COB Jackets
2
PIT Penguins
5
fine
(2-2 : 0-0 : 0-3)
CAR Hurricanes
6
NY Rangers
3
fine
(2-0 : 3-1 : 1-2)
NY Islanders
4
ARI Coyotes
0
3. tempo
(2-0 : 0-0 : 2-0)
Detroit Red Wings
3
DAL Stars
3
2. tempo
(1-1 : 2-2)
CHI Blackhawks
0
MIN Wild
3
1. tempo
(0-3)
ANA Ducks
TB Lightning
04:00
 
Seattle Kraken
STL Blues
04:00
 
VAN Canucks
FLO Panthers
04:00
 
lattuada-gogol-e-lo-strappo-nel-cappotto
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
5 ore

‘Sotto la lampada’, la famiglia Giacometti alla Rtr

Diretto dalla regista engadinese Susanna Fanzun, il film segue le tracce misteriose che hanno portato al successo questa famiglia originaria di Stampa
Spettacoli
6 ore

Adele in lacrime cancella tutti i suoi concerti a Las Vegas

‘Metà della mia squadra ha il Covid ed è stato impossibile finire di preparare lo spettacolo’
Culture
6 ore

Sonnenstube, creare cultura attorno al luogo comune

Il collettivo e spazio d’arte luganese è alla ricerca di una struttura in Ticino per sviluppare il progetto vincitore degli Swiss Art Awards 2021
Teatro Sociale
7 ore

Il mondo di Thomas e il suo ‘Libro di tutte le cose’

Domenica 23 gennaio alle 16 al Sociale, dal romanzo di Guus Kuijer, con Lorenzo Bassotto, Roberto Maria Macchi, Cinzia Morandi e Viviana Gysin
Cinema
10 ore

Woody Allen, ‘Un giorno di pioggia a New York’ esce in Cina

Il film scaricato da Amazon, flop al botteghino negli Stati Uniti durante la pandemia, supera lo scoglio della censura
Cinema
11 ore

Disney al lavoro su live-action degli ‘Aristogatti’

Non si sa se in sala o in streaming. Sceneggiatura affidata a Will Gluck, regista di ‘Peter Rabbit’, e Keith Bunin di ‘Onward’
Cinema
12 ore

Nel 2024 See-1, primo studio cinematografico spaziale in orbita

Accordo tra Axiom Space e Space Entertainment Enterprise, società dei produttori che stanno organizzando le riprese in orbita del film di Tom Cruise
Scienze
15 ore

Omicron è più dura a morire: vive fino a 8 giorni nell’ambiente

Uno studio svela una peculiarità della variante che potrebbe aiutare a spiegarne la rapida diffusione: resiste all’esterno più a lungo delle altre
Cinema
16 ore

‘Atlas’ di Niccolò Castelli distribuito in Germania e Austria

Matilda De Angelis, nel frattempo, premiata come miglior attrice al festival indiano di Jaipur 2022, dove il film ha vinto per miglior suono e montaggio
Spettacoli
18 ore

È morto Meat Loaf

La trilogia milionaria di ‘Bat Out of Hell’, il Grammy per ‘I’d do anything for Love’, indimenticato Eddie nel ‘Rocky Horror Picture Show’. Aveva 74 anni
Animali
18 ore

Ora è chiaro come le balenottere mangino senza strozzarsi

È grazie a un salvifico ‘tappo’ carnoso che va a chiudere e proteggere le vie respiratorie, scoperto dall’Università della British Columbia, Canada
13.08.2021 - 10:460
Aggiornamento : 19:00

Lattuada, Gogol e lo strappo nel cappotto

La retrospettiva del Locarno film festival invita a riflettere su cinema e letteratura che spesso s’incontrano, forse addirittura si cercano

Un cappotto strappato, un omino mingherlo, disarmato, che cerca di essere almeno considerato se non apprezzato da una società che segue delle leggi non scritte, corrotte e rigorose; il cappotto nuovo, che proietta quest’omino nel mondo dei visibili, lo illude, lo emancipa, salvo poi rovinarlo quando il furto del mantello lo ricaccerà là dove sembra essere destinato, tra gli ultimi, i non vivi, quelli che obbediscono, perché la libertà dell’altro inizia molto prima di quel che ci si immagina, quando dalla teoria si va alla vita vera.

La letteratura e il cinema, si sa, spesso s’incontrano, forse addirittura si cercano. Alcuni autori letterari, mi pare, scrivono con la speranza di risultare visivi, dunque appetibili per qualche casa di produzione o regista di talento e successo. Il cinema invece, in quanto assemblaggio di arti (se si accetta la lettura che qualche anno fa proprio qui a Locarno ne diede il regista russo Sokurov), è chiamato a guardare alla letteratura come a una fonte di storie da cui attingere. Non sempre lo fa, ma soprattutto non sempre i film più riusciti provengono dai capolavori della letteratura. È un enigma intrigante, annoso eppure ancora ammantato di mistero. A volte è bene che un regista eviti i racconti o i romanzi più belli, perché il doppio capolavoro è raro, forse perché la tentazione di restare letterale, quasi filologico, s’insinua con forza, compromettendo la necessaria libertà, il doveroso tradimento che diventa obbligatorio già nella traduzione di un’opera da una lingua a un’altra, figuriamoci quando a cambiare è il linguaggio stesso. Lo dimostra il fatto che spesso il cinema riesce a tradurre in grandi film delle opere di narrativa passate sotto semi-silenzio. Mi viene in mente, altro film visto per la prima volta a Locarno, Il conformista di Rossellini, tratto da uno dei romanzi meno riusciti di Moravia, oppure, per andare sullo spettacoloso, Forrest Gump, che è trasposto da un romanzo di scarsissima presa e che sullo schermo è riuscito a produrre emozioni in un numero impressionante di persone.

Poi ti capita di recuperare ‘Il cappotto’ di Lattuada al GranRex (sarà ancora proiettato sabato 14 agosto alle 20), e tutte le tue teorie, le tue convinzioni, si rimettono in circolo, creano matassa. Il grande racconto di Nikolaj Vasil'evič Gogol, che si muove tra realismo e magia, tra grottesco e critica è infatti stato tradito alla perfezione; il regista e i suoi numerosi sceneggiatori (tra cui vanno citati almeno Sinisgalli, Manganelli e Zavattini) non hanno avuto paura di intervenire anche radicalmente sul testo originale, pur di rafforzare l’impatto profondo del senso del testo di Gogol. Ne nasce un film lieve, delicato, rispettosissimo dello spirito del racconto, quindi potente nella critica a una burocrazia che, così si espresse lo stesso regista nel 1952, rischia sempre di diventare crudele nei confronti dei più deboli.

Carmine De Carmine (nel racconto originale descritto come «bassino di statura, un po’ butteratino, un po’ rossiccio, dall’aria perfino un po’ miope, piuttosto stempiato, con rughe ai due lati delle guance e quel colorito del viso che suol dirsi emorroidale…») deve infatti morire per poter diventare un ingenuo eroe post-mortem, un fantasma capace di avvicinare gli uomini che possono. Il sentimento della giustizia diventa il suo solo motore, il cappotto rubato il simbolo di tutte le angherie che ogni sistema autocertificato e certo di sé inevitabilmente perpetra nei confronti di chi resta fuori o non si adegua. E allora solo un piccolo, mal sbarbato, spettro surreale può riuscire a scalfire quel sistema burocratico che sembra pensato per ostacolare ogni tentativo dei modesti di toccare le corde dell’umanità di chi possiede la verità e il comando? Gogol e Lattuada sembrano suggerirlo o almeno infondere il dubbio. E il dubbio è come lo strappo nel cappotto, cambia le cose, mette in circolo le idee, forse, addirittura, di certi tempi, fa bene come il vaccino.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved