ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
3 ore

Endometriosi, da una ricerca bernese un test non invasivo

La patologia colpisce il 10-15% di donne in età fertile. Scoperte alcune cellule nelle donne afflitte da essa che dovrebbero servire da biomarcatore
Scienze
8 ore

Il Nobel per la Chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless

Il team è stato premiato per la ricerca sulla cosiddetta ‘chimica a scatto’, con applicazioni anche nella lotta contro i tumori
Culture
10 ore

La cappa plumbea che spaventa la destra

Marcello Veneziani ci parla del suo ultimo pamphlet, dedicato ai presunti eccessi del politically correct, della cancel culture e così via
Spettacoli
11 ore

‘Brad Pitt violento contro me e con i bambini’

Nuove accuse di Angelina Jolie all’indirizzo dell’ex marito. I fatti risalirebbero al settembre di sei anni fa
Arte
22 ore

Le risonanze emotive del colore in Augusto Giacometti

Il Museo Ciäsa Granda di Stampa dedica una mostra al pittore indagatore di cromie quasi astratte ante litteram. Fino al 20 ottobre
Spettacoli
1 gior

L’ex beatle Ringo Starr ha il Covid-19: tournée cancellata

Il cantante si trova in Nord America con il gruppo rock fondato nel 1989 i cui componenti cambiano a seconda della disponibilità degli artisti
Musica
1 gior

Addio a Loretta Lynn, icona della musica country in Usa

La leggenda della musica country americana è morta a 90 anni. Figlia di un minatore, le sue canzoni cantavano della sua condizione sociale
Cinema
1 gior

James Bond e il cinema, la morte può attendere

Il 5 ottobre di sessant’anni fa l’esordio cinematografico del personaggio più longevo della storia del cinema. Ancora si cerca il successore di Craig
Scienze
1 gior

Una tarma ha nella saliva gli enzimi che sciolgono la plastica

La Galleria mellonella, nota anche come camola del miele, riesce a degradare il polietilene tramite due proteine individuate da un team italo-spagnolo
Teatro
1 gior

Bogdaproste e la forza centripeta In the Middle of Nowhere

Uno spettacolo e una performance sui palchi del Lac (Teatrostudio e Sala Teatro) chiudono la 31esima edizione del Fit Festival il 10 e l’11 ottobre
Spettacoli
1 gior

I Depeche Mode tornano dal vivo: anche la Svizzera nel tour 2023

La band britannica annuncia un nuovo tour dopo cinque anni per l’album ‘Memento Mori’ che farà tappa al Wankdorf di Berna l’11 giugno
13.08.2021 - 10:46
Aggiornamento: 19:00

Lattuada, Gogol e lo strappo nel cappotto

La retrospettiva del Locarno film festival invita a riflettere su cinema e letteratura che spesso s’incontrano, forse addirittura si cercano

di Tommaso Soldini
lattuada-gogol-e-lo-strappo-nel-cappotto

Un cappotto strappato, un omino mingherlo, disarmato, che cerca di essere almeno considerato se non apprezzato da una società che segue delle leggi non scritte, corrotte e rigorose; il cappotto nuovo, che proietta quest’omino nel mondo dei visibili, lo illude, lo emancipa, salvo poi rovinarlo quando il furto del mantello lo ricaccerà là dove sembra essere destinato, tra gli ultimi, i non vivi, quelli che obbediscono, perché la libertà dell’altro inizia molto prima di quel che ci si immagina, quando dalla teoria si va alla vita vera.

La letteratura e il cinema, si sa, spesso s’incontrano, forse addirittura si cercano. Alcuni autori letterari, mi pare, scrivono con la speranza di risultare visivi, dunque appetibili per qualche casa di produzione o regista di talento e successo. Il cinema invece, in quanto assemblaggio di arti (se si accetta la lettura che qualche anno fa proprio qui a Locarno ne diede il regista russo Sokurov), è chiamato a guardare alla letteratura come a una fonte di storie da cui attingere. Non sempre lo fa, ma soprattutto non sempre i film più riusciti provengono dai capolavori della letteratura. È un enigma intrigante, annoso eppure ancora ammantato di mistero. A volte è bene che un regista eviti i racconti o i romanzi più belli, perché il doppio capolavoro è raro, forse perché la tentazione di restare letterale, quasi filologico, s’insinua con forza, compromettendo la necessaria libertà, il doveroso tradimento che diventa obbligatorio già nella traduzione di un’opera da una lingua a un’altra, figuriamoci quando a cambiare è il linguaggio stesso. Lo dimostra il fatto che spesso il cinema riesce a tradurre in grandi film delle opere di narrativa passate sotto semi-silenzio. Mi viene in mente, altro film visto per la prima volta a Locarno, Il conformista di Rossellini, tratto da uno dei romanzi meno riusciti di Moravia, oppure, per andare sullo spettacoloso, Forrest Gump, che è trasposto da un romanzo di scarsissima presa e che sullo schermo è riuscito a produrre emozioni in un numero impressionante di persone.

Poi ti capita di recuperare ‘Il cappotto’ di Lattuada al GranRex (sarà ancora proiettato sabato 14 agosto alle 20), e tutte le tue teorie, le tue convinzioni, si rimettono in circolo, creano matassa. Il grande racconto di Nikolaj Vasil'evič Gogol, che si muove tra realismo e magia, tra grottesco e critica è infatti stato tradito alla perfezione; il regista e i suoi numerosi sceneggiatori (tra cui vanno citati almeno Sinisgalli, Manganelli e Zavattini) non hanno avuto paura di intervenire anche radicalmente sul testo originale, pur di rafforzare l’impatto profondo del senso del testo di Gogol. Ne nasce un film lieve, delicato, rispettosissimo dello spirito del racconto, quindi potente nella critica a una burocrazia che, così si espresse lo stesso regista nel 1952, rischia sempre di diventare crudele nei confronti dei più deboli.

Carmine De Carmine (nel racconto originale descritto come «bassino di statura, un po’ butteratino, un po’ rossiccio, dall’aria perfino un po’ miope, piuttosto stempiato, con rughe ai due lati delle guance e quel colorito del viso che suol dirsi emorroidale…») deve infatti morire per poter diventare un ingenuo eroe post-mortem, un fantasma capace di avvicinare gli uomini che possono. Il sentimento della giustizia diventa il suo solo motore, il cappotto rubato il simbolo di tutte le angherie che ogni sistema autocertificato e certo di sé inevitabilmente perpetra nei confronti di chi resta fuori o non si adegua. E allora solo un piccolo, mal sbarbato, spettro surreale può riuscire a scalfire quel sistema burocratico che sembra pensato per ostacolare ogni tentativo dei modesti di toccare le corde dell’umanità di chi possiede la verità e il comando? Gogol e Lattuada sembrano suggerirlo o almeno infondere il dubbio. E il dubbio è come lo strappo nel cappotto, cambia le cose, mette in circolo le idee, forse, addirittura, di certi tempi, fa bene come il vaccino.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved