antonio-ligabue-fra-cinema-e-romanzo
Keystone
Antonio Ligabue, autoritratto
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
15 min

Rimini chiede che il ballo liscio sia patrimonio dell’Unesco

‘È una rappresentazione della vita e dei sentimenti’, dice il sindaco. Di recente si è espresso in questo senso anche Morgan, col plauso di Renzo Arbore
Culture
28 min

Torna ‘Io sono vivo, voi siete morti’, Dick visto da Carrère

Apparso per la prima volta nel ’93, è un viaggio nella mente di Philip K. Dick, l’autore del ‘Cacciatore di androidi’ da cui è tratto il film Blade Runner
Scienze
2 ore

Roche lancia un test per la risposta immunitaria

Dovrebbe permettere di capire meglio le infezioni da coronavirus. Farà la sua apparizione sui mercati che riconoscono le marcature Ce
Spettacoli
2 ore

Trovati i riceventi per gli organi di Anne Heche

Staccati i macchinari a cui era attaccata l’attrice, cerebralmente morta dopo il grave incidente stradale
Scienze
17 ore

Le lucciole preferiscono accoppiarsi lontano dai ‘riflettori’

La luce artificiale troppo forte rende faticosa la riproduzione. L’inquinamento luminoso ha degli effetti sul declino di alcune popolazioni di insetti.
IL RACCONTO
19 ore

Pomeriggio valdostano

Una passeggiata racconto fra le opere degli espressionisti svizzeri in mostra al Museo Archeologico Regionale di Aosta
L’INCONTRO
21 ore

Per fare cinema: trovare la propria strada e lottare

Kelly Reichardt, la regista ‘libera e coraggiosa’ è stata insignita del Pardo d’onore. Testimone della contemporaneità, narratrice in punta di piedi.
Spettacoli
22 ore

Boom di spettatori al Locarno Film Festival: +60,4%

Si chiude positivamente il bilancio della 75ma edizione del Festival del cinema: 128’500 gli spettatori complessivi alle proiezioni
Scienze
22 ore

Pensare stanca, fa accumulare sostanze tossiche nel cervello

Per i ricercatori vale il vecchi rimedio: riposare e dormire. ‘Ci sono molte prove che indicano che il glutammato viene eliminato durante il sonno’
Pardo Verde Wwf
1 gior

Un premio non si rifiuta mai: vince ‘Matter Out of Place’

Il documentario di Nikolaus Geyrhalter conquista il Pardo Verde Wwf come opera che meglio affronta una tematica ecologica
Locarno 75
1 gior

A ‘Last Dance’ e ‘Annie Colère’ gli ultimi due premi

Al primo è andato il Prix du Public UBS; al secondo, il Variety Piazza Grande Award.
Scienze
1 gior

Le ondate di calore pesano su corpo e mente

Dopo Covid-19 e guerra in Ucraina, le temperature eccessive minano la salute (anche psicologica) delle persone
Scienze
1 gior

La Luna ha ereditato dei gas nobili dalla Terra

La scoperta dei ricercatori del Politecnico di Zurigo premette di comprendere meglio la formazione del nostro satellite
Locarno 75
1 gior

Il Pardo d’oro è brasiliano: vince ‘Regra 34’ 

Quello diretto da Julia Murat è il Miglior film; Premio speciale Giuria a ‘Gigi la legge’; Pardo a ‘Tengo sueños eléctricos’, regia e interpretazioni
In concorso
1 gior

Abbas Fahdel e la piccola storia che diventa grande

Il martoriato Libano in ‘Hikayat elbeit elorjowani’, l’epifania cinematografica del regista franco-iracheno-libanese
Piazza Grande
1 gior

Il dolore per il Bataclan si rinnova

Nel giorno dell’accoltellamento di Salman Rushdie, ‘Vous n’aurez pas ma haine’ riapre ferite, ma Kilian Riedhof riduce un attentato a un fatto privato
Spettacoli
1 gior

‘Questo è un giorno molto triste per Los Angeles’

Il cordoglio di Ellen DeGeneres per la morte di Anne Heche, sua compagna dal 1997 al 2000. ‘Ai figli, alla famiglia e agli amici tutto il mio amore’
Culture
1 gior

Lutto nel mondo della cultura italiana: è morto Piero Angela

‘Buon viaggio papà’, scrive Alberto Angela sui suoi profili social annunciando la scomparsa del padre
Locarno 75
2 gior

La presidenza di Marco Solari ai titoli di coda

Già nell’aria da tempo, la notizia trova conferma: nel 2024 ci sarà il cambio della guardia al Locarno Film Festival
Locarno 75
2 gior

Il Boccalino per il miglior film a ‘Petites’ di Lerat-Gersant

Il tradizionale premio della critica indipendente da 22 anni celebra i film presenti al Festival capaci ci toccare temi etici, morali e politici
Cinema
2 gior

Staccata la spina: è morta l’attrice Anne Heche

La 53enne era stata coinvolta in un incidente automobilistico una settimana fa. In coma da allora, sono state spente le macchine che la tenevano in vita
Culture
2 gior

Arzo, un ciclo d’incontri accompagna il Festival di narrazione

Big Data, stereotipi, frontiera e il G8 di Genova. Dal 18 al 21 agosto, parallelamente al Festival, alla Corte dei Miracoli di Arzo
Culture
2 gior

La storia del Grigioni italiano attraverso le teche Rsi

Sabato 20 agosto a Roveredo, nella Sala patriziale del comune. Modera Fabrizio Casati; sul palco, a commentare i filmati, Bruno Bergomi e Federico Jolly
Musica
2 gior

Vent’anni di Vallemaggia Magic Blues con tanto di record

Il 20esimo ha battuto per spettatori pure il 18esimo zeppo di star. A Gordevio in 1’700 per Philipp Fankhauser. Il Producing team è già al lavoro sul 2023
Locarno 75
2 gior

Il deserto di Adnane Baraka, tra mistero e complessità umana

Il regista unisce nomadi e scienziati che cercano tracce sull’origine della vita, e il documentario sulla ricerca diventa esperienza poetica e metafisica
Culture
2 gior

Spider-Man, compie 60 anni il più giovane dei supereroi Marvel

Creato nell’agosto del 1962 da Stan Lee, con la collaborazione geniale del disegnatore Steve Ditko, ha ritrovato nuova gloria al cinema con Sam Raimi
Spettacoli
2 gior

L’India rifà ‘Forrest Gump’, e c’è chi grida al boicottaggio

Centinaia di integralisti riuniti davanti ai cinema hanno cercato di impedire l’accesso al pubblico nell’Uttar Pradesh: ‘Ridicolizzate le divinità indù’
Locarno 75
2 gior

Zsuzsi Bánkuti è la nuova responsabile di Open Doors

Dalla guida ad interim a quella in prima persona: ‘Non vedo l’ora di scoprire e promuovere nuovi talenti provenienti da questa vibrante regione’
Spettacoli
2 gior

Anne Heche senza speranza: ‘È cerebralmente morta’

A una settimana dal terribile incidente, l’annuncio della famiglia. ‘Donerà gli organi’
Open Doors
3 gior

L’epopea dei profughi cubani che incrina il mito rivoluzionario

‘La opcíon cero’ di Marcel Beltràn è una testimonianza cruda dell’esodo dall’Isola delle Grandi Antille. ‘Una storia reale che non dà risposte’.
Culture
3 gior

È morto il fumettista Sempè, ‘padre’ del Piccolo Nicolas

Creò il celebre personaggio con René Goscinny, uno dei padri di ‘Asterix’. Firmò copertine del New Yorker e di Paris Match: tutta la Francia lo piange
Locarno 75
3 gior

Il sesso, i sessi, in concorso

Valentin Merz e ‘De noche los gatos son pardos’, premio LGBT (se ci fosse), e ‘Piaffe’, fiction d’esordio di Ann Oren
L’intervista
3 gior

La confessione di Costa-Gavras

L’esordio noir, il film politico, la crisi greca, i silenzi di ‘Amen’. E il Collège in cui insegna a leggere il cinema. Il Pardo alla carriera si racconta
Locarno 75
3 gior

Canta in Piazza la lotta femminile di Annie Colère

Il film di Lenoir, in Piazza oggi, racconta le battaglie delle donne per il diritto all’aborto: una storia che invita alla rivolta cosciente e civile
Locarno 75
3 gior

Piazza Grande di venerdì: Bataclan e ‘Imitation of Life’

Prima della proiezione dei due film, verrà consegnato il Pardo d’onore Manor alla regista statunitense Kelly Reichardt
Spettacoli
3 gior

Steve Martin dice addio alla carriera di attore

L‘attore ha alle spalle quasi 60 anni di carriera. Attualmente è impegnato nella serie televisiva ‘Only Murders in the Building’
FestivaLLibro
laR
 
29.04.2022 - 09:00
Aggiornamento: 15:37

Antonio Ligabue fra cinema e romanzo

Stasera al Palazzo dei Congressi di Muralto, con Renato Martinoni, Tania Pedroni e Giona A. Nazzaro

Quando il 9 agosto del 1917 la Confederazione lo rifila a Gualtieri (Reggio Emilia, luogo d’origine del padre), Antonio Costa, poi Antonio Laccabue, infine Antonio Ligabue, è un uomo ‘socialmente pericoloso’. Già segnato dai problemi di salute, dai lutti della famiglia originaria, dalle disagiate condizioni economico-culturali di quella adottiva, il pittore e scultore italiano conduce una vita ai margini, fino al definitivo riconoscimento artistico. In Italia, il grande pubblico lo scopre nel 1977 con l’omonimo sceneggiato di Salvatore Nocita, per riscoprirlo più tardi in ‘Volevo nascondermi’ di Giorgio Diritti, regista di un film in cui Ligabue è Elio Germano, Orso d’argento per il miglior attore a Berlino 2020 e David di Donatello 2021 all’attore, al regista e al film (e altro ancora).

In ‘Antonio Ligabue fra cinema e romanzo’, stasera al Palazzo dei Congressi di Muralto per il FestivaLLibro delle diversità, s’incontrano: Renato Martinoni, autore di ‘La campana di Marbach. Antonio Ligabue. Romanzo dell’artista da giovane’; Tania Pedroni, sceneggiatrice di ‘Volevo nascondermi’; Giona A. Nazzaro, direttore artistico del Locarno Film Festival. In apertura, ‘Lo specchio, la tigre e la pianura’ di Raffaele Andreassi (1960), prezioso documento restaurato dalla Fondazione Cineteca di Bologna; a chiudere, proprio ‘Volevo nascondermi’. FestivaLLibro, che domani ospita Dacia Maraini, si chiude domenica.


Ti-Press
Renato Martinoni

Prof. Martinoni: quando e come si è avvicinato alla figura di Antonio Ligabue?

Arrivato a San Gallo, una trentina di anni fa, ho subito cercato testimonianze della cultura italiana nella Svizzera orientale e mi sono imbattuto fra l’altro in Ligabue, una figura già mitica in Italia grazie anche a un film della Rai che ha avuto un enorme successo verso la fine degli anni Settanta del Novecento. Il pittore è nato a Zurigo nel 1899, figlio di un’emigrante italiana. Abbandonato a sé stesso, allevato da una famiglia germanofona, cresce tra mille difficoltà. Tanto che viene espulso, a vent’anni, perché considerato socialmente pericoloso. Arriva in Italia senza sapere una sola parola di italiano. Tutti lo deridono, lo chiamano ‘il tedesco’, lui vive sugli argini del Po mangiando bestie morte. Per tutti è un vero mostro. Verso la fine degli anni Venti comincerà poi a dipingere: animali, autoritratti e paesaggi che spesso ricordano da vicino i luoghi svizzeri in cui è cresciuto e di cui continua ad avere una forte malinconia.

Qual è lo scopo dell’incontro?

Da un lato il tema conduttore della manifestazione è quello della "diversità" e in questo senso la figura del pittore "matto" ed emarginato mi è sembrata esemplare. Poi nel 2020 è uscito un bellissimo film, ‘Volevo nascondermi’, di Giorgio Diritti, magistralmente interpretato da Elio Germano, che verrà proiettato dopo l’incontro. Mi è sembrato interessante riflettere sul passaggio dal Ligabue ‘uomo’ al Ligabue ‘personaggio’, tanto nel film (ne parlerà Tania Pedroni, l’autrice della sceneggiatura) e nel romanzo.

"La radice del suo cromatico espressionismo non va cercata nella parte italiana della vita dell’artista, ma nella sua formazione nordica", scrive Pietro Gibellini sul Corriere della Sera facendo riferimento ai suoi due libri. Perché c’è un Ligabue svizzero della cui storia lei si è occupato a fondo: vuole riassumerci questa ‘importanza nordica’?

Gli anni della formazione, per un ragazzo difficile e problematico, sono stati fondamentali e questo perché non è vero che Ligabue è cresciuto in un paese chiuso e bigotto. A scuola, grazie agli sviluppi della pedagogia curativa, ha appreso molte cose. Ha imparato a usare l’arte come strumento terapeutico. Non ci sono miracoli, pertanto, nella sua vita di pittore. È assai più un maledetto che un primitivo.

La follia è parte del racconto del pittore, spesso nell’accezione più ‘romantica’. Ma lei rivendica anche l’importanza del Ligabue ‘cosciente di sé’…

Sì, perché occorre sfatare l’idea dell’artista nato dal niente, quasi per un miracolo. Non a caso la critica d’arte più attuale e intelligente ha voluto giustamente togliere Ligabue da un’aurea romantica per metterlo nel posto che gli compete. Quello di un pittore di livello internazionale, che sapeva quel che faceva.

Se in ‘Antonio Ligabue. Gli anni della formazione (1899-1919)’ (Marsilio, 2019) il suo intento è biografico e documentario, ‘La campana di Marbach. Antonio Ligabue. Romanzo dell’artista da giovane’ (Guanda, 2021), lo dice il titolo, è un romanzo. Ci dica di questa ‘fiaba lirica’, così come l’ha definita Dacia Maraini.

Lavorando sul ‘vero’ Ligabue, quello dell’infanzia e della giovinezza, mi è venuta voglia di riflettere sul personaggio, la sua storia, quella della sua famiglia, i luoghi in cui è vissuto, il suo bisogno di amore. Poi la fantasia ha preso il sopravvento, tanto ricca di pathos era la vicenda. Il romanzo è narrazione, sì, ma può essere anche dialogo continuo con la realtà. Detto questo, mi ha molto affascinato la storia della madre del pittore, emigrata dalle Dolomiti, un luogo pieno di fiabe e di magie. Da questo aspetto della cultura popolare, comune a tutte le nostre montagne, ho tratto quel tono lirico e fiabesco che in certo momenti trasforma il pittore in un personaggio a metà fra la realtà e la fantasia.

La televisione prima, il cinema poi, quel ‘Volevo nascondermi’ che vedremo stasera: dove sta il fascino di Ligabue?

Credo che ad affascinare sia, da un lato, la grande qualità dell’arte di Ligabue (accanto ai dipinti non vanno dimenticate le sculture, i disegni, le incisioni); dall’altro, la sua figura oramai tanto popolare da essere diventata "mitica", drammatica com’è, nella povertà e negli accessi di follia. Non da ultimo anche le contraddizioni della sua vita: l’uomo miserabile che vive nelle capanne diventerà proprietario di dodici moto Guzzi e di due automobili, con tanto di autista. Eppure muore all’asilo dei poveri del suo paese. Se poi pensiamo che, quando viveva, i suoi quadri venivano usati a volte per tappare le finestre delle stalle, prive di vetri, e oggi valgono anche centinaia di migliaia di franchi, la storia da sola diventa quasi una fiaba.


foto: Azzurra Primavera
Tania Pedroni

Tania Pedroni

‘È un pensiero tenero e costante’

«Ho avuto occasione di riavvicinarmi alla sua figura quando Giorgio Diritti mi ha chiesto di scrivere con lui il film. È stata un’immersione totale nella vita e nella figura di Antonio Ligabue fatta di tantissima ricerca, del leggere ciò che su di lui è stato scritto, dell’incontrare testimoni ancora in vita. E quadri da guardare, e tutto quel che sempre accade quando si fa ricerca a tutto campo. Per poi, partendo da un personaggio realmente esistito sul quale farsi un’idea il più approfondita possibile, immaginare, essendo il nostro un lavoro di fantasia, senza alcuna pretesa di ricostruire una figura storica». Così è nata la sceneggiatura di ‘Volevo nascondermi’, scritta da Tania Pedroni insieme a Giorgio Diritti. «Nel mio caso – ci racconta – è stato un ritorno al Ligabue incontrato da bambina, essendo io nata e cresciuta nella Bassa Reggiana, quella parte d’Italia in cui lui fu mandato una volta espulso dalla Svizzera. La mia famiglia di origine ancora ci vive, lì ho fatto le scuole. Il mio maestro delle elementari amava molto Ligabue, ce ne parlava, ci portava a vedere i suoi quadri. Questa parte d’immaginario che un po’ si era sopita, lavorando al film è riemersa».

Prima di sceneggiare ‘Volevo nascondermi’ – ma anche ‘Un giorno devi andare’ e ‘L’uomo che verrà’, sempre con Giorgio Diritti – Tania Pedroni è stata la bambina davanti alla tv che tra il novembre e il dicembre del 1977 guardava il ‘Ligabue’ di Salvatore Nocita, con il compianto Flavio Bucci nei panni del pittore: «Ero piccola, mi colpì molto. Negli anni 70 gli sceneggiati erano l’equivalente di certe serie di successo che oggi ottengono visibilità planetaria. Però, chiamata a riaccostarmi alla figura di Ligabue, ho scoperto di avere sensazioni più che ricordi precisi di quel lavoro. D’accordo con Giorgio (Diritti, ndr), per tutta la scrittura del film abbiamo deciso di non rivederlo, per non farci influenzare. Lo abbiamo rivisto a film scritto, per assicurarci che non vi fossero sovrapposizioni o che, involontariamente, non ne fossimo stati condizionati. Dopodiché ci siamo accorti, parlando con le persone del posto, che quello sceneggiato era talmente radicato nella memoria collettiva che qualcuno ci raccontava episodi che non erano di Antonio, ma soltanto dello sceneggiato».

L’altro

Il ‘Ligabue’ di Nocita, in quell’antica tv fatta di piccoli passi avanti, raccontava la follia in prima serata. Una novità. «Ma la pazzia non è l’elemento che più mi ha colpito di Antonio, riaccostandolo, reinventandolo e riappropriandomene. È la sua figura in generale. Di Antonio – continua Pedroni – mi ha colpito la solitudine, il suo vivere ai margini, il bisogno di essere accettato per quello che era nel profondo senza ricorrere a compromessi, un bisogno d’amore a volte nascosto o negato, ma profondissimo. Il suo essere ‘altro’ ha richiamato l’altro di me, dimostrandomi quanto mi chiami in causa». Quanto alla pazzia, «abbiamo consultato la cartella clinica del manicomio di San Lazzaro a Reggio Emilia in cui Ligabue fu ricoverato, e la diagnosi non era quella. Ovviamente aveva disturbi e ritardi, ma non era un pazzo. Piuttosto, ho avuto l’impressione che fosse una persona connessa con l’aldilà, con un mondo degli spiriti incarnato in quella natura così potente, selvaggia, primordiale. Canali così forti, se confrontati a una mente labile, da farlo sembrare strano. Oggi, pensare a lui come a un matto è molto riduttivo e può solo fare comodo se non si vuole approcciare la complessità che gli compete. La pazzia è spesso uno di quei segni facili con i quali ci rassicuriamo quando ci dobbiamo rassegnare al fatto che le cose non sono rassicuranti».

‘A tutti gli storti, gli sbagliati, i fuori casta’

"Lui diceva sempre: ‘Un giorno faranno un film su di me’". Parole di Elio Germano a Berlino, Orso d’argento nella mano destra. "Dedico questo premio a tutti gli storti, a tutti gli sbagliati, a tutti i fuori casta". In ‘Volevo nascondermi’, Germano si aggiunge al Ligabue che per 43 anni, in quell’immaginario collettivo sondato da Pedroni, ha avuto il volto di Flavio Bucci. «Quel ruolo lo ha un po’ imprigionato ed è un peccato», commenta Pedroni parlando dell’attore scomparso nel febbraio del 2020 dopo una vita almeno ‘fuori casta’: «Bucci è stato un attore di grandissima qualità, che ha lavorato con i grandi registi del cinema e del teatro e ha fatto cose meravigliose. Dispiace si pensi sia stato soltanto Ligabue, perché è stato molto altro».

Così come l’attore entra nella parte e diventa tutt’uno col personaggio, non di meno la comunione può riguardare una sceneggiatrice: «Certamente, ad Antonio penso ancora tanto», conclude Pedroni. «La sua presenza è meno intensa rispetto a tutto il tempo dedicatogli durante la scrittura e la realizzazione, ma è un pensiero che ancora c’è, molto tenero, costante. Quel suo sguardo mi richiama a un senso di responsabilità, mi spinge a chiedermi come, a quel tempo, mi sarei approcciata a una figura come la sua, quanto sarei riuscita ad andare con lo sguardo oltre l’apparenza, e quanto invece questa capacità mi è richiesta adesso, quanto sono capace oggi di essere all’altezza di quello sguardo».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
antonio ligabue tania pedroni
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved