Presentazione libraria
23.01.2023 - 12:22
Aggiornamento: 24.01.2023 - 10:28

Cara Margherita… Lettere di Guido Tedaldi dalla Guerra di Spagna

Dieci anni di storia raccontati da un centinaio di epistole raccolto in un volume che verrà presentato alla Biblioteca cantonale di Locarno, il 27 gennaio

cara-margherita-lettere-di-guido-tedaldi-dalla-guerra-di-spagna
Fondazione Pellegrini Canevascini
La copertina del carteggio fra Guido e Margherita

Guido e Margherita Tedaldi sono i protagonisti del prossimo incontro della rassegna ‘Itinerari di testimoni della libertà’ (con occhio particolare sui volontari ticinesi nella Guerra civile spagnola) promossa dal Gruppo culturale della sinistra Locarnese e valli. L’appuntamento è in calendario venerdì 27 gennaio (alle 18.15) presso la Biblioteca cantonale di Locarno. Al suo centro c’è la presentazione del libro curato da Renato Simoni e pubblicato dalla Fondazione Pellegrini Canevascini, che si occupa della storia sociale della Svizzera italiana, ‘Guido e Margherita Tedaldi. Lettere tra un volontario della guerra di Spagna rifugiatosi in Unione Sovietica e la moglie operaia a Tenero (1937-1947)’.

Il lavoro attorno al carteggio fra marito e moglie è stato approfondito e presenta un centinaio di lettere e altri documenti che raccontano dieci anni in cui il volontario nella Guerra civile spagnola è lontano da casa. Fra i punti d’interesse della pubblicazione, anche lo spazio che viene dato alla famiglia, spesso relegata in secondo piano. La vicenda di Margherita e Guido (1909-1990) si inserisce nel contesto dell’attiva solidarietà antifascista che coinvolse circa 40mila combattenti (dal Ticino, furono all’incirca ottanta), per lo più confluenti nelle Brigate internazionali durante la Guerra civile spagnola (1936-1939).

Durante l’incontro di venerdì interverranno il curatore Renato Simoni, che è storico e docente, nonché membro della Fondazione Pellegrini Canevascini studioso della Guerra di Spagna; Marco Marcacci, storico, ricercatore e membro della Fondazione e il giornalista Giò Rezzonico.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved