebbe obiettare che pensare è condizione necessaria ma non sufficiente. E quasi in risposta a questo dubbio, Varzi ha presentato una statistica statunitense sulle facoltà umanistiche i cui laureati fanno meno fatica a trovare lavoro. Contro le aspettative di molti, filosofia viene direttamente dopo economia e diritto.

Il più sexy della metafisica

La serata si è conclusa con un ultimo quesito di Mulligan: “Quale è il problema più sexy della metafisica?”. Varzi, divertito e un po’ confuso, ha risposto che tutti i problemi della filosofia hanno un loro fascino – ma a parer suo nessuno quanto i problemi dell’identità nel cambiamento, che troviamo ad esempio in Eraclito. Un esempio dello stesso Varzi: io oggi conosco una nuova persona con cui faccio amicizia; se rincontrerò questa persona tra due anni, la riconoscerò ancora anche se non sarà lo stesso individuo che avevo conosciuto tempo prima. Eraclito usa l’esempio delle acque nel fiume – il celebre “tutto scorre” –, ma il quesito resta lo stesso: come posso continuare a riconoscere la persona? O applicandolo agli oggetti, se io comprassi una matita e scrivessi, la temperassi e infine spezzassi, fino a che punto questa resterebbe la stessa matita che avevo comprato prima?

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved