ULTIME NOTIZIE Culture
Società
7 ore

Dagli scout alla lotta operaia: storia orale dell’Mgp

Un volume appena pubblicato raccoglie testimonianze e destini del Movimento giovanile progressista
Società
12 ore

Multa da un milione di dollari per Kim Kardashian

La star dei reality sanzionata per non aver rivelato il suo compenso per un post su Instagram in cui reclamizzava una società di criptovaluta
Fotografia
14 ore

È morto il fotografo che fece di Marilyn Monroe una leggenda

Douglas Kirkland aveva ritratto più di seicento celebrità. Era nato in Canada nel 1934 e sua è la foto che ritrae l’attrice con indosso solo un lenzuolo
Culture
18 ore

Il Nobel per la medicina all’archeologo del Dna

Premiato Svante Pääbo per le sue scoperte sul genoma degli ominidi. Il 67enne ha aperto un nuovo campo di ricerca
Musica
21 ore

Ottaviano e Aram, tra nuove musiche e Jazz in Bess

Sabato 8 ottobre doppia proposta: l’Eternal Love di Roberto Ottaviano e il sestetto di John Aram
Spettacoli
1 gior

‘Dimitri saliva sul palco e taaac, si accendeva la lampadina’

Duilio Galfetti ricorda il grande clown, al quale con Roberto Maggini e Pietro Bianchi dedicherà l’omaggio il 5 ottobre con canti e musica popolare
La recensione
1 gior

Alla fine, per salvarci non c’è altro che l’immaginazione

Parte della trilogia dedicata all’amore, la performance di Treppenwitz ‘Amor fugge restando’ è andata in scena nel fine settimana nell’ambito del Fit
La recensione
1 gior

Osi al Lac, un memorabile Prokof’ev

La sala ha potuto godere di un bel programma dedicato al grande compositore. Eccezionale interpretazione di Marc Bouchkov
Settimane Musicali
1 gior

Lo Schubert ‘ecologico’ di Jordi Savall

Con la sua orchestra naturale, martedì 4 ottobre in San Francesco a Locarno (l’intervista)
Spettacoli
2 gior

Morto il regista Dragone, suoi gli show del Cirque du Soleil

Origini italiane, naturalizzato belga, avrebbe compiuto 70 anni il 12 dicembre. E tra i leader mondiali di eventi e spettacoli teatrali.
Arte
2 gior

Louise Nevelson ‘painted it black’

Al Museo comunale d’arte moderna di Ascona un’antologica sull’iconica artista statunitense da domani all’8 gennaio ’23. Ma si inaugura oggi alle 17.
Spettacoli
3 gior

FIT Festival, la seconda settimana

Si parte martedì 4 ottobre al Teatro Foce con ‘From Syria: is this a child?’, si chiude domenica 9 ottobre con ‘Bears’
Spettacoli
3 gior

Altre accuse di plagio per Ed Sheeran

‘Thinking Out Loud’ troppo simile a ‘Let’s Get It On’ di Marvin Gaye
Cinema
3 gior

10 Film Festival al PalaCinema, tocca al Kurzfilmtage Winterthur

Serata dedicata ai corti ticinesi quella del 6 ottobre alle 20.30, ospite, da Winterthur, il direttore artistico John Canciani
Culture
3 gior

Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury

Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Spettacoli
3 gior

Phil Collins vende il catalogo da solista e con i Genesis

L’intesa con l’americana Concord vale 300 milioni. Sono esclusi gli album con Peter Gabriel
Ticino7
3 gior

‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli

Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
4 gior

Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini

L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Culture
4 gior

Dal bio all’ambiente, l’utopia moderna del Monte Verità

Sabato 1 ottobre presentazione in anteprima di ‘Back to Nature’, nuovo volume su una colonia che ha anticipato molti temi oggi attuali
Cinema
4 gior

‘Guerra, guerrae, guerrarum’

Il fil-rouge della nona edizione del Film Festival Diritti Umani Lugano: i conflitti quali contesti di annullamento dell’umanità. Dal 19 al 23 ottobre
Video
Musica
4 gior

‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen

Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
20.06.2022 - 20:58
Aggiornamento: 21:15

A Roveredo un festival ‘Grin’

‘Grin Festival - Musiche dal mondo’, nei Grigioni dal 30 giugno al 3 luglio, una proposta che arriva fino al teatro: a colloquio con Nico Fibbioli

a-roveredo-un-festival-grin
Clicca sull’immagine per la programmazione musicale. Su www.grinfestival.ch il programma completo

Con la mini-edizione dei giorni del Covid sarebbero cinque, ma quel che conta è che senza restrizioni è la quarta edizione del Grin Festival di Roveredo, ‘Grin’ da ‘grillo’ – come l’animaletto viene chiamato nei Grigioni – ma assai simile a ‘green’, verde, assonanza che si sposa con un happening musicale, anche teatrale, che vuole essere a tutti i costi ecosostenibile. Nella comunicazione ufficiale, Grin Festival viaggia insieme a ‘Musiche dal mondo’, attrazione principale di quanto accadrà dal prossimo 30 giugno al 3 luglio. «L’intento è sempre stato quello di portare i suoni del mondo nei Grigioni, gli esponenti della musica tradizionale e folk di ogni provenienza. È la ragione per cui il Grin esiste e nessun’altra», spiega Nico Fibbioli, punto di riferimento anche artistico dell’evento. «Sono un appassionato di musiche dal mondo da quando avevo 13 anni, ho sempre sognato di organizzare un festival che le potesse raccogliere. Ho studiato musica in India e nel 2017 alcuni amici indiani in tour in Europa mi chiesero di organizzare loro un piccolo concerto, che si tenne proprio nella sede del Grin. La gente apprezzò, qualcuno chiese che la cosa si potesse ripetere. Il festival è nato cosi».

Senza limitazioni

C’è Fibbioli dietro i palinsesti annuali. Una volta che il Grin si è fatto conoscere, proposte e materiale d’ascolto sono cominciati ad arrivare spontaneamente. «Ma continuo ad ascoltare i gruppi, a scegliere, andando a volte per la mia strada, sempre rispettando alcune provenienze fisse, l’Africa, il Sudamerica, l’Europa e l’Asia, un tipo di rappresentanza il più globale possibile». E globale significa Gambia, Polonia, Estonia, Gran Bretagna, India, Georgia, Brasile, Germania, Serbia, Francia e Svizzera. Russia inclusa, che avrà il suono dei Dobranotch: «È il terzo anno che rimandiamo questo festival e la formazione russa era in lista già tre anni fa. Sono molto bravi, li avevo visti in concerto tempo prima in Estonia, li abbiamo confermati. Quando è successo quel che è successo in Ucraina mi sono confrontato con i miei collaboratori e ci siamo trovati tutti d’accordo sul fatto che non avrebbe avuto alcun senso escluderli per il solo fatto di essere russi, una limitazione che avrei trovato profondamente stupida. A garanzia però dell’essere contro la guerra: se mi avessero risposto di essere favorevoli, avrei detto loro di restarsene a casa; nel momento in cui mi hanno comunicato la loro assoluta contrarietà, mi sono ritrovato ancor più contento della loro presenza, perché portano qualcosa di più, un punto di vista di cittadini russi, ancora più importante».

In nome dell’apertura, ne abbiamo scritto nei giorni scorsi, il Grin aprirà anche una finestra sull’Ethno Switzerland, al via dal 30 giugno sempre a Roveredo, ospitando il lavoro finale di un camp internazionale di musica etnica che per la Svizzera è una prima assoluta. Sin dal 1990, Ethno tiene viva la tradizione musicale world, folk e traditional del pianeta attraverso camp annuali, workshop, concerti e tour in tutto il mondo. «Siamo stati i primi a organizzarlo in terra elvetica, siamo stati la prima associazione a entrare in Ethno, una piattaforma internazionale, ed è stata un’operazione impegnativa. È una prima edizione, speriamo serva ad accrescerne la popolarità in Svizzera».

Rivoluzionaria

Andando per grandezza di caratteri sulla grafica ufficiale del festival, il nome di punta del Grin è quello della gambiana Sona Jobarteh. E un motivo c’è. Impegnata in prima persona per i diritti civili, polistrumentista, cantante e compositrice, Jobarteh è una virtuosa di kora, arpa africana a 21 corde. A lei si deve la rottura della rigida tradizione patriarcale africana che proibiva alle donne di suonare strumenti musicali. L’artista gambiana è salita all’attenzione internazionale dopo aver composto la colonna sonora di ‘Motherland’, docu-film sull’Africa, e ha poi raggiunto piena fama con l’album ‘Fasiya’ (2011).

Fibbioli cita anche il lavoro di rivisitazione in chiave jazz-fusion della musica tradizionale polacca portata in atto dalla Warsaw Village Band, e i Chveneburebi, «che della musica georgiana sono tra i rappresentanti più importanti, incarnando però un mondo a sé». Tutta questa sete di ‘etnico’ – gli ucraini Go_A di ‘Shum’, Eurovision 2021, un fulgido esempio – contamina oggi sempre di più anche la scena mainstream: «Si va in quella direzione – specifica il direttore artistico – le contaminazioni nell’Europa dell’est sono letteralmente esplose».

Chi è di scena

Grin Festival è anche workshop, kid’s corner, camping e, come detto in apertura, teatro. Diverse le compagnie presenti. Le proposte di sabato, dalle 11: gli abiti trasformati in personaggi ne ‘Il guardaroba’, con Mariangela Martino; i due personaggi beckettiani di ‘Lesshome’ con Daniele Bianco e Florial Vuille; ‘La principessa vuole…’, con il duo Liebestoll in una pièce che prende spunto dall’ascesa dell’architetto roveredano del Settecento Gabriel de Gabrieli.

Di sabato, ma anche di domenica, la ‘Panikommedia’ di Circopaniko, spettacolo che unisce circo, comicità e musica dal vivo; l’omaggio a Rodari con le ‘Storie al telefono’ di Daniele Bianco; le ‘Genealogie caprine’ di Piera Gianotti; ‘Il bosco in valigia’, narrazione con figure di Santuzza Oberholzer. Detto questo, Fibbioli: un buon motivo per esserci? «Sembra scontato dirlo, ma sarà un festival diverso per come si conoscono i festival qui da noi. C’è la possibilità di farsi una vacanza, naturalmente, ma immersi in musiche dal mondo portate da gruppi veramente di gran livello. Sarà magico, questo posso garantirlo» (www.grinfestival.ch).


Welcome


Fino al 3 luglio

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved