chiara-valerio-la-matematica-e-la-democrazia
Chiara Valerio (foto di Laura Sciacovelli)
ULTIME NOTIZIE Culture
Libri
3 ore

Bernasconi e Fazioli a Paradeplatz, tra narrazione e poesia

‘A Zurigo, sulla luna. Dodici mesi in Paradeplatz’ (Gabriele Capelli), Yari Bernasconi e Andrea Fazioli nelle 'piazze delle banche'. Dal 12 aprile
Cinema
4 ore

‘Nomadland’ di Chloe Zhao premiato dai registi americani

L'opera della regista cinese vince anche i 73esimi Directors Guild of America, buon indicatore delle possibilità di un film di vincere l'Oscar per il miglior regista
Musica
17 ore

Vendo catalogo mie canzoni (astenersi perditempo)

Il business della musica è cosa per editori: senza più live, e con la miseria che arriva dallo streaming, gli autori monetizzano. In principio fu Michelino...
Culture
21 ore

La diversità da George Floyd all'Opéra di Parigi

Nei giorni del processo, e in nome della vittima, il ‘Rapport sur la Diversité’ di Ndiaye e Rivière apre alla più grande discussione sulla diversità razziale.
Spazio Officina Chiasso
1 gior

Genesi di Manlio Monti, artigiano dell'arte

Quasi 300 grafiche per oltre 60 nomi: da sabato 10 aprile al 3 giugno 2021 in mostra l'artista, il docente, il divulgatore, il promotore
Società
1 gior

Era il Principe Filippo, sempre un passo indietro (anche due)

È 'spirato pacificamente', quasi centenario. Di lui restano gli otto giorni di lutto, le gaffe e il gossip, che da quelle parti regna più sovrano dei sovrani.
Rsi
1 gior

‘I colori della mia terra’, Weick racconta Loredana Müller

Il documentario di Werner Weick, ritratto professionale e artistico, va in onda domenica 11 aprile su La1 per Portrait, con inizio alle 9.30.
Arte
1 gior

‘Stanza con animali’, Sandra Snozzi alla Galleria Job

Nei locali di via Borgetto 10 a Giubiasco, le creature in carta dell'artista ticinese. Fino al 24 aprile.
Culture
1 gior

Locarno, l'abbigliamento dei romani in Biblioteca (virtuale)

Mercoledì 14 aprile alle 18, in streaming, all'interno di Realia: aspetti di vita pratica nel mondo greco-romano', l'indagine condotta da Elisabetta Gagetti
Spettacoli
1 gior

Morto il rapper DMX, era in coma per overdose

Il rapper, 50enne, era stato ricoverato lo scorso 2 aprile per un attacco di cuore, conseguenza di un'overdose
Scienze
1 gior

Un apparecchio fitness per malati di Alzheimer

Uno spin-off dell'Eth di Zurigo ha sviluppato uno speciale dispositivo la cui efficacia è stata dimostrata da uno studio.
Covid e Cultura
1 gior

'Freelance inclusi, una conquista. Ora si attende di ripartire'

A colloquio Cristina Galbiati, membro di t. (Professionisti dello spettacolo Svizzera) sulle modifiche all'Ordinanza Covid-19 Cultura e sulla 'Taskforce'
Spettacoli
1 gior

Prince, rivive il genio di Minneapolis: album di inediti a luglio

'Welcome 2 America' contiene 12 brani incisi nel 2010, parte del tesoretto contenuto nella cassaforte dello studio di Prince a Minneapolis
Culture
1 gior

Milena Folletti dice addio alla Rsi

Lascia l'azienda per affrontare nuove opportunità professionali, dopo 33 anni ininterrotti. Il ringraziamento congiunto di Rsi e Ssr
Gallery
Culture
1 gior

‘Queer’, la diversità di genere è in mostra a Berna

Sono molti gli esempi di fluidità di genere e il Museo di storia naturale vi dedica una eposizione lunga un anno
Culture
25.02.2021 - 17:240
Aggiornamento : 17:54

Chiara Valerio, la matematica e la democrazia

Intervista all'autrice, ospite con Gustavo Zagrebelsky del primo appuntamento del nuovo ciclo di Arti liberali del Lac

Arti liberali riparte dalla matematica: il primo incontro del nuovo ciclo di incontri organizzato dal Lac di Lugano avrà come ospiti – in streaming su www.luganolac.ch venerdì 26 febbraio alle 20.30 – il giurista Gustavo Zagrebelsky e la scrittrice e traduttrice Chiara Valerio. Non la matematica di integrali ed equazioni differenziali, che nel suo libro ‘La matematica è politica’ (Einaudi 2020) Chiara Valerio confessa di non essere più in grado di risolvere nonostante un dottorato di ricerca in calcolo delle probabilità e anni di insegnamento; quella di cui si parlerà è la matematica come forma di pensiero, quella per cui “ciascuno può ritrovare o ricavare un risultato da solo”. Per questo “penso che studiare matematica educhi alla democrazia più di qualsiasi altra disciplina” scrive Chiara Valerio nel suo breve saggio che alterna racconti personali e riflessioni sulla società, il sapere scientifico, il vivere comune.

Il testo esplora un tema sul quale si è molto dibattuto: il rapporto tra democrazia e sapere scientifico (in questo caso matematico), superficialmente lontani – “la scienza non è democratica”, hanno affermato alcuni sottolineando come le conoscenze non vengano messe ai voti – ma in profondità collegati come si può leggere, per quanto come detto in maniera personale e aneddotica, nelle pagine del saggio di Chiara Valerio.

Chiara Valerio, nel suo libro affronta anche i pregiudizi sulla matematica di cui vediamo gli effetti nella “lecita ignoranza”: non sapere cosa è un integrale è normale e forse anche auspicabile, mentre ignorare un congiuntivo o chi era Dante inaccettabile. Come convincerebbe una persona che la matematica è cultura?

Non credo si possa convincere qualcuno che la matematica sia cultura, motivo per cui in questo libro tento di presentarla come una prassi. Non mi viene in mente, d’altronde, un solo comportamento che, oggi, non abbia radici culturali. Pensi come abbiamo addomesticato il nostro rapporto col cibo, per esempio, come lo abbiamo staccato dalla nutrizione. Mi dispiace, certo, che la matematica sia uscita dal corredo di conoscenze di un umanista, ma capisco che confrontarsi con una disciplina nel quale non esiste principio di autorità e dunque dove l’assertività, i capi, i capetti sono banditi sia percepita come una disciplina faticosa, e fuori luogo in un mondo dove tutto viene immediatamente gerarchizzato, e taggato.

A proposito di pregiudizi sulla matematica: uno di questi vede gli uomini più portati per pensiero scientifico e astratto (matematica inclusa) e le donne più alle materie umanistiche e concrete. Nei suoi studi ha subito questi pregiudizi?

Se li ho subiti, non me ne sono accorta. Penso ovviamente non ci sia alcuna differenza tra il cervello degli uomini e quello delle donne riguardo l’approccio alle materie scientifiche. E questo riguarda il cervello dentro di noi. C’è però un cervello fuori di noi, fatto di memoria collettiva, di abitudini sociali, di relazioni che le donne hanno la possibilità di esercitare da duecento anni a questa parte. È questo cervello sul quale dobbiamo agire per abbattere questioni che non riguardano le capacità ma le abitudini che, talvolta, funzionano come leggi inviolabili.

Pur riconoscendo il valore culturale della matematica e la sua importanza per una formazione culturale completa, rimane il fatto che la matematica è il regno delle deduzioni rigorose e dei concetti astratti, ben lontani dalla politica, concreta e fallibile. In che misura quindi “la matematica è politica”?

Le verità matematiche sono tutte assolute e tutte transeunti, valgono in certi insiemi e non in altri. Cambiano secondo l’insieme sul quale sono definite. Le verità matematiche possono essere contrattate, volta per volta. E questo somiglia alle verità democratiche, cioè ai diritti acquisiti e a ciò che rigorosamente, per quanto possiamo essere rigorosi, ne discende. Inoltre, la matematica va esercitata, presuppose un attività, esattamente come la cittadinanza in democrazia. I matematici inoltre, per quanto vengano rappresentati come esseri chiusi in una torre d’avorio a pensare da soli per anni, non prescindono mai dalla comunità dei matematici per il risultato che ottengono. E non prescindono dalle conoscenze ottenute da altri. La matematica crea comunità, esattamente come la democrazia.

Nel libro si legge che “in matematica, grazie al ragionamento deduttivo, non esistono principi di autorità”. Anche in democrazia, prosegue, non c’è il principio di autorità; ma qui diventa centrale il tema della fiducia, quello per cui ad esempio “accettiamo” e non “subiamo” decisioni come il Lockdown. Conoscere la matematica cambia il nostro modo di intendere la fiducia?

Io credo di sì, ma credo valga anche per la filologia romanza, o per l’educazione fisica o per il gioco degli scacchi, o del calcio. Avere la coscienza che tutti giochiamo con le stesse regole significa prima di tutto ammettere che per essere liberi in un collettivo devono esserci regole comuni condivise e contrattabili e significa poi essere disposti a sospendere una parte di quei diritti acquisiti e inalienabili per una libertà più ampia e per una forma etica più globale. Certo, questo presuppone una chiarezza nella comunicazione delle limitazioni che in Italia non sempre c’è stata.

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved