Venezia
0
Torino
1
2. tempo
(0-0)
LECHEMIA E./LOHOFF J.
0
GOLUBIC V./TEICHMANN J.
1
2 set
(5-7 : 2-3)
adrian-oetiker-per-due-giganti-dell-ottocento
Adrian Oetiker
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
20 min

R. Kelly colpevole di traffico e sfruttamento sessuale di minori

Il Tribunale federale di Brooklyn lo ha condannato. Il noto rapper è stato descritto come un predatore di giovani donne e ragazze afroamericane
Culture
4 ore

Premio Möbius Multimedia, annunciati i finalisti

La 25esima edizione si terrà i prossimi 15 e 16 ottobre allo Studio 2 della Rsi a Lugano-Besso
Casa della Letteratura
4 ore

Viaggio tra le scritture di Doris Femminis Luca Brunoni

A Lugano il 30 settembre, oltre le letture, attraverso sei oggetti, i due autori esporranno sguardi, paure, punti di atterraggio, ispirazioni e progetti futuri
Spettacoli
5 ore

Il Festival Internazionale del Teatro al via con ‘Fedra’

Parte con due prime assolute la 30esima edizione del Fit Festival. Primo atto, il nuovo lavoro di Leonardo Lidi, che torna a collaborare con il Lac
Spettacoli
8 ore

‘Vaccinatevi!’, ve lo chiedono gli Stones

In occasione della data di St. Louis, l’appello ai fan a recarsi allo stadio vaccinati, e se non vaccinati, almeno avendo fatto il tampone
Spettacoli
10 ore

Tony Awards, Broadway incorona ‘Moulin Rouge!’

Dieci premi per l’adattamento teatrale del film con Nicole KIdman ed Ewan McGregor, tra i quali Miglior Musica e Miglior Attore in un musical, Aaron Tveit. 
Società
16 ore

Abraham Yehoshua e la pace di uno Stato binazionale

Lo scrittore israeliano in esclusiva a ‘Naufraghi’: il progetto di una Federazione che sancisca finalmente la pace, ‘un sogno possibile’
Società
1 gior

Vittime, arpie, snaturate? Le donne dopo il diritto di voto

In vista dell‘evento ’Il suffragio in scena’, il punto sulla presenza femminile nello spazio politico e pubblico in occasione del 50° anniversario
Arte
1 gior

Duecento anni di Antonio Ciseri

Prendono il via le mostre ad Ascona, Locarno, Lugano e Rancate per il bicentenario dell’artista nato a Ronco sopra Ascona
Ticino Musica
25.07.2021 - 16:350

Adrian Oetiker per due giganti dell'Ottocento

Il pianista svizzero in Conservatorio lunedì 26 luglio alle 21, per suonare Schubert e Liszt: 'Molto diversi tra di loro, ma con somiglianze affascinanti'

Solista e musicista da camera e al tempo stesso, ricercato insegnante, definito a più riprese dalla stampa “energia pura eruttiva”, esempio di “forza e determinazione”. Il pianista svizzero Adrian Oetiker porta Schubert e Liszt al Conservatorio della Svizzera italiana lunedì 26 luglio alle 21, per il lunedì della seconda settimana di Ticino Musica. 

Adrian Oetiker, la sua regolare presenza a Ticino Musica trova ogni anno una pronta risposta di giovani musicisti che accorrono per studiare con lei. Come li indirizza nel percorso professionale alla ricerca di un proprio posto nel mondo della musica, particolarmente difficile per i pianisti?

Se ci fosse una ricetta, sarei disposto a spendere molti soldi! In realtà è molto difficile, e molto diverso per tutti, trovare un posto in questo mondo. Vedo il mio lavoro principalmente nel fornire gli strumenti ottimali per fare ciò, e si tratta di strumenti di natura puramente musicale. Credo ancora che debba essere possibile, con l'ottimizzazione delle capacità personali e credendoci, trovare un lavoro soddisfacente nel meraviglioso mondo della musica. Un mondo che, ovviamente, include anche il marketing e simili e non è una novità, è sempre stato così, e sfortunatamente non puoi impararlo da me perché io stesso sono molto scarso in questo ambito.

Come ha invece vissuto lei il percorso che l’ha condotta dalla formazione alla professione e in che modo sono stati determinanti i suoi maestri nel suo processo di realizzazione, sia come interprete che come didatta?

I miei insegnanti erano molto diversi da me: mettevano sempre tutto su carta, mentre in gioventù io preferivo la versatilità. La versatilità continua ad aprirmi le porte anche oggi, tuttavia è stata, ovviamente, questa concentrazione sull'essenziale che fatto mia prendendo dai miei insegnanti e che vorrei trasmettere anche ai miei studenti.

Schubert e Liszt: due giganti dell’800. Quali sono i punti di contatto e di divergenza tra i rispettivi pianismi? In che relazione si pongono i brani da lei scelti per il recital a Ticino Musica?

A prima vista, Schubert e Liszt sono molto diversi. Uno è infinitamente intimo e timido, l'altro un famoso virtuoso, un estroverso uomo di mondo. Proprio per questo le somiglianze sono così affascinanti: l'intensità del momento, il linguaggio incredibilmente personale e quindi l'intransigenza musicale. Ed è esattamente ciò che conta.

Il pianista è, tra i musicisti, una delle figure più solitarie, sia nella fase di preparazione, sia per quel che concerne il momento dell’esecuzione sul palcoscenico. Come vive questa dimensione?

È solo una parte della vita del pianista. L'altra parte è la musica da camera: dopotutto, molti musicisti non vanno molto lontano senza pianisti... Anche i pianisti sono sempre al centro delle reti musicali e ci sono infinite possibilità, musicalmente, con tutti i tipi di artisti, compresi ballerini, scrittori, pittori, ecc. per comunicare. E nel mio caso c'è anche l'insegnamento. Ma come pianista puoi stare benissimo anche da solo, e poi hai tutto il mondo per te!

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved