Seattle Kraken
1
PIT Penguins
6
fine
(0-3 : 1-2 : 0-1)
gale-anne-hurd-e-l-importanza-delle-storie
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
9 ore

Aurelio Galfetti, il ricordo di Nicola Navone

Il vicedirettore dell’Archivio del Moderno ricorda l’architetto ticinese scomparso domenica sera
Spettacoli
11 ore

‘Risvegli’, da Oliver Sacks al Teatro Foce

Finalmente ha debuttato lo spettacolo di Mirko D’Urso tratto dal saggio dello psichiatra e scrittore
Scienze
14 ore

Meteorite di mezzo chilo caduto in Vallese. ‘Non cercatelo’

Grande come un mandarino, si è schiantato il 29 novembre su un ghiacciaio in Val de Bagnes e non è stato trovato. L’esperto: ‘Non fatelo, è pericoloso.’
Culture
1 gior

Dove va l’informazione della rinnovata Rete Uno

Dopo le critiche, Reto Ceschi espone le sue priorità: qualità e approfondimento ‘ma l’informazione deve stare su una rete che ha un pubblico forte’
Spettacoli
1 gior

Altroquando, un tranquillo week end di paura

All’insegna dell’horror di qualità, si è tenuta la prima edizione del festival dedicata al cinema di genere
Spettacoli
1 gior

Tutto in una notte. Ma che emozione con ‘Diplomazia’ al Lac

Elio De Capitani e Ferdinando Bruni hanno portato a Lugano lo scontro per salvare Parigi tra il generale nazista e il console svedese
Spettacoli
1 gior

Gardi è morta, viva la Gaia!

Al Cinema Teatro di Chiasso Hanna, l’alter ego della celebre clown, è morta: applausi del pubblico tra resurrezioni, vendette e gran senso per la scena
Spettacoli
1 gior

Happy Days, Fonzie mette all’asta memorabilia serie tv

L’appuntamento è per mercoledì 8 dicembre nelle sale della casa d’aste Bonhams di Los Angeles
Spettacoli
1 gior

È morto Toni Santagata

A renderlo noto la moglie del cantante, Giovanna, tramite l’agenzia stampa italiana Ansa. Santagata, all’anagrafe Antonio Morese, aveva 85 anni
Spettacoli
1 gior

Morandi, Ranieri, Zanicchi: ok, Sanremo è giusto (più o meno)

Non si può dire che non ve ne sia per tutti i gusti: Elisa, Emma, Noemi, trapper quanto basta, ex vincitori quanto basta. E Achille Lauro, ovviamente
Musica
2 gior

Il Duo Kirsch sul ponte del tempo

Martedì 7 dicembre al Teatro Foce, Stefano Moccetti (chitarra) e Anton Jablokov (violino), progetto nato tra il Csi e il lockdown
Spettacoli
3 gior

Pignotta-Incontrada, impegnatissimi in ‘Scusa sono in riunione’

I quarantenni di oggi tra reality, social e un ‘Ti posso richiamare?’. A Chiasso, Cinema Teatro, giovedì 9 dicembre. A colloquio con Gabriele Pignotta
Arte
3 gior

Un’annunciazione al m.a.x. museo per l’Avvento

Un piccolo ma prezioso dipinto di ‘Dionisio il fiammingo’ è uscito dai caveau dello Swiss Logistics Center per le feste
Spettacoli
3 gior

80VogliaDiMina nella sua Cremona (aspettando Lugano?)

Nek, Audio 2 e Frankie hi-nrg mc e 8 voci femminili per una festa di compleanno rinviata dal lockdown. Al Teatro Ponchielli di Cremona (per ora...)
Culture
3 gior

TaM, anche in Ticino ci si incontra al museo

Cinque appuntamenti a dicembre per l’iniziativa che vuole favorire la conoscenza delle opere esposte e di nuove persone
Spettacoli
3 gior

L’Incontro del teatro svizzero fa tappa al Lac

Dall’8 al 15 dicembre la ‘wandermobil’ con gli spettacoli selezionati dall’appuntamento teatrale sarà a Lugano
premio rezzonico
08.08.2021 - 18:460

Gale Anne Hurd e l’importanza delle storie

Incontro con la produttrice statunitense che sabato ha ritirato in Piazza Grande il Premio Raimondo Rezzonico

Non piove ancora, quando nel giardino dell’albergo Belvedere incontriamo con alcuni colleghi Gale Anne Hurd. Il suo nome è legato, come detto, a ‘Terminator’ – che la vede oltre che come produttrice anche come cosceneggiatrice – e, sempre al fianco di James Cameron, a ‘Aliens’ e ‘The Abyss’, ma anche ‘Armageddon’ di Michael Bay, ‘Hulk’ di Ang Lee e la fortunata serie tv ‘The Walking Dead‘.

Come si vede, molta fantascienza e film tratti da fumetti – ma non solo, infatti il festival ha proiettato anche la commedia ‘Dick’ di  Andrew Fleming con Kirsten Dunst –: un tempo considerati produzioni di serie B e che adesso dominano il botteghino. Le chiediamo come mai questo cambiamento. «È una domanda interessante: penso che il business – non solo quello cinematografico – guardi i successi passati per prevedere i successi futuri, e un fallimento passato renda difficile fare qualcosa. In un mercato in cui film horror e di fantascienza sono considerati film di serie b, film che non interessano ai programmatori e non vincono premi, mancano le risorse. A cambiare tutto, per me e penso per chiunque altro, è Kubrick quando ha realizzato ‘2001: Odissea nello spazio’. Improvvisamente ci si è resi conto che la fantascienza può essere “cinema serio”, può parlare dell’esistenza umana. Mi chiedo se George Lucas avrebbe potuto fare ‘Guerre stellari’, se Kubrick non avesse fatto ‘2001’. Il cambiamento è iniziato lì e lo stesso vale per i fumetti che non erano considerati come vero ‘storytelling’, c’è stato qualche fallimento ma ci sono stati i primi successi, si sono realizzati sequel perché è più sicuro investire soldi in personaggi conosciuti dal pubblico. Adesso il mercato è dominato da queste produzioni, cosa che non avrei mai immaginato negli anni Novanta».

Ma il successo di un film non è una cosa che è possibile predire, né da quel che è successo in passato né da analisi di mercato o, come sempre più spesso capita, da algoritmi. E il successo, per la produttrice Gale Anne Hurd, non è determinato dai risultati di botteghino. «No» risponde seccamente alla domanda di un collega. «Prima di tutto il successo è riuscire a concludere il film e non sempre capita, molte volte un progetto richiede otto o dieci anni e diventa questione di perseveranza, di essere in grado di far dire “sì” a chi prima aveva detto “no”. Se sono convinta che il film che ho fatto è quello che le persone coinvolte avevano in mente di fare, allora sono soddisfatta e questo può capitare con film che non sono stati successi al box office e magari hanno ricevuto critiche negative e insoddisfatta da film che hanno incassato tanto».

Essere una produttrice significa concentrarsi innanzitutto sulle storie. «Quando ero una bambina mi piacevano le storie fantasy e di fantascienza, storie epiche con il bene in lotta con il male: certo adesso racconto anche piccole storie, ma torno sempre a storie che credo abbiano una natura epica, storie incentrate sui personaggi ma con uno sguardo al mondo, con persone comuni che si ritrovano in circostanze straordinarie, che dubitano delle proprie abilità ma affrontano la sfida di salvare se stessi o il mondo».

Gale Anne Hurd ha prodotto diversi film con ruoli femminili forti, sfidando i pregiudizi di un mondo dominato dagli uomini che realizzano film per un pubblico prevalentemente maschile. «Al tempo c’era la percezione che quelle fossero storie per uomini, ma le statistiche per ‘Terminator’, e parlo del 1984 quando uscì, parlano di un 60 per cento di pubblico maschile e un 40 per cento femminile». Non si sente comunque una pioniera. Innanzitutto perché «quando sei concentrata a realizzare il tuo prossimo film e a concludere quello al quale stai lavorando, non pensi che quello che fai possa cambiare le cose. Poi  incontri delle donne che ti ringraziano per quello che hai fatto, per quello che hai detto e si sono sentite ispirate: allora ti rendi conto». Inoltre, «la vera pioniera è Debra Hill, alla quale devo molto» precisa ricordando la sceneggiatrice di ‘Halloween’ e produttrice di ‘1997: Fuga da New York‘, scomparsa nel 2005. «Quando una persona è la prima e l’unica, può fare due cose: può girarsi e aiutare chi è dietro a raggiungerla oppure spingere gli altri indietro. Debra Hill mi ha dato la mano per dirmi che potevo farcela. Abbiamo parlato spesso, ma non perché fossimo entrambe donne: parlavamo di come essere migliori produttrici, di come raccontare storie migliori, di come venire venire prese sul serio sul set».

La pandemia ha cambiato il modo di fruire i film? «Ha creato una situazione difficile per il cinema, una situazione di estrema incertezza. Per questo è importante essere qui a Locarno e poter guardare insieme, e in sicurezza, dei film. Lo streaming è in crescita e quella finestra tra l’uscita in sala e la disponibilità on demand diventa sempre più corta». 

Questa finestra è utile per tutti i film o alcuni potrebbero beneficiare di un’uscita in contemporanea in sala e in streaming? «Non sono un’esperta in queste cose. Quello che è importante per me è mantenere i cinema e i distributori, mantenere la possibilità per le persone di tutto il mondo di andare in sala per vedere dei film che sono stati pensati per essere visti insieme nei cinema. E sono fiduciosa che gli interessi degli studios e dei distributori di fare utili non distruggerà quella che è una parte fondamentale della mia vita e che deve poter continuare a essere parte fondamentale della vita di ognuno».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved