le-avventure-in-liberta-di-yaya-e-lennie
ULTIME NOTIZIE Culture
Il ricordo
4 ore

Il jazz gentile di Franco Cerri

Il grande jazzista italiano scomparso ieri all’età di 95 anni nelle parole di Franco Ambrosetti e Tullio De Piscopo
Lac
13 ore

Jean-Sélim Abdelmoula sostituisce Alexandra Dovgan

Per motivi di salute, martedì 19 ottobre la giovane pianista è sostituita dall’omologo svizzero, che propone Schubert, Debussy, Janacek, Fauré e Frank
Teatro Sociale
14 ore

‘Mein Fritz, il mio Leo’, Dürrenmatt e Sciascia in trasparenza

Un’indagine sulle affinità tra i due, di e con Margherita Saltamacchia e Anahì Traversi, in scena mercoledì 20 ottobre alle 20.45, in prima assoluta
Musica
17 ore

‘Easy On Me’, il divorzio di Adele sbanca Spotify

‘Easy On Me’, canzone che parla della separazione da Simon Konecki, ha polverizzato in 24 ore tutti i record sulla piattaforma
Musica
18 ore

Jazz in lutto, è morto Franco Cerri

Il grande chitarrista italiano si è spento a Milano all’età di 95 anni
Scienze
19 ore

Premio Möbius, un algoritmo per riparare le proteine

Intervista a Manolo Bellotto, presidente di Gain Therapeutics, dal Ticino al Nasdaq
Classica
19 ore

Swiss Chamber Concerts, al via la stagione 21-22

Il primo appuntamento dedicato a Leos Janáček si tiene giovedì 21 ottobre nell’aula magna del Conservatorio
Casa della Letteratura
19 ore

Francesco Permunian in dialogo con Fabio Pusterla

Irriverente, scanzonato, feroce, lo scrittore e poeta italiano a Lugano giovedì 21 ottobre alle 18.30
Cinema
21 ore

Tutto pronto per la 19esima Notte del cortometraggio

Venerdì 22 ottobre al Cinema Lux Art House di Massagno anche alcuni titoli nel programma del Locarno 2020
piazza grande
13.08.2021 - 10:470
Aggiornamento : 19:01

Le avventure in libertà di Yaya e Lennie

Il film d’animazione di Alessandro Rak racconta una storia ricca di spunti

La Piazza ritorna a riempire il suo schermo di disegni animati: dopo ‘Belle’ di Mamoru Hosoda, ecco ‘Yaya e Lennie - The Walking Liberty’ di Alessandro Rak, che oltre ad aver scritto la sceneggiatura, ha firmato la fotografia e ha contribuito alle musiche del film insieme a Dario Sansone e Enzo Foniciello, Il regista presenta il film con queste parole: “Lo spunto è nato dal desiderio di investigare i concetti di libertà, regola e convivenza tra gli individui, giocando con il mito del buon selvaggio in uno scenario paradossale, post apocalittico”. Così ci porta “in un futuro non molto lontano” in cui Napoli a causa di una serie di catastrofi ecologiche si è trasformata in una foresta tropicale impenetrabile dove incontriamo una strana coppia composta dalla vivace sedicenne Yaya e un giovane energumeno di poca intelligenza, Lennie. I due sono legati dall'affetto che portano verso una vecchia zia che li amava entrambi. Nel loro vagare verso il Paese della Musica, la loro Isola che non c'è, si trovano ad affrontare pattuglie dell’Istituzione, un mondo rinato dopo la catastrofe, una specie di Metropolis dove sono costretti a schiavitù gli adulti che cercano di combatterla e dove vengono portati i bambini spersi nella foresta per essere istruiti e inquadrati nel sistema. I due amici cercano di sfuggire alla cattura, ma una notte per una sua sciocchezza Lennie viene attaccato da cani selvatici e ferito molto gravemente, al punto che l’unica soluzione è farlo diventare prigioniero dell’Istituzione dove è possibile curarlo. Rimasta sola, Yaya viene salvata da dei bruti da un giovane cresciuto nell’Istituzione che aveva conosciuto in precedenza perché figlio di una famiglia che non si è arresa alle lusinghe dell’organizzazione. Tra i due scoppia un fugace amore in cui lei si concede a lui, che vile chiama l’Istituzione a prenderla perché vuole che capisca il senso di essere indottrinati e sicuri, ma… un amico quando c’è bisogno c’è!

Ben raccontato e colorato, il film ha dialoghi inadatti per colorata volgarità a un pubblico più giovane, presenta però spunti di interesse, non solo ecologici, ma anche legati ai personaggi: lei è una adolescente come tante, vogliosa di vita e amore, il ragazzo dell’Istituzione mostra in pieno il peso di un’educazione e di un ambiente sbagliato. Per sottolineare il suo detto, il regista usa ampi stralci del discorso finale di Chaplin da “Il grande dittatore”, e a chi non serve oggi quella lezione? “Vorrei aiutare tutti se possibile: ebrei, ariani, neri o bianchi. Noi tutti vogliamo aiutarci vicendevolmente. Gli esseri umani sono fatti così. Vogliamo vivere della reciproca felicità, ma non della reciproca infelicità. Non vogliamo odiarci e disprezzarci l'un l'altro. In questo mondo c'è posto per tutti, la natura è ricca ed è sufficiente per tutti noi. La vita può essere felice e magnifica, ma noi l'abbiamo dimenticato. L’avidità ha avvelenato i nostri cuori, ha chiuso il mondo dietro una barricata di odio, ci ha fatto marciare, col passo dell'oca, verso l'infelicità e lo spargimento di sangue”.  Ecco basterebbe questo e la voglia di capirlo, un grazie a Alessandro Rak per avercelo ricordato.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved