le-liberta-di-emilio-bossi-a-cent-anni-dalla-sua-morte
Monumento a Emilio Bossi (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
3 ore

È morto Rocco Filippini, aristocratico del violoncello

Il violoncellista, figlio del pittore e scrittore Felice, è scomparso ieri per Covid. Aveva 77 anni. Il ricordo del musicologo Carlo Piccardi
Spettacoli
4 ore

Covid, cinema e teatri ‘non sono più gli ultimi a riaprire’

Alcune sale hanno già annunciato la ripresa degli spettacoli dal vivo, in attesa degli eventi all'aperto. Ma per i cinema e le grande produzioni questi allentamenti non sono sufficienti
Spettacoli
5 ore

(Scontata) Ironia sui cinesi: Michelle Hunziker chiede scusa

Le dita che simulano gli occhi a mandorla e la ‘L’ al posto della ‘R’: Striscia' accusata di razzismo per uno sketch sulla sede Rai di Pechino
Scienze
5 ore

L'asteroide caduto in Germania ha lasciato tracce a San Gallo

Un chiaro strato di polvere di quarzo scoperto nel 1945 dal geologo Franz Hofmann. È particolarmente visibile lungo le rive del Sitter, un affluente della Thur.
Spettacoli
6 ore

Jacky Marti: 'Niente Estival, appuntamento al 2022'

'Pur senza farci alcuna illusione, abbiamo voluto aspettare la conferenza stampa di oggi per capire. Ora le indicazioni parlano chiaro', dice Mister Estival
Scienze
11 ore

Ibsa Foundation Fellowship 2020: ecco i cinque vincitori

Ospite d'onore della consegna delle borse di studio, Alberto Mantovani, direttore scientifico dell’istituto clinico Humanitas.
Libri
11 ore

'Rosagarda', trittico inedito di Giorgio Orelli

Lo pubblica Edizioni Casagrande per il centenario della nascita del poeta. Il libro, curato da Pietro De Marchi e Matteo Terzaghi, sarà disponibile dal 15 aprile.
Streaming
11 ore

Osi al Lac: Markus Poschner tra Rossini, Sibelius e Britten

A cavallo fra due secoli di storia della musica per l'ultimo appuntamento della stagione: giovedì 15 aprile alle 20.30 in videostreaming Rsi e live su Rete Due
Scienze
12 ore

A Berna le misure igieniche proteggono i bebè dalla meningite

Lo afferma un gruppo di ricercatori dell'Inselspital, l'ospedale universitario. Indagini più vaste potranno estendere il dato oltre la città federale.
Culture
12 ore

Omaggio a Dante, Colazioni letterarie con Giulio Ferroni

Per la terza edizione dedicata al Sommo Poeta a 700 anni dalla morte, 'Dante e i confini d'Italia' è l'incontro in programma sabato 17 aprile alle 11 su Zoom
Video
Musica
14 ore

‘Eazy Sleazy’, metti insieme Mick Jagger con Dave Grohl

Sguardo ottimista verso il mondo al di là dell'isolamento e al 'giardino delle delizie terrene' che si trova oltre.
Scienze
18 ore

Alberto Mantovani e la scienza tra rispetto e responsabilità

Dalla distribuzione dei vaccini al dovere di comunicare in modo chiaro, intervista al direttore scientifico dell’istituto clinico Humanitas, ospite della Fondazione Ibsa per la consegna delle cinque fellowship
Scienze
2 gior

Nel giorno di Gagarin, un asteroide saluta la Terra

Transita a una distanza di 20mila chilometri dalla superficie terrestre, una distanza inferiore a quella dei satelliti geostazionari (36mila).
Culture
2 gior

L’esempio di Mario Timbal e la cultura aziendale della Rsi

Confrontato con la partenza improvvisa della responsabile Programmazione, il neodirettore della Rsi ha illustrato le sue linee editoriali, tra creatività e trasparenza
Lac
2 gior

'Sguardo sul teatro borghese' con Carmelo Rifici in streaming

Riprendono domani, martedì 13 aprile, le incursioni nel mondo del teatro con il direttore artistico del Lac
LocarnoFolk
2 gior

Nadia Gabi & Le Due nel Cappello con Raissa Avilés

Prossimo appuntamento il 17 aprile in streaming con le canzoni dall'album ‘Erba matta’ e, ospite, la cantante e attrice di origini messicane.
Culture
2 gior

Quattro studenti e l'informazione: una 'sfida epocale'

Giovedì 15 aprile alle 20.30 dialogheranno con Roberto Porta, presidente dell’Associazione ticinese dei giornalisti e Reto Ceschi, direttore Informazione Rsi.
Culture
2 gior

'Incontra uno scrittore', al via la quarta edizione

Partecipano alla quarta edizione 27 istituti. Allievi e agli ospiti delle strutture interessate possono incontrare un autore di lingua italiana in teleconferenza.
Scienze
2 gior

Il faggio complice della moltiplicazione delle zecche

Studio dell'Uni di Neuchâtel: più l'albero produce frutti, più i roditori ne mangiano, più aumenta la densità dei parassiti infettati da borreliosi di Lyme
Letteratura
3 gior

È morto Marcio Veloz Maggiolo, scrittore dominicano

Considerato il più importante nella storia letteraria del suo Paese, è morto ieri in un ospedale di Santo Domingo dopo essere risultato positivo al coronavirus
Spettacoli
3 gior

Due grafic designer svizzere 'aprono' i Simpson

Katrin von Niederhäusern e Janine Wiget hanno disegnato la sequenza di apertura della celebre serie tv, nota come 'gag del divano', in onda stasera negli Usa
Scienze
3 gior

Rinviato il volo di Ingenuity, mini-elicottero Nasa su Marte

Atteso per oggi, il primo viaggio di un velivolo motorizzato su di un altro pianeta è sospeso fino al 14 aprile per problemi tecnici
Libri
3 gior

Bernasconi e Fazioli a Paradeplatz, tra narrazione e poesia

‘A Zurigo, sulla luna. Dodici mesi in Paradeplatz’ (Gabriele Capelli), Yari Bernasconi e Andrea Fazioli nelle 'piazze delle banche'. Dal 12 aprile
Cinema
3 gior

‘Nomadland’ di Chloe Zhao premiato dai registi americani

L'opera della regista cinese vince anche i 73esimi Directors Guild of America, buon indicatore delle possibilità di un film di vincere l'Oscar per il miglior regista
Musica
4 gior

Vendo catalogo mie canzoni (astenersi perditempo)

Il business della musica è cosa per editori: senza più live, e con la miseria che arriva dallo streaming, gli autori monetizzano. In principio fu Michelino...
Culture
21.11.2020 - 17:150

Le libertà di Emilio Bossi a cent’anni dalla sua morte

Laicità, attenzione alle minoranze: il liberalismo di Milesbo al centro del libro di Edy Bernasconi sul politico e giornalista ticinese

1870 e 1920: sono gli anni di nascita e di morte di Emilio Bossi, gli estremi di una vita dedicata alla cosa pubblica, a ‘Libertà e laicità‘ come riassume il titolo del volume scritto da Edy Bernasconi, con disegni di Ivo Soldini e prefazione dello storico Orazio Martinetti, e pubblicato da Fontana edizioni in collaborazione con l’Associazione ticinese di cremazione che oggi gli dedicherà il Crematorio di Lugano. Le due date sono importanti, non solo perché ricordano il doppio anniversario – centocinquant’anni dalla nascita e cento dalla morte – che fa da occasione per il volume, ma perché sono il contesto nel quale si mosse Emilio Bossi, o Milesbo come era solito firmarsi nei suoi interventi di fine polemista. Parliamo dello sviluppo del Ticino moderno, della feroce contrapposizione tra conservatori e liberali che portò, nel 1890, a un colpo di Stato da parte dei liberali; dello sviluppo del movimento operaio, del dibattito sulla neutralità e l’identità nazionale con la Grande Guerra. È anche il periodo dell’introduzione della cremazione in Ticino, alla quale è dedicata un’appendice.

Edy Bernasconi dedica quasi un terzo del libro a ripercorrere quegli anni, a ricordare il contesto sociale e politico: non per fare una lezioncina di storia, ma per dare un senso all’opera e alle idee di Emilio Bossi, evitando così letture “astoriche” del suo anticlericalismo o della sua difesa della “italianità” del Ticino. Un’interpretazione storica che guarda anche al presente: alle date del 1870 e del 1920 dobbiamo infatti aggiungere quella del 2020, perché quello di Edy Bernasconi è un lavoro che potremmo definire militante, con un invito a riflettere sull’attualità di certe battaglie.

Edy Bernasconi, perché è così importante il contesto storico per comprendere l’anticlericalismo di Milesbo?

Perché cambia il paradigma del problema dei rapporti tra Stato e Chiesa: durante l’Ottocento più che la separazione tra Chiesa e Stato, il problema era sottoporre la Chiesa al controllo dello Stato. Questo, pensando in particolare alla situazione ticinese, per due motivi. Il primo è che non esisteva la diocesi di Lugano, per cui il Ticino erano territorio di diocesi “straniere”. Ma soprattutto queste diocesi disponevano di grossi beni: il principio dell’imposizione diretta su reddito e sostanza arriva solo verso la fine dell’Ottocento e il Cantone, nato nel 1803, aveva bisogno di molti fondi per la scuola, per le vie di collegamento. L’idea dominante, anche tra i liberali, è controllare la Chiesa, fare in modo che le diocesi contribuiscano con i loro averi allo sviluppo del Paese.

Cosa capita con Milesbo?

Con personaggi come Emilio Bossi e Romeo Manzoni si fa largo un’idea più francese di laicità: la separazione tra Stato e Chiesa, garantendo alla Chiesa la sua piena libertà ma senza nessun diritto su leggi e regolamenti, prerogative presenti invece nella legge civile-ecclesiastica del 1886 voluta dai conservatori.

E attenzione: negli scritti di Milesbo io non ho mai trovato la parola “ateo”. È evidente che le sue ricerche l’hanno portato a essere, se non ateo, quantomeno agnostico, ma ha sempre separato il discorso filosofico da quello politico.

Il suo saggio ‘Gesù Cristo non è mai esistito’ va certamente in quella direzione, atea o agnostica.

Sì, ma è l’opera innanzitutto di una persona convinta che la religione sia una produzione
 
culturale umana e non divina e come tale la studia. Il Bossi filosofo e intellettuale è un positivista, vicino a Herbert Spencer, a Ernest Renan e convinto che la scienza fosse l’unica via per la ricerca della verità.

Ma il Bossi politico è per la libertà religiosa: intervenne addirittura a favore del diritto dei gesuiti a professare in Svizzera, cosa assolutamente non banale per un liberale visto il loro ruolo della guerra del Sonderbund. I gesuiti, per Bossi, sono reazionari e pericolosi, ma la proibizione viola i loro diritti. La libertà può essere tale solo se lo Stato non ha religione: e all’epoca in Ticino la religione cattolica era religione di stato. Libertà e laicità non intesa come lotta alla religione: lui non ha in mente uno Stato ateo, ma uno Stato neutro in materia religiosa.

Lo Stato come arbitro dei conflitti.

E non solo religiosi ma anche sociali: per il liberale Bossi lo Stato non dovrebbe parteggiare né per il mondo del capitale e dell’economia né per il mondo del lavoro ma mettere entrambi i fronti sullo stesso piano.

 Un liberale anomalo, per gli standard moderni.

Certo. Arriva addirittura a dire il liberalismo ha fatto il proprio tempo: non per i rapporti tra Chiesa e Stato – su quel tema i radicali hanno praticamente perso tutte le battaglie –, ma su temi quali il diritto di voto universale e lo Stato di diritto il liberalismo ha esaurito il suo compito. Dovrebbe quindi rinnovarsi perché la sfida è passare da una democrazia formale a una democrazia con maggiori contenuti, il che significa riconoscere maggiore spazio, maggiori diritti ai ceti subalterni e ai lavoratori.

Un avvicinamento al socialismo.

Nel 1900 Bossi partecipò alla fondazione del Partito socialista ticinese. Ma ci sarà una rottura con il movimento operaio e i socialisti anche a causa dell’interventismo di Bossi durante la Prima guerra mondiale, ma magari ci torniamo più avanti. Bossi spinge per un rinnovamento del pensiero liberale in una direzione più sociale: si batte per una riforma delle leggi sul lavoro, per il principio di proporzionalità delle imposte.

Rimaneva comunque un liberale.

Non ha mai contestato il principio della proprietà privata: più che un socialista era un fabiano inglese. Sembra che conoscesse bene Marx ma non pensava che la storia potesse essere spiegata solo come storia delle lotte di classe. Il liberalismo deve cercare di coniugarsi con le istanze dei più deboli affinché la democrazia liberali diventi effettiva. Critica duramente la Rivoluzione russa, contrario alla dittatura del proletariato perché ad andare al potere non è il popolo, ma dei burocrati che si presentano come rappresentanti del popolo e diventano dittatori – e su questo possiamo dire che la storia gli ha dato ragione. Critica lo sciopero generale del 1918, secondo lui opera di agenti tedeschi.

E l’interventismo?

Questione delicata, perché c’era il rischio di confondere interventismo con irredentismo, ma Bossi non mi sembra proprio avesse simpatie per il movimento che voleva separare il Ticino dal resto della Svizzera. Il suo interventismo si rifà alla tradizione risorgimentale, in difesa dei diritti dell’Italia. E perché Austria e Germania erano viste come potenze reazionarie e oscurantiste.

Queste sue battaglie lo portano a intervenire – dai banchi del parlamento federale, con un’aspra polemica con il consigliere federale Giuseppe Motta – in difesa del Belgio invaso dalla Germania. È interessante ricordarlo perché sviluppa una concezione della neutralità svizzera che direi molto moderna: il fatto di essere neutrali non significa chiudere gli occhi quando una grande potenza sottomette un piccolo Paese. La sua nozione di neutralità come apertura, invece che come chiusura, sarebbe stata molto utile durante la Seconda guerra mondiale.

Guardando a noi: quali idee di Milesbo sono ancora attuali, oggi?

La prima è la nozione di laicità: è vero che ormai viviamo in una società secolarizzata ma dobbiamo guardare ai nuovi scenari come l’Islam violento. Come dobbiamo rispondere a questa minaccia? Ribadendo i valori della laicità, la centralità dell’individuo e la libertà di scelta, oppure con le radici cristiane d’Europa? Dobbiamo rispondere mandando indietro il mondo con un rosario in mano oppure riaffermando con forza i valori dell’Illuminismo? Se non rimettiamo al centro la nozione di laicità, facciamo una battaglia tra greggi perdendo la centralità dell’individuo e della sua libertà.

Per la politica, un’idea importante è certamente l’apertura della Svizzera, la neutralità vista non come chiusura ma come dialogo.

Infine, cosa vuol dire essere liberali quando si parla di economia? Il movimento liberale è sempre stato una grande famiglia, molto differenziato al suo interno, in dialogo tra varie anime. Ma oggi il partito liberale svizzero è diventato essenzialmente la cassa di risonanza dell’economia. Che poi l’economia abbia le sue ragioni, perché non puoi distribuire ricchezza se non la produci, è indubbio. Ma si tratta di porsi appunto anche il problema della distribuzione di questa ricchezza, soprattutto nella nostra realtà globalizzata con la crescente insicurezza di ampie fasce dei cittadini. E dico cittadini, non “gente”, termine che continuano imperterriti a utilizzare anche i candidati alla presidenza del partito liberale ticinese.

Ingrandisci l'immagine
© Regiopress, All rights reserved