ULTIME NOTIZIE Culture
Conferenza
1 ora

Crisi energetica, progetti concreti e sostenibili per superarla

Il Comune di Morcote propone un dibattito pubblico con esperti del settore, venerdì 30 settembre, dalle 19.30, nella sala Maspoli
Teatro
2 ore

Connessioni fra poesia e musica con Piscazzi e Godard

‘Ferma l’ali’ è lo spettacolo inaugurale della stagione del San Materno di Ascona, domenica 2 ottobre alle 17
Spettacoli
3 ore

Robbie Williams torna a Zurigo dopo oltre cinque anni

Il tour dell’album che celebra i 25 anni di carriera toccherà anche la Svizzera
Musica
6 ore

Abul Mogard nella cattedrale del suono

Con il naso all’insù, incursione nella Union Chapel di Londra per ascoltare l’ex 75enne serbo in pensione prestato alla musica
Culture
17 ore

Telmo Pievani, ‘Sconfinare’ nella grande natura

Intervista al filosofo della biologia, sabato primo ottobre a Bellinzona, per guardare al presente col tempo profondo dell’evoluzione
Culture
21 ore

‘Il Sentiero della Gioia’ di Thomas Morelli, anteprima Ticino

Alla presenza del regista, il film sarà proiettato sabato primo ottobre a Locarno-Muralto, il giorno dopo a Lugano-Paradiso
Arte
22 ore

Louise Nevelson al Museo d’Arte Moderna di Ascona

Dal 2 ottobre all’8 gennaio 2023, ‘Assembling Thoughts’, un’ottantina di opere che ripercorrono la poetica dell’artista ucraina, naturalizzata americana
Video
Netflix
22 ore

‘The Crown 5’ il 9 novembre, c’è il trailer

Con Imelda Staunton a interpretare la Regina Elisabetta arriva il quinto capitolo. Un’anticipazione di 40 secondi durante Tudum, evento Netflix per i fan
Cinema
23 ore

Addio a ‘Mildred’ di ‘Qualcuno volò sul nido del cuculo’

È morta all’età di 88 anni Louise Fletcher, la Mildred Ratched del film culto di Milos Forman, ruolo che le valse un Oscar
Culture
23 ore

Poletti e le marionette, ‘dall’antico Egitto a Elvis Presley’

Michel Poletti e Lucia Bassetti protagonisti della conferenza in programma alla Biblioteca cantonale di Lugano il prossimo 29 settembre
Società
1 gior

Con iPhone 14 si apre una nuova era nelle comunicazioni

L’avvento del nuovo ‘melafonino’ ha creato fermento nel mercato delle offerte di servizi per il pubblico
Culture
2 gior

‘Sergentmagiù, ghe riverem a baita?’

Ricordi e confessioni dentro ‘Il sergente dell’Altopiano’, documentario su Mario Rigoni Stern presentato a Castel San Pietro
Arte
2 gior

Pietro Sarto all’infinito

‘Metamorfosi infinite’ è la mostra che si apre oggi al Museo Villa dei Cedri, dedicata a un artista che ancora si sente ‘un ticinese nel Canton Vaud’
ISTANBUL
2 gior

Al capolinea la storia d’amore fra Mauro Icardi e Wanda Nara

Dopo la fine della love story fra il calciatore Francesco Totti e la showgirl Hilary Blasi l’annuncio di una nuova rottura
Culture
2 gior

È morta la scrittrice Hilary Mantel, fu due volte Booker

Nota come autrice della trilogia su Thomas Cromwell e come polemista, si è spenta all’età di 70 anni
Spettacoli
3 gior

Nino D’Angelo, ‘Il Poeta che non sa parlare’ a Lugano il 5 marzo

Fa tappa al Palacongressi la serie di concerti dell’artista napoletano, tra grandi successi e le canzoni dell’ultimo album, finalista al Premio Tenco
Culture
3 gior

Come sbiancare una sirenetta

Un saggio ricostruisce la storia dell’espressione ‘lavare un etiope’ e ci aiuta a capire la vera dimensione politica del casting del prossimo film Disney
Musica
3 gior

I tre concerti dell’Orchestra Arcadia

Sabato primo ottobre a Lugano, il giorno dopo a Riva San Vitale, sabato 8 ottobre ad Ascona
Culture
3 gior

Le scritture femminili del FIT Festival

Con ‘Chasing a Ghost’ di Alexandra Bachzetsis si apre il 28 settembre il FIT Festival del Teatro e della scena contemporanea
Spettacoli
3 gior

Un Sociale dai temi sociali

Presentata la stagione 22-23: classici, novità, buona musica, le giuste risate, graditi ritorni, due nuove produzioni e un ricordo di Claudio Taddei
Culture
3 gior

Museo in erba, la stagione 2022-2023

‘Arte, che passione!’ fino al 20 novembre; ‘Ritmi, forme, colori’ (Centre Pompidou Parigi), dal 26 novembre; ‘Da ün Giacometti e l’altar’ dal 1° aprile
Scienze
3 gior

Bye bye estate: nella notte l’equinozio d’autunno

Alle 3.04 i raggi del Sole illumineranno esattamente metà del pianeta, lasciando l’altra metà al buio. Il fenomeno sarà salutato da stelle cadenti
Settimane Musicali
3 gior

Iván Fischer, se nel bis l’orchestra diventa un grande coro

Il direttore magiaro è atteso lunedì 26 settembre alle 19.30 nella Chiesa di San Francesco. In programma Wagner, Ligeti e Beethoven
Scienze
3 gior

Covid, nel mondo 40 milioni di disturbi neurologici collegati

Tra le complicazioni che possono insorgere ci sono ictus, problemi cognitivi e di memoria e ansia. Lo indica uno studio statunitense
Spettacoli
3 gior

Cinque sold out di fila per Harry Styles

Il Madison Square Garden, storica arena newyorchese, lo onora con lo striscione permanente ‘Harry Styles 15’
Cinema
3 gior

Locarno75, tutte le strade portano a Roma (e a Milano)

Tracce di Locarno Film Festival nel capoluogo lombardo dal 23 al 25 settembre, e nella Capitale dal 23 settembre al 2 ottobre
01.06.2022 - 08:30
Aggiornamento: 14:46

Non si può più dire niente?

Una conferenza e un libro rilanciano il dibattito sulla cancel culture e il politicamente corretto.

non-si-puo-piu-dire-niente
(Keystone)
Indignazioni

"È andata a casa con il negro, la troia!" Chissà se Vasco Rossi ce la infilerebbe anche oggi, una frase del genere, in quel classicone del rock italiano che è ‘Colpa d’Alfredo’, Anno Domini 1980. Perché se la prendiamo fuori contesto, è chiaro che siamo di fronte al peggio del peggio: sessismo e razzismo da manuale, di quelli che solleverebbero la classica ‘shitstorm’ ai tempi dei social (vedi sotto). E quando l’indignazione si scatena e tutti urlano, a poco serve ricordare che «lì c’è un errore estetico: non è Vasco Rossi che dice quella cosa, Vasco Rossi dà voce a uno strato dell’umanità, a un personaggio», un poveretto che torna a casa sconsolato da una serata in qualche discoteca della Bassa emiliana. Emanuele Trevi ce lo ha fatto notare a margine della sua Eranos Jung Lecture, venerdì scorso al Monte Verità: un intervento a braccio, dedicato alla "cultura della colpa" e alla "macchina del politically correct" dal critico letterario, scrittore e giornalista, premio Strega nel 2021 col romanzo ‘Due vite’ e Preside-fondatore della scuola di scrittura Molly Bloom.

Trevi pone al centro del ragionamento il meccanismo dell’indignazione collettiva, al quale spesso si cercherebbe di sfuggire anche tramite l’autocensura, perché chiunque «finisce prima o poi per pensare ‘questa cosa è meglio se non la dico, metti che c’è un imbecille che poi si offende’». E dove entra l’indignazione esce il ragionamento, «può accadere con un cantante ma anche col monologo di un comico, che risulta offensivo se non lo si contestualizza, se lo si legge cercando a tutti i costi un capro espiatorio». Così come capitò a Coleman Silk – il professore destinato all’ostracismo nella ‘Macchia umana’ di Philip Roth – vittima di un’accusa di razzismo «che tutti i personaggi riconoscono infondata, eppure ne accettano l’ingiustizia come unico elemento pacificatore possibile».

Se a volte il tono di Trevi è suonato un po’ apocalittico – «ci sentiamo circondati, ogni giorno se ne inventano una nuova» –, l’ironia e l’autoironia del personaggio hanno prevalso, e poi ce l’ha detto lui stesso: «Non sono un reazionario spengleriano». Nome ricorrente sulle pagine culturali del ‘Corriere della Sera’, Trevi ha riconosciuto come anche i media abbiano un ruolo nell’ingigantire ad arte le polemiche sulla cancel culture, come nel caso del bacio di Biancaneve, ‘importato’ da un piccolo giornale di San Francisco e divenuto dominante solo una volta sbarcato in Europa: «Molte volte noi giornalisti costruiamo del folklore su certi eventi, che magari hanno anche un aspetto buffo, per cui si prestano a creare una notizia a metà strada tra la realtà e una nostra costruzione».

Anche se ogni tradizione si seleziona e si riscrive ogni giorno – la memoria funziona così, dopo tutto – Trevi teme che le polemiche sul passato ‘scorretto’ inneschino una sorta di circolo vizioso, nel quale «si pretende che il passato debba assomigliare a quello che pensiamo noi oggi e si presuppone una superiorità del presente, in realtà il più labile dei tempi, un futuro appena finito che aspira alla dignità di passato». Il tutto nello sciabordìo di un dibattito culturale tanto massificato quanto acefalo: «Il pacifismo aveva Albert Einstein, il femminismo Susan Sontag e Simone de Beauvoir, mentre oggi questa psicologia e antropologia della colpa è lasciata a burocrati, dai quali scaturisce un controllo diffuso, forte di una presunta superiorità morale collettiva, con la quale si sceglie quel che fa comodo e si elimina tutto il resto».

Ecco allora che nel timore della punizione si incisterebbero «meccanismi di potere ai quali è difficile ribellarsi, proprio perché di quel potere si condividono i valori fondamentali», gli stessi che ci fanno inorridire se prendiamo la frase di Vasco Rossi ignorandone il contesto. Meccanismi efficaci e onnipervasivi, proprio perché «non si tratta di vietare, ma di mettere divieti nella testa delle persone: la dittatura perfetta, affermata attraverso la lingua, come temeva Orwell. Questo nonostante Ferdinand De Saussure ci abbia già insegnato che la lingua è puro arbitrio, che neppure le onomatopee hanno un aggancio reale a quel che descrivono».

Trevi si concentra soprattutto sul linguaggio e se la prende in particolare con il presunto bando del maschile sovraesteso, quella cosa per cui diciamo "ciao a tutti" anche se stiamo salutando un gruppo misto di uomini e donne, e che ora alcuni suggeriscono di sostituire «prima con l’asterisco, ora con la e rovesciata», ovvero lo schwa. Finendo però «per prendere alla lettera la lingua, come lo psicotico che crede che la sega abbia davvero i denti e la porta dal dentista, o come nella neolingua di ‘1984’». Il risultato sarebbe un mondo asfittico, in cui anche lo scrittore si morde la lingua e delle opere del passato «si sente ripetere sempre più stesso: oggi non si potrebbero più fare».

IL SAGGIO

‘Anatomia
di un merdone’

Carl Gustav Jung disse una volta – lo si è ricordato proprio ad Ascona – che "quando si è in troppi tutti insieme, i fucili sparano da soli". Un po’ quello che accade, sia pur metaforicamente, quando una parola, un’immagine, una scelta sbagliata diviene oggetto della gogna pubblica sui social network: la cosiddetta ‘shitstorm’ che il giornalista Matteo Bordone chiama, più semplicemente, "merdone". E ‘Anatomia di un merdone" è proprio il titolo d’un suo recente saggio, pubblicato da Utet in un volume collettivo che già in copertina si chiede provocatoriamente: ‘Non si può più dire niente?’.

Forte del suo senso dell’umorismo e da sempre nemico di qualsiasi trombonaggine, Bordone ci spiega che "il merdone" – figlio com’è d’una miriade di messaggi e reazioni che paiono venire da tutti e da nessuno – "è il Keyser Söze dei linciaggi: la sua dote più seducente è la capacità di convincere perfino i suoi artefici più volenterosi di non essere mai esistito". Una marea di indignazione autocompiaciuta che cresce, travolge e scompare, "una cosa di due, tre giorni al massimo", in cui "l’oggetto del contendere non è importante in sé" e "concentrarsi troppo sulla querelle iniziale da cui tutto scaturisce è come seguire un torneo di golf tenendo d’occhio esclusivamente la sacca delle mazze".

Il merdone è agevolato dal "collasso del contesto tipico dei social network", sui quali si incrociano curiosità e destini di "una folla di persone molto diverse tra loro, ciascuna con la propria sensibilità e i propri punti di vista, con un grado di conoscenza reciproca spesso nullo o scarsissimo". "Un grande spazio senza perimetro, dimensioni o verso", dove insomma può succedere di tutto e il povero amico di Alfredo – casomai gli venisse in mente di usare ancora certi epiteti – passerebbe quasi certamente un brutto quarto d’ora. Anche giustamente, penserà qualcuno, ma il problema è che tutto si riduce al giudizio di condanna col quale ci piace riempirci la bocca. Perché "è evidente che i protagonisti del merdone non sono mai né le vittime incaute (magari anche effettivamente razziste, violente o anche solo inopportune o imbecilli) né i singoli o le categorie apparentemente offese dagli stessi. I protagonisti sono gli indignati. Loro e solo loro ottengono un vero vantaggio sociale e psicologico partecipando al gioco", mentre "il soggetto sulla cui esecrabilità tutti si esprimono liberamente è diventato la sagoma del cattivo del poligono ad aria compressa del luna park". Questo, almeno, finché i linciatori non si stufano e la "funzione di predellino morale" del merdone, cui tutti appoggiano il proprio misero ego, svanisce. Magari nel frattempo si rovinano carriere o addirittura vite, nella convinzione "che ascoltare non serva a niente e sia meglio identificare gli stronzi, puntare il dito e darsi di gomito tra noi pochi perbene".

Anche se Bordone è moderatamente ottimista: secondo lui la percezione dei social network nel dibattito pubblico si va modificando, dopo gli anni del tweet selvaggio e dell’insulto facile impariamo a relativizzare, un po’ perché "i controllori professionisti della morale di internet hanno messo il piede nelle tagliole che loro stessi avevano piazzato", un po’ perché "cominciamo a capire che sarebbe più sano intendere i social come Las Vegas: quello che succede lì, è bene che resti lì", dal momento che "far ragionare la folla come un organismo senziente è impossibile. L’unica cosa da fare è guardare il tutto con altri occhi. Non cercare più in questi tumulti un segno del tempo, l’argomento per una discussione, lo spunto per un articolo. Non attribuire alcun valore sostanziale a questo riflesso collettivo, questo sgranchirsi la morale che non merita più peso di un colpo di tosse".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved