21.07.2022 - 16:02
Aggiornamento: 19:48

Luca Serianni è morto

Il celebre linguista era stato investito da un’automobile lo scorso 18 luglio, a Ostia, mentre attraversava sulle strisce pedonali

Ansa, a cura di Red.Cultura
luca-serianni-e-morto
Il linguista e accademico della Crusca

È morto il professor Luca Serianni, il famoso linguista investito il 18 luglio da un’auto a Ostia, mentre attraversava sulle strisce pedonali. Si è spento alle 9.30 di questa mattina all’età di 75 anni; a dare l’annuncio è stata la sua famiglia che ha tenuto anche a ringraziare "tutti coloro che in questi giorni hanno manifestato il loro affetto".

Il ‘culto’ della parola come strumento del pensiero umano

Nato a Roma nel 1947, Serianni ha dedicato la sua vita al ‘culto’ della parola, primo strumento del pensiero umano, ponte tra noi e il mondo, e all’analisi dell’evoluzione della lingua dal latino all’italiano, dall’idioma popolare al linguaggio poetico, dalla grammatica storica all’influenza dei contesti culturali e sociali.

Dopo la laurea in Lettere sotto la guida di Arrigo Castellani nel 1970, ha iniziato molto presto la carriera accademica: è stato professore incaricato di Storia della lingua italiana nelle università di Siena, L’Aquila e Messina prima di diventare ordinario alla Sapienza di Roma, dove ha insegnato dal 1980 al 2017. Dopo essersi soffermato sulle parlate toscane, tema già al centro della sua tesi di laurea, Serianni ha focalizzato la sua attenzione sulla grammatica (Grammatica italiana - Suoni, forme, costrutti, con A. Castelvecchi, 1988; Italiano - Grammatica, sintassi, dubbi, 1997), sulla lingua letteraria (Introduzione alla lingua poetica italiana, 2001) e sui linguaggi settoriali (Un treno di sintomi - I medici e le parole: percorsi linguistici nel passato e nel presente, 2005).

Accademico della Crusca

Socio dell’Accademia della Crusca e dell’Accademia Nazionale dei Lincei, direttore delle riviste Studi linguistici italiani e Studi di lessicografia italiana, nel 2010 è stato nominato vicepresidente della Società Dante Alighieri. Ha curato l’opera in volumi Storia della lingua italiana per immagini. Tra i suoi saggi più recenti, Prima lezione di storia della lingua italiana (2015), Parola (2016), Storia illustrata della lingua italiana (2017, con L. Pizzoli), Per l’italiano di ieri e di oggi (2018), Il sentimento della lingua. Conversazione con Giuseppe Antonelli (2019), Il verso giusto. 100 poesie italiane (2020), Le mille lingue di Roma (2021) e Parola di Dante (2021).

Nel 2017 è stato nominato consulente del Ministero dell’istruzione per l’apprendimento della lingua italiana. Da anni viveva ad Ostia, dov’era molto attivo sul piano culturale e sociale: l’anno scorso aveva tenuto, nella chiesa di Regina Pacis, tre lezioni sulla Divina Commedia.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved