rifkin-s-festival-quell-europeo-di-woody-allen
Da sinistra, Wallace Shawn, Gena Gershon, Louis Garrel
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
1 ora

Il viaggio di un giovane ticinese in Unione Sovietica

Lo scrittore Marco Fantuzzi ripercorre, partendo da un suo diario ritrovato, un soggiorno di gioventù nella Russia comunista
Culture
16 ore

I Pulitzer tra pandemia e Black Lives Matter

La morte di George Floyd, le rivolte degli afroamericani e il giornalismo sul coronavirus dominano questa edizione dei premi
Musica
19 ore

Il 'Ghettolimpo' di Mahmood, tra gli dei e la vita reale

Il nuovo album di un Narciso al contrario: 'In questi ultimi anni cercavo l'Alessandro di sempre, ma trovavo solo quello che vedevano gli altri'.
Arte
19 ore

Züst: micromosaici, tableau brodé, e di sfondo Rousseau

‘Le donne, l'arte e il Grand Tour’ è la mostra che si apre sabato 12 giugno alla Pinacoteca Züst di Rancate, aperta fino al 3 ottobre 2021.
Spettacoli
23 ore

Sai cosa ti dico Dante? Vai all'inferno!

Il Lussemburgo ospita una rivisitazione in chiave umoristica dell'Inferno dantesco nel 700esimo dalla morte del Sommo Poeta.
Animazione
23 ore

Winnie the Pooh con la Regina, un compleanno per due

'L'Avventura Reale' è l'animazione Disney con protagonisti l'orsetto 95 enne per rendere omaggio a Elisabetta II, anch'ella 95enne (dal 21 aprile scorso)
Musica
1 gior

'L'Allegria', Gianni Morandi canta Jovanotti

Il singolo, uscito dai Pinaxa Studios, è un gentile omaggio di Lorenzo: 'Ho scritto per uno dei migliori di sempre', scrive rispondendo alla felicità di Morandi
Videogames
1 gior

Hacker attaccano il gigante dei videogiochi Electronic Arts

Gli intrusi 'non hanno avuto accesso ai dati dei giocatori e 'non c'è ragione di ritenere che la privacy' di chi gioca 'sia a rischio', dice l'azienda
LongLake Festival Lugano
1 gior

Dante, le ruspe e il fanciullino Pelù

Il Sommo Poeta, Firenze, Greta e il Molino: il rocker-scrittore si è raccontato come in ‘Spacca l'infinito’. La musica non c'era, ma è stato come se ci fosse
Arte
1 gior

La materia dei sogni di Vincenzo Vela

Al museo di Ligornetto il progetto artistico di Adriano Kestenholz tra gessi, statue, musica e immagini di una realtà dislocata
Culture
1 gior

Arzo, il 21esimo Festival di narrazione torna 'diffuso'

Dal 19 al 22 agosto, dopo lo stop per pandemia, si allarga anche a Melide e Tremona, per allargare i confini e la poetica della manifestazione.
Letteratura
1 gior

Premio Strega Giovani a Edith Bruck per ‘Il pane perduto’

Nata in una povera e numerosa famiglia ebrea nel 1931, sopravvissuta ad Auschwitz, Dachau, Bergen-Belsen, ne 'Il pane perduto' ripercorre la sua vita.
Musica
1 gior

'Curio, Salone Piazza Grande, il mio piccolo Lac del Malcantone'

Con Sandro Schneebeli nella sede dell'Associazione da lui fondata, in tempi in cui il musicista è sempre più 'imprenditore’: ‘Per me è così da trent'anni’.
Cinema
1 gior

A Cannes un Dario Argento attore in 'Vortex'

Gaspar Noé ha scritturato il regista del brivido insieme a Françoise Lebrun e Alex Lutz per un film che racconta gli ultimi giorni di una coppia di vecchi amanti.
Culture
1 gior

Da Pro Helvetia 25mila franchi per un progetto letterario

La Fondazione svizzera per la cultura sostiene 15 autrici e autori: per la prima volta, selezionati anche progetti non scritti in una delle 4 lingue nazionali.
Locarno Film Festival
2 gior

Excellence Award Davide Campari a Laetitia Casta

Il 4 agosto, l'attrice francese sarà in Piazza Grande per la premiazione; il giorno dopo, in conversazione col pubblico al Forum @Rotonda by la Mobiliare.
Società
2 gior

Storia di Alfredino che cadde nel pozzo

Dal 10 al 13 giugno 1981, l'Italia intera ne attese il salvataggio davanti al piccolo schermo. Invano. La chiamarono 'tv del dolore', altro non poteva essere.
Cinema
13.05.2021 - 09:380
Aggiornamento : 10:22

‘Rifkin’s Festival’, quell'europeo di Woody Allen

Uscito nel settembre del 2020, bloccato dalla pandemia, ironico omaggio a ‘quando il cinema era arte’: è nelle sale ticinesi ‘Rifkin's Festival'

Cosa c’è di più comodo che presentare un film al Festival internazionale del cinema di San Sebastián e ambientarlo al Festival internazionale del cinema di San Sebastián? Poco altro, ma non è un male, anzi, tanto da diventare funzionale al tutto. ‘Rifkin’s Festival’, il nuovo film di Woody Allen, nelle sale ticinesi da oggi, parte da qui. ‘Rifkin’s Festival’ è la storia di Mort Rifkin (Wallace Shawn), ex docente ebreo di cinema che ora lavora al libro della vita (“Se non riesco a entrare in classifica con Joyce e Dostoevskij, allora mi riprendo il mio pallone e torno a casa”) e decide di accompagnare la moglie Sue (Gena Gershon, ‘Bound’, ‘Insider’) alla suddetta manifestazione; perché Sue è la press agent del presuntuoso e sopravvalutato Philippe (Louis Garrel, ‘The Dreamers’, ‘L’ufficiale e la spia’), giovane regista del momento per il quale – in un’escalation di riconoscimenti, e dentro un più generale ridere delle dinamiche festivaliere – la rassegna in questione arriva sino a conferirgli un Premio Luis Buñuel (di fantasia).

Philippe, per il quale Mort Rifkin è ‘Il Grinch’, è a San Sebastián per presentare il suo ultimo film ma ne ha già in mente uno sul Medio Oriente con il quale vorrebbe riconciliare arabi e israeliani (“Sono contento si dedichi alla fantascienza”, si rallegra Rifkin davanti alla moglie). Nel consueto intreccio tra coup de foudre, reali innamoramenti, dinamiche amorose in genere (questa volta assai ritmico e brillantemente riuscito), accade ciò che Rifkin teme, e cioè che tra Sue e Philippe (che tra le sue doti annovera anche quella di suonatore di bonghi), complice il Golfo di Biscaglia, sia nata una nemmeno troppo celata passione fisico-intellettuale reciproca: dunque, all’appassionato del cinema, “ma quando il cinema era arte” (è Rifkin che parla, ma a parlare è anche Allen), non resta che trovare riparo nei propri sogni dall’ambientazione cinematografica e nella dottoressa Jo Rojas (Elena Anaya, ‘Fragile’, ‘La pelle che abito’), punto d’incontro tra l’infatuazione per infelicità mista a classici e la cara, vecchia ipocondria.

Jeremiah

Quando in sala inizia un film di Woody Allen, una volta conclusa l’esperienza dei titoli di testa, vedere all’opera ogni nuovo suo alter ego è più che una curiosità. Ne va del film. E in ‘Rifkin’s Festival’ il 77enne Wallace Shawn torna a garantire una certa corrispondenza d’età – al netto degli 85 anni del regista – dopo i Woody Allen giovani Timothée Chalamet, nel penultimo ‘Un giorno di pioggia a New York’, e Jesse Eisenberg in ‘Café Society’. E via via, a ritroso, tutti quanti gli altri.

Al di là dell’anagrafe, Shawn è anche una costante: compare in ‘Radio Days’, ‘Ombre e nebbia’, nel tutt’altro che irresistibile ‘La maledizione dello scorpione di Giada’, in ‘Melinda e Melinda’, ma ancor prima e soprattutto in ‘Manhattan’, nel ruolo di Jeremiah, sorta di prototipo dell’uomo perfetto che aleggia ingombrante per tutto il film sulla relazione tra la giornalista divorziata, e sua ex, Mary Wilke (Diane Keaton) e l’autore televisivo Isaac Davis (Woody Allen); Jeremiah che, incontrato per caso in un negozio di abbigliamento di New York, infine, si rivela essere un intellettuale piccoletto e dalle forme rotonde, l’espressione da nerd e i capelli da scienziato pazzo (o da serial killer). “Un omuncolo”, lo definisce il protagonista, spiazzato. 

Bergman e dintorni

Dopo il debutto nel settembre del 2020 a San Sebastián, ‘Rifkin’s Festival’ è uscito nelle sale spagnole il mese dopo, e a dicembre in quelle russe e olandesi. La chiusura delle sale per pandemia ne ha spostato l’uscita, senza mai portare a un’alternativa digitale, su nessuna piattaforma. Dinamiche sentimentali e bilanci di vita a parte, altre costanti, ‘Rifkin’s Festival’ è un film sui film, con dentro il puntuale sberleffo allo star system non più soltanto hollywoodiano ma soprattutto un omaggio al cinema europeo che tanto ha segnato la formazione del regista americano. “Credo che la spinta principale di un film – diceva questi in sede di presentazione della pellicola – sia la sua innovazione, il tipo di realizzazione artistica. Da questo punto di vista, il cinema negli States è rimasto immaturo, guidato com’è principalmente dal profitto. I film europei sono più avanti di quelli americani, sia nella tecnica cinematografica che nel soggetto, e questa è la grande differenza. Così quando ero giovane volevo vedere tutti i film europei mentre quelli americani mi sembravano infantili”.

Visivamente, il tributo è affidato alla fotografia del tre volte Oscar Vittorio Storaro, che cura citazioni da Orson Welles (con slitta), Fellini, Godard, Truffaut e più; sino a Bergman, che ad Allen ispirò ‘Interiors’, precedente e più lugubre omaggio al regista svedese (qui oggetto di esilarante e sottotitolata citazione). L’incontro finale, che per tasso umoristico pare giungere da ‘Amore e guerra’, vale il biglietto. E anche i popcorn.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved