tesori-musicali-online-bentornati-al-rock-museum
Mostra online
+4
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
1 ora

Il viaggio di un giovane ticinese in Unione Sovietica

Lo scrittore Marco Fantuzzi ripercorre, partendo da un suo diario ritrovato, un soggiorno di gioventù nella Russia comunista
Culture
16 ore

I Pulitzer tra pandemia e Black Lives Matter

La morte di George Floyd, le rivolte degli afroamericani e il giornalismo sul coronavirus dominano questa edizione dei premi
Musica
19 ore

Il 'Ghettolimpo' di Mahmood, tra gli dei e la vita reale

Il nuovo album di un Narciso al contrario: 'In questi ultimi anni cercavo l'Alessandro di sempre, ma trovavo solo quello che vedevano gli altri'.
Arte
19 ore

Züst: micromosaici, tableau brodé, e di sfondo Rousseau

‘Le donne, l'arte e il Grand Tour’ è la mostra che si apre sabato 12 giugno alla Pinacoteca Züst di Rancate, aperta fino al 3 ottobre 2021.
Spettacoli
23 ore

Sai cosa ti dico Dante? Vai all'inferno!

Il Lussemburgo ospita una rivisitazione in chiave umoristica dell'Inferno dantesco nel 700esimo dalla morte del Sommo Poeta.
Animazione
23 ore

Winnie the Pooh con la Regina, un compleanno per due

'L'Avventura Reale' è l'animazione Disney con protagonisti l'orsetto 95 enne per rendere omaggio a Elisabetta II, anch'ella 95enne (dal 21 aprile scorso)
Musica
1 gior

'L'Allegria', Gianni Morandi canta Jovanotti

Il singolo, uscito dai Pinaxa Studios, è un gentile omaggio di Lorenzo: 'Ho scritto per uno dei migliori di sempre', scrive rispondendo alla felicità di Morandi
Videogames
1 gior

Hacker attaccano il gigante dei videogiochi Electronic Arts

Gli intrusi 'non hanno avuto accesso ai dati dei giocatori e 'non c'è ragione di ritenere che la privacy' di chi gioca 'sia a rischio', dice l'azienda
LongLake Festival Lugano
1 gior

Dante, le ruspe e il fanciullino Pelù

Il Sommo Poeta, Firenze, Greta e il Molino: il rocker-scrittore si è raccontato come in ‘Spacca l'infinito’. La musica non c'era, ma è stato come se ci fosse
Arte
1 gior

La materia dei sogni di Vincenzo Vela

Al museo di Ligornetto il progetto artistico di Adriano Kestenholz tra gessi, statue, musica e immagini di una realtà dislocata
Culture
1 gior

Arzo, il 21esimo Festival di narrazione torna 'diffuso'

Dal 19 al 22 agosto, dopo lo stop per pandemia, si allarga anche a Melide e Tremona, per allargare i confini e la poetica della manifestazione.
Letteratura
1 gior

Premio Strega Giovani a Edith Bruck per ‘Il pane perduto’

Nata in una povera e numerosa famiglia ebrea nel 1931, sopravvissuta ad Auschwitz, Dachau, Bergen-Belsen, ne 'Il pane perduto' ripercorre la sua vita.
Musica
1 gior

'Curio, Salone Piazza Grande, il mio piccolo Lac del Malcantone'

Con Sandro Schneebeli nella sede dell'Associazione da lui fondata, in tempi in cui il musicista è sempre più 'imprenditore’: ‘Per me è così da trent'anni’.
Cinema
1 gior

A Cannes un Dario Argento attore in 'Vortex'

Gaspar Noé ha scritturato il regista del brivido insieme a Françoise Lebrun e Alex Lutz per un film che racconta gli ultimi giorni di una coppia di vecchi amanti.
Culture
1 gior

Da Pro Helvetia 25mila franchi per un progetto letterario

La Fondazione svizzera per la cultura sostiene 15 autrici e autori: per la prima volta, selezionati anche progetti non scritti in una delle 4 lingue nazionali.
Collezionismo
05.02.2021 - 17:480
Aggiornamento : 18:44

Tesori musicali online: bentornati al Rock Museum

Il sito www.rockdream.zone è la riproduzione in miniatura della mostra vista a Locarno nel luglio del 2019. Pezzi unici, autografati, cimeli e rarità.

È la Mecca del collezionista, il Nirvana del memorabilia (inclusi i Nirvana), il Pornhub dei feticisti del rock (ma qui sono tutti vestiti). Su www.rockdream.zone è aperto il Locarno Rock Museum visto a luglio 2019 al Palacinema, trasferitosi giocoforza online. È la mostra del collezionista di cimeli del rock Claudio Mollekopf in collaborazione con l’omologo Eros Girardi. «Dopo l’entusiasmo della prima esposizione – racconta Mollekopf – eravamo pronti a fare il bis nell’estate 2020». Senza la pandemia, Locarno avrebbe riaccolto il bendidìo di due anni fa più «la moto utilizzata nel film ‘Terminator’, legata ai Guns N’ Roses, e quella di ‘Easy Rider’».

Visto di persona, il Rock Museum fa impressione. Visto online, rende l’idea. «Si tratta di 300 articoli che vengono da casa mia e da quella di Eros, 300 tra dischi d’oro originali consegnati agli artisti per celebrare le vendite, dagli U2 agli Ac/Dc, album autografati, il cappello di Slash dei Guns N’ Roses, vecchi manifesti anni ‘60 e ’70, compreso quello di un certo Bob Dylon, sconosciuto e stampato col cognome errato. Non da ultimi, i biglietti e il manifesto originale di Woodstock '69». Raccolti in una vita intera: «Ho 63 anni e verso i 14-15 mi ero illuso di poter salire su di un palco. I risultati furono scarsi, la passione è rimasta. Da lì nasce la collezione».

Amico Steve

Molto, per i cimeli raccolti da Claudio, ha fatto il compianto Steve Lee: «Spesso e volentieri mi chiedeva se volessi aggiungermi ai Gotthard in occasione dei loro concerti. E così uscivo dall’ufficio, toglievo giacca e cravatta, m’infilavo il chiodo e salivo sul pullman con loro. Quando aprirono per gli Ac/Dc a Torino, nel backstage feci firmare l’album ‘Back In Black’ a tutta la band. Poi tirai fuori un multiplatino di ‘The Razor’s Edge’, 3 milioni di dischi venduti, la copia commemorativa intestata ad Angus Young, e Angus mi disse: “È il mio. Non l’ho mai ritirato”». Poteva anche riprenderselo, ma non lo fece». E così ‘The Razor’s Edge’ firmato dal bimbo cattivo della più popolare hard rock band al mondo ha un posto al Rock Museum, insieme – citando il titolo di un ricco cofanetto degli australiani – agli altri ‘Family Jewels’ (gioielli di famiglia).

Zucchero in spiaggia, Michael sull’aereo

Collezionismo, universo parallelo fatto di amore e dipendenza, incomprensibile ai molti. «All’inizio è stata una maglietta, poi ho trovato la faccia tosta d’infilarmi dove potevo, per raccogliere una firma; poi è arrivata la malattia (ride, ndr). Diciamo che ho avuto il vantaggio di essere stato single fino a 50 anni, tempo e disponibilità per andare a un concerto due ore prima o aspettare due ore dopo l’artista». Per arrivare a mettere insieme la collezione, «qualcosa si compra, altro si scambia, ma erano altri tempi, quelli di negozi come Vinilmania a Milano, o dei viaggi a Londra, il weekend di vacanza fatto coincidere con l’asta per tornare a casa con qualche cimelio». Altri tempi anche perché «adesso è molto più difficile collezionare. Prezzi esorbitanti. E oggetti come questi ce ne sono sempre meno».

Apriamo il sempre gustoso capitolo aneddoti. Quello piacevole: «Zucchero in viaggio di nozze a Phuket, che spiaggiato sopra una sedia a sdraio non era esattamente un bel vedere. Lui si fermava una settimana intera, così feci in tempo a farmi recapitare un disco in fretta e furia per farmelo firmare». Quello meno piacevole: «A 13 anni, durante un viaggio negli Stati Uniti, su un volo da città a città, con posti separati, mia madre mi mise su un sedile da solo, vicino a un ragazzo di colore, raccomandandomi di non fare battute sceme. Mi misi a sfogliare un Pop/Rocky (rivista giovanile tedesca uscita tra il '77 e il l'80, ndr); lui indicò una foto e mi disse che era Michael Jackson dei Jackson 5. Io, invece di farmi firmare il giornale, gli risposi che a me piaceva Alice Cooper».

La chiavetta dove la metto

Claudio: il pezzo più prezioso che si può nominare senza invogliare i ladri a ripulirti la casa? «Affettivamente, ‘The Dark Side Of The Moon’ firmato da David Gilmour, il mio primo disco in vinile, comperato con la prima paga d’apprendista». Valori affettivi a parte? «Il disco d’oro di ‘Imagine’ di John Lennon, conferito a lui, o quello di ‘Love You Live’ dei Rolling Stones dato ad Andy Warhol, che di quell'album realizzò la copertina. Forse lui nemmeno sapeva dell’esistenza, in quanto non musicista».

Mollekopf ci dice che i vecchi nomi del rock hanno sempre grande valore e fascino. Per tutto il resto del ‘fisico’ della musica, nessuno si strappa i capelli. «Ricordo un’asta americana in cui si vendeva l’auto sulla quale, a Las Vegas, spararono a Tu Pac. Chiedevano 20-25mila dollari, era un’auto funzionante. Zero offerte». Forse perché un tempo, per celebrare le vendite, si consegnavano i vinili d’oro. «Oggi, con il download digitale, ci sono scatolette con dentro la chiavetta. Cosa fai, la appendi alla parete?».

 

L'intervista integrale in 'Generi di conforto', il podcast de laRegione in onda ogni sabato su www.laregione.ch/generidiconforto

Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved