ULTIME NOTIZIE Culture
Gallery
Sogno o son Festival
5 ore

Sanremo dalla A di Oxa alla W di Will (un vademecum)

Cantanti e canzoni dell’edizione che prende il via questa stasera, breve guida all’ascolto
Culture
6 ore

Torna il ‘Weekend di Quartetti’ di LuganoMusica

Da venerdì 10 a domenica 12 febbraio suoneranno l’ensemble Belcea, il Quatuor Diotima e il Quartetto della Scala
Culture
7 ore

Gli appuntamenti di Ticino Musica, in attesa del festival

Domenica 12 e lunedì 13 al Conservatorio a Lugano i primi due eventi di una serie di anteprime alla 27esima edizione, che si svolgerà dal 18 al 31 luglio
Scienze
7 ore

Guardi serie tv? Puoi dormire sonni tranquilli

Secondo uno studio dell’Università di Friburgo, anche maratone da molti episodi con finali carichi di suspense non influenzano il riposo notturno
Spettacoli
8 ore

Sergio Castellitto a Chiasso è ‘Zorro, eremita sul marciapiede’

L’attore riporta sul palco il vagabondo che ripercorre vita e scelte che lo hanno potato a vivere sulla strada. Dal romanzo di Margaret Mazzantini
Sanremo
8 ore

Mattarella in sala, Benigni sul palco: Sanremo apre col botto

Conferenza n. 2: sarà la notte della Repubblica (in senso positivo) ma anche quella di Chiara Ferragni co-conduttrice
animazione
11 ore

Gli effetti psichedelici in ‘The Freakouts’ di Bruno Machado

Insieme a una manciata di musicisti, l’illustratore ha realizzato un progetto indipendente che parla del consumo di sostanze attraverso sei facce
Sogno o son festival
14 ore

Il Festival di Rapallo

Inizia questa sera. Che piaccia oppure no, Sanremo è cambiato. Non ora e nemmeno ieri; comunque, mai quanto quest’anno
Pensiero
14 ore

La lunga crisi della democrazia

Archiviata l’illusione circa la ‘fine della Storia’, avanzano autoritarismo e sovranismo. Se ne parla domani all’Usi
Arte
1 gior

Finisce all’asta un lampadario opera di Giacometti (l’Alberto)

Era stato acquistato per una cifra irrisoria, ma poi si è scoperto che vale una fortuna. La vendita da Christie’s verrà aperta il 28 febbraio
06.08.2021 - 20:38

Il cinema di Kasia Smutniak

Intervista all'attrice e modella che stasera in Piazza Grande ritirerà il Leopard Club Award

di Ugo Brusaporco
il-cinema-di-kasia-smutniak
Kasia Smutniak (Foto Andrea Gandini)

Che nella Piazza Grande, colma di un pubblico attento a conoscere il Cinema, quel Cinema che per la sua storia è sempre stato il peso e la gloria di un Festival che non è nato per celebrare la gloria fascista, come Venezia, o per sfidarla come Cannes, o per dimenticarla come Berlino, ma che è nato proprio per indagarlo, per farlo conoscere. Ed ecco che ogni sera in Piazza Grande si compie quel rito, quella cerimonia, per ricordare a tutti che il cinema è vivo, che il cinema è vita. Così è stata anche la serata di oggi, aperta con la consegna del Leopard Club Award all’attrice Kasia Smutniak, che abbiamo avuto l’onore di incontrare e intervistare.

Kasia Smutniak ha una sua idea del cinema: “È una lente d’ingrandimento. Non è il teatro. Offre al pubblico di entrare nei personaggi. Succede anche a me: quando leggo un libro o una sceneggiatura vedo i volti, immagino la voce dei personaggi, anche se hanno la loro. Se non riesco a fare questo rinuncio alla sceneggiatura che mi era stata proposta. In questo mi aiuta molto l’istinto, anche se è proprio l’istinto che mi porta a commettere errori, e ne ho commessi in vent’anni di carriera e posso aggiungere che ho avuto il lusso di poter sbagliare. Innanzitutto perché arrivata in Italia dalla Polonia mi sono trovata a fare il mestiere d’attrice senza ricevere i giudizi più severi, quelli dei parenti e amici».

Durante l’intervista, grazie alla domanda di un collega, commossa, Kasia Smutniak ha ricordato il regista Peter Del Monte scomparso il 31 maggio 2021 con cui nel 2007 aveva recitato ‘Nelle tue mani’: «Di quell’esperienza mi ricordo tutto. Dopo quel film io ho saputo cosa andare a cercare nel mio lavoro futuro. Peter mi ha dato la totale libertà. A vent’anni quando ti danno la libertà vai nel panico, ma oggi averla avuta ha fatto di me una persona e un’attrice diversa». Le chiediamo cosa e come è cambiato il mondo cinematografico italiano, dai suoi esordi a oggi. Lei si ferma a pensare, poi decisa risponde: «Il mondo è cambiato. Ed è stato un cambiamento così veloce… basta pensare all’arrivo delle piattaforme, prima il progettare un film era storia spesso di anni e lo stallo serviva per pensare, valutare, serviva per una maggior attenzione al girato e a tutto il lavoro di postproduzione. Oggi è tutto più veloce, abbiamo messo il piede sull’acceleratore. Prima si sperava di andare ai festival per far vedere i propri film, oggi è tutto diverso, tutto più aperto. Tutti speravamo che questa novità portasse aria fresca nel mondo del cinema, ma ci siamo trovati davanti alla globalizzazione del racconto. C’è richiesta si, ma di storie che si assomiglino. Io ho voglia di scoperte nuove. Il cinema non deve creare racconti omologati solo per compiacere il pubblico. Dobbiamo dare una svolta, imprimere un cambiamento, e questo può avvenire, soprattutto per un fatto: vent’anni fa non era possibile per noi donne avere quegli spazi che ci stiamo prendendo oggi. Spazi di racconto che saranno giudicati dai nostri nipoti. Il problema è che se la narrazione resta nelle mani dei maschi non c’’è futuro, restiamo a raccontare le solite banali storie. Il problema delle piattaforme infine è quello della fretta, tutti devono fare in fretta sceneggiatori, registi, musicisti… ma è come preparare una torta, non puoi anticipare i tempi. Ecco il problema oggi è questo».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved