tesori-musicali-online-bentornati-al-rock-museum
Mostra online
+4
ULTIME NOTIZIE Culture
Società
3 ore

Vittime, arpie, snaturate? Le donne dopo il diritto di voto

In vista dell‘evento ’Il suffragio in scena’, il punto sulla presenza femminile nello spazio politico e pubblico in occasione del 50° anniversario
Arte
6 ore

Duecento anni di Antonio Ciseri

Prendono il via le mostre ad Ascona, Locarno, Lugano e Rancate per il bicentenario dell’artista nato a Ronco sopra Ascona
Società
7 ore

‘La Rsi che vorrei’, incontro pubblico con Mario Timbal

Trascorsi i primi 100 giorni, il direttore Rsi parlerà dei cambiamenti organizzativi, del ruolo del comitato direttivo e delle sfide per il futuro
Spettacoli
8 ore

Gemellaggio tra Ascona e New Orleans celebrato dal pubblico

‘Capiti quel che capiti, l’anno prossimo JazzAscona tornerà alla grande’ è stata la promessa del presidente Guido Casparis
Società
8 ore

Narcisi nella rete, conferenza di Antonio Nizzoli

Durante l’incontro verrà affrontata la complessa determinazione dell’immagine di sé come relazione sociale, tra conformismo e difformismo
Culture
10 ore

Incontro con Jacques Aumont, Premio Balzan per la filmologia

Il professore emerito dell’Università Sorbonne Nouvelle, insignito del riconoscimento nel 2019, indagherà il rapporto tra cinema e corpo umano
Arte
14 ore

Tutti i ‘Personnages’ della Fondazione Braglia

Dal 30 settembre al 18 dicembre 2021, la rappresentazione dell’essere umano ‘da Werefkin a Miró e da Warhol a Paladino’ (a Picasso, Nolde, Paul Klee...)
Spettacoli
1 gior

‘Space Jam: new legends’, divertente nonostante tutto

Storia scontata e scarse doti attoriali di LeBron James, ma il film tra animazione e live-action ha buon ritmo e la giusta ironia per non annoiarsi
Spettacoli
2 gior

Usa: sfigurata da trattamento, chiede 50 milioni

La top model Linda Evangelista fa causa alla società responsabile del trattamento cosmetico che le ha rovinato il volto, rendendola irriconoscibile
Musica
2 gior

Addio a Pee Wee Ellis, ‘gentiluomo’ del sassofono

Fu nella band di James Brown. Il ricordo di Nicola Gilliet, che lo unì ai ticinesi Re:Funk: ‘Aggressivo ma dolce, spiazzante. E col suono dei grandi di sempre’
Settimane Musicali
2 gior

Il weekend asconese di Piemontesi & Friends

Sabato 25 e domenica 26 settembre, omaggi a Messiaen e a Chopin e il Viaggio d’inverno di Schubert con Matthias Goerne
Scienze
2 gior

Cina, l’amido sintetizzato dal CO2 è una ‘prima’ assoluta

In passato sono stati condotti diversi studi a livello globale sulla sintesi dell’amido, ma finora i progressi raggiunti erano stati scarsi
Spettacoli
2 gior

Ed Sheeran a Zurigo, prevendita dalle ore 11 del 25 settembre

Il Letzigrund Stadion, 16 settembre 2022, è l’unica tappa svizzera del tour di ‘=’, nuovo album del cantautore britannico
Musica
2 gior

Nirvana, c’era una volta ‘Nevermind’ (e ancora c’è)

Segnò l’affermazione del grunge, spazzò via l’hair rock e spostò Seattle un po’ più al centro del mondo. Era il 24 settembre 1991
Fotografia
2 gior

‘Out of the night’, a Carona scatti di jazz di ieri e di oggi

Alla Galleria la Loggia, dal 25 settembre, la scena jazz tra le immagini d’archivio del fotografo ticinese Maurizio Gonnella e gli scatti di Matteo Ceschi
Collezionismo
05.02.2021 - 17:480
Aggiornamento : 18:44

Tesori musicali online: bentornati al Rock Museum

Il sito www.rockdream.zone è la riproduzione in miniatura della mostra vista a Locarno nel luglio del 2019. Pezzi unici, autografati, cimeli e rarità.

È la Mecca del collezionista, il Nirvana del memorabilia (inclusi i Nirvana), il Pornhub dei feticisti del rock (ma qui sono tutti vestiti). Su www.rockdream.zone è aperto il Locarno Rock Museum visto a luglio 2019 al Palacinema, trasferitosi giocoforza online. È la mostra del collezionista di cimeli del rock Claudio Mollekopf in collaborazione con l’omologo Eros Girardi. «Dopo l’entusiasmo della prima esposizione – racconta Mollekopf – eravamo pronti a fare il bis nell’estate 2020». Senza la pandemia, Locarno avrebbe riaccolto il bendidìo di due anni fa più «la moto utilizzata nel film ‘Terminator’, legata ai Guns N’ Roses, e quella di ‘Easy Rider’».

Visto di persona, il Rock Museum fa impressione. Visto online, rende l’idea. «Si tratta di 300 articoli che vengono da casa mia e da quella di Eros, 300 tra dischi d’oro originali consegnati agli artisti per celebrare le vendite, dagli U2 agli Ac/Dc, album autografati, il cappello di Slash dei Guns N’ Roses, vecchi manifesti anni ‘60 e ’70, compreso quello di un certo Bob Dylon, sconosciuto e stampato col cognome errato. Non da ultimi, i biglietti e il manifesto originale di Woodstock '69». Raccolti in una vita intera: «Ho 63 anni e verso i 14-15 mi ero illuso di poter salire su di un palco. I risultati furono scarsi, la passione è rimasta. Da lì nasce la collezione».

Amico Steve

Molto, per i cimeli raccolti da Claudio, ha fatto il compianto Steve Lee: «Spesso e volentieri mi chiedeva se volessi aggiungermi ai Gotthard in occasione dei loro concerti. E così uscivo dall’ufficio, toglievo giacca e cravatta, m’infilavo il chiodo e salivo sul pullman con loro. Quando aprirono per gli Ac/Dc a Torino, nel backstage feci firmare l’album ‘Back In Black’ a tutta la band. Poi tirai fuori un multiplatino di ‘The Razor’s Edge’, 3 milioni di dischi venduti, la copia commemorativa intestata ad Angus Young, e Angus mi disse: “È il mio. Non l’ho mai ritirato”». Poteva anche riprenderselo, ma non lo fece». E così ‘The Razor’s Edge’ firmato dal bimbo cattivo della più popolare hard rock band al mondo ha un posto al Rock Museum, insieme – citando il titolo di un ricco cofanetto degli australiani – agli altri ‘Family Jewels’ (gioielli di famiglia).

Zucchero in spiaggia, Michael sull’aereo

Collezionismo, universo parallelo fatto di amore e dipendenza, incomprensibile ai molti. «All’inizio è stata una maglietta, poi ho trovato la faccia tosta d’infilarmi dove potevo, per raccogliere una firma; poi è arrivata la malattia (ride, ndr). Diciamo che ho avuto il vantaggio di essere stato single fino a 50 anni, tempo e disponibilità per andare a un concerto due ore prima o aspettare due ore dopo l’artista». Per arrivare a mettere insieme la collezione, «qualcosa si compra, altro si scambia, ma erano altri tempi, quelli di negozi come Vinilmania a Milano, o dei viaggi a Londra, il weekend di vacanza fatto coincidere con l’asta per tornare a casa con qualche cimelio». Altri tempi anche perché «adesso è molto più difficile collezionare. Prezzi esorbitanti. E oggetti come questi ce ne sono sempre meno».

Apriamo il sempre gustoso capitolo aneddoti. Quello piacevole: «Zucchero in viaggio di nozze a Phuket, che spiaggiato sopra una sedia a sdraio non era esattamente un bel vedere. Lui si fermava una settimana intera, così feci in tempo a farmi recapitare un disco in fretta e furia per farmelo firmare». Quello meno piacevole: «A 13 anni, durante un viaggio negli Stati Uniti, su un volo da città a città, con posti separati, mia madre mi mise su un sedile da solo, vicino a un ragazzo di colore, raccomandandomi di non fare battute sceme. Mi misi a sfogliare un Pop/Rocky (rivista giovanile tedesca uscita tra il '77 e il l'80, ndr); lui indicò una foto e mi disse che era Michael Jackson dei Jackson 5. Io, invece di farmi firmare il giornale, gli risposi che a me piaceva Alice Cooper».

La chiavetta dove la metto

Claudio: il pezzo più prezioso che si può nominare senza invogliare i ladri a ripulirti la casa? «Affettivamente, ‘The Dark Side Of The Moon’ firmato da David Gilmour, il mio primo disco in vinile, comperato con la prima paga d’apprendista». Valori affettivi a parte? «Il disco d’oro di ‘Imagine’ di John Lennon, conferito a lui, o quello di ‘Love You Live’ dei Rolling Stones dato ad Andy Warhol, che di quell'album realizzò la copertina. Forse lui nemmeno sapeva dell’esistenza, in quanto non musicista».

Mollekopf ci dice che i vecchi nomi del rock hanno sempre grande valore e fascino. Per tutto il resto del ‘fisico’ della musica, nessuno si strappa i capelli. «Ricordo un’asta americana in cui si vendeva l’auto sulla quale, a Las Vegas, spararono a Tu Pac. Chiedevano 20-25mila dollari, era un’auto funzionante. Zero offerte». Forse perché un tempo, per celebrare le vendite, si consegnavano i vinili d’oro. «Oggi, con il download digitale, ci sono scatolette con dentro la chiavetta. Cosa fai, la appendi alla parete?».

 

L'intervista integrale in 'Generi di conforto', il podcast de laRegione in onda ogni sabato su www.laregione.ch/generidiconforto

Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved