locarno74-la-diversita-di-giona-nazzaro
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
1 ora

‘Liber’, un milione di franchi per il settore librario

Tramite campagna di crowdfunding, è quanto spera di ottenere il progetto nazionale nato in favore di un settore particolarmente colpito dalla pandemia
Casa della Letteratura
4 ore

Giorgio Orelli e il suo rapporto con Dante

Ne parleranno Stefano Prandi e Fabio Pusterla venerdì 29 ottobre alle 18.30 a Lugano, Villa Saroli
Locarno Film Festival
4 ore

‘Grandi Speranze: Studio Visits’, selezionati i 5 filmmaker

Scelti i cinque registi e registe di area lombarda per un percorso formativo legato ai rispettivi progetti cinematografici in via di sviluppo
La recensione
6 ore

‘The Movie’, vita pop e miracoli dei norvegesi a-ha

Al contrario della Svezia, prima del 1985 la Norvegia non aveva esportato un solo cantante pop. Poi sono arrivati Morten, Magne e Pål...
Dischi
19 ore

‘Future Memorabilia’, gli Oliver Onions si rivisitano

Guido e Maurizio De Angelis, storico duo delle colonne sonore, danno nuova veste al repertorio (con illustri special guest)
Culture
20 ore

È nata eCHo, la rete per l’arte sonora e radiofonica in Svizzera

Vuole collegare i sound maker, socializzare competenze, difendere i diritti, diffondere il patrimonio svizzero di creazioni sonore e radiofoniche
Museo d’arte
22 ore

I grandi del jazz improvvisano su A.R. Penck

L’artista tedesco fu anche batterista: il quartetto Moroni-Bosso-Fioravanti-Ballard improvvisa su di lui il 19 dicembre per la retrospettiva di Mendrisio
Società
23 ore

Duemila giocattoli su tre piani per tornare bambini

Dopo la chiusura in Italia dei negozi Disney sbarca a Milano, nella centrale piazza Cordusio, il primo punto vendita del colosso mondiale Fao Schwarz
Culture
1 gior

Il patrimonio visivo Ssr sul portale memobase.ch

Circa 4 milioni di trasmissioni audio e video andate in onda dagli anni Trenta a oggi saranno interamente consultabili online e nelle 4 lingue nazionali
Spettacoli
1 gior

I Måneskin apriranno il concerto dei Rolling Stones a Las Vegas

Accadrà il prossimo 6 novembre. Ad annunciarlo è Jimmy Fallon, che ha ospitato la rock band italiana nel suo popolarissimo Tonight Show
Teatro Sociale
1 gior

Compagnia Flavio Sala, tre giorni di ‘Se la va la gh’a i röd’

La commedia dialettale scritta da Gionas Calderari e diretta da Flavio Sala va in scena il 29, 30 e 31 ottobre a Bellinzona
il bastiancontratio
14.08.2021 - 20:450

Locarno74, la diversità di Giona Nazzaro

Il festival si avvia alla conclusione ed è tempo di bilanci. E il primo successo è stato riuscire a farlo, il festival

Siamo giunti così alla fine di questa edizione numero 74 del Locarno film festival. Questa sera con la tradizionale cerimonia del palmarès, che speriamo siano riusciti a rendere più agile e meno macchinosa e lunga, il presidente Solari darà appuntamento a tutti nel 2022 – salvo errori dal 3 al 13 agosto – per il giubileo della 75ª edizione. È dunque tempo di bilanci e la prima cosa da dire è che la scommessa più importante e difficile da vincere è stata quella di essere riusciti a fare il festival, e non è poco! Sei mesi fa forse nessuno si sarebbe azzardato a scommettere un franco su questo, ma con coraggio e molto lavoro da parte di tanti Locarno, il Ticino e tutta la Svizzera hanno potuto godere del piacere di tornare al cinema in Piazza Grande e nelle diverse sale del festival.

Certo le statistiche ci dicono che vi è stata una diminuzione del 50 per cento spettatori, compresi molti giornalisti, ma se decine di migliaia di affezionati amici del festival hanno potuto tornare a vedere film, incontrarsi, discutere, assistere a incontri con registi e attori, questa è una grande e importante vittoria. Sono state prese tutte le precauzioni, è stato necessario introdurre la prenotazione obbligatoria, nei momenti di maggior affollamento è stato verificato anche il green pass, ma tutto è filato liscio, nessuno si è lamentato, per fortuna i no-vax non si sono fatti sentire, escludendo i soliti leoni della tastiera sui social…

La seconda scommessa vinta è stata quella del cambio di direzione artistica. Lili Hinstin è riuscita a rilasciare interviste in cui dichiarava di essere dovuta partire da Locarno perché osteggiata in quanto donna, accusando di misoginia tutta la Svizzera e il suo milieu culturale. Non vale la pena rispondere a queste polemichette, che lasciano il tempo che trovano, e concentriamoci invece sul nuovo direttore, Giona Nazzaro, che ha dato buoni segnali. soprattutto ha dimostrato di conoscere e rispettare le diverse anime del festival, da una parte costruendo un cartellone per la piazza con film di valore e adatti a quel pubblico, proponendo titoli di qualità e nello stesso tempo spettacolari. Vogliamo ricordare alcuni esempo come ‘Rose’ di Aurélie Saada, una magnifica prova d’attrice per Françoise Fabian. Pur essendo un’opera prima, Saada ha dimostrato una capacità di raccontarci la storia di questa famiglia tunisina di religione ebraica e di questa donna che, rimasta vedova a 78 anni, ha ancora voglia di vivere e amare. Ma abbiamo visto film di tutti i generi, da un ritratto spietato del gulag sovietici degli anni 50 al neo western di ‘Ida Red’. Dimentichiamo la parentesi ‘Monte Verità’, anzi dimentichiamo il film, ma possiamo ritenerci soddisfatti dalla diversità delle opere viste, senza dimenticare due film di animazione legati entrambi a riflessioni critiche sulla nostra società.

Diversità che abbiamo trovato anche nel Concorso, dove abbiamo visto una commedia di costume catalana, ‘Sis Dies Corrents’, divertente e acuto spaccato di vita quotidiana a Barcelona, e nel contempo un poliziesco islandese con un’inedita coppia di sbirri omosessuali, ma perfettamente rispettoso delle regole del cinema di genere. Dimentico molti altri titoli di valore come il bello ma confuso film russo ‘Medea’, ma quello che mi preme sottolineare è che in questi 11 giorni di festival abbiamo potuto gustare un quadro della cinematografia di oggi eterogeneo e di qualità, ed è un bel risultato. Si potrebbe ancora parlare della retrospettiva che ha permesso a molti di riscoprire uno dei grandi autori del cinema italiano, ma sicuramente tanti spettatori sono riusciti a scoprire tra i 209 titoli presentati altre opere di valore. Il festival di Locarno è vivo, pieno di energie nonostante i tre quarti di secolo. Aspettiamo fiduciosi la prossima edizione di Giona Nazzaro.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved