ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
1 ora

Glastonbury per l’addio di Elton John in Gran Bretagna

Sir Elton ha scelto la kermesse estiva come ultima tappa britannica del suo Farewell Yellow Brick Road
Culture
1 ora

‘Orizzonti filosofici’, è la volta di Eugenio Lecaldano

Martedì 6 dicembre alle 20 al Centro Leoni a Riazzino, il noto filosofo italiano tratterà la concezione dell’identità personale secondo David Hume
Culture
4 ore

Addio a Vittorio Barino

Regista di teatro e di televisione, legato tanto al dialetto quanto alla lingua italiana, è morto all’età di 87 anni. Il ricordo di Flavio Sala
Spettacoli
6 ore

Lugano applaude Umberto Tozzi, una canzone è per sempre

Tutte le strade portano sempre a ‘Gloria’, alla quale il ‘Gloria Forever Tour’ è dedicato: canti di gruppo e, alla fine, Palacongressi in piedi
Culture
8 ore

‘Musica come cura’, ultimo appuntamento

‘Musica e coesione sociale’ è il titolo dell’incontro conclusivo, lunedì 5 dicembre alle 18 al Campus Est dell’Usi a Lugano
Scienze
10 ore

Ecco cosa causa le eruzioni esplosive di Etna e Stromboli

I due vulcani, generalmente di tipo effusivo, a volte manifestano eventi esplosivi a causa di nanocristalli che rendono il magma denso e causano bolle
Spettacoli
10 ore

Un premio ‘negativo’ per l’emiro del Qatar

Il festival dell’umorismo di Arosa ha assegnato il ‘Pupazzo di neve dell’anno 2022’ a Tamim bin Hamad Al Thani per il suo disprezzo per i diritti umani
Spettacoli
12 ore

È morto Brad William Henke, star di ‘Orange Is the New Black’

L’attore è morto nel sonno a 56 anni per cause ancora non rese note. Suo il ruolo dell’agente Piscatella nella serie Netflix e quello di Bram in ‘Lost’
Spettacoli
16 ore

La battaglia di Arbedo tra donne e Cabaret

Mercoledì al Sociale PonteatriAmo rivisita lo scontro di 600 anni fa tra milanesi e confederati, sul copione inconfondibile di Renato Agostinetti
L’intervista
19 ore

Eugenio Finardi, anche ‘Euphonia Suite’ è musica ribelle

Una traccia unica minimalista, da ‘Voglio’ fino a ‘Extraterrestre’, e in mezzo ‘Soweto’, ‘La radio’, ‘Diesel’ e molto altro. Lunedì, showcase alla Rsi
Ticino7
1 gior

Michael Jackson, il ‘Thriller’ dei record a ‘Di tutto un pop’

Il 30 novembre di 40 anni fa usciva l’album più venduto di sempre. Sabato 3 dicembre, Sergio Mancinelli lo racconta (a parole e nel podcast)
Libri
1 gior

La letteratura per ragazzi interpretata da Olimpia De Girolamo

L’appuntamento di chiusura della stagione ’22 della Casa della letteratura di Lugano è in calendario sabato 3 dicembre, alle 16.30 a Villa Saroli
teatro
1 gior

Carmelo Rifici fra i finalisti del Premio Ivo Chiesa

Il regista e direttore artistico del Lac è stato nominato nella categoria Premio La Scuola. Il riconoscimento è promosso dal Teatro Nazionale di Genova
Culture
1 gior

Oltre mezzo milione di visitatori per i musei ticinesi

Pubblicati i dati 2021 relativi al settore della cultura nel Rapporto statistico cantonale dell’Osservatorio culturale ticinese
Società
1 gior

Campagna pubblicitaria choc: bambini con peluche bondage

Per promuovere i propri articoli, nel caso zainetti, la maison di moda Balenciaga scivola su fotografie di cattivo gusto: e scoppia la polemica
Podcast
1 gior

The deep NEsT, Marco Coppola nel nido di Bandecchi e La Rosa

Ospite, in occasione della Giornata mondiale contro l’Aids, il responsabile di Gayticino a Zonaprotetta. Su YouTube, Spotify e www.deepnest.com
Distopie
1 gior

‘La strada’, un padre e un figlio dopo l’Apocalisse

Storia d’amore paterno nelle peggiori condizioni che si possano immaginare, Premio Pulitzer 2007 a Cormac McCarthy
Spettacoli
1 gior

Compagnia Finzi Pasca, un Sociale per ‘52’

Sabato 3 dicembre al Teatro Sociale di Bellinzona, ispirato a ‘Ochentas Balas sobre el Ala’ di Pablo Gershanik
Culture
1 gior

Osi di nuovo alle Officine per il Concerto di Natale 2022

Guidata dal direttore d’orchestra italiano Enrico Calesso, il 10 dicembre tra Dvořák e Brahms
Otium
2 gior

Il Forum per l’italiano in Svizzera

Nasce ‘Otium’, pagina culturale a scadenza mensile che si prefigge di fare divulgazione sul duplice fronte umanistico e scientifico
Musica
2 gior

Addio a Christine McVie, voce dei Fleetwood Mac

Cantante, cantautrice e tastierista, è morta all’età di 79 anni dopo una breve malattia
Spettacoli
2 gior

Hang Massive, vibrazioni sonore a Lugano

‘Viviamo in un mondo con una sola immensa umanità’ è il messaggio di Danny Cudd e Markus Offbeat, venerdì 2 dicembre allo Studio Foce
Società
2 gior

Jim Carrey lascia Twitter, senza nominare Elon Musk

L’attore di ‘The Truman Show’ non nomina il nuovo proprietario del social, ma pubblica un video animato che molti leggono come provocazione al miliardario
Società
2 gior

Domande razziste a corte, impiegata staff reale si dimette

La donna avrebbe insistito a chiedere quali fossero le radici di un’attivista malgrado i ripetuti tentativi di spiegarle che si sentisse britannica
L’intervista
2 gior

Silvio Orlando, un Momò a Locarno

Sabato 3 e domenica 4 dicembre, l’attore porta in scena ‘La vita davanti a sé’ di Romain Gary, pièce in cui è Momò, bimbo arabo simbolo di convivenza
RICERCA SOCIALE
laR
 
07.10.2022 - 05:15
Aggiornamento: 16:42

Quella violenza che non guardiamo

Spesso le persone non intervengono quando assistono a un’aggressione, sia essa reale o virtuale. Perché? Una neuroscienziata prova a spiegarcelo.

quella-violenza-che-non-guardiamo
Rosalba Morese (R.M)

‘Pestato a sangue sotto gli occhi dei passanti immobili’. Abbiamo letto titoli simili centinaia di volte – quest’estate, ad esempio, nel caso della feroce uccisione di un ambulante nigeriano a Civitanova Marche – magari col corredo d’un video truce per fomentare la nostra indignazione: com’è possibile che nessuno sia intervenuto? Che razza di mondo stiamo diventando? Se però succede così spesso che gli spettatori d’una violenza pubblica non intervengano, prima di sentirci migliori di loro dovremmo chiederci cosa capita nelle loro teste. È un po’ quello che cercano di fare le neuroscienze sociali, il cui scopo è esplorare i correlati neurofisiologici dei nostri comportamenti davanti al prossimo.

L’effetto-spettatore

Scopriamo allora che quell’indifferenza – il cosiddetto ‘bystander effect’ o effetto-spettatore – non è del tutto contro natura, anzi: «Quando assistiamo a episodi di violenza in generale – ad esempio bullismo, violenza di genere e altro – o anche quando semplicemente vediamo persone in difficoltà in un contesto pubblico, come un anziano che inciampa e si fa male, il nostro cervello si prepara meno a un comportamento di aiuto se registra la presenza di più persone. In altre parole, più ampia è la presenza di altri spettatori, più il cervello ‘disattiva’ le aree che predispongono all’intervento. Sicché ci sentiamo meno responsabili e tendiamo a non agire, come se ci sentissimo estranei a quel che accade», spiega la psicologa e neuroscienziata dell’Università della Svizzera italiana Rosalba Morese. Il problema, insomma, è ‘La violenza che non guardiamo’, per dirla col bel titolo di un convegno che si terrà domani all’Università della Svizzera italiana (vedi accanto). Una violenza che può essere tanto fisica quanto psicologica.

Disattivazioni...

Come è facile intuire, questo tipo di disattivazione entra in gioco anche in contesti virtuali quali i social network, in cui il fatto di trovarsi in rete con un numero spropositato di sconosciuti può inibire, ad esempio, un nostro intervento per fermare la messa alla berlina di qualcuno o la pubblicazione delle sue nudità. Un dato importante, questo, in una società in cui le aggressioni ‘di strada’ paiono diminuire – pur con qualche sbalzo ed eccezione – mentre aumentano proprio quelle digitali, in particolare il cyberbullismo.

«Anche in questo caso è decisiva la dimensione del gruppo. Saperlo ci permette di essere più consapevoli di quel che ci succede in queste situazioni», osserva Morese. La ricerca delle neuroscienze sociali mira appunto a questo: «Capire meglio le dinamiche sottostanti a certi fenomeni, per individuare gli strumenti e le capacità da allenare per divenire una comunità più attenta».

... e riattivazioni

Per ovviare in particolare a questo ‘effetto branco’ così paradossale – in cui essere insieme ad altri ci spinge a isolarci, invece che a compiere quell’azione che pure sappiamo giusta – «è fondamentale apprendere a non guardare solo a quel che gli altri fanno, col rischio di non intervenire perché non lo sta facendo nessun altro» (peraltro, se seguiamo quel che fanno gli altri l’effetto può essere l’inazione, ma anche il suo opposto: il linciaggio). Secondo Morese questa sorta di abilitazione emotiva e cognitiva passa dal «riappropriarsi della propria responsabilità individuale, anzitutto allenando l’empatia, il mettersi nei panni degli altri. Molti studi sul cyberbullismo lo dimostrano: promuovere le capacità empatiche può inibire o ridurre il comportamento aggressivo di chi mette in atto comportamenti di bullismo e dei suoi ‘complici’ e può aiutarli a capire – e sentire – quanto stia male la loro vittima».

L’empatia, nota bene, non è semplicemente una risorsa naturale, qualcosa che o ce l’hai oppure no, bensì «una capacità che richiede esercizio e sensibilizzazione all’interno della propria cultura di riferimento, in tutti i contesti, dall’educazione ai media, che a loro volta partecipano al dibattito pubblico contribuendo a impostare la riflessione su determinati episodi e prospettive sociali». È un lavoro lungo, naturalmente, nei casi più fortunati agevolato dall’esperienza in famiglia, ma non solo: «L’educazione affettiva nell’ambiente familiare è importante, ma sviluppiamo certe abilità anche imparandole dai contesti sociali, nei quali i livelli di empatia possono cambiare nel tempo».

Lo smartphone e la nonna

Ma come e perché questi livelli di empatia cambiano? Viene naturale chiedersi se le tecnologie non contribuiscano a desensibilizzare le persone, come da vulgata cara a svariati osservatori. La risposta di Morese è più articolata: «Il nostro è un cervello sociale che si è evoluto stando con le persone, interagendo con loro, parlandoci, osservandone le espressioni. Se le tecnologie si traducono in un maggiore isolamento relazionale, allora è chiaro che certe capacità potrebbero essere intaccate, se non si dedica loro il tempo necessario». D’altro canto, il ragazzino che vediamo ingobbito sul suo smartphone e che ci fa pensare "guarda come sono soli, ’sti giovani d’oggi" potrebbe esser lì che chatta affettuosamente con la nonna ricoverata in ospedale: «Le tecnologie possono agire anche in modo inverso», riconosce Morese, «permettendo al nostro cervello sociale di connettersi con quello degli altri, come abbiamo visto succedere durante i periodi di isolamento dovuti alla pandemia. Su questo, però, le neuroscienze sanno ancora poco: i dati sono contrastanti e la ricerca è ancora giovane. D’altronde la tecnologia è ormai fondamentale e ci appartiene, dunque ben venga, anche se dobbiamo capire come trarne il miglior vantaggio per il nostro benessere personale e sociale».

Le vittime, dall’inizio

Infine – ma da un punto di vista sociale e culturale sarebbe meglio dire: all’inizio – ci sono le vittime, che spesso finiscono per chiedersi "perché sono stato aggredito? Ho sbagliato qualcosa?". Devono elaborare traumi, vergogne e sensi di colpa (ne avevamo parlato su ‘laRegione’ del 2 ottobre 2021): «Qui è fondamentale il supporto sociale. Il gruppo, la comunità, la società non devono lasciare sola la vittima. Il dolore psicologico che può provare, in un contesto reale o virtuale, perché esclusa o isolata è definito dolore sociale. Le neuroscienze hanno dimostrato che durante questo tipo di esperienza il cervello ‘recluta’ i circuiti cerebrali legati al dolore fisico. Evidenze neuroscientifiche dimostrano che il supporto di amici, familiari, colleghi di lavoro e della comunità possono fare la differenza nel diminuire la sofferenza».

È su questo aspetto che si innesta anche la riflessione della cosiddetta ‘giustizia riparativa’ – anch’essa al centro del convegno di domani – che cerca di stimolare forme di intervento non alternative, ma complementari al processo penale. Ad esempio l’incontro tra il reo e la vittima, non per inseguire il perdono, bensì per responsabilizzare il primo e consentire alla seconda di capire, elaborare e per quanto possibile risanare certi traumi. «Lo scopo», conclude Morese, «è sempre quello: attivare l’empatia e basare sul dialogo e l’incontro anche la lotta al dolore sociale».

IL CONVEGNO

All’Usi per capire, riconoscere, aiutare

"Siamo attorniati in ogni ambito da molteplici espressioni di violenza. Forse per difenderci, per non esserne coinvolti o feriti, o semplicemente per non sentirci complici passivi a volte la ignoriamo, la misconosciamo, la giustifichiamo". Parte da questa premessa l’evento organizzato domani all’Usi (dalle 8 e mezza alle 17 all’Aula Magna del Campus Ovest). Obiettivo, come da programma: "Interrogarci sulla nostra capacità di sostenerci reciprocamente nel riconoscere la violenza in tutte le sue forme, per intercettarla e per offrire sostegno alle persone che ci circondano, come familiari, amicizie, colleghe e colleghi o conoscenti che la agiscono o la subiscono. Spesso infatti desidereremmo poter fermare la violenza, ma non sappiamo come e se agire. Un prezioso potenziale di risorse resta così inoperante". Il convegno intreccia le competenze dell’istituto di Diritto e di quello di Argomentazione, Linguistica e Semiotica, aprendosi anche a diversi rappresentanti del mondo della giustizia, della sanità, della socialità e della prevenzione, per proporre un approccio al tema seriamente multidisciplinare. Tra i numerosi relatori e coordinatori dei diversi panel, oltre a Morese, ci saranno Bruno Balestra, ex procuratore generale e membro del Gruppo Giustizia Riparativa Ticino, il presidente della Corte dei reclami penali al Tribunale penale federale Roy Garré, il giornalista informatico Paolo Attivissimo e la professoressa straordinaria di Argomentazione della facoltà di Comunicazione, cultura e società dell’Usi Sara Greco.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved