tesori-musicali-online-bentornati-al-rock-museum
Mostra online
+4
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
7 ore

Ombre su Placido Domingo: ‘Legato a rete di schiave del sesso’

Il tenore spagnolo agita nuovamente la cronaca argentina e internazionale. La sua voce nelle intercettazioni degli inquirenti.
Culture
10 ore

La lettera di Galileo del Michigan è un falso degli anni 30

Fu creato da un celebre contraffattore milanese che per anni ha sfornato ‘autografi d’autore’ per mantenere le sue sette amanti
Estate giallo-nera
18 ore

‘Quer pasticciaccio’ di Carlo Emilio Gadda

‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’, 1957: scrittura che corre da ferma, personaggi promossi protagonisti appena nominati, spregiudicatezza
Culture
1 gior

‘Vento di vita vera’ a Moghegno, con musiche di Marco Zappa

Il film di Kurt Voller in anteprima sabato 20 agosto in piazza. La colonna sonora è del ticinese, atteso giovedì 18 agosto a Brusino Arsizio in Trio
Culture
1 gior

In Portogallo torna una vecchia antologia di Pessoa

Prima la biografia di Richard Zenith, ora l’antologia a cura dell’amico poeta e saggista Adolfo Casais Monteiro
Libri
1 gior

Il pane nell’arte, l’arte del pane

‘PaneArte’ (Dadò), interessante, anche se non esaustivo, cammino attraverso l’arte che si occupa del pane
Culture
1 gior

La Compagnia Tiziana Arnaboldi danza per Marguerite Arp

La Fondazione Marguerite Arp rende omaggio alla sua fondatrice sabato 20 e domenica 21 agosto alle 17, con una prima assoluta nel Ronco dei Fiori
Spettacoli
1 gior

Addio a Wolfgang Petersen, diresse ‘La storia infinita’ e ‘Troy’

Il regista tedesco aveva 81anni. Fra gli attori da lui diretti, Clint Eastwood, Dustin Hoffman, George Clooney, Harrison Ford e Brad Pitt
Spettacoli
2 gior

Manupia, tutti gli ‘Hit Single’ dal vivo ad Ascona

Alle 18, nel rinnovato ristorante/bar Al Torchio di via Borgo 47, la collaudata band ticinese dal vivo
Culture
2 gior

Che basta un colpo di vento e il festival di Arzo prende il volo

Da giovedì 18 a domenica 21 agosto, ad Arzo e nella ‘flilale’ Meride, torna il Festival internazionale della narrazione, edizione 22 (come l’anno...)
Spettacoli
2 gior

‘... senza parole’, al via il cine-concerto itinerante

È la seconda rassegna ideata dai fratelli Nolan, Simon e Brian Quinn. Dal 18 agosto in poi toccherà Morcote, Claro, Balerna, Massagno-Savosa
Teatro
2 gior

Emanuele Santoro in ‘La stupidità - Orazione semiseria’

Venerdì 26 agosto alle 21 al Parco Ciani, ispirandosi a ‘Le leggi fondamentali della stupidità umana’ di Carlo M. Cipolla
Musica
2 gior

Mardegan e Borghetto per il SobrioFestival

Violino e pianoforte, domenica 21 agosto alle 11 nella sala di Casa Mahler
L'intervista
2 gior

Julia Murat: ‘Per Bolsonaro saremo un vanto o l’immoralità noir’

La regista di ‘Regra 34’, Pardo d’oro al Miglior film, felice con moderazione: ‘Temiamo che il presidente o i suoi approfittino di questo premio’
L'intervista
2 gior

Gigi la legge che non multa a Locarno e si prende un premio

Un ritorno, quello di Alessandro Comodin, quest’anno Premio speciale della Giuria, già premiato nel 2011 a Locarno per ‘L’estate di Giacomo’.
Collezionismo
05.02.2021 - 17:48
Aggiornamento: 18:44

Tesori musicali online: bentornati al Rock Museum

Il sito www.rockdream.zone è la riproduzione in miniatura della mostra vista a Locarno nel luglio del 2019. Pezzi unici, autografati, cimeli e rarità.

È la Mecca del collezionista, il Nirvana del memorabilia (inclusi i Nirvana), il Pornhub dei feticisti del rock (ma qui sono tutti vestiti). Su www.rockdream.zone è aperto il Locarno Rock Museum visto a luglio 2019 al Palacinema, trasferitosi giocoforza online. È la mostra del collezionista di cimeli del rock Claudio Mollekopf in collaborazione con l’omologo Eros Girardi. «Dopo l’entusiasmo della prima esposizione – racconta Mollekopf – eravamo pronti a fare il bis nell’estate 2020». Senza la pandemia, Locarno avrebbe riaccolto il bendidìo di due anni fa più «la moto utilizzata nel film ‘Terminator’, legata ai Guns N’ Roses, e quella di ‘Easy Rider’».

Visto di persona, il Rock Museum fa impressione. Visto online, rende l’idea. «Si tratta di 300 articoli che vengono da casa mia e da quella di Eros, 300 tra dischi d’oro originali consegnati agli artisti per celebrare le vendite, dagli U2 agli Ac/Dc, album autografati, il cappello di Slash dei Guns N’ Roses, vecchi manifesti anni ‘60 e ’70, compreso quello di un certo Bob Dylon, sconosciuto e stampato col cognome errato. Non da ultimi, i biglietti e il manifesto originale di Woodstock '69». Raccolti in una vita intera: «Ho 63 anni e verso i 14-15 mi ero illuso di poter salire su di un palco. I risultati furono scarsi, la passione è rimasta. Da lì nasce la collezione».

Amico Steve

Molto, per i cimeli raccolti da Claudio, ha fatto il compianto Steve Lee: «Spesso e volentieri mi chiedeva se volessi aggiungermi ai Gotthard in occasione dei loro concerti. E così uscivo dall’ufficio, toglievo giacca e cravatta, m’infilavo il chiodo e salivo sul pullman con loro. Quando aprirono per gli Ac/Dc a Torino, nel backstage feci firmare l’album ‘Back In Black’ a tutta la band. Poi tirai fuori un multiplatino di ‘The Razor’s Edge’, 3 milioni di dischi venduti, la copia commemorativa intestata ad Angus Young, e Angus mi disse: “È il mio. Non l’ho mai ritirato”». Poteva anche riprenderselo, ma non lo fece». E così ‘The Razor’s Edge’ firmato dal bimbo cattivo della più popolare hard rock band al mondo ha un posto al Rock Museum, insieme – citando il titolo di un ricco cofanetto degli australiani – agli altri ‘Family Jewels’ (gioielli di famiglia).

Zucchero in spiaggia, Michael sull’aereo

Collezionismo, universo parallelo fatto di amore e dipendenza, incomprensibile ai molti. «All’inizio è stata una maglietta, poi ho trovato la faccia tosta d’infilarmi dove potevo, per raccogliere una firma; poi è arrivata la malattia (ride, ndr). Diciamo che ho avuto il vantaggio di essere stato single fino a 50 anni, tempo e disponibilità per andare a un concerto due ore prima o aspettare due ore dopo l’artista». Per arrivare a mettere insieme la collezione, «qualcosa si compra, altro si scambia, ma erano altri tempi, quelli di negozi come Vinilmania a Milano, o dei viaggi a Londra, il weekend di vacanza fatto coincidere con l’asta per tornare a casa con qualche cimelio». Altri tempi anche perché «adesso è molto più difficile collezionare. Prezzi esorbitanti. E oggetti come questi ce ne sono sempre meno».

Apriamo il sempre gustoso capitolo aneddoti. Quello piacevole: «Zucchero in viaggio di nozze a Phuket, che spiaggiato sopra una sedia a sdraio non era esattamente un bel vedere. Lui si fermava una settimana intera, così feci in tempo a farmi recapitare un disco in fretta e furia per farmelo firmare». Quello meno piacevole: «A 13 anni, durante un viaggio negli Stati Uniti, su un volo da città a città, con posti separati, mia madre mi mise su un sedile da solo, vicino a un ragazzo di colore, raccomandandomi di non fare battute sceme. Mi misi a sfogliare un Pop/Rocky (rivista giovanile tedesca uscita tra il '77 e il l'80, ndr); lui indicò una foto e mi disse che era Michael Jackson dei Jackson 5. Io, invece di farmi firmare il giornale, gli risposi che a me piaceva Alice Cooper».

La chiavetta dove la metto

Claudio: il pezzo più prezioso che si può nominare senza invogliare i ladri a ripulirti la casa? «Affettivamente, ‘The Dark Side Of The Moon’ firmato da David Gilmour, il mio primo disco in vinile, comperato con la prima paga d’apprendista». Valori affettivi a parte? «Il disco d’oro di ‘Imagine’ di John Lennon, conferito a lui, o quello di ‘Love You Live’ dei Rolling Stones dato ad Andy Warhol, che di quell'album realizzò la copertina. Forse lui nemmeno sapeva dell’esistenza, in quanto non musicista».

Mollekopf ci dice che i vecchi nomi del rock hanno sempre grande valore e fascino. Per tutto il resto del ‘fisico’ della musica, nessuno si strappa i capelli. «Ricordo un’asta americana in cui si vendeva l’auto sulla quale, a Las Vegas, spararono a Tu Pac. Chiedevano 20-25mila dollari, era un’auto funzionante. Zero offerte». Forse perché un tempo, per celebrare le vendite, si consegnavano i vinili d’oro. «Oggi, con il download digitale, ci sono scatolette con dentro la chiavetta. Cosa fai, la appendi alla parete?».

 

L'intervista integrale in 'Generi di conforto', il podcast de laRegione in onda ogni sabato su www.laregione.ch/generidiconforto

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
locarno rock rock museum www.rockdream.zone
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved