ULTIME NOTIZIE Culture
Mostra
6 ore

Il ‘caso Fontana’: opere, invenzioni e ingegno

La Pinacoteca Züst e l’Archivio del Moderno (Usi) promuovono l’esposizione della ‘azienda’ dell’architetto di Melide. Sabato 26 novembre, l’inaugurazione.
Spettacoli
7 ore

È morta Irene Cara, la voce di ‘Fame’ e ‘Flashdance’

L’iconica attrice e cantante aveva 63 anni. La sua l’interpretazione venne premiata con un Oscar come miglior canzone.
Castellinaria
8 ore

Castellinaria, ‘Where is Anne Frank!’ vince il Castello d’Oro

Al film d’animazione di Ari Folman il metallo più prezioso del Concorso Kids; nella categoria Young, Premio Tre Castelli all’iracheno ‘The exam’
Castellinaria
8 ore

‘L’ombra del giorno’, storia di Luciano e ‘Anna’

L’amore ai tempi del fascismo in ‘L’ombra del giorno’, bel film di Giuseppe Piccioni che chiude il 35esimo festival del cinema giovane (l’intervista)
Scienze
8 ore

Sta nascendo il gemello digitale del pianeta Terra

Messo in campo il budget più importante mai avuto nel settore: con i supercomputer, lo studio dei cambiamenti, a partire da quelli climatici
Cinema
22 ore

‘Il sergente dell’Altopiano’ sbarca a Venezia

Per l’edizione invernale del Cinema svizzero a Venezia, il 29 novembre doppia proposta Imagofilm Lugano
Letteratura
23 ore

Addio allo scrittore francese Christian Bobin

Le sue opere, tradotte in numerose lingue, annullano i confini tra prosa e poesia, narrazione e contemplazione
Culture
23 ore

I musei pubblicano la ‘Lista rossa d’emergenza’ per l’Ucraina

Per il Consiglio internazionale dei musei, uno strumento essenziale per la lotta contro il traffico illecito e per la protezione del patrimonio culturale
Culture
1 gior

Addio a Hans Magnus Enzensberger, faro del dopoguerra tedesco

La Germania piange l’intellettuale onnivoro che “impersonava libertà d’espressione”
Castellinaria
1 gior

Il sabato di Castellinaria (vademecum)

Aspettando il palmarès, gli appuntamenti conclusivi. Chiude ‘L’ombra del giorno’ di Giuseppe Piccioni, con Riccardo Scamarcio e Benedetta Porcaroli
Spettacoli
1 gior

Gospel & Spirituals, fra chiese e teatri della Svizzera italiana

La rassegna torna da giovedì 8 a venerdì 30 dicembre. Si parte con la Gospel Voices Family, nella chiesa di San Lorenzo a Losone
Concorso
1 gior

La più bella pubblicità è ‘Fortezza di Bellinzona’ di Variante

Premiata l’agenzia bellinzonese, che ha partecipato insieme a lucasdesign di Giubiasco, Newdeco Agency di Sant’Antonino e Visiva di Camorino
Scienze
1 gior

In pandemia prima volta con la depressione per una persona su 8

Il 13% degli over 50 durante la crisi del Covid ha sperimentato per la prima volta la patologia, soprattutto le persone a reddito più basso
Culture
1 gior

‘Musica come cura’, musicoterapia al centro del sesto incontro

‘Musicoterapia per le demenze e la riabilitazione neurologica’ è il titolo dell’incontro in programma lunedì 28 novembre alle 18 al Campus Est dell’Usi
Fuori concorso
1 gior

‘Tori et Lokita’, e i Dardenne d’Onore

Premiata con il Castello d’Onore la coppia di registi, e una storia senza sconti di minori migranti non accompagnati che ha ferito Cannes
11.08.2021 - 20:31

Un concorso senza speranza

L’intenso ‘Lucifer’ di Peter Brunner e il non riuscito ‘Espíritu sagrado’ Chema García Ibarra

di Ugo Brusaporco
un-concorso-senza-speranza

In concorso inquietante, tra bambine rapite e usate per la pedopornografia o per le parti del loro corpo da vendere – nello spagnolo ‘Espíritu sagrado’ – e una coppia, madre e figlio handicappato persi nella miseria montana e nel fanatismo religioso nell’austriaco ‘Luzifer’. Il fatto è che entrambi i film si indirizzano a temi di grande attualità: il primo adombra il drammatico caso di Maddie, la bambina inglese rapita nel 2007 in Portogallo, mentre l’altro si avvicina agli eccessi di un mondo cristiano pericolosamente talebanizzato. ‘Espíritu sagrado’ è una volonterosa coproduzione tra  Spagna, Francia e Turchia, diretta, al suo esordio nel lungometraggio, dal quarantenne Chema García Ibarra, che con l’aiuto professionale di Ion de Sosa come direttore della fotografia, qui in 16 mm, e dell’esperta  Ana Pfaff al montaggio, guida un interessante gruppo di attrici e attori raccolti per strada. Il protagonista è un guardiacaccia in un parco, e non ha potuto essere presente a Locarno perché impegnato al lavoro. Il regista si confida: “Mi interessano gli opposti: la risata che esplode in mezzo alla cupezza, il dramma nella commedia. Come spettatore e come regista ricerco il malessere, lo stupore e la sensazione che l’inatteso sia sempre dietro l’angolo”. Questa è la sua idea, purtroppo la messa in pratica si è mostrata più difficile e complicata, vista anche la profondità dei temi trattati. Tutto parte da un’associazione di ufologi che pensa vicino un incontro con gli extraterrestri; incontriamo José Manuel (Nacho Fernández) un uomo mite e un po’ stupido: mentre nel paese tutti sono sconvolti dalla sparizione di una bambina, lui che ne è lo zio è tranquillo, anzi accetta di accudire la sorella gemella della bambina rapita quando la madre viene portata in un luogo dove forse si trova la figlia scomparsa. Il regista ci suggerisce di stare attenti, vediamo infatti lo zio gettare di nascosto nel fiume uno zaino uguale a quello della nipote che gli hanno affidato. Nell’indifferenza totale porta anche questa bambina all’organizzazione ufologica, credendo che le bambine servano per quell’incontro importante con gli Ufo, non sospettando di aver consegnato le bambine a una criminale organizzazione pedofila. Chema García Ibarra colora una cartolina senza riuscire a mettere un indirizzo per spedirla e il tutto resta nel campo di un “avrei voluto”, peccato.

Di ben altro genere e potenza è il ‘Lucifer’ di Peter Brunner, un film che ha le carte in regola per un Pardo d’oro. Un film che ha la grazia del grande cinema, per la qualità del linguaggio cinematografico, per il rigore delle idee presentate, per l’amore con cui conduce e coniuga i suoi protagonisti, e si resta estasiati di fronte al suo dire, che percorre l’essenza umana nella sua fragilità, nella sua ricerca continua di una fede in cui  sprofondare la propria paura di vivere, nella barbarie con cui prosegue la sua distruzione del Pianeta. Importante è la collaborazione tra il regista e i protagonisti, non banali: Franz Rogowski, uno degli attori tedeschi più importanti in teatro e al cinema, grazie anche a una presenza inquietante, al suo fianco Peter Brunner ha voluto uno straordinario esordio, quello della pastora della Chiesa del Nord Susanne Jensen. Il regista era consapevole di quanto la pastora Jensen avrebbe portato al film: lei è stata esposta a violenze sessuali da bambina e da adolescente, è rasata, quasi completamente tatuata e a ricordare che spesso indossa un collare per cani, nel film compare una corona di spine di ferro. Lei qui è una vedova oltranzista cristiana che vive in modo primitivo di minima agricoltura e piccolo allevamento, senza rinunciare al telefonino e a Radio Maria, in una traballante baita tra le montagne dello Zillertal in Tirolo. Con lei il figlio mentalmente handicappato (un grande Franz Rogowski). Scrive Peter Brunner: “Nei miei film il realismo sociale viene eroso da dispositivi poetici, le persone reali entrano in collisione con personaggi di finzione. Il mio obiettivo è tradurre gli stati d'animo interiori in cinema puro”. E ci riesce: il rapporto tra madre e figlio cinematograficamente è degno di Sokurov, e non è un caso che a produrre il film ci sia un regista di valore come il premiatissimo Ulrich Seidl. La vita dei due è fatta di preghiere e poco altro, il figlio ha una sola amica, un'aquila di montagna in un rapporto di fiducia reciproca importante, Rogowski ha passato un anno in un riparo per rapaci per imparare a lavorare con loro e di grande effetto sono i loro momenti insieme. La loro pace viene frantumata dall'arrivo di  droni che sorvolano il loro territorio e quello dell'unico vicino, impiegati da un'impresa chiamata a disboscare quel pendio della montagna per far posto a degli impianti turistici invernali. Presto scoprono la violenza dei nuovi arrivati che vogliono il terreno e sono pronti a costringere la donna a cederlo con la forza. Per farla firmare la ubriacano, lei che dopo una grave esperienza di droghe e alcool, ringraziava ogni ora Dio per averla resa sobria. Ora è ripiombata nell’alcolismo, Lucifero ha vinto. Il figlio prova a combatterlo ancora, ma la partita è persa, l’avidità ha vinto, un'altra parte del pianeta è distrutta. Si resta a guardare i titoli di testa per respirare fino in fondo la bellezza del Cinema.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved