PHI Flyers
SEATTLE KRAKEN
01:00
 
TOR Leafs
NY Rangers
01:00
 
la-piazza-si-e-chiusa-con-aretha-franklin
ULTIME NOTIZIE Culture
Lac
4 ore

Jean-Sélim Abdelmoula sostituisce Alexandra Dovgan

Per motivi di salute, martedì 19 ottobre la giovane pianista è sostituita dall’omologo svizzero, che propone Schubert, Debussy, Janacek, Fauré e Frank
Teatro Sociale
5 ore

‘Mein Fritz, il mio Leo’, Dürrenmatt e Sciascia in trasparenza

Un’indagine sulle affinità tra i due, di e con Margherita Saltamacchia e Anahì Traversi, in scena mercoledì 20 ottobre alle 20.45, in prima assoluta
Musica
7 ore

‘Easy On Me’, il divorzio di Adele sbanca Spotify

‘Easy On Me’, canzone che parla della separazione da Simon Konecki, ha polverizzato in 24 ore tutti i record sulla piattaforma
Musica
9 ore

Jazz in lutto, è morto Franco Cerri

Il grande chitarrista italiano si è spento a Milano all’età di 95 anni
Scienze
9 ore

Premio Möbius, un algoritmo per riparare le proteine

Intervista a Manolo Bellotto, presidente di Gain Therapeutics, dal Ticino al Nasdaq
Classica
10 ore

Swiss Chamber Concerts, al via la stagione 21-22

Il primo appuntamento dedicato a Leos Janáček si tiene giovedì 21 ottobre nell’aula magna del Conservatorio
Casa della Letteratura
10 ore

Francesco Permunian in dialogo con Fabio Pusterla

Irriverente, scanzonato, feroce, lo scrittore e poeta italiano a Lugano giovedì 21 ottobre alle 18.30
Cinema
12 ore

Tutto pronto per la 19esima Notte del cortometraggio

Venerdì 22 ottobre al Cinema Lux Art House di Massagno anche alcuni titoli nel programma del Locarno 2020
Arte
12 ore

Metamorfosi di Gianni Poretti a Bioggio

La mostra dello scultore del vetro è aperta fino al 12 dicembre prossimo presso la casa comunale
Locarno 74
15.08.2021 - 09:150
Aggiornamento : 10:15

La Piazza si è chiusa con Aretha Franklin

‘Respect’ di Liesl Tommy è solo in apparenza un biopic: la regista non racconta solo la storia di una cantante, ma di tutti gli ultimi di questa società

Ci sono film che raccontano storie, magari di un personaggio famoso e allora vengono nominati ‘biopic’ e così classificati. Ma a chiudere il Festival di Locarno è stato un film che sembra a uno sguardo poco attento un biopic: in realtà si tratta di un esercizio di scrittura, potente anche se ancora da levigare, da parte di una straordinaria regista teatrale che con questo film non chiude il sipario ma abbassa uno schermo sul boccascena, per proiettare la sua idea di spettacolo. Stiamo scrivendo di ‘Respect’ e di Liesl Tommy che lo ha diretto. Interessante la sua filosofia di regia: “Il mio lavoro come regista è trascinare quella storia e trascinare quel pubblico per un giro che non dimenticheranno mai. Non mi interessa avere una firma. Mi interessa solo come realizzare la storia il più rock and roll possibile e il più elettrizzante possibile. Ho un punto di vista forte e ci sono alcune cose che esploro più e più volte nei miei spettacoli, perché ci sono cose su cui sto lavorando come artista”. E sul catalogo del festival scrive a proposito di questo film che è la sua opera prima: “Come cineasta non c'è dono più grande che poter dare sostanza visiva alla storia eccezionale di questa donna, in lotta per realizzare sé stessa”.

‘Respect’, titolo ispirato alla più conosciuta canzone di Aretha Franklin, diventata nel 1967 un inno dei movimenti femministi e per l'abolizione dell’apartheid a danno della minoranza afroamericana, è un bel titolo per introdurre il racconto della vita della Regina del Soul. Un tema che Liesl Tommy sente nelle sue corde, lei diventata la prima donna di colore a essere nominata per il Tony Award per la migliore regia di un'opera teatrale, lei che nella sua produzione del 2012 di ‘Amleto’ al California Shakespeare Theatre ha voluto la partecipazione di numerosi attori afroamericani, inclusi i ruoli principali di Amleto e Ofelia, lei regista nata nel Sud Africa dell’apartheid, solo lei poteva capire e mostrare con solenne pudore il dramma di Aretha bambina, quelle due maternità precoci, il primo figlio avuto a dodici anni e il secondo a quattordici. Solo lei poteva mostrale la mitica voce del soul mentre affoga i dolori di una vita affettiva tradita nell’alcool, quante volte lo aveva visto fare agli adulti nel mondo in cui è cresciuta, sembra che la regista si sia specchiata nel profondo del personaggio a cui da vita. Ma il problema non è che non porta sullo schermo un personaggio ma se stessa e comprende quante afroamericane hanno sofferto quelle storie: certo non sono diventate Aretha Franklin, ma Aretha sapeva che c'erano e che erano vive e quando al funerale di Martin Luther King lei canta un disperante e speranzoso spiritual sa che è l'unica maniera per dire a tutte quelle donne: non morite con lui, vivete. E nell’interpretazione della premio Oscar Jennifer Hudson, eccezionale nel dare corpo e voce sd Aretha Franklin, si sente il peso di una regia che le regala sicurezza, abituata com'è a chiedere alle sue attrici e ai suoi attori di tradurre la sua estetica fisica e viscerale interessata a ritrarre la violenza dell'essere umano, e quanta violenza c'è nel costruirsi di Aretha Franklin. Certo ci sono le canzoni, belle, importanti, ma sono il contorno, i fiori sul grande schermo, dove l'umanità si illumina.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved