l-esempio-di-mario-timbal-e-la-cultura-aziendale-della-rsi
Mario Timbal (Archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Tecnologie
12 ore

Radioamatori, c'era una volta il social network

Gli unici a non essere tagliati fuori quando tutto si ferma, i primi a essere d'aiuto, dal terremoto dell'Aquila al Monte Lema. In Ticino sono in 350.
Culture
14 ore

‘L’inguaribile’ vivacità di narrazione e di stile

Un marito, una moglie, due figlie, una separazione, un club per scambisti, una morte sospetta: Tommaso Soldini si diverte e diverte con il suo romanzo
Spettacoli
22 ore

Villi Hermann, ottant’anni di arte del cinema

Il regista e produttore malcantonese si racconta in un’intervista per il suo ottantesimo compleanno (e i quarant’anni della sua Imagofilm)
Arte
1 gior

Sguardi sulle collezioni del Masi

Il direttore del Museo d'arte della Svizzera italiana ci presenta il nuovo allestimento ‘Sentimento e osservazione’
Evento
1 gior

Tra Moncalieri e Basilea, sotto le stesse stelle del jazz

Giovani e special guest nel primo Italian&Swiss Jazz Festival. Dal 10 al 16 maggio, full immersion per sei giovani italiani e svizzeri in live streaming
Musica
1 gior

Online archivio del jazz svizzero dai '60 agli '80

Accessibile a partire da sabato 8 maggio, la raccolta si riferisce al periodo di risveglio artistico-sociale. Lo comunica l'Alta scuola d'arte di Berna
Spettacoli
1 gior

Un album jazz per Glenn Close

Esce ‘Transformation: Personal Stories of Change, Acceptance, and Evolution’, in coppia con l'amico e sassofonista Ted Nash.
Cinema
2 gior

Neuchâtel, il Festival del film fantastico è online

Dal 2 al 10 luglio, parte del programma della 20esima edizione sarà in rete; il resto sarà visibile nei principali luoghi che caratterizzano la manifestazione
Culture
2 gior

Due produzioni Lac all'Incontro del Teatro Svizzero

‘Book is a Book is a Book’ inaugurerà l'ottava edizione; ‘Macbeth, le cose nascoste’, invece, è nella sezione 'Panorama'
Musica
2 gior

La Primavera Musicale si chiude con Tallone e Roccasalva

Dal barocco al classicismo, dal romanticismo al pop e al rock trascritti da Luka Sulic e Stjepan Hauser nel duo 2Cellos: venerdì 7 maggio alle 20.30 a Cevio
Spettacoli
2 gior

La ‘Cordata’ di Chiara Bersani alla Festa danzante

Sabato al Foce di Lugano la performance sonora, un'esplorazione collettiva del paesaggio realizzata pensando all’accessibilità
Jazz
2 gior

Jazz in Bess cambia in Josefowski-Marafioti

Il duo di chitarre Romerio-Pianca non potrà esibirsi causa indisposizione: sabato 8 maggio, in doppio set, un duo flauto traverso-pianoforte
Musica
2 gior

Jack Savoretti alla ricerca del suono, e il suono è 'Europiana'

Breve incontro in streaming per presentare il nuovo singolo ‘Who’s Hurting Who’, featuring Neil Rodgers: 'Ha portato il groove, il glamour, lo Chic'
Società
2 gior

Addio a Patrick O'Connell, creatore del nastrino anti-Aids

Il piccolo drappo rosso a 'v' capovolta diventò il simbolo della lotta alla malattia. Sua anche la ‘Giornata Senza Arte’
Culture
2 gior

Ultime Colazioni letterarie: di Dante con Chiara Mercuri

Sabato 8 maggio alle 11, online, la medievista in dialogo con il giornalista Claudio Visentin nell'incontro 'Dante e Francesco. Il volgare come dono'
Arte
2 gior

Sei giovani svizzeri destinatari del Premio culturale Manor

Tra di essi, il poschiavino Camillo Paravicini. Dal 1982, il premio si rivolge ad artisti con meno di 40 anni attivi nei diversi ambiti delle arti visive.
Netflix
2 gior

Il Professore dice addio alla 'Casa di carta'

L'attore Alvaro Morte si congeda dal set via Instagram, e riferito al personaggio dice: 'Mi mancherà divertirmi così tanto con te. Grazie'
Scienze
2 gior

Dai sotterranei del museo emergono i dinosauri del San Giorgio

I fossili di cinque esemplari inediti di ittiosauri, rettili acquatici di 240 milioni di anni fa, arrivano tutti dal Monte San Giorgio
Società
2 gior

Biancaneve non ha bisogno del #metoo. Noi però sì

Come i media di destra si sono inventati il “caso Biancaneve” e tutti gli altri gli sono andati dietro. In nome di una tradizione che non è mai esistita
Società
3 gior

Nel mondo mancano 900mila ostetriche

La pandemia ha acuito il problema, lasciando senza risposta i bisogni sanitari di molti madri e neonati.
Spettacoli
3 gior

Di danza e libertà, ‘And then we danced’ al cinema

All'Otello di Ascona e al Forum di Bellinzona il poetico film di Levan Akin ambientato in una Georgia tanto bella quanto intollerante
Musica
3 gior

Hipgnosis si compra anche i Red Hot Chili Peppers

Le canzoni della band, che il prossimo anno festeggerà 40 anni di carriera, pagate 140 milioni di dollari dal fondo che già detiene quelle di Neil Young e altri
Musica
3 gior

Era il bel Nick Kamen, idolo del pop anni '80

Lanciato da uno spot Levi's, Madonna scrisse la sua hit ‘Each Time You Break My Heart’. Nel 2018 aveva annunciato di essere in cura per un tumore.
Culture
3 gior

Giornate letterarie di Soletta dal vivo per 500 persone

La manifestazione - che si terrà settimana prossima - si svolgerà parzialmente in presenza: cinquanta persone al massimo per dieci eventi
Società
4 gior

L’Industria 4.0 e il futuro del lavoro con il Club Plinio Verda

Intervista all’imprenditrice Nicoletta Casanova su opportunità e rischi dell'intelligenza artificiale
Spettacoli
4 gior

‘Kiss!’, una poesia senza parole sull’amore in teatro

Un universo immediato e immersivo, nell’ultimo lavoro di Camilla Parini del Collettivo Treppenwitz, andato in scena al Sociale di Bellinzona lunedì sera
Culture
4 gior

Locarno74, premio Rezzonico a Gale Anne Hurd

La produttrice e sceneggiatrice, alla quale si devono la trilogia di The Terminator e la serie The Walking Dead, sarà premiata sabato 7 agosto
Società
5 gior

Finisce il matrimonio tra Bill e Melinda Gates

Sposata da 27 anni, la coppia ha annunciato la separazione su Twitter
Spettacoli
5 gior

A LuganoMusica le prime assolute di Nadir Vassena

Anatomie dell’acqua disponibile online da oggi; altri due brani in concerto martedì 4 e venerdì 7 nella Hall del Lac
Spettacoli
5 gior

Le sale cinematografiche del gruppo Pathé si reinventano

Affittare un cinema per eventi privati: una via da percorrere in attesa del ritorno dei blockbuster
Culture
5 gior

Biblioteca nazionale svizzera: Damian Elsig nuovo direttore

Damian Elsig, di Sierre, succede a Marie-Christine Doffey, vicedirettrice della BN dal 2003 e in seguito direttrice dal 2005
Spettacoli
6 gior

L’indicibile amore di ‘Kiss!’ al Teatro Sociale

Camilla Parini racconto lo spettacolo che, dopo il debutto a Lucerna, arriva a Bellinzona lunedì 3 maggio
Società
6 gior

L’attore Noel Clarke accusato di molestie da 20 donne

Avrebbe molestato almeno 20 donne tra il 2004 e il 2019. È l'accusa che emerge dall'inchiesta del Guardian sull'attore, produttore e regista britannico
Arte
6 gior

Un pavimento all’avanguardia ed ecologico per il Colosseo

Tra perplessità e qualche polemica, presentato il progetto che permetterà di sfruttare l'arena anche per eventi
Culture
6 gior

È morta l’attrice premio Oscar Olympia Dukakis

Vinse la statuetta nel 1987 per la sua interpretazione in 'Stregata dalla luna'. Aveva 89 anni
Culture
12.04.2021 - 19:140

L’esempio di Mario Timbal e la cultura aziendale della Rsi

Confrontato con la partenza improvvisa della responsabile Programmazione, il neodirettore della Rsi ha illustrato le sue linee editoriali, tra creatività e trasparenza

 

Trasparenza, responsabilità, creatività, distribuzione, qualità, autorevolezza: sono le parole chiave della presentazione che Mario Timbal ha fatto ieri al personale della Rsi. Un incontro moderato da Maria Victoria Haas – una esterna «per non mettere nessuno in imbarazzo» – e aperto a giornalisti e membri della Corsi in cui il neodirettore della Radiotelevisione svizzera di lingua italiana non si è limitato a elencare i punti fissi del suo mandato, ma avviare un dialogo. Dalla mensa nella sede di Comano ai possibili tagli del personale, dalla riapertura dei progetti di rinnovamento – come il discusso Lyra sull’offerta audio – all’importanza di un dialogo aperto sia con i dipendenti sia con i sindacati, Timbal ha risposto a tutto. E in attesa di scoprire quali azioni seguiranno alle sue parole, gli abbiamo posto anche noi qualche domande.

Mario Timbal, nel suo discorso ha ringraziato, tra gli altri, il suo predecessore Maurizio Canetta e la responsabile del Dipartimento programmi e immagine Milena Folletti il cui addio alla Rsi è stato improvviso. Qualcosa che non ha funzionato in questa fase di transizione?

Non penso, non è stata questa la mia impressione in queste quattro settimane durante le quali sono stato parzialmente a Comano dove ho trovato una buona accoglienza e un’apertura totale.

La partenza di Milena Folletti mi ha sorpreso, me lo ha comunicato alla fine della settimana scorsa e la prima reazione è stata chiaramente come garantire la continuità operativa del dipartimento. Ma non ho avuto nessuna sensazione che qualcosa non abbia funzionato.

Continuità per l’immediato, ma approfitterà della nuova nomina per portare qualche cambiamento?

Non ci ho ancora pensato: la partenza mi è stata comunicata alla fine della scorsa settimana e questo fine settimana mi sono dovuto preparare per la giornata di oggi. Sicuramente da domani comincerò a pensare a come proseguire con questo dipartimento che è centrale per il funzionamento e per la produttività della Rsi. Bisognerà vedere come procederemo, che tipo di candidato e di profilo cercheremo. Penso che anche le strutture debbano adattarsi anche alle persone, non solo le persone alle strutture e sicuramente il ragionamento che faremo partirà da qui.

Durante l’incontro con il personale ha affermato che spera di avere una donna al Dipartimento programmi e immagine ma che darà la priorità alla competenza. Premessa alla quale di solito segue la nomina di un uomo: non ne facciamo una questione di quote rosa, ma avere un punto di vista femminile nella cabina di regia è certo importante se non necessario.

Certamente il punto di vista femminile è importante e in direzione vorrò più punti di vista femminili e cercherò di aumentarli. Parlo di competenza non come scusa, ma perché quello del Dipartimento programmi e immagine è un ruolo chiave, il perno dell’azienda: le competenze saranno quindi il primo parametro; a parità di competenze sceglierò una donna, questo è sicuro perché vorrei e vorrò il punto di vista femminile in direzione. Ma non posso dire adesso che nominerò una donna: la volontà di avere diversità, di avere più punti di vista c’è, è anzi un obiettivo e sono sicuro che lo raggiungerò, ma dire che sceglierò una candidata non sarebbe giusto e anzi potrebbe invalidare un eventuale concorso.

La competenza e la meritocrazia devono esserci perché la parità sia forte: non credo nelle “semplici” quote rosa, credo nel ‘mentoring’, credo in percorsi professionali che offrano alle donne la possibilità di crescere senza essere penalizzate.

Mi pare di capire che forse non avremo una donna al posto di Milena Folletti, ma sicuramente ci saranno più donne in direzione.

Certamente. La diversità è una ricchezza molto grande. Fino a un mese fa ho lavorato per una donna e so quanto un punto di vista femminile possa allargare gli orizzonti. Non ho paura di dire che sarà uno degli obiettivi che perseguirò.

Questione molestie: durante l’incontro ha indicato la formazione come via principale per affrontarle. E poco fa ha evocato, per le carriere femminili, il ‘mentoring’. Non è un po’ utopistico pensare che basti un corso per risolvere questi problemi?

Non ho detto che la formazione sia da sola sufficiente a cambiare, ma la cultura aziendale non la si può cambiare né con regolamenti né con decisioni imposte. L’arma principale, prima ancora della formazione, è l’esempio: su questo punterò molto e la pretenderò da tutti.

La formazione e il ‘mentoring’ sono strumenti di accompagnamento, di crescita per andare a colmare eventuali lacune: lo so che è utopico dire “cambierò la cultura aziendale a suon di formazione” ma è un lavoro di fondo, combinato, quotidiano, un lavoro fatto di esempio, di formazione, di gratificazione, di valorizzazione.

Un lavoro i cui frutti si vedranno con il tempo, un lavoro che si fa all’interno e che automaticamente si riflette nei prodotti.

Però servono anche strumenti specifici: lo si è visto con mobbing e molestie, appena vi è stata la possibilità di segnalare in sicurezza gli abusi, si sono scoperti numerosi casi.

Questa domanda tocca vari aspetti. Da un lato cii sono le segnalazioni attualmente sotto esame: quelle giustificate porteranno a un’inchiesta ma al momento non ho informazioni. L’esame si concluderà a inizio estate e aspetto gli esiti con grande interesse perché mi permetteranno di quantificare il problema. Problema che c’è e le segnalazioni testimoniano un disagio che non ci deve essere.

Questo ci porta ad altri due temi. Il primo è gli strumenti: se si è arrivati a questa situazione vuol dire che non si è fatto abbastanza. È un tema nazionale, il Consiglio d’amministrazione della Ssr sta analizzando gli strumenti a disposizione per migliorarli e implementarne di nuovi. L’altro tema è la cultura aziendale.

Per arrivare a un risultato bisognerà agire su tutti questi fronti. E, come ho detto durante l’incontro, bisognerà fare i conti con il passato ma sarà importante utilizzare questo momento in cui è emerso il disagio – e se altro disagio deve ancora emergere, è importante farlo emergere al più presto – per trarre i dovuti insegnamenti e aprire una nuova pagina. Credo che questo sia un importantissimo test di tenuta per la Rsi e per tutta la Ssr: individuare un problema, portarlo alla luce, analizzarlo con trasparenza e trarne le conseguenze.

L’abbiamo conosciuta come direttore operativo del Locarno film festival e ad Arles, alla fondazione Luma, svolgeva una funzione simile. Alla Rsi però non ci sarà una direzione artistica con cui interloquire…

Bisogna distinguere quella che sarà la strategia editoriale e quella che sarà la sua implementazione. È chiaro che nel definire la strategia io dirò la mia: si tratta delle grandi direzione e su quello avevo la mia parola sia a Locarno sia ad Arles.

Quello che non farò è dire la mia, come per esempio mi è stato chiesto durante l’incontro di stamattina, sulla programmazione musicale di Rete Uno: abbiamo delle competenze che vanno valorizzate, abbiamo dei musicologi, degli esperti di musica e saranno loro a dover prendere queste decisioni.

Il mio ruolo non è creare i contenuti, ma mettere chi crea i contenuti nelle migliori condizioni possibili – di libertà, di coraggio – per potersi esprimere al meglio. Da parte mia sapranno in che direzione vogliamo andare, ma che programmi fare lo sceglieranno le persone che hanno le competenze per farlo e io ho un grandissimo rispetto per le competenze.

Nel dibattito di questi mesi c’è chi – penso a Nelly Valsangiacomo, ma non solo – ha criticato l’eccessiva aziendalizzazione, un’impostazione manageriale la cui compatibilità con i valori del servizio pubblico è problematica. Che cosa risponde il manager Mario Timbal?

Rispondo che io, nel mio ruolo, ho delle condizioni quadro che mi sono date: il discorso portato da Nelly Valsangiacomo e sul quale si può essere più o meno d’accordo è fuori dalle mie competenze: è un discorso che compete alla politica, a chi ci dà il mandato e ci dice come esercitarlo. Lei stessa lo dice: questo è un dibattito nazionale e che deve aver luogo in primo luogo in parlamento.

Da parte mia ho un budget, un mandato, una missione e devo riuscire a esercitare il mandato sfruttando al meglio le risorse che ci sono date. Ma non posso dire quale sia l’aziendalizzazione o meno che la Ssr deve seguire. Quello che mi compete è decidere, all’interno delle condizioni date, quale è l’organizzazione che voglio dare alla Rsi affinché questa sia efficace.

Ma come si misura l’efficacia del servizio pubblico? Per un’azienda privata abbiamo l’audience e i ricavi pubblicitari, che cosa significa per un servizio pubblico?

Audience e pubblicità sono solo due degli strumenti di giudizio. L’adempienza del mandato e la vicinanza ai fini del servizio pubblico sono sicuramente il principale. Come coniugare delle logiche più aziendali con un mandato che non è aziendale è la vera sfida ma non vedo un’opposizione. È chiaro, bisognerà essere creativi: se continuiamo a lavorare con gli stessi schemi di produzione usati finora è chiaro che una riduzione delle risorse porterà a un impoverimento della qualità. È il momento delle scelte, su quali contenuti di qualità puntare per una maggiore valorizzazione, il che vuol dire anche una presenza su più vettori.

Rispetto alla romanda Rts e alla svizzero-tedesca Srf, la Rsi si ritrova più vicina alla politica cantonale, cosa che ha portato a una certa ingessatura – penso, ma è solo un esempio, alla mancanza di satira.

È una “condizione quadro”, nel senso che è una situazione che non potremmo mai cambiare. È una questione di autorevolezza: certamente non mi metterò a insegnare ai giornalisti e alle giornaliste a fare il proprio mestiere, ma chiederò loro e sempre autorevolezza e indipendenza, presupposti per essere liberi. Anche la trasparenza è fondamentale: non ci deve essere niente da nascondere.

Durante l’incontro con il personale ha affermato di aver riaperto tutti i progetti di risparmio e trasformazione, ma anche di non voler far rivoluzioni. Questo che cosa comporterà per l’offerta lineare che certo pare in regressione ma ha un suo pubblico fedele e dimensioni di collettività e scoperta che dovrebbero essere al centro del servizio pubblico?

Su quali vettori troviamo l’offerta lineare? Su quello radiofonico, sicuramente, e in parte su quello televisivo perché ormai tutti sfruttiamo le funzioni di ‘replay’. È un momento di trasformazione e il nostro mandato prevede sia di raggiungere il pubblico che è esclusivamente sul lineare, toccare il pubblico che si muove con disinvoltura tra lineare e tra i nuovi vettori, e riuscire a dare gli stessi elementi al pubblico che è solo sul digitale, al momento minoritario ma in crescita.

Quando dico che non mi piace la parola rivoluzione è perché vorrebbe dire che tutto quello che c’è non va e che bisogna cambiarlo: penso ci siano delle basi molto solide, delle competenze fortissime e che vadano valorizzate in modo diverso. Vedo una transizione: le riforme si fanno passo per passo, senza essere dogmatici ma correggendo le idee in corso d’opera. È la cultura dell’errore: essere pronti ad ammettere di aver sbagliato, riconoscere che qualcosa non ha funzionato, capire perché non ha funzionato e sistemarla o cancellarla.

Ultima domanda sulla cultura, ma in realtà è una preoccupazione che vale anche per altri settori: vediamo nuovi formati sempre più ibridi, nei contenuti e nei contenitori, sappiamo che internamente ci sono riorganizzazioni. Come essere sicuri che questo non porti a un annacquamento di competenze e approcci?

Prendo il discorso culturale che è anche il mondo da cui provengo. Non voglio un impoverimento o uno svuotamento di Rete Due: lì abbiamo le migliori competenze culturali dell’azienda e tra le migliori della Svizzera italiana e io vorrei che queste competenze toccassero più persone. Che i contenuti possano circolare maggiormente, che possano essere rimodulati dalle stesse persone per poter toccare un pubblico che ha anche interessi diversi.

È questo tipo di dinamiche che voglio generale, non certo un’ibridazione della cultura che chiaramente porta a un impoverimento di contenuti. 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved