laRegione
carla-bruni-piano-piano-sottovoce-come-piace-a-marzullo
Rien de rien (Keystone)
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
10 ore

Le forze di Marta Margnetti in mostra al Masi

Palazzo Reali ospita l’esposizione ‘e improvvisamente scossa da una forza’ dell’artista ticinese vincitrice del Premio Manor 2020
Spettacoli
1 gior

'Suoni al buio' al Dimitri e al Foce, in sicurezza

L'esperienza sensoriale che ha girato il mondo torna il 12 dicembre a Verscio e il 13 a Lugano.
Spettacoli
1 gior

'Prisencolinensinainciusol', e il Molleggiato sbanca Twitter

Tre milioni e 100 mila visualizzazioni, più di 135 mila like, decine di migliaia di retweet e commenti da tutto il mondo, da Hollywood alla Silicon Valley
Scienze
1 gior

Le Alpi centrali crescono di 80 cm a millennio

Parte della catena alpina cresce più rapidamente di quanto si eroda, confutando l'idea che sollevamento ed erosione fossero in equilibrio
Scienze
1 gior

Il rumore degli aerei aumenta il rischio di morte per infarto

È già noto che l'inquinamento fonico cronico comporta un alto rischio di cardiopatia ischemica. Ora tocca agli aeroplani di notte.
Spettacoli
2 gior

Addio a Daria Nicolodi, con Dario Argento nella vita e nei film

Attrice e sceneggiatrice, madre di Asia, ha lavorato con il regista romano in molti dei suoi film storici, da 'Profondo rosso' a 'Opera'
Jazz
2 gior

Frank Salis, due concerti in tutta intimità

Al Sociale domani, venerdì 27 novembre alle 20.45, e al Gatto sabato 28 novembre alle 20.30. Tanto caribbean jazz e una Christmas song
Cult
2 gior

'Vacanze di Natale', il cinepanettone diventa libro

Il libro ripercorre la gestazione e la realizzazione di una pellicola entrata ormai nell'olimpo dei cult
Il caso
2 gior

Fare la spesa in modo sexy: è bufera sulla Rai

Proteste sui social e nel mondo politico per un tutorial che spiega come fare la spesa in modo sensuale, andato in onda a 'Detto Fatto'
Castellinaria
3 gior

Nonostante la nebbia. Nonostante Paskaljevic

Fuori concorso a Castellinaria l'ultimo film del regista e sceneggiatore serbo: un non sempre convincente dramma psicologico sui minori non accompagnati
Figli delle stelle
24.10.2020 - 11:000

'Carla Bruni': piano piano, sottovoce (come piace a Marzullo)

★★✩✩✩ - Ben suonato e impeccabilmente prodotto, un sospiro dopo l'altro dell'ex Première Dame e si arriva (finalmente) alla fine

“Meno male che c’è Carla Bruni”, gridava Simone Cristicchi, anche in versione con Frankie Hi-NRG, nel suo periodo incazzoso durante il quale voleva cantare come Biagio Antonacci. È tornata l’ex modella ed ex Première dame de France con i suoi valzerini e i suoi swinghini che tanto c’intrattengono sin dai tempi del 4-accordi-4 ‘Quelq’un m’a dit’, spacciato per canzone d’autore e sdoganato dal Sanremo 2003 di Fabio Fazio, tornato (quest’ultimo) a ospitarla in un suo programma per lanciare ‘Carla Bruni’, nuovo album eponimo anche in versione Deluxe (nella diretta dalla stanzetta della musica della oggi cantante è apparso anche l’ex presidente. Perché “siamo fatti così, Sarkonò Sarkosì”).

Già supermodella, già attrice – il fan di Woody Allen riesce a dimenticarsi la sua apparizione in ‘Midnight in Paris’, visto due volte – Carla Bruni torna per “esprimere se stessa in totale serenità attraverso la musica e le parole delle sue canzoni”, in un album “tra amore e malinconia” che include anche una dedica al marito (‘Le garçon triste’). Primo lavoro d'inediti dopo 7 anni, ‘Carla Bruni’ è ‘il solito, grazie’: voce attaccata al microfono e un sospiro dietro l’altro. E sospiro dopo sospiro ci vogliono grandi motivazioni per andare oltre la graziosa ‘Quelque chose’ e trascinarsi zuccherosamente – una volta transitati per lo swinghino ‘Le petit guépard’, accompagnato da una finta live session tutta faccine e mossette – fino a ‘Voglio l’amore’, imbarazzante duetto rap con la sorella Valeria Bruni Tedeschi.

'HYour lady'

A questo nuovo album che ben s’addice al soprannome dato alla sua interprete da Kate Moss in epoca di fashion (‘Boring Carla’), si ha la sensazione di riuscire ad arrivare fino in fondo solo perché l’album, registrato negli Studi Ferber di Parigi, è prodotto impeccabilmente – e impeccabilmente è anche arrangiato – da Albin de la Simone (già con la meglio eterea Pomme e con Vanessa Paradis), acustico sino all’osso e divinamente suonato (le stelle sono tutte per lui). Ma per giungere al termine del viaggio si deve sopravvivere a ‘Your lady’, anzi, ‘Hyour lady’, episodio in lingua inglese nel quale la cantautrice, a scanso di equivoci – o per abuso di sospiri – infila la ‘h’ dappertutto (‘So hI’ll never be hyour lady, so hI’ll never be hyour girl’). Arrivati, infine, a ‘La mort des amants’, e cioè a Charles Baudelaire messo in musica, le soluzioni sono due: recuperare la versione di Léo Ferré oppure ascoltare Auroro Borealo (vedi in basso a sinistra).

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved