Bologna
0
Roma
0
1. tempo
(0-0)
Inter
0
Spezia
0
1. tempo
(0-0)
DJOKOVIC N. (SRB)
BUBLIK A. (KAZ)
19:15
 
LENZ J. (GER)
1
STRICKER D. (SUI)
0
2 set
(7-5 : 3-4)
Langenthal
Visp
19:46
 
in-concorso-storie-di-donne-affaticate
'La Place d'une autre', firmato dalla regista parigina Aurélia Georges
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
16 min

I Måneskin, manco a dirlo, gli italiani più ascoltati al mondo

Non in Italia però, dove l’artista più popolare è Sfera Ebbasta e il singolo più ascoltato è ‘Malibù’ di Sangiovanni. Questo dicono i dati di Spotify
Cinema
3 ore

In sala ‘È stata la mano di Dio’ di Paolo Sorrentino

Presentato a Venezia 78, Leone d’argento, candidato agli Oscar per l’Italia, esclusivamente nei cinema ticinesi giovedì 2 dicembre
Culture
3 ore

Altroquando, i vincitori del concorso letterario

Aspettando la sua alternativa cinematografica, al via il 3 dicembre, l’Associazione rende pubblici nomi e titoli dei primi tre classificati
Libri
5 ore

‘Il piccolo principe’ in Sursilvano, Surmirano e Vallader

Ristampato nei tre idiomi grigionesi il capolavoro della letteratura internazionale di Antoine de Saint-Exupéry, dopo attenta revisione editoriale
Culture
6 ore

Rsi, la Cultura cambia con Vanni Bianconi

Lo scrittore, poeta e traduttore sarà il nuovo responsabile del settore. “Convinto dalla voglia di cambiamento, ma la qualità rimane centrale” ci ha detto
Spettacoli
22 ore

Elio De Capitani finalmente al Lac con ‘Diplomazia’

L’attore interpreterà il generale tedesco che doveva radere al suolo Parigi. Uno spettacolo che avrebbe dovuto debuttare a Lugano nel 2020
Culture
23 ore

‘Informazione Rete Uno alla deriva’; ‘No, sempre al centro’

La Rsi risponde all’Associazione per la difesa del servizio pubblico che ieri aveva parlato di ‘chiaro indebolimento del palinsesto informativo’
Culture
1 gior

Crowdfunding: un milione di franchi in buoni Liber

Grande successo per la campagna del settore svizzero dei libri concepita per alleviare le perdite subite da autrici, autori, case editrici e librerie
Cinema
1 gior

‘Loving Highsmith’ apre le 57esime Giornate di Soletta

Il ritratto della scrittrice statunitense Patricia Highsmith, che raggiunse la fama con Hitchcock, nel documentario della basilese Eva Vitija
Musica
1 gior

Barocchisti e Coro Rsi dal ‘De Profundis’ al ‘Gloria’

Diretti da Diego Fasolis, sabato 11 dicembre alle 20.30 a Lugano-Besso, Auditorio Stelio Molo, in collaborazione con la Rsi
Culture
1 gior

Tra libri d’artista e ‘Fluire’, Valsangiacomo in Biblioteca

Giovedì 2 dicembre alle 18 a Lugano, mostra/incontro con Mauro ‘Vals’ Valsangiacomo, fresco vincitore del premio Virgilio Masciadri
Spettacoli
1 gior

Joyce Elaine Yuille, The Gospel Times al Teatro del Gatto

La vocalist newyorkese, milanese d’adozione, incontra l’ensemble romagnolo Jazz Inc. Il risultato è live, giovedì 9 dicembre ad Ascona
LuganoMusica
1 gior

Martha Argerich al Lac con European Philharmonic of Switzerland

Lunedì 6 dicembre a Lugano. Dirige Charles Dutoit, in un connubio che arriva da Montreux 2018
Spettacoli
1 gior

‘Taac’, il Milanese Imbruttito sbarca al cinema

La grande popolarità della pagina social ha portato a un film con Germano Lanzoni, Claudio Bisio e Paolo Calabresi. Dal 7 dicembre
Spettacoli
1 gior

Tra jazz, nuove musiche e Florian Favre Trio

Il pianista a Jazz in Bess il 4 dicembre per la rassegna di Rete Due, con Manu Hagmann (contrabbasso) e Arthur Alard (batteria)
Spettacoli
2 gior

‘Liricomincio’ al Sociale, il ritorno di Ale e Franz

Cavalli di battaglia, pezzi inediti, situazioni riviste e riadattate. 25 anni di storia in scena martedì 30 novembre alle 20.45 a Bellinzona (con band)
Locarno 74
10.08.2021 - 17:180

In Concorso, storie di donne affaticate

Gli applausi per ‘La Place d'une autre’ storia attuale di 150 anni fa; lo scempio di ‘Medea’; il bel complesso attoriale di ‘Gerda’

Strana giornata in Concorso dove ieri abbiamo visto un film francese, ‘La Place d'une autre’, che ci ha regalato la preziosa interpretazione di un'attrice unica qual è Sabine Azéma, e due film russi alquanto diversi come ‘Medea’ di Alexander Zeldovich e ‘Gerda’ dell’attrice e regista Natalya Kudryashova. ‘La Place d'une autre’ è firmato dalla regista parigina Aurélia Georges, che ha tratto la sceneggiatura da lei stessa firmata con Maud Ameline da ‘No Name’ (1862), opera di un autore ottocentesco, Wilkie William Collins (Marylebone, 8 gennaio 1824 – Londra, 23 settembre 1889), meglio conosciuto come amico e collaboratore di Charles Dickens. Lei spiega così la scelta: “No name racconta una storia di ribellione sociale e di emancipazione femminile, ricca di suspense. Volevo un racconto di luci e ombre che fosse acuto, romantico, intimo”.

Il racconto è trasferito nel XX secolo, e invece delle due sorelle del romanzo, ci sono due giovani donne dal destino diverso, Nellie (una bravissima Lyna Khoudri) e Rose (una intensa Maud Wyler). Nellie costretta dalla vita a cercare di sopravvivere anche prostituendosi, Rose di ottima famiglia restata sola dopo la morte del padre. I loro destini si incrociano nel 1914 durante la prima guerra mondiale: Nellie, più per mangiare che per spirito patriottico, si trova sul fronte dei Vosgi come infermiera; qui incontra Rose che cerca di raggiungere la signora Madame de Lengwil (Sabine Azéma), amica del padre, proponendosi come lettrice della ricca signora. Succede che, durante un bombardamento, Rose resti ferita gravemente e creduta morta da Nellie che si impossessa dei suoi documenti, e rocambolescamente raggiunge la vecchia signora, presentandosi come Rose. Le cose sembrano andare bene finché tempo dopo, nella casa si presenta la vera Rose, che uscita miracolosamente viva dall’ospedale e dopo varie peripezie, senza documenti, era arrivata da Madame. Qui nessuno vuole riconoscerla e la vera Rose si ritrova rinchiusa in manicomio. Ne fuggirà, per scoprire che Nellie rinuncia alla sua falsa identità e che Madame non vuole i suoi servizi di lettrice. Ben girato con semplice tensione e gran guida della recita, il film ha il merito di far sentire attuale una storia di oltre centocinquanta anni fa, reclamando il senso di onore e dignità e sottolineando la fatica di essere donne. Di rilievo il gioco dei costumi di Agnès Noden. Applausi meritati.


‘Medea’ di Alexander Zeldovich

Volgare scempio

Incomprensibile la ‘Medea’ di Alexander Zeldovich, titolo quanto mai inappropriato rispetto all’originale tragedia Medea (Μήδεια, Médeia) di Euripide del 431 a.C., ma anche rispetto alla magnifica Medea pasoliniana del 1969. La Medea di  Zeldovich è un’ inguaribile ninfomane e se uccide i figli non ne è straziata perché li aveva abbandonati essendo un peso per la sua vita dissoluta, ma solo per fare dispetto all’uomo che l’ha abbandonata. Detto questo, il film ambientato in Israele viaggia dalle parti dei serial turchi più che da quelle del cinema, la regia è blanda, i dialoghi inascoltabili e la recitazione di Tinatin Dalakishvili come Medea e Evgeniy Tsyganov come marito di lei è da dimenticare, colpa anche del regista che rinuncia alla complessità dei personaggi euripidei scegliendo una recita monotematica e pietrificata. Resta il mistero della scelta di un simile titolo per un’operazione di non velata pornografia. Per noi, il dispiacere per questo volgare scempio.


‘Gerda’ di Natalya Kudryashova

Fitti boschi di betulle

Ben altro offre ‘Gerda’ di Natalya Kudryashova. La regista presenta così il film: “La mia storia verte sullo ‘spazio metafisico’ nel quale siamo calati, che è molto più profondo del mondo che vediamo intorno a noi. Parla di come le persone abbiano sempre cercato, e ancora cerchino, sé stesse all'interno di questo spazio. Esiste l’anima? Come ci si sente in questo crudele mondo di carne? Perché soffriamo e perché ogni anima segue il proprio percorso e non un altro?”. Con grande rigore di linguaggio cinematografico, Natalya Kudryashova ci porta nella provincia russa, lontana dalle luci di Mosca e Pietroburgo, ci mostra un mondo fermo da quarant’anni, travolto dall’alcol, dalla prostituzione, dal fallimento dell’istituzione familiare, dalla corruzione, dall’assenza dello stato. Ci fa conoscere Gerda, una giovane studentessa di sociologia che si guadagna l'università e da vivere in un peep-show. Lei vive con la madre ossessionata dalla presenza alcolica dell'ex marito che da tempo è andato a convivere con un'altra. Gerda, fugge dalla sua vita  immergendosi in fitti boschi di betulle, lei non è che una delle tante, e ancor più sola si sente quando l'università le affida un’indagine sociale che la porta a contatto con drammatici vuoti di vita e coscienza. Bella la recita dell’esordiente Anastasiya Krasovskaya nella parte della protagonista, e con lei il bravo Yura Borisov nella parte dell'unico suo amico, e un gruppo d’attrici e di attori veramente interessanti.

© Regiopress, All rights reserved