alla-ricerca-di-ivan-denisovi
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
8 ore

Vaiolo delle scimmie, riscontrati sintomi atipici

Uno studio ha rivelato che le persone affette dall’attuale epidemia ha accusato meno febbre e più lesioni genitali
Spettacoli
12 ore

Forever Marilyn, il mito della diva tra foto e memorabilia

A sessant’anni dalla sua morte (avvenuta il 4 agosto 1962), a Torino si inaugura oggi una mostra piena di chicche
Spettacoli
12 ore

Per Vasco il bilancio del tour è... ‘Senza parole’

Dopo un tour che in un mese l’ha portato in giro per tutta Italia, il rocker si dice ‘Travolto e stravolto da 701’000 dichiarazioni d’amore’
Incontri
16 ore

Officina Beltrami. Cogliere il rumore del mondo

Intervista all’autore di ‘Il mio nome era 125’ e ‘Cercate Fatima Ribeiro!’, ma anche di tanto altro. Matteo racconta i suoi passi nella narrazione.
Spettacoli
23 ore

Ida Nielsen è ‘una tipa tosta, tostissima’, da bass heavy funk

Carriera personale ed eredità artistica di Prince: a colloquio con la Funk Princess che questa sera sarà sul palco di Ascona con The Funkbots, dalle 23.30
Spettacoli
1 gior

‘Riflessioni musicali’ e ‘Cantar di storie’ con i Vent Negru

La rassegna dello storico gruppo di musica popolare inizierà il 7 luglio a Berzona e andrà avanti per tutto il mese, con una serie di concerti
Scienze
1 gior

La siccità aumenta il rischio di diarrea nei bambini piccoli

L’allarme arriva da uno studio condotto negli Stati Uniti. Il disturbo è nel mondo una tra le principali cause di morte nei bimbi sotto i cinque anni.
Arte
1 gior

Crampiarcore, la prima edizione alla Rada

Pop up interdisciplinare con musica dal vivo, graffiti e prodotti locali il 9-10 luglio a Locarno
Scienze
1 gior

Premio Möbius all’Usi, quando la realtà è sotto attacco

‘Discorsi d’odio, notizie false, metaversi’: questo il tema della 26esima edizione del Möbius 2022, all’Usi di Lugano il 14-15 ottobre
Spettacoli
1 gior

Dee Dee Bridgewater e Ida Nielsen: JazzAscona chiude col botto

Domani sera andrà in scena la proposta conclusiva della rassegna. Si parte da mezzogiorno con il lunch musicale per finire col burlesque di Trixie
piazza grande
14.08.2021 - 10:55
di Ugo Brusaporco

Alla ricerca di Ivan Denisovič

In Piazza Grande l’ultimo lavoro del maestro del cinema Gleb Panfilov, tratto da un romanzo di Solženicyn

Bisogna fare attenzione al titolo: ‘Sto minut iz zhizni Ivana Denisovicha’, ‘Cento minuti della vita di Ivan Denisovič’ (ma il titolo internazionale è solo “100 Minutes”), il film che Gleb Panfilov ha scritto e diretto non traducendo in immagini lo storico romanzo breve ‘Una giornata di Ivan Denisovič’ di Aleksandr Solženicyn che nell’Unione Sovietica del 1962 Nikita Chruščëv usò per seppellire il mito staliniano, ma provando a renderlo più comprensibile al pubblico di oggi, probabilmente meno impegnato a comprendere il detto di Solženicyn. Spiega il regista: “Il film, tratto dal romanzo di Solženicyn, è il vivace ritratto di un uomo che sopravvive a circostanze estreme come la guerra, la cattura e durissimi lavori forzati, e al contempo riesce a mantenere la propria umanità nonostante le traversie”. Ecco allora che Panfilov aggiunge alla sua lettura del romanzo alcuni capitoli che risultano fondamentali per rendere la sua opera originale rispetto alla versione letteraria. Nel film vediamo il protagonista Ivan Denisovich (un bravissimo e magistrale Philipp Yankovsky) alla guida di un camion che traina un cannone prima ad una sfilata a Mosca poi sul campo di battaglia innevato, dove riesce a distruggere un buon numero di carri armati nazisti finendo infine catturato. Riesce a guadagnarsi libertà grazie all’apparizione di una bambina che lo conduce salvo attraverso un campo minato ma il nostro eroe si trova a confrontarsi con la giustizia staliniana che considerava un crimine la cattura e di più il salvarsi e tornare. Per lui è quindi pronta la via del gulag. Questa premessa non c’era nel romanzo che non prevedeva neppure che lui avesse a casa ad aspettarlo due figlie, di cui una incinta. Con queste aggiunte e un paio di salvifici miracoli, proprio il carattere e le aspettative di Ivan cambiano. Ci siamo chiesti se valeva la pena spiegare il romanzo; di sicuro Panfov lo ha reso più leggibile e comprensibile e il suo Ivan Denisovič è più moderno nel suo essere stretto in un campo di lavoro. Inutile dire che il nostro è un vero maestro del cinema, ed è bello ricordare che la sua carriera cominciò proprio qui al Festival di Locarno del 1969 dove vinse il Pardo d’Oro con ‘V ogne broda net? (Non c'è guado nel fuoco), in quella che fu una strana edizione con ben quattro Pardi d’oro – con lui c’erano infatti ‘Szemüvegesek? di Sándor Simó, ‘Tres Tristes Tigres’ di Raoul Ruiz e unico ad avere l’unanimità della giuria ‘Charles mort ou vif’ di Alain Tanner – e Panfilov fu l’unico a non poter venire a Locarno a ritirare il premio che ora è esposto all'interno del Museo Lenfilm. In quell’occasione successe anche, fatto originale e mai ripetuto, che la giuria con i propri soldi comprò a Inna Churikova, la protagonista del film e moglie del regista, un ciondolo d’oro con cammeo. Storie d'altri tempi.

Una cosa importante ancora a proposito del rapporto tra il film e il libro, il cui titolo originale, ‘Sč-854’ (numero di matricola nel Gulag del protagonista) che nel film diventa quasi un’ossessione, venne sostituito prima della pubblicazione perché i censori sovietici ne avevano capito la potenza. Si può dimenticare Solženicyn? A sessant’anni dalla pubblicazione di questo romanzo che sconvolse l’Unione Sovietica, Panfilov con il suo film ci urla di non dimenticare, il suo Ivan vive ancora oggi in troppi gulag di questo mondo, forse non è uno che si ribella, ma è uno che non smette di sognare, e questo è già un gran passo in un mondo che non vede futuro.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gleb panfilov locarno 74 piazza grande
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved