COB Jackets
2
PIT Penguins
5
fine
(2-2 : 0-0 : 0-3)
CAR Hurricanes
6
NY Rangers
3
fine
(2-0 : 3-1 : 1-2)
NY Islanders
4
ARI Coyotes
0
3. tempo
(2-0 : 0-0 : 2-0)
Detroit Red Wings
3
DAL Stars
3
2. tempo
(1-1 : 2-2)
CHI Blackhawks
0
MIN Wild
3
1. tempo
(0-3)
ANA Ducks
TB Lightning
04:00
 
Seattle Kraken
STL Blues
04:00
 
VAN Canucks
FLO Panthers
04:00
 
giganti-dai-piedi-d-argilla-e-giovani-poliziotti-islandesi
‘I giganti’ di Bonifacio Angius
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
5 ore

‘Sotto la lampada’, la famiglia Giacometti alla Rtr

Diretto dalla regista engadinese Susanna Fanzun, il film segue le tracce misteriose che hanno portato al successo questa famiglia originaria di Stampa
Spettacoli
6 ore

Adele in lacrime cancella tutti i suoi concerti a Las Vegas

‘Metà della mia squadra ha il Covid ed è stato impossibile finire di preparare lo spettacolo’
Culture
6 ore

Sonnenstube, creare cultura attorno al luogo comune

Il collettivo e spazio d’arte luganese è alla ricerca di una struttura in Ticino per sviluppare il progetto vincitore degli Swiss Art Awards 2021
Teatro Sociale
7 ore

Il mondo di Thomas e il suo ‘Libro di tutte le cose’

Domenica 23 gennaio alle 16 al Sociale, dal romanzo di Guus Kuijer, con Lorenzo Bassotto, Roberto Maria Macchi, Cinzia Morandi e Viviana Gysin
Cinema
10 ore

Woody Allen, ‘Un giorno di pioggia a New York’ esce in Cina

Il film scaricato da Amazon, flop al botteghino negli Stati Uniti durante la pandemia, supera lo scoglio della censura
Cinema
11 ore

Disney al lavoro su live-action degli ‘Aristogatti’

Non si sa se in sala o in streaming. Sceneggiatura affidata a Will Gluck, regista di ‘Peter Rabbit’, e Keith Bunin di ‘Onward’
Cinema
12 ore

Nel 2024 See-1, primo studio cinematografico spaziale in orbita

Accordo tra Axiom Space e Space Entertainment Enterprise, società dei produttori che stanno organizzando le riprese in orbita del film di Tom Cruise
Scienze
15 ore

Omicron è più dura a morire: vive fino a 8 giorni nell’ambiente

Uno studio svela una peculiarità della variante che potrebbe aiutare a spiegarne la rapida diffusione: resiste all’esterno più a lungo delle altre
Cinema
16 ore

‘Atlas’ di Niccolò Castelli distribuito in Germania e Austria

Matilda De Angelis, nel frattempo, premiata come miglior attrice al festival indiano di Jaipur 2022, dove il film ha vinto per miglior suono e montaggio
Spettacoli
18 ore

È morto Meat Loaf

La trilogia milionaria di ‘Bat Out of Hell’, il Grammy per ‘I’d do anything for Love’, indimenticato Eddie nel ‘Rocky Horror Picture Show’. Aveva 74 anni
Animali
18 ore

Ora è chiaro come le balenottere mangino senza strozzarsi

È grazie a un salvifico ‘tappo’ carnoso che va a chiudere e proteggere le vie respiratorie, scoperto dall’Università della British Columbia, Canada
Musica
22 ore

Rettore-Ditonellapiaga, una questione spudoratamente ‘Chimica’

No-vax, suore, Lucio Dalla, muri da abbattere e parità: nella conferenza di presentazione del duetto sanremese è Rettore show
Musica
1 gior

Addio a Elza Soares, la cantante brasiliana del millennio

Così la definì Bbc Radio. Per il Rolling Stone, tra le cento più grandi voci della musica brasiliana. Si è spenta a 91 anni a Rio de Janeiro
Festival di Sanremo
1 gior

Sanremo: i duetti del venerdì, da De André a... Britney Spears

In un range che va da ‘Nella mia ora di libertà’ (ospite Capossela) a ‘Baby One More Time’ (sic), a tema ’60, ’70, ’80 e ’90
12.08.2021 - 12:000
Aggiornamento : 16:44

Giganti dai piedi d'argilla e giovani poliziotti islandesi

In concorso ‘I giganti’ di Bonifacio Angius che torna a Locarno a 7 anni da ‘Perfidia’. E l'islandese ‘Leynilögga’. di un regista anche nazionale di calcio

“La vita è un’avventura dai mille volti, in cui non ci si può sottrarre dal provare ogni brivido, positivo o negativo. Pensiero fluttuante nell’immenso ingorgo dell’esistenza”. Così Bonifacio Angius, che torna a Locarno dopo aver qui presentato ‘Perfidia’ nel 2014. Parla del suo nuovo ‘I giganti’, chiamato in questa competizione, che cerca il Pardo d’oro. Del film, Angius, oltre a essere regista e sceneggiatore con Stefano Deffenu, è anche interprete, produttore, direttore della fotografia, responsabile del montaggio. È un vero filmmaker lontano dalle vicende italiane del cinema romano, da cui cerca di distaccarsi anche per la complessità delle sue proposte di certo non facili, caricate come sono di scelte profondamente personali. Il regista di Sassari ci porta all’interno della sua Sardegna e, coraggiosamente rispettando le regole poste in tempo di pandemia, gira in interni una particolare rimpatriata tra vecchi amici. Particolare perché cinque amici di radici diverse: il padrone di casa perso nella memoria di un amore; un altro di loro, interpretato dallo stesso regista, è un derelitto dopo aver perso la moglie e la figlia per il suo comportamento; un terzo ha un ruolo importante in società; il quarto è un politico e ha portato con sé il fratello più giovane. Particolare per il motivo della rimpatriata: farsi con tutte le droghe possibili fino a stordirsi, a perdersi, più un duro rave che una rimpatriata, nonostante l’età dei partecipanti, sicuramente immaturi. Uno di loro fa arrivare due signore che vengono cacciate in modo ignominioso da un altro che sognava di scoparsene una. La loro misoginia sfocia in volgarità e da quel momento anche la loro condizione vacilla: viene trovata una pistola e il dramma è segnato dalle morti. L’idea poteva essere interessante bastava non lasciare tutto in superficie, perché nessun carattere viene sfiorato, non c’è un movente alla loro scelleratezza se non illusori pretesti. Manca un vero gioco cinematografico preferendo il regista una recita più teatrale, Peccato e, in fondo, anche lo stesso regista in conferenza stampa ha ammesso le difficoltà della postproduzione. Ma applausi allo sforzo del filmmaker: film come questo, pur con tutti i suoi problemi, sono un bel segnale di vitalità per il cinema tutto.

Di altro spessore e natura l’islandese ‘Leynilögga’ (Cop Secret), opera prima di Hannes Þór Halldórsson, regista e calciatore. Già, perché il nostro Halldórsson è stato giovanissimo prestato dal cinema: dalla regia presso la Saga Film, una casa di produzioni islandese per la quale ha diretto video pubblicitari e musicali anche importanti, al calcio professionista, ora, a 37 anni, portiere titolare della nazionale islandese per la quale ha parato un rigore anche a Messi. Dopo una carriera da valutato giramondo è tornato a difendere la porta della più nota squadra del suo paese. Intanto, fa il suo esordio internazionale anche con un film di cui lui dice: “L’idea era di realizzare una commedia d’azione, un genere che non esisteva in Islanda. Leynilögga (Cop Secret) vuole essere un film originale, cool, vivace ed esplosivo”. Ed ha ragione perché il suo film, pur nello stretto genere poliziesco, riesce con originalità ad abbatterne i confini. Il film si apre sulle strade di Reykjavík dove sfreccia l’auto guidata dal superpoliziotto Bússi (un bravo Auðunn Blöndal), che ha al suo fianco il fido Klemenz (un eccellente Sverrir Þór Sverrisson, conosciuto come il miglior comico del paese dove è noto come Sveppi). Stanno inseguendo una spericolata moto, che scopriremo guidata dalla fida compagna di un grande criminale internazionale, Rikki (un intenso Björn Hlynur Haraldsson). La catturano grazie all’intervento di un altro superpoliziotto, Hörður (un interessante Egill Einarsson, il più discusso attore islandese accusato negli anni di stupri, razzismo e misoginia). Già all’inizio il regista mette in vita i personaggi principali del suo gioco e che gioco: i due superpoliziotti si innamorano l’uno dell’altro e finiscono a letto. Il cattivo mette una bomba in uno stadio stracolmo per una sfida epocale tra le nazionali femminili d'Islanda e Inghilterra; il cattivo, per non avere difficoltà, minaccia Bússi di diffondere le fotografie del suo nascosto amore, e per lo stesso motivo rapisce il fratello down di Hörður, commettendo il suo più grave errore, perché il ragazzo è più furbo di lui. Halldórsson tiene alto il ritmo, guida con mano sicura tutto il suo prezioso cast, fatto dei migliori attori e cabarettisti islandesi. Notevole la fotografia di Elli Cassata, gran lavoro di montaggio di Guðni Halldórsson. Il cinema è anche questo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved