MIN Wild
6
WIN Jets
5
fine
(2-2 : 1-1 : 2-2 : 1-0)
EDM Oilers
6
ANA Ducks
5
fine
(3-2 : 0-2 : 3-1)
le-emozioni-di-luce-di-dante-spinotti
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
9 ore

Torna a vedere (per un po’) grazie a degli elettrodi

Il sistema messo a punto da un gruppo di ricercatori è stato testato su una donna non vedente spagnola
Spettacoli
11 ore

Locarno75, manifesto cercasi

Dopo il successo dello scorso anno, è aperto il concorso per l’immagine della 75ª edizione del Locarno film festival
Società
11 ore

Sotto la pelle del mondo trans

Intervista al regista romando Robin Harsch, autore di un documentario su tre giovani persone trans. Anteprima al Lux con una delle protagoniste
Musica
14 ore

Vittorio Nocenzi, la storia del Banco da Tondo a Maroggia

Venerdì 22 ottobre, il leader del Banco del Mutuo Soccorso presenta ‘Nati liberi’, volume che raccoglie l’intero percorso della storica formazione
Il ricordo
1 gior

Il jazz gentile di Franco Cerri

Il grande jazzista italiano scomparso ieri all’età di 95 anni nelle parole di Franco Ambrosetti e Tullio De Piscopo
Lac
1 gior

Jean-Sélim Abdelmoula sostituisce Alexandra Dovgan

Per motivi di salute, martedì 19 ottobre la giovane pianista è sostituita dall’omologo svizzero, che propone Schubert, Debussy, Janacek, Fauré e Frank
Teatro Sociale
1 gior

‘Mein Fritz, il mio Leo’, Dürrenmatt e Sciascia in trasparenza

Un’indagine sulle affinità tra i due, di e con Margherita Saltamacchia e Anahì Traversi, in scena mercoledì 20 ottobre alle 20.45, in prima assoluta
Musica
1 gior

‘Easy On Me’, il divorzio di Adele sbanca Spotify

‘Easy On Me’, canzone che parla della separazione da Simon Konecki, ha polverizzato in 24 ore tutti i record sulla piattaforma
Musica
1 gior

Jazz in lutto, è morto Franco Cerri

Il grande chitarrista italiano si è spento a Milano all’età di 95 anni
Scienze
1 gior

Premio Möbius, un algoritmo per riparare le proteine

Intervista a Manolo Bellotto, presidente di Gain Therapeutics, dal Ticino al Nasdaq
Classica
1 gior

Swiss Chamber Concerts, al via la stagione 21-22

Il primo appuntamento dedicato a Leos Janáček si tiene giovedì 21 ottobre nell’aula magna del Conservatorio
Casa della Letteratura
1 gior

Francesco Permunian in dialogo con Fabio Pusterla

Irriverente, scanzonato, feroce, lo scrittore e poeta italiano a Lugano giovedì 21 ottobre alle 18.30
Cinema
1 gior

Tutto pronto per la 19esima Notte del cortometraggio

Venerdì 22 ottobre al Cinema Lux Art House di Massagno anche alcuni titoli nel programma del Locarno 2020
Arte
1 gior

Metamorfosi di Gianni Poretti a Bioggio

La mostra dello scultore del vetro è aperta fino al 12 dicembre prossimo presso la casa comunale
Spettacoli
2 gior

Altroquando festival svela il suo primo film

A Massagno il 3 e 4 dicembre, la prima edizione si aprirà con il film svedese Knocking, proposto in prima ticinese grazie a Nifff on Tour
Arte
2 gior

Arte, addio a Perilli, tra i padri nobili dell’astrattismo

Fondatore dello storico gruppo di ispirazione marxista Forma 1, Perilli aveva 94 anni
Culture
2 gior

I messaggi essenziali della poesia di Giampiero Neri

Il decano della poesia in lingua italiana ha pubblicato ‘Piazza Libia’ un percorso liberamente narrativo in cui emerge la sua natura antiretorica
La recensione
2 gior

From Bollani to Chiasso, cronaca di un colorato trionfo

Tra il blu e il verde, e ottimi Soloists, il pianista segna un’altra tacca al Cinema Teatro: ‘Un pubblico così bello che dovremmo portarcelo in tour’
Pensiero
2 gior

Salvatore Veca, un filosofo pubblico

In ricordo del pensatore italiano scomparso nei giorni scorsi
Microcosmi
2 gior

Uno spazio, un albero, le chiatte

Di rami che si aprono a ventaglio, e di poesie di Viola Poli. Partendo da Bellinzona, al ‘5b’, contributo culturale di Luca Berla
Fiere
3 gior

Il sistema dell’arte, da Basilea a Milano

Tastando il polso ad Art Basel a Miart, tra prezzi stratosferici, sensazione d’invenduto e presenza
Locarno 74
13.08.2021 - 17:420

Le emozioni di luce di Dante Spinotti

Intervista al direttore della fotografia italiano, Pardo alla carriera al Locarno film festival

Che poi volevo guardare solo qualche minuto, diciamo la prima ora, di ‘Heat’ di Michael Mann. giovedì – anzi venerdì che ormai la mezzanotte era appena passata – sera in Piazza Grande. Ovviamente sono rimasto – e in buona compagnia, tenendo conto che è un film di quasi trent’anni fa visto e rivisto – fino alla fine, fino allo scontro all’aeroporto tra Al Pacino e Robert De Niro, una scena dominata dalle forti luci di atterraggio che si accendono e spengono. Grandi emozioni, ma meglio chiarire: siamo qui a parlare di quello che è un classico del cinema non per criticare i nuovi film che il direttore artistico del festival Giona Nazzaro ha portato in Piazza; per quanto le delusioni non siano mancate, abbiamo avuto anche delle belle sorprese (ne citiamo giusto due: ‘The Alleys’ di Bassel Ghandour e ‘Sinkhole’ di Kim Ji-hoon). Parliamo di ‘Heat’ perché è il film con cui Piazza Grande ha reso omaggio a Dante Spinotti, direttore della fotografia italiano – è nato in Friuli – dalla solida carriera nel cinema di Hollywood, al quale è stato consegnato il Pardo alla carriera: un maestro della luce ma, come ha insistito quando lo abbiamo incontrato, nel cinema le scelte non sono mai fini a sé stesse. «Non è che usi una luce perché è bella o carina, ma perché ha una funzionalità, perché è al servizio della storia».

La carriera di Dante Spinotti spazia, come accennato, dal cinema italiano (ha lavorato con Ermanno Olmi, Giuseppe Tornatore, Lina Wertmüller) a quello di Hollywood, firmando altri cult come ‘L.A. Confidential’ di Curtis Hanson o, sempre di Mann, ‘L'ultimo dei Mohicani’, dedicandosi anche a blockbuster come ‘X-Men: The Last Stand’ di Brett Raitner e ‘Ant-Man and the Wasp’ di Peyton Reed. «Sa, scegliere il film è come scegliere un matrimonio – ci spiega quando gli chiediamo com’è lavorare a produzioni così differenti –, non è che scegli con chi sposarti per un motivo particolare, perché ha i capelli di quel colore o è vestita in quel modo, ma perché è quella giusta». E quindi? «Ogni tanto è divertente fare un film di fantasia, ma è più interessante un film come Heat la sfida che narra una storia in termini molto realistici che devi rendere in maniera bella, eccitante, ‘sexy’ per il pubblico che vede. A volte bisogna prendere una persona che entra dalla porta e si siede a un tavolo, ma ci sono molti modi per farlo».

Dante Spinotti, come descriverebbe il contributo del direttore della fotografia al film?

Sa, ha tanti ruoli. Uno dei più pratici è gestire – per questo si chiama “direttore” – il reparto della fotografia quindi operatori, assistenti, macchinisti, elettricisti, insomma quelli che preparano le inquadrature prima che arrivino gli attori. E già questa è una discreta responsabilità perché abbiamo l’obbligo non solo di fare bene, ma anche di fare in fretta.

E dal punto di vista più artistico?

Quello che facciamo è interpretare una storia: leggere la sceneggiatura, capirla bene e cercare di immaginarsi un linguaggio – ovviamente in dialogo con il regista. Capire culturalmente che cosa è il film, da dove viene questo film: non è che usi una luce perché è bella o carina, ma perché ha una funzionalità. La macchina sarà sempre in movimento? Avremo delle inquadrature ferme? Macchina a mano? Ogni scelta deve avere una ragione che dipende da come si vuole raccontare il film, dal linguaggio che usa. È la cosa più difficile, per noi.

E poi l’illuminazione, la luce. La luce del film dipende da noi e anche lei deve avere una funzione. Cerchiamo fare in modo che l’illuminazione porti un tipo di emozione visiva che aiuti il racconto della storia del film. C’è un momento di felicità? La luce deve rappresentare quella felicità. Un momento di dramma, di attesa, di romanticismo, di nostalgia? La luce deve aiutare.

In ‘Heat’ c’è una scena in cui le luci giocano un ruolo particolare: Robert De Niro e Amy Brennan in auto di notte, entrano in tunnel illuminato abbagliando lo spettatore. È vero che è una scena nata per caso?

Sì. Non mi ricordo se abbiamo imbucato per errore quella strada – non credo perché in quei casi la polizia è avvertita e si stabilisce con precisione il percorso –, forse è stata l’urgenza del momento hai i due attori pronti, mancano poche ore all’alba, li fai entrare in auto e parti con le riprese. Fatto sta che il tragitto passa da quel tunnel che è molto illuminato. Vedo questa luce che salta per aria e penso che possa essere un regalo inaspettato. E in quel momento sento il regista che mi dice: “Dante mi raccomando non cambiare il diaframma”.

C’è quindi stato questo momento non pianificato. Ma non è stato il solo: tutti parlano del tunnel ma ci sono stati altri due regali inaspettati.

Ovvero?

Siamo in macchina con Al Pacino e i suoi uomini, stanno correndo verso la banca rapinata da De Niro. Stiamo girando e a un certo punto, per un problema tecnico, le luci che dentro l’auto illuminano gli attori si spengono. Non ci siamo fermati, siamo andati avanti a girare e alla fine il regista ha tenuto quella ripresa.

C’è stata poi la lite tra Val Kilmer e Ashley Judd: nel film sono marito e moglie e mentre litigano Val Kilmer lui tira un oggetto verso una libreria. Nella libreria c’è una lampada da tavolo, probabilmente con una luce potenziata per le riprese, e questa si rompe facendo esplodere la luce per un attimo. Regali strepitosi. 

Questi ‘regali’ sarebbero arrivati anche se, invece che in pellicola, si fosse lavorato in digitale?

La differenza è che se hai la pellicola non dormi la notte, se hai il digitale vai a letto sereno. Molto meglio il digitale: il cambio tecnologico è secondo straordinario, quasi come l’avvento del sonoro.

Con la pellicola puoi andare a fare una lettura con l’esposimetro, ma non sai veramente quale è il vero impatto: ci aggiravamo come degli zombie con gli esposimetri chiedendoci “ma vedrò fuori da questa finestra o no?”. Un po’ l’idea la avevi, ma quando hai un monitor ad alta precisione, una camera digitale di altissima qualità come ormai sono quelle che si usano nel cinema, sai esattamente quello che succede e lo puoi controllare.

Il digitale ha in tutto raggiunto la resa della pellicola, quindi?

Sì. E va detto che ormai le pellicole passano tutte dal digitale, perché le sale hanno tutti proiettori digitali. Potrei pensare di usare la pellicola se dovessi fare un film d’epoca, ma recentemente ho lavorato a un film con mio figlio e c’è una sequenza in bianco e nero e una delle possibilità era girarla in pellicola ma alal fine abbiamo riprodotto il bianco e nero della Kodak Plus-X con una precisione e una bellezza di gamma straordinarie.

Ci può raccontare come è arrivato a Hollywood?

Hollywood è sempre stato un sogno, per me: quando ho lasciato la Rai per diventare un libero professionista avevo come obiettivo quello ed ebbi la fortuna di incontrare Dino De Laurentiis. Lui cercava tecnici e collaboratori che non fossero di Hollywood ma arrivassero dall’Inghilterra o dall’Italia e un direttore di produzione, Lucio Trentini, gli ha fatto il mio nome. De Laurentiis mi invitò a New York, dove ora c’è il palazzo di Trump: un incontro molto simpatico e firmai per un contratto di due anni.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved