laRegione
Nuovo abbonamento
l-ultimo-desiderio-il-nuovo-di-daniele-silvestri
'Argento vivo', Sanremo 2019 (Letizia Reynaud)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
1 gior

Locarno2020, Pardi al femminile per i film di domani

Le registe Lucrecia Martel e Marí Alessandrini vincono i premi del concorso The Films After Tomorrow. Tra i corti, premi per Darol Olu Kae e Jonas Ulrich
Spettacoli
2 gior

Locarno2020, vent'anni di Boccalino (e di Marco Solari)

L’unico premio indipendente del Festival festeggia i vent’anni: la consegna dei premi in Città Vecchia con risotto e buon vino
Spettacoli
2 gior

A Meride tanto 'Cibo per l'anima' a chilometro zero

Solidarietà per la cultura: nel giardino di Lothar Drack, fino al 26 settembre, artisti dal Ticino e zone limitrofe. Entrata (e soprattutto offerta) libera.
L'intervista
2 gior

Samuel attracca nel 'Golfo Mistico' di Lugano

Già (e sempre) frontman dei Subsonica, porta il disco solista 'cambiato e cresciuto' e il resto di sé al LongLake Festival domani, venerdì 14 agosto
Scienze
3 gior

Addio a Konrad Steffen, l’uomo dei ghiacci e della scienza

Il glaciologist svizzero, direttore del Wsl, è morto nei giorni scorsi in Groenlandia, a lungo oggetto delle sue ricerche sul riscaldamento globale
Culture
3 gior

#SolidarityForMusic dal Lucerna Festival sulle note di Beethoven

Un 'Inno alla gioia' aperto a ogni interpretazione per una campagna di solidarietà in favore dei musicisti svizzeri, con grandi ambasciatori.
Culture
3 gior

Più di mille: gli organizzatori di concerti non esultano

Con le nuove disposizioni "cambia poco": le forti preoccupazioni espresse da Jacky Marti, patron di Estival Jazz, e Michele Gatti di Horang Music
Spettacoli
3 gior

Locarno 2020, la perfezione del cinema a Open Doors

Al Festival due film suberbi: ‘Kairat’ di Omirbaev e ‘Engkwentro’ (Scontro) di Pepe Diokno
Spettacoli
4 gior

Locarno2020 e la follia del nostro ignorare il mondo

Ai Pardi di domani, vera rivelazione di questo festival anomalo, scopriamo l'interessante “Icemeltland Park” di Liliana Colombo
Musica
4 gior

Pietro Bianchi: 'Dimitri trasformava tutto in poesia'

Giovedì 13 agosto alle 20.30 a Verscio, il musicista e musicologo insieme a Roberto Maggini e Duilio Galfetti nell'omaggio al grande clown scomparso.
Teatro Sociale
4 gior

'Chi è di scena', dal 'Macbettu' a 'La menzogna'

Prosa in abbonamento, due le produzioni ticinesi: 'La bottega del caffè' e 'Olocene', Max Frisch per la prima volta in italiano
Figli delle stelle
15.06.2019 - 11:150

L'ultimo desiderio? Il nuovo di Daniele Silvestri

Daniele Silvestri – ‘La terra sotto i piedi’ - ★★★★✩ - Gratificante, realistico, amaro, autoironico, dannatamente vero: la recensione.

Dopo aver cambiato il titolo, ma soprattutto dopo aver ritrovato la voglia di raccontare come stanno le cose oggi, Daniele Silvestri pubblica un album gratificante. Per lui, che si ritrae accasciato sul mixer al termine delle registrazioni, per noi, quotidianamente bombardati da ottimismo fine a se stesso. Volenti o nolenti, perché alcune cose sono schiaffi in faccia, ‘La terra sotto i piedi’ è (anche e soprattutto) un piccolo trattato di comunicazione e incomunicabilità, umana, tecnologica, artistica.

Il centro vitale di quest'album è un capolavoro intitolato ‘Concime’, che narra di “un tempo in cui comunicare era molto più scomodo e meno immediato”, un tempo in cui “le dichiarazioni, di guerra o d'amore non ammettevano errore”. E se nella sanremese (ma solo per collocazione storica) ‘Argento vivo’ il tormento lo cantava in prima persona il giovane, in ‘Concime’ a parlare è l’adulto: “Mi manca la terra sotto i piedi, un solido riferimento in basso da cui attingere conforto anche quando non lo vedi”, che pare il ritorno forzato sulla terra di Silvestri dopo i voli pindarici di ‘Acrobati’ (“Mi serve gravità, la stessa che negavo fino a ieri, quando predicavo di essere funamboli sospesi”).

A proposito di comunicazione. Uscita prima di Sanremo, ritmicamente un po’ cafona nel senso più ‘Salirò’ del termine (quindi bella), in ‘Complimenti ignoranti’ sono fniti i leoni da tastiera, una raccolta dei virgolettati di disistima digitati dal pubblico molesto (“Mi sono autoinsultato”, dice l’artista): esaltata dalla minaccia “Sono io il tuo fan vero, posso mandarti a fan c***”, alla fine è Silvestri a mandarcelo, il fan, a fan c***.

Rame’ è una specie di ricerca del tempo perduto non proustiana, con il sax di James Senese ad aggiungere poesia a poesia, anche amara, per raccontare il “tempo perso per rinfacciarsi qualche errore” che si sarebbe dovuto metter via “come spiccioli di rame in un apposito forziere” per evitare, un giorno, di frugarsi nelle tasche invano. ‘Blitz gerontoiatrico’, invece, è una strigliatina ai reucci della trap con riferimenti allo sballo – “Non penserai che sia colpito dal saperti stupefatto, il fatto è che puoi fare molto meglio di così, se alzi il livello del discorso, non del THC” – e al rapporto con il mondo femminile – “Mi dici che frequenti molte tipe, che le cambi come fai per la palestra con le tute. Perché tanto sono solo prostitute, anzi bitches. Che è come dire hot-dog mangiando le salsicce”. Verso la fine, poi, c’è ‘L’ultimo desiderio’, ballad costruita su di una manciata di versi per la quale ogni altra parola spesa per raccontarla sarebbe disturbo.

 

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved