Atalanta
2
Venezia
0
1. tempo
(2-0)
Fiorentina
3
Sampdoria
1
1. tempo
(3-1)
Losanna
Ajoie
19:45
 
Zurigo
Friborgo
19:45
 
Davos
Langnau
19:45
 
Zugo
Ambrì
19:45
 
Lugano
Ginevra
19:45
 
Zugo Academy
2
GCK Lions
0
1. tempo
(2-0)
La Chaux de Fonds
Kloten
19:45
 
Turgovia
Ticino Rockets
20:00
 
Sierre
Winterthur
20:00
 
la-piazza-parte-bene-e-per-fortuna-la-politica-guarda-altrove
Giona A. Nazzaro
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
6 min

‘Informazione Rete Uno alla deriva’; ’No, sempre al centro’

La Rsi risponde all‘Associazione per la difesa del servizio pubblico che ieri aveva parlato di ’chiaro indebolimento del palinsesto informativo’
Culture
1 ora

Crowdfunding: un milione di franchi in buoni Liber

Grande successo per la campagna del settore svizzero dei libri concepita per alleviare le perdite subite da autrici, autori, case editrici e librerie
Cinema
1 ora

‘Loving Highsmith’ apre le 57esime Giornate di Soletta

Il ritratto della scrittrice statunitense Patricia Highsmith, che raggiunse la fama con Hitchcock, nel documentario della basilese Eva Vitija
Musica
1 ora

Barocchisti e Coro Rsi dal ‘De Profundis’ al ‘Gloria’

Diretti da Diego Fasolis, sabato 11 dicembre alle 20.30 a Lugano-Besso, Auditorio Stelio Molo, in collaborazione con la Rsi
Culture
2 ore

Tra libri d’artista e ‘Fluire’, Valsangiacomo in Biblioteca

Giovedì 2 dicembre alle 18 a Lugano, mostra/incontro con Mauro ‘Vals’ Valsangiacomo, fresco vincitore del premio Virgilio Masciadri
Spettacoli
2 ore

Joyce Elaine Yuille, The Gospel Times al Teatro del Gatto

La vocalist newyorkese, milanese d’adozione, incontra l’ensemble romagnolo Jazz Inc. Il risultato è live, giovedì 9 dicembre ad Ascona
LuganoMusica
5 ore

Martha Argerich al Lac con European Philharmonic of Switzerland

Lunedì 6 dicembre a Lugano. Dirige Charles Dutoit, in un connubio che arriva da Montreux 2018
Spettacoli
8 ore

‘Taac’, il Milanese Imbruttito sbarca al cinema

La grande popolarità della pagina social ha portato a un film con Germano Lanzoni, Claudio Bisio e Paolo Calabresi. Dal 7 dicembre
bastiancontrario
06.08.2021 - 17:560
Aggiornamento : 20:01

La Piazza parte bene. E per fortuna la politica guarda altrove

Giona Nazzaro ha iniziato bene, offrendo film che rispettano e rispecchiano lo spirito locarnese. Mentre dopo i discorsi delle autorità tutto tace sul fronte politico

Uno dei Leitmotiv di tutti i discorsi ufficiali dei primi giorni – quelli del presidente Solari o del consigliere federale Alain Berset o di altri ospiti ufficiali, a livello comunale, cantonale o internazionale – è il coraggio di aver scommesso su un’edizione totalmente aperta o quasi. Aver permesso cioè di ritrovare dopo un anno di astinenza il festival che conosciamo e amiamo, quel festival fatto di proiezioni pubbliche, di incontri con registi e attori, della Piazza Grande piena di migliaia di persone, di spazi per incontrarsi, discutere, ritrovare il piacere di stare insieme e gustare del buon cinema.

Se pensiamo a un anno fa o anche solo sei mesi fa, quando la macchina organizzativa della manifestazione inizia a mettersi in moto, non è stato sicuramente facile prendere questa decisione e quindi rendiamo merito allo staff del festival, presidente e direttori, di aver avuto il coraggio di fare questa scelta e soprattutto di averla resa possibile e praticabile senza troppe difficoltà, senza complicazioni impossibili da superare. Certo è necessario prenotare i biglietti in anticipo, in certe situazioni anche avere il Certificato Covid Cert, ma sono misure necessarie e accettabili.

Rimane solo l’incognita del tempo, speriamo che la Madonna del Sasso continui ad avere un occhio di riguardo come ai tempi del presidentissimo Rezzonico, e il festival si avvia questa sera ad affrontare il suo primo week end.

Se la prima scommessa era quella di decidere di poter avere un festival “normale”, la seconda era sicuramente quella del nuovo direttore. È ancora presto per esprimere giudizi, ma se ci limitiamo alla scelta dei film per la Piazza, Giona Nazzaro ha iniziato bene, offrendo film che rispettano e rispecchiano lo spirito locarnese: qualità e spettacolarità, attenzione ai gusti di un pubblico diversificato. Per un giudizio più approfondito aspettiamo la fine.

Tra le novità annunciate in questi primi giorni non possiamo dimenticare la nomina all’Università della Svizzera italiana dell’americano Kevin B. Lee quali Locarno Film Festival Professor for the future of cinema and audiovisual arts. Certo la notizia non tocca il grande pubblico, non porterà grandi cambiamenti, ma consolidare il rapporto tra festival e università è fondamentale per il futuro e per la presenza del festival a livello culturale internazionale.

Sul fronte della politica tutto tace… Se pensiamo che questa rubrica era nata cinque anni fa quando non mancavano da parte di alcuni politici (in particolare della Lega) attacchi diretti a festival e ai suoi finanziamenti, etichettando tutti i frequentatori del festival come pericolosi gauchiste… I finanziamenti sono aumentati a livello cantonale e federale senza opposizione, la destra tace, tutta concentrata sui molinari e ha dimenticato il festival. Speriamo che non sia un miraggio…

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved