Verona
0
Bologna
1
1. tempo
(0-1)
Bienne
1
Zurigo
1
2. tempo
(1-0 : 0-1)
Berna
0
Friborgo
2
2. tempo
(0-1 : 0-1)
Ajoie
1
Zugo
4
2. tempo
(1-3 : 0-1)
Lakers
1
Ginevra
1
1. tempo
(1-1)
Langnau
0
Ambrì
3
2. tempo
(0-2 : 0-1)
Davos
3
Losanna
2
2. tempo
(2-2 : 1-0)
Turgovia
2
Winterthur
0
2. tempo
(1-0 : 1-0)
rileggere-oggi-la-poesia-di-salvatore-quasimodo
ULTIME NOTIZIE Culture
Teatro Sociale
58 min

Il mondo di Thomas e il suo ‘Libro di tutte le cose’

Domenica 23 gennaio alle 16 al Sociale, dal romanzo di Guus Kuijer, con Lorenzo Bassotto, Roberto Maria Macchi, Cinzia Morandi e Viviana Gysin
Cinema
3 ore

Woody Allen, ‘Un giorno di pioggia a New York’ esce in Cina

Il film scaricato da Amazon, flop al botteghino negli Stati Uniti durante la pandemia, supera lo scoglio della censura
Cinema
4 ore

Disney al lavoro su live-action degli ‘Aristogatti’

Non si sa se in sala o in streaming. Sceneggiatura affidata a Will Gluck, regista di ‘Peter Rabbit’, e Keith Bunin di ‘Onward’
Cinema
5 ore

Nel 2024 See-1, primo studio cinematografico spaziale in orbita

Accordo tra Axiom Space e Space Entertainment Enterprise, società dei produttori che stanno organizzando le riprese in orbita del film di Tom Cruise
Scienze
9 ore

Omicron è più dura a morire: vive fino a 8 giorni nell’ambiente

Uno studio svela una peculiarità della variante che potrebbe aiutare a spiegarne la rapida diffusione: resiste all’esterno più a lungo delle altre
Cinema
9 ore

‘Atlas’ di Niccolò Castelli distribuito in Germania e Austria

Matilda De Angelis, nel frattempo, premiata come miglior attrice al festival indiano di Jaipur 2022, dove il film ha vinto per miglior suono e montaggio
Spettacoli
11 ore

È morto Meat Loaf

La trilogia milionaria di ‘Bat Out of Hell’, il Grammy per ‘I’d do anything for Love’, indimenticato Eddie nel ‘Rocky Horror Picture Show’. Aveva 74 anni
Animali
12 ore

Ora è chiaro come le balenottere mangino senza strozzarsi

È grazie a un salvifico ‘tappo’ carnoso che va a chiudere e proteggere le vie respiratorie, scoperto dall’Università della British Columbia, Canada
Musica
15 ore

Rettore-Ditonellapiaga, una questione spudoratamente ‘Chimica’

No-vax, suore, Lucio Dalla, muri da abbattere e parità: nella conferenza di presentazione del duetto sanremese è Rettore show
30.01.2021 - 14:400

Rileggere oggi la poesia di Salvatore Quasimodo

Riscoprire il poeta premio Nobel in un tempo in cui la nostra lingua è quasi massacrata dal cattivo uso quotidiano

Rileggere oggi la poesia di Salvatore Quasimodo è necessario per ritrovarne i caratteri e il valore dopo i tempi, non privi di polemiche, seguiti all conferimento del premio Nobel. Era il 1959 e quel riconoscimento, se da un lato veniva a imporre l’autore nel panorama internazionale, dall’altro metteva in moto critiche spesso anche eccessive. Oggi la sua opera riappare con il volume di ‘Tutte le poesie’ negli Oscar Baobab Mondadori (p.620, € 26), curato da Carlangelo Mauro, con una importante appendice di poesie disperse e giovanili, con apparati e commenti, e con prefazione di Gilberto Finzi, e si ha così modo di riappropriarsi di un poeta di innegabile importanza nel panorama del Novecento. Un dato evidentissimo riemerge subito, perfettamente intatto pur essendo passati decenni (e per i primi versi più di un secolo) da quando furono scritti, ed è l’eleganza della pronuncia, la raffinata musica dei suoi versi, particolarmente vitale nelle opere che precedettero la guerra e in ogni caso presente anche nella successiva fase dell’impegno civile.

Insomma, questo poeta nato in Sicilia, a Modica, nel 1901, e poi approdato a Milano (dove morì nel 1968) dopo essere vissuto in varie altre città, ci arriva con l’immutato incanto della sua voce, del suo naturale senso per la parola, ancora più importante oggi, in un tempo, cioè, in cui la nostra lingua è quasi massacrata dal cattivo uso quotidiano. E percorrere di nuovo i versi di Quasimodo è quasi sempre un piacere, per la forza insieme limpida e suggestiva della sua parola. In questo discorso, naturalmente, rientrano le splendide traduzioni dei Lirici greci, apprezzatissime anche dai detrattori. Nelle traduzioni si rivede in pieno la naturale virtù del poeta, il dono presente nella sua scrittura, da consigliare oggi a molti autori, in versi e in prosa, che nei loro impasti cacofonici sembrano talvolta come afflitti da forme di semisordità…

Come scriveva Contini, Quasimodo “ambiva a trasferirsi in una materia verbale incorruttibile, lapidea, lucidissima”. E in questo agivano varie sue linee tematiche, come il rapporto con la natura e con la terra, il mito dell’infanzia e della cultura greca, la spinta verso l’infinito, sensualità e desiderio di purezza. Il tutto espresso in quella che Finzi definisce “una religione della parola”, con le indimenticabili uscite, che costellano, ‘Ed è subito sera’ la sua più celebre raccolta riassuntiva. Ma l’incanto dei suoi versi si manifesta anche in visioni di impronta più materiale e opacizzata: “Fitta di bianche e di nere radici / di lievito odora e lombrichi / tagliata dall’acque la terra”. Il tono di Quasimodo riappare comunque, benché incupito, anche in testi del dopoguerra, come, nella raccolta ‘Giorno dopo giorno’, quello che inizia così: ”Questo silenzio fermo nelle strade, / questo vento indolente, che ora scivola / basso tra le foglie morte o risale / ai colori delle insegne straniere… / forse l’ansia di dirti una parola / prima che si richiuda ancora il cielo”. E anche qui il suono della sua poesia resta impeccabile.

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved