ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
13 ore

FIT Festival, la seconda settimana

Si parte martedì 4 ottobre al Teatro Foce con ‘From Syria: is this a child?’, si chiude domenica 9 ottobre con ‘Bears’
Spettacoli
14 ore

Altre accuse di plagio per Ed Sheeran

‘Thinking Out Loud’ troppo simile a ‘Let’s Get It On’ di Marvin Gaye
Cinema
14 ore

10 Film Festival al PalaCinema, tocca al Kurzfilmtage Winterthur

Serata dedicata ai corti ticinesi quella del 6 ottobre alle 20.30, ospite, da Winterthur, il direttore artistico John Canciani
Culture
16 ore

Osi: il dopo Weidmann, per ora, è con Widmer e Flury

Direzione affidata all’attuale vicedirettore Samuel Flury e al membro della direzione Barbara Widmer, nell’attesa del bando per la nuova figura
Spettacoli
17 ore

Phil Collins vende il catalogo da solista e con i Genesis

L’intesa con l’americana Concord vale 300 milioni. Sono esclusi gli album con Peter Gabriel
Ticino7
23 ore

‘Di tutto un pop’ con Sergio Mancinelli

Le sue storie di musica da domani su Ticino7, ogni primo sabato del mese, a parole e in voce (l’intervista)
Culture
1 gior

Come sta la Terra? Chiedilo a Marco Paolini

L’attore/attivista è stato ospite di ‘Emergenza Terra’, la prima conferenza di un ciclo che, kantianamente, si tiene a Mendrisio
Culture
1 gior

Dal bio all’ambiente, l’utopia moderna del Monte Verità

Sabato 1 ottobre presentazione in anteprima di ‘Back to Nature’, nuovo volume su una colonia che ha anticipato molti temi oggi attuali
Cinema
1 gior

‘Guerra, guerrae, guerrarum’

Il fil-rouge della nona edizione del Film Festival Diritti Umani Lugano: i conflitti quali contesti di annullamento dell’umanità. Dal 19 al 23 ottobre
Video
Musica
1 gior

‘Only The Strong Survive’, a novembre il nuovo Springsteen

Il 21esimo album del Boss è un tributo al soul. Fino ad allora, il singolo ‘Do I Love You (Indeed I do)’
Musica
1 gior

Pianoforte e riflessione filosofica in PianoSofia

Dall’1 all’8 ottobre a Milano fra la Casa degli Artisti e Villa Litta Modignani
25.02.2021 - 18:06

Addio al poeta e traduttore Philippe Jaccottet

Considerato uno dei maggiori poeti europei, ha anche pubblicato numerosi volumi in prosa, diari, riflessioni sulla poesia, in particolare quella francese, e sulla traduzione

Ats, a cura de laRegione
addio-al-poeta-e-traduttore-philippe-jaccottet
Philippe Jaccottet (Keystone)

Il poeta, traduttore e critico letterario svizzero Philippe Jaccottet è morto all'età di 95 anni al suo domicilio di Grignan, nel sud della Francia. Il vodese è stato uno dei rari scrittori svizzeri (accanto a Jean-Jacques Rosseau, Blaise Cendrars e Charles-Ferdinand Ramuz), e il solo da vivente, a essere stato pubblicato nella Bibliothèque de la Pléiade, la più prestigiosa collana editoriale francese.

Il decesso è stato comunicato a Keystone-ATS dalla famiglia. Jaccottet era nato il 30 giugno 1925 a Moudon (VD). Dopo gli studi in lettere all'università di Losanna, ha vissuto a Parigi per un breve periodo, lavorando come corrispondente dell'editore Henry-Louis Mermod (che aveva conosciuto a Losanna nel 1944). Nel 1953 si è stabilito a Grignan con la moglie neocastellana Anne-Marie, illustratrice e pittrice. I funerali si svolgeranno nella più stretta intimità.

È considerato uno dei maggiori poeti europei. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra cui il Goncourt per la poesia nel 2003 e il Gran Premio Schiller nel 2010, e un numero considerevole di saggi è stato dedicato alla sua opera. Accanto alla poesia, ha pubblicato numerosi volumi in prosa, diari, riflessioni sulla poesia, in particolare quella francese, e sulla traduzione.

Ha tradotto in francese dal greco antico (l'Odissea di Omero), dal tedesco (Goethe, Hölderlin, Rilke, Thomas Mann, Ingeborg Bachmann, tutta l'opera di Musil), dall'italiano (Leopardi, Cassola, Ungaretti, Giovanni Raboni), dallo spagnolo (Góngora) e anche dal russo (Osip Emilevic Mandelstam, Marina Ivanovna Cvetaeva), dal ceco e dal giapponese.

Il poeta si è rivelato durevolmente con la pubblicazione, presso l'editore Gallimard, lo stesso che cura la Pléiade, di ‘Airs’ nel 1967. "Questa raccolta ebbe l'effetto di una rivelazione", diceva la scorsa estate a Keystone-ATS José-Flore Tappy, poetessa e amica intima dello scrittore, che ha diretto la pubblicazione delle sue opere nella Pléiade.

Il vodese ha dato risposte ad aspettative diffuse dopo la Seconda Guerra mondiale, quando tutto doveva essere ricostruito. Per gli scrittori e i poeti, non fu facile riprendere la penna. Come si può continuare a scrivere? Cosa si può dire? Jaccottet, come molti altri, si è posto queste domande, affermava Tappy.

Recentemente tradotto in cinese

Prova che le parole di Jaccottet continuano ad avere ampia risonanza, il saggio "Le Bol du pèlerin" (edito da Morandi nel 2001) è stato recentemente tradotto in cinese. Più di 8000 copie del libro sono state pubblicate per accompagnare una grande mostra dedicata al pittore italiano Giorgio Morandi, aperta a Pechino lo scorso dicembre.

La sua opera è stata tradotta in una ventina di lingue ed è stata resa interamente in tedesco da Hanser, di Monaco di Baviera, con un'ultima pubblicazione nel 2018: "Gedanken unter den Wolken" (titolo originale "Pensées sous les nuages", del 1983). È anche abbondantemente disponibile in italiano grazie al poeta e critico letterario Fabio Pusterla, che ha anche curato la prefazione alla Pléiade.

Per quanto concerne la produzione poetica, grazie al ticinese il pubblico italofono ha accesso a "Il barbagianni. L'ignorante" (pubblicato da Einaudi nel 1992 con un saggio di Jean Starobinski), "Libretto" (Scheiwiller, 1995), "Paesaggi con figure assenti" (Dadò, 1996), "Alla luce d'inverno. Pensieri sotto le nuvole" (Marcos y Marcos, 1997), "E, tuttavia - Note dal botro" (Marcos y Marcos, 2006). Nella lingua di Dante sono pure disponibili "Elementi di un sogno" (Hestia, 1994), "Quegli ultimi rumori..." (Crocetti, 2021).

In prosa sono stati tradotti i racconti come "L'oscurità" (Fazi, 1998), le variazioni sull'opera di Giorgio Morandi in "La ciotola del pellegrino (Morandi)" (anche questa traduzione di Pusterla, edito da Casagrande nel 2007) e i saggi "Austria" (a cura di Pusterla, Bollati Boringhieri, 2003) e "La parola Russia" (a cura di Antonella Anedda, Donzelli, 2004).

Gli archivi di Jaccottet sono depositati alla Biblioteca cantonale e universitaria di Losanna.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved