ode-a-brunori-sas-anche-in-formato-cheap
‘L’aria un po’ sinistra da vecchio socialista’ (Brunori Sas official facebook)
ULTIME NOTIZIE Culture
Teatro San Materno
13 min

Pierre Byland ed Enrico Ferretti, ‘Due etologi’ al San Materno

Sabato 4 giugno alle 20.30, spettacolo tragicomico contemporaneamente in lingua italiana e francese
Spettacoli
3 ore

Stewart Copeland, Irene Grandi e le streghe della Val d’Ossola

Debutta in luglio ‘The Witches Seed’, opera lirica dell’ex Police con inserti rock dell’interprete italiana e canzoni di Chrissie Hynde dei Pretenders
Spettacoli
4 ore

Springsteen torna in tour nel 2023: toccherà Svizzera e Italia

’The Boss’ si esibirà al Letzigrund di Zurigo il 13 giugno 2023. Prevista anche una data a Monza il 25 luglio 2023. Biglietti in vendita da lunedi
Culture
15 ore

Addio a Miss.Tic, celebrità della street art

Fu antesignana dei graffiti, prima osteggiata poi rivalutata. Si è spenta all’età di 66 anni.
Scienze
19 ore

I pianeti con due soli ospitali per la vita

Lo indica uno studio pubblicato su Nature dal gruppo dell’Università di Copenaghen guidato da Jes Kristian Joergensen
Culture
20 ore

Storia di mali, traditori, assassini e uomini giusti

‘Un fatto umano’ racconta la storia del pool antimafia attraverso un bestiario chiamato a dare forma al peso etico-morale degli uomini che rappresenta
Spettacoli
21 ore

Fedez e J-Ax fanno pace e lanciano un festival gratuito a Milano

Una lunga chiamata fra i due ha risolto una serie di dissidi ed è sfociata nella proposta di tenere un evento di beneficenza il 28 giugno in piazza Duomo
The deep NEsT
1 gior

Vera Gheno, sociolinguista, nel nido di Bandecchi e La Rosa

Incontrata in occasione del festival ‘Generando’, è l’ospite della nuova puntata (su YouTube, Spotify e sul sito www.thedeepnest.com)
Spettacoli
1 gior

Radio Italia, in 50mila in piazza del Duomo (assetati compresi)

Polemiche sul web dopo il concertone: ‘Lasciati senz’acqua per ore’. Soccorsi in 210, riferisce la Questura
Società
1 gior

Un cinema itinerante per i bimbi ucraini

In collaborazione con il Border Crossing Children’s Film Festival, Castellinaria presenta tre giornate di proiezioni
Società
1 gior

Il cinema svizzero parla quattro lingue, ma ride in due

La ‘settima arte’ oltre Gottardo vista con gli occhi, e la cinepresa, di un regista ticinese. Fulvio Bernasconi, da Lugano alla fama internazionale
Culture
1 gior

Quando il cinema racconta la storia e toglie le speranze

Solo a Cannes può succedere che un film, con la franchezza che esiste solo nel grande Cinema, chiuda tragici episodi di Storia o li apra
Spettacoli
1 gior

Cyrille Aimée: ‘Vivo il momento presente, come gli zingari’

La cantante jazz si esibirà domani sera alle 20.30 al Teatro del Gatto di Ascona
Spettacoli
1 gior

Fedez e J-Ax hanno fatto pace: ‘Domani vi raccontiamo tutto’

I due cantanti avevano smesso di parlarsi quattro anni fa. Ora sono tornati insieme per un’iniziativa benefica
Spettacoli
1 gior

Cannes, contro i femminicidi protesta sul tappeto rosso

Un lenzuolo bianco è stato srotolato a sorpresa: su di esso i nomi di 129 donne uccise da mariti e compagni
Arte
2 gior

‘Una raccolta d’arte moderna italiana’ al Masi

Carrà, Campigli, Manzù, Rosai, Scipione e Sironi in mostra a Lugano da domenica 22 maggio al 29 gennaio 2023
Culture
2 gior

Fabio Andina vince il Prix du public Rts

L’autore ticinese è stato insignito per il suo romanzo ‘Jours à Leontica’ (’La pozza del Felice’ in italiano)
Culture
2 gior

Seicento in fuga: la versione di Bargniff

In diretta da un’infame bettola milanese, l’intervista al ‘protagonista assoluto’ (o così dice lui) dell’ultimo romanzo di Carlo Silini
Culture
3 gior

Chiamarsi fuori: ‘A una voce’ di Sabina Zanini

Un romanzo d’esordio stupefacente su un bancario un po’ Bartleby, un po’ Fantozzi, ma con dentro un giardino incantato. E poi c’è Paganini
Spettacoli
3 gior

Margot Robbie nel prequel di ‘Ocean’s Eleven’

Secondo le prime indiscrezioni, la trama sarebbe ambientata negli anni ’60 in Europa, lontano da Las Vegas
12.01.2022 - 10:17
Aggiornamento : 13.01.2022 - 23:44

Ode a Brunori Sas, anche in formato ‘Cheap!’

Brunori Sas, ‘Cheap!’ (Universal) - ★★★★✩ - Cinque canzoni, ‘qualcosa di leggero’, sedici minuti che ci hanno cambiato la vita. In meglio

Su Apple Music, digitando ‘Brunori’, esce non si sa perché Bruno Mars. Il faccione blu di Dario Brunori appare poco sotto, nella Playlist ‘Brani essenziali’. Vicino a Bruno Mars. Digitando invece ‘Brunori Sas’, esce proprio Brunori Sas nel recente tripudio di uccellini aperto da ‘Cip!’, miglior album del 2020 per quelli del Premio Tenco, forse intimoriti nel 2017 dal dover premiare anche ‘A casa tutto bene’, nell’ipotetica playlist ‘Dischi imprescindibili’. Di volatile in volatile, a ‘Cip!’ è seguito lo strumentale ‘Baby Cip!’, segnalatovi su queste pagine tra i Christmas album atipici. Per completezza d’informazione: ‘Baby Cip!’ è originale rivisitazione di ‘Cip!’, risuonato nello stesso ordine di brani con gli strumenti e le voci delle ninnenanne e dedicato a Fiammetta, primogenita dell’autore, ma fruibile anche dai nostri “fanciullini interiori” (parole sue, con i proventi devoluti al reparto di neonatologia dell’ospedale Annunziata di Cosenza, città natale di padre e figlia).

Il terzo volatile, che ha appena mosso le sue alette in versione Ep, è ‘Cheap!’, letteralmente ‘economico’, perché fatto con pochi mezzi che comunque sono molti e tutti piacevolmente vintage, dal Geloso a bobina al Cp80 Yamaha, pianoforte semiacustico con cassa armonica in ghisa (che ha rovinato la schiena a intere generazioni di pianisti o aspiranti tali). ‘Cheap!’, scrive l’autore, è acronimo di Cinque Hit Estemporanee Apparentemente Punk. Virgolettando per intero: “Una raccolta di 5 canzoni casalinghe, scritte e registrate in una settimana durante le feste di Natale, con strumentazione scarna e approccio da ‘buona la prima’”.

Effetto nostalgia

“Ma me devo mette la Ffp2?”, scrive qualcuno prima della presentazione ufficiale dell’album breve, fissato per le 21 di lunedì scorso, quando sugli schermi del diversamente social Brunori è andato in onda il film di ‘Cheap!’, annunciato dal protagonista come “sedici minuti che vi cambieranno la vita, in peggio”, dalla qualità Vhs degna dell’epoca d’oro del porno, girato e montato da Giacomo Triglia, concluso nel Museo di Storia naturale della Calabria (ad Arcavacata, Rende, Cosenza).

Se ‘Cip!’ era l’album di ‘Per due che come noi’, l’educazione sentimentale di Brunori Sas, che tra amore e innamoramento, tra culi e cuori, scriveva un manifesto dell’amarsi a quarant’anni (quarantacinque a settembre), ‘Cheap!’ è quello di ‘Yoko Ono’, brano d’apertura sulla condizione femminile, la donna “calpestata da millenni da maschietti sempre in guerra”, punto di arrivo di una constatazione – “Chissà come sarebbe il mondo se qualche maschietto scendesse dal trono” – e di una domanda-ritornello che arriva dritta da ‘Berlinguer ti voglio bene’, il Benigni ruspante del 1977: “Pole la donna permettisi di pareggiare coll’omo?” (qui nel toscano originale del regista Duccio Chiarini, very special guest).

Di toscano in toscano, alla traccia 3 si cita il Monni di ‘Benvenuti in casa Gori’ in ‘Il giallo addosso’, storia di bambini che usano i telefonini e bambini che li fabbricano, alla fine della quale si fa prima a dar la colpa ai cinesi per quel che accade a Cosenza, Pechino o Seul. Se ‘Figli della borghesia’, che chiude l’Ep, è la botta emozional-generazionale che riempirà pagine e bacheche, ‘Italiano-latino’, in maccheronico sudamericano su ritmica hawaiana, è un ritratto dell’italiano nostalgico, “pettorale di legno ma uccello pequeño como Calimero”, dove la nostalgia è “che un giorno lui possa tornare a parlar dal balcon”.

Bastoni e carote

Nella consueta alternanza di bastoni e carote tramite i quali il cantautore la poggia piano da sempre, in questo gustoso panino della vita dove quella in mezzo non è sempre Nutella, Brunori pare ancora l’unico in giro con l’autorevolezza per sbatterci in faccia l’infanzia, i sogni, l’amore, i fallimenti, la catastrofe e un filo di speranza. Tra i complimenti più sentiti lasciati in rete a margine dell’esibizione, ci sono quelli di chi lo vuole dopo Mattarella, di chi “avevo delle certezze, ma la stima che ho di te mette in dubbio anche la mia sessualità” e chi “e fallo un pezzo brutto ogni tanto, per vedere che cosa si prova!”.

C’è anche chi, ogni volta che esce qualcosa di Brunori Sas, il fanciullino interiore che un tempo aspettava i nuovi dischi davanti alla vetrina ha un fanciullesco interno sussulto. Saranno “la giacca da impiegato e la barbetta, la montatura spessa e la panzetta”, saranno “l’aria un po’ sinistra da vecchio socialista e l’ironia un po’ cattocomunista”, (auto)ritratto della categoria in ‘Ode al cantautore’, traccia 2 che abbiamo lasciato per ultima, non ulteriormente spoilerabile, raro momento di tv verità che chiama la risata grassa. Ode al cantautore, dunque, ode a Brunori Sas e ai suoi sedici minuti che ci hanno cambiato la vita. In meglio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
brunori sas cheap
© Regiopress, All rights reserved