Udinese
0
Genoa
0
1. tempo
(0-0)
un-concorso-senza-speranza
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
34 min

Al Jazz Cat Club le magie musicali di ‘Mr. Beautiful’

George Cables, leggendario pianista, in quartetto lunedì 29 novembre al Jazz Cat Club di Ascona. Con lui, al sax, Piero Odorici, che abbiamo incontrato
Spettacoli
1 ora

Bonomi, Sanzari e la magia del Natale con l’Insubria Brass

Domenica 5 dicembre alle 18 ad Arbedo, nella Chiesa di San Giuseppe, per l’ottavo e l’ultimo appuntamento del Festival della musica
Figli delle stelle
2 ore

I pesci sotto ‘The Bridge’ e il pescatore Sting

Sting - ‘The Bridge’ (A&M) - ★★★✩✩ - Anche l‘ex Police ha il suo disco della pandemia, nato (ipse dixit) ’come si pesca’.
Culture
2 ore

Parigi: Josephine Baker prima afroamericana nel Pantheon

Ma anche prima figura dello spettacolo nel mausoleo francese insieme a Victor Hugo, Emile Zola e Marie Curie. L’ufficializzazione martedì 30 novembre
Spettacoli
3 ore

Addio a Stephen Sondheim, leggenda di Broadway

Le parole di ‘West Side Story’, e una pioggia di Tony e Pulitzer. Il compositore più influente nella storia del Musical si è spento nel sonno a 91 anni
Letteratura
17 ore

Addio ad Almudena Grandes, ‘voce degli sconfitti’

La 61enne, che conquistò il pubblico con il suo romanzo ‘Le età di Lulù’, ottenne il Premio Nazionale di Narrativa nel 2018
Teatro Sociale
1 gior

Chi fa la mamma tra ‘Boef & Asen’?

Ferruccio Cainero adatta lo spettacolo natalizio scritto da Norbert Ebel nel ’99, sempre attuale. Domenica 28 novembre, con attori di Barabba’s Clowns.
Società
1 gior

Paesaggi sonori per la cura dei bambini

Al Forum cultura e salute Antti Ikonen racconta il progetto di ‘soundscape’ nel nuovo ospedale pediatrico di Helsinki
Musica
1 gior

Tina Turner dottore honoris causa in storia e filosofia

L‘Università di Berna gliela consegnerà il 4 dicembre. Tra le motivazioni: ‘Esempio di via di uscita da molteplici situazioni di discriminazione’
Spettacoli
2 gior

Al Teatro Paravento si trasloca con Salvador Dalí

Prima dello spettacolo con Davide Gagliardi scritto da Egidia Bruno partendo da un un poster “troppo inquietante per appenderlo in camera”
Scienze
2 gior

Covid, il punto dell’Oms per vaccini a bambini e ragazzi

Un rapporto preliminare indica l’utilità di vaccinare i più giovani. Ma la priorità rimane proteggere soggetti fragili. E un’equa distribuzione globale
Società
2 gior

La scuola e l’erosione dell’autorità, un convegno per parlarne

Sabato a Lugano primo appuntamento dell’associazione Essere a scuola. Intervista a uno dei relatori, il filosofo dell’educazione Eirick Prairat
Scienze
3 gior

L’Oceano Artico ha iniziato a scaldarsi a inizio XX secolo

Studi italiani e britannici hanno ricostruito gli ultimi 800 anni di mutamenti di un mare con funzioni chiave nei cambiamenti climatici globali
Spettacoli
3 gior

La sorpresa Carrisi a Tutti i colori del giallo

Lo scrittore e regista italiano presenta, in anteprima, il suo nuovo romanzo ‘La casa senza ricordi’ al festival di Massagno
L’intervista
3 gior

Il Maestro e Di Battista (jazz e cinema in ‘Morricone Stories’)

Sabato 27 novembre il Cinema Teatro di Chiasso ospita Stefano Di Battista col progetto dedicato a Morricone: tutto ebbe inizio a Roma, qualche anno fa...
Locarno 74
11.08.2021 - 20:310

Un concorso senza speranza

L’intenso ‘Lucifer’ di Peter Brunner e il non riuscito ‘Espíritu sagrado’ Chema García Ibarra

In concorso inquietante, tra bambine rapite e usate per la pedopornografia o per le parti del loro corpo da vendere – nello spagnolo ‘Espíritu sagrado’ – e una coppia, madre e figlio handicappato persi nella miseria montana e nel fanatismo religioso nell’austriaco ‘Luzifer’. Il fatto è che entrambi i film si indirizzano a temi di grande attualità: il primo adombra il drammatico caso di Maddie, la bambina inglese rapita nel 2007 in Portogallo, mentre l’altro si avvicina agli eccessi di un mondo cristiano pericolosamente talebanizzato. ‘Espíritu sagrado’ è una volonterosa coproduzione tra  Spagna, Francia e Turchia, diretta, al suo esordio nel lungometraggio, dal quarantenne Chema García Ibarra, che con l’aiuto professionale di Ion de Sosa come direttore della fotografia, qui in 16 mm, e dell’esperta  Ana Pfaff al montaggio, guida un interessante gruppo di attrici e attori raccolti per strada. Il protagonista è un guardiacaccia in un parco, e non ha potuto essere presente a Locarno perché impegnato al lavoro. Il regista si confida: “Mi interessano gli opposti: la risata che esplode in mezzo alla cupezza, il dramma nella commedia. Come spettatore e come regista ricerco il malessere, lo stupore e la sensazione che l’inatteso sia sempre dietro l’angolo”. Questa è la sua idea, purtroppo la messa in pratica si è mostrata più difficile e complicata, vista anche la profondità dei temi trattati. Tutto parte da un’associazione di ufologi che pensa vicino un incontro con gli extraterrestri; incontriamo José Manuel (Nacho Fernández) un uomo mite e un po’ stupido: mentre nel paese tutti sono sconvolti dalla sparizione di una bambina, lui che ne è lo zio è tranquillo, anzi accetta di accudire la sorella gemella della bambina rapita quando la madre viene portata in un luogo dove forse si trova la figlia scomparsa. Il regista ci suggerisce di stare attenti, vediamo infatti lo zio gettare di nascosto nel fiume uno zaino uguale a quello della nipote che gli hanno affidato. Nell’indifferenza totale porta anche questa bambina all’organizzazione ufologica, credendo che le bambine servano per quell’incontro importante con gli Ufo, non sospettando di aver consegnato le bambine a una criminale organizzazione pedofila. Chema García Ibarra colora una cartolina senza riuscire a mettere un indirizzo per spedirla e il tutto resta nel campo di un “avrei voluto”, peccato.

Di ben altro genere e potenza è il ‘Lucifer’ di Peter Brunner, un film che ha le carte in regola per un Pardo d’oro. Un film che ha la grazia del grande cinema, per la qualità del linguaggio cinematografico, per il rigore delle idee presentate, per l’amore con cui conduce e coniuga i suoi protagonisti, e si resta estasiati di fronte al suo dire, che percorre l’essenza umana nella sua fragilità, nella sua ricerca continua di una fede in cui  sprofondare la propria paura di vivere, nella barbarie con cui prosegue la sua distruzione del Pianeta. Importante è la collaborazione tra il regista e i protagonisti, non banali: Franz Rogowski, uno degli attori tedeschi più importanti in teatro e al cinema, grazie anche a una presenza inquietante, al suo fianco Peter Brunner ha voluto uno straordinario esordio, quello della pastora della Chiesa del Nord Susanne Jensen. Il regista era consapevole di quanto la pastora Jensen avrebbe portato al film: lei è stata esposta a violenze sessuali da bambina e da adolescente, è rasata, quasi completamente tatuata e a ricordare che spesso indossa un collare per cani, nel film compare una corona di spine di ferro. Lei qui è una vedova oltranzista cristiana che vive in modo primitivo di minima agricoltura e piccolo allevamento, senza rinunciare al telefonino e a Radio Maria, in una traballante baita tra le montagne dello Zillertal in Tirolo. Con lei il figlio mentalmente handicappato (un grande Franz Rogowski). Scrive Peter Brunner: “Nei miei film il realismo sociale viene eroso da dispositivi poetici, le persone reali entrano in collisione con personaggi di finzione. Il mio obiettivo è tradurre gli stati d'animo interiori in cinema puro”. E ci riesce: il rapporto tra madre e figlio cinematograficamente è degno di Sokurov, e non è un caso che a produrre il film ci sia un regista di valore come il premiatissimo Ulrich Seidl. La vita dei due è fatta di preghiere e poco altro, il figlio ha una sola amica, un'aquila di montagna in un rapporto di fiducia reciproca importante, Rogowski ha passato un anno in un riparo per rapaci per imparare a lavorare con loro e di grande effetto sono i loro momenti insieme. La loro pace viene frantumata dall'arrivo di  droni che sorvolano il loro territorio e quello dell'unico vicino, impiegati da un'impresa chiamata a disboscare quel pendio della montagna per far posto a degli impianti turistici invernali. Presto scoprono la violenza dei nuovi arrivati che vogliono il terreno e sono pronti a costringere la donna a cederlo con la forza. Per farla firmare la ubriacano, lei che dopo una grave esperienza di droghe e alcool, ringraziava ogni ora Dio per averla resa sobria. Ora è ripiombata nell’alcolismo, Lucifero ha vinto. Il figlio prova a combatterlo ancora, ma la partita è persa, l’avidità ha vinto, un'altra parte del pianeta è distrutta. Si resta a guardare i titoli di testa per respirare fino in fondo la bellezza del Cinema.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved