festival-diritti-umani-lugano-per-riprendere-il-contatto
Da ‘Quo Vadis, Aida?’, di Jasmila Žbanić
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
9 ore

Gran finale a Manno per ‘Se la va, la gh’a i röd’

La Compagnia Teatrale Flavio Sala chiude la tournée del garage Pistoni il 3 e il 4 dicembre alle 20.30 e il 5 dicembre alle 16 nella Sala Aragonite
Streaming
12 ore

Netflix e affini, solo in Svizzera si paga così tanto

La Confederazione è una miniera d‘oro per il servizi di streaming. Lo segnala, sulla base di confronti, il periodico K-Tipp (che suggerisce ’aggiramenti’)
Musica
13 ore

I Måneskin, manco a dirlo, gli italiani più ascoltati al mondo

Non in Italia però, dove l’artista più popolare è Sfera Ebbasta e il singolo più ascoltato è ‘Malibù’ di Sangiovanni. Questo dicono i dati di Spotify
Cinema
16 ore

In sala ‘È stata la mano di Dio’ di Paolo Sorrentino

Presentato a Venezia 78, Leone d’argento, candidato agli Oscar per l’Italia, esclusivamente nei cinema ticinesi giovedì 2 dicembre
Culture
16 ore

Altroquando, i vincitori del concorso letterario

Aspettando la sua alternativa cinematografica, al via il 3 dicembre, l’Associazione rende pubblici nomi e titoli dei primi tre classificati
Libri
19 ore

‘Il piccolo principe’ in Sursilvano, Surmirano e Vallader

Ristampato nei tre idiomi grigionesi il capolavoro della letteratura internazionale di Antoine de Saint-Exupéry, dopo attenta revisione editoriale
Culture
19 ore

Rsi, la Cultura cambia con Vanni Bianconi

Lo scrittore, poeta e traduttore sarà il nuovo responsabile del settore. “Convinto dalla voglia di cambiamento, ma la qualità rimane centrale” ci ha detto
Spettacoli
1 gior

Elio De Capitani finalmente al Lac con ‘Diplomazia’

L’attore interpreterà il generale tedesco che doveva radere al suolo Parigi. Uno spettacolo che avrebbe dovuto debuttare a Lugano nel 2020
Cinema
09.08.2021 - 12:320
Aggiornamento : 14:52

Festival Diritti umani Lugano, per riprendere il contatto

Nei Cinema Corso e Iride, ma con finestra d'emergenza online. Dal 13 al 17 ottobre, coi primi titoli che vanno da Srebrenica agli algoritmi che ci regolano la vita.

a cura de laRegione

Dal 13 al 17 ottobre 2021, con la volontà di svolgersi in presenza, se le condizioni lo permetteranno. Il Film Festival Diritti Umani Lugano (Ffdul) torna rinnovato, confidando sulla discussione e lo scambio diretto quali importanti strumenti di divulgazione, crescite e riflessione sugli aspetti inerenti i diritti umani. “La nostra speranza è che si possa riprendere il contatto in presenza con il nostro affezionato pubblico e, soprattutto, con gli allievi delle scuole, forzatamente assenti nel 2020 a causa dell’emergenza sanitaria”, sostiene Antonio Prata, direttore del Ffdul. “Per noi il messaggio e il dialogo con i più giovani restano un obiettivo prioritario e tra gli intenti principali del Festival, sin dalla sua nascita”.

Con il Cinema Corso, casa del Ffdul oramai da sei anni, e il Cinema Iride a mantenere la centralità del Ffdul a Lugano, nel perdurare dell'incertezza sanitaria il festival ha comunque predisposto la piattaforma internet www.festivaldirittiumani.stream, assicurando lo streaming dei film e dei dibattiti qualora il Festival non possa avvenire in presenza. Sospesi, invece, gli eventi collaterali, così da concentrare le forze sul ritorno del pubblico in sala.

Da Srebrenica agli algoritmi

Con i flussi di distribuzione cinematografica condizionati dalla pandemia, ma nell'accresciuta attualità dei diritti umani in un momento storico che si presta ancor più ora a disuguaglianze e abusi di potere, il Ffdul inizia a raccontare partendo da due titoli visti in grandi contesti cinematografici mondiali come Sundance, Venezia o selezionati per gli Oscar. Il film di finzione ‘Quo Vadis, Aida?’, di Jasmila Žbanić (Bosnia, Austria - 2020) ci riporta a Srebrenica, nei giorni terribili del massacro, monito visivo dell'importanza di raccontare un passato geograficamente e temporalmente non lontano. Con ‘Coded Bias’ di Shalini Kantayya (GB,USA,Cina - 2020), il Ffdul pone attenzione sulle nuove tecnologie, grazie a un film che mostra la manipolazione degli algoritmi che infulenzano e controllano la nostra quotidianità.

Sotto la direzione di Antonio Prata e la presidenza di Roberto Pomari, e fortemente voluto dalla Fondazione Diritti Umani di Lugano, il Ffdul rinnova inoltre le collaborazioni con associazioni e ong, Amnesty International e Medici Senza Frontiere in testa. Il Film Festival Diritti Umani Lugano, inoltre, ha costituito nel 2015 il network nazionale dei Film Festival e Forum sui Diritti Umani, insieme a FIifdh di Ginevra e Human Rights Film Festival Zurich. Oltre confine, collabora con il Festival dei Diritti Umani di Milano.
 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved