PHI Flyers
5
SEATTLE KRAKEN
0
2. tempo
(3-0 : 2-0)
TOR Leafs
1
NY Rangers
1
2. tempo
(0-1 : 1-0)
di-fantasmi-e-di-sgomento
ULTIME NOTIZIE Culture
Lac
6 ore

Jean-Sélim Abdelmoula sostituisce Alexandra Dovgan

Per motivi di salute, martedì 19 ottobre la giovane pianista è sostituita dall’omologo svizzero, che propone Schubert, Debussy, Janacek, Fauré e Frank
Teatro Sociale
6 ore

‘Mein Fritz, il mio Leo’, Dürrenmatt e Sciascia in trasparenza

Un’indagine sulle affinità tra i due, di e con Margherita Saltamacchia e Anahì Traversi, in scena mercoledì 20 ottobre alle 20.45, in prima assoluta
Musica
9 ore

‘Easy On Me’, il divorzio di Adele sbanca Spotify

‘Easy On Me’, canzone che parla della separazione da Simon Konecki, ha polverizzato in 24 ore tutti i record sulla piattaforma
Musica
11 ore

Jazz in lutto, è morto Franco Cerri

Il grande chitarrista italiano si è spento a Milano all’età di 95 anni
Scienze
11 ore

Premio Möbius, un algoritmo per riparare le proteine

Intervista a Manolo Bellotto, presidente di Gain Therapeutics, dal Ticino al Nasdaq
Classica
11 ore

Swiss Chamber Concerts, al via la stagione 21-22

Il primo appuntamento dedicato a Leos Janáček si tiene giovedì 21 ottobre nell’aula magna del Conservatorio
Casa della Letteratura
12 ore

Francesco Permunian in dialogo con Fabio Pusterla

Irriverente, scanzonato, feroce, lo scrittore e poeta italiano a Lugano giovedì 21 ottobre alle 18.30
Cinema
13 ore

Tutto pronto per la 19esima Notte del cortometraggio

Venerdì 22 ottobre al Cinema Lux Art House di Massagno anche alcuni titoli nel programma del Locarno 2020
Arte
14 ore

Metamorfosi di Gianni Poretti a Bioggio

La mostra dello scultore del vetro è aperta fino al 12 dicembre prossimo presso la casa comunale
Locarno 74
13.08.2021 - 19:310

Di fantasmi e di sgomento

Abbiamo visto ‘Bu yao zain kian a, Yu hua tang’ (Virgin Blue) della giovanissima Niu Xiaoyu e il documentario ‘The bad man’ di Lee Yong-Chao

La solitudine di una persona di fronte ai fantasmi del proprio passato è disarmante. Ci sono due giovani protagonisti che mi sono rimasti appiccicati al cuore, in queste giornate di festival, perché seppure in film assolutamente distanti tra loro – non geograficamente perché uno è prodotto in Cina e l’altro a Taiwan – mostrano lo sguardo smarrito e sorpreso di chi non sa bene in che luogo della propria vita si trova. Due esistenze completamente opposte, che devono fare i conti con ciò che son state per andare avanti e stare bene con gli affetti più cari. E se nel primo caso siamo in una situazione di irrealtà nella quale i fantasmi sono apparizioni in carne e ossa, non veicolano tragedie ma riempiono una casa che si sta svuotando, nel secondo sono ricordi che fanno male, terrificanti e quanto mai reali.

I due film di cui sto parlando sono ‘Bu yao zain kian a, Yu hua tang’ (Virgin Blue) di una giovanissima Niu Xiaoyu, per la sezione Cineasti del presente, e il documentario ‘The bad man’, di Lee Yong-Chao, che per la seconda volta presenta un suo film alla Semaine de la Critique (forse qualcuno ricorderà ‘Blood Amber’ nel 2017, la cui tematica è peraltro peculiarmente affine).

Nel primo la giovane Yezi torna a casa della nonna per l’estate, dopo la laurea. Si ritrova in una casa abitata anche da molte altre presenze, che hanno fatto parte della storia di famiglia. La nipotina condivide così con l’anziana signora affetta da demenza senile storie, voci e musica, in una vacanza senza tempo – gli orologi si rompono continuamente – dove lei immobile riflette nello sguardo i riverberi luminosi, i cambi climatici, e le danze all’aria aperta. Un lungometraggio molto lento, a tratti perturbante, che sembra accompagnarci in quel luogo dove le emozioni di chi si è amato saranno per sempre unite, e che ci insegna, nella sua ingenuità, a non avere paura dei fantasmi.

Di tutt’altro tenore ‘The bad man’ dove assistiamo al racconto della caduta negli inferi di un ragazzo che da piccolo viene catturato e arruolato contro la sua volontà nel braccio armato dell’Organizzazione per l’indipendenza Kachin, nella provincia birmana a sud del Tibet. Al fronte non ha perso solo una gamba, ma anche l’anima. Lo incontriamo in questo documentario – che ce lo mostra senza filtri nella sua lucida e agghiacciante testimonianza – all’interno di una comunità di recupero dalle dipendenze. Il protagonista ha compiuto gesti di inaudita violenza, e ce li racconta mentre tiene in braccio dei cuccioli. Sembra volersi redimere, cercando un nuovo modo per affrontare il futuro, aiutato forse anche dalla fede. Il suo sguardo è costantemente perso in un passato che non si può cambiare perché, come dice lui “la morte è la morte, e la vita è la vita”. Lee Yong-Chao conferma il suo talento nel disegnare un ritratto immerso nel suo ambiente e nel restituire immagini emozionalmente così forti nella loro cruda semplicità.

I due sguardi di questi protagonisti sono difficili da dimenticare, così come la loro semi immobilità (entrambi hanno problemi a camminare e la parte inferiore della gamba bloccata, per protesi o frattura), vivono in un tempo molto lontano da noi, al quale però grazie al cinema possiamo avvicinarci.

© Regiopress, All rights reserved