laRegione
premio-mobius-oltre-la-pandemia
ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
8 ore

Da Jean Arp a Nesto Jacometti

Si chiama ‘Nesto Jacometti, editore’ ed è un insieme di piccole mostre di grandi autori aperto al Museo Casorella di Locarno
Arte
18 ore

Addio ad Alfiero Nena, scultore

Autore dell'unica opera contemporanea presente, nella basilica romana di Santa Maria del Popolo, donò un monumento ad Amatrice, colpita dal terremoto del 2016
Spettacoli
18 ore

Jazz (in Bess) e nuove musiche: Samuel Blaser

Il trombonista svizzero presenta 'Early in the morning', tributo al blues in programma mercoledì 28 ottobre alle 21.
Musica
18 ore

A dicembre 'Paul McCartney III', l'album del lockdown

Cinquant'anni dopo l'addio ai Beatles, il nuovo disco di Sir Paul in linea col minimalismo creativo imposto dal Covid-19.
Spettacoli
19 ore

Taskforce Culture: 'Ok restrizioni, ma gli aiuti siano chiari'

L'organismo che riunisce rappresentanti di diverse associazioni culturali svizzere chiede chiarezza e regole unitarie: 'In pericolo artisti e imprese'.
Fotografia
20 ore

Vincenzo Vicari dentro la cronaca, al Palacongressi

Mercoledì 28 ottobre, incontro pubblico sul fotografo del 'Ticino che cambia'
Spettacoli
20 ore

Adieu Jean-Claude Pasche, anche noto come Bernabé

È deceduto all'età di 80 anni il fondatore dell'omonimo e celebre Café-Théâtre di Servion, nel Canton Vaud.
Culture
20 ore

Al vignettista Chappatte il Premio Fondation pour Genève

Tra le motivazioni, 'la sua capacità di toccare le persone e di farle pensare, trascendendo i confini e le lingue'.
infodemia
22 ore

No, la Svizzera non nega la rianimazione agli anziani

Lo strano caso di una bufala circolata. E le vere direttive, non solo svizzere, per il triage in caso finiscano i letti in terapia intensiva
Società
23 ore

Gli informatici? Meno ricercati di quanto si creda

Il mercato del lavoro non si strappa i capelli per averli: posti online aumentati, ma competenze specifiche in calo
Società
1 gior

Aumentano i dipendenti dal gioco d'azzardo in Svizzera

La progressione registrata nel 2019 è superiore a quella osservata negli anni precedenti
Musica
1 gior

Miley Cyrus torna con 'Plastic Heart'

Per il suo settimo album, la popstar si è fatta ritrarre in copertina dal guru delle copertine Mick Rock
Culture
18.10.2020 - 19:100

Premio Möbius oltre la pandemia

Sostenibilità ambientale e futuro del mondo del lavoro al centro della manifestazione giunta alla 24ª edizione

Edizione digitale, per il 24° Premio Möbius Multimedia Lugano: in streaming, e con alcuni ospiti in videocollegamento, ma è praticamente l'unica concessione alla pandemia per la manifestazione che ha sempre saputo non fermarsi all’attualità ma usarla per leggere il futuro.

Così, un po' di Covid-19 per il Möbius Giovani – dedicato a otto contributi video sull’emergenza sanitaria, con un premio andato Andrea Dragoni per “La mia parte nascosta”, più una menzione per il lavoro di Ismaela Nicola –; per il resto, si guarda a temi che la pandemia ci ha forse fatto dimenticare ma che rimangono lì: la sostenibilità ambientale e il futuro del lavoro.

Iniziamo dal primo tema, la sostenibilità che, nonostante certe tendenze nostalgiche di rifiuto della modernità, passa da un uso (intelligente) delle tecnologie digitali. E a dimostrarlo è stato il premio, una carrellata di soluzioni interessanti per migliorare l'ambiente e assicurare cibo di qualità. Il Grand Prix Möbius Editoria Mutante è andato al progetto “17Doors - Le chiavi per capire, diffondere ed applicare lo sviluppo sostenibile” sviluppato  da Sustain&Ability per, si legge nella motivazioni della giuria, “il valore sociale incentrato sulla divulgazione del concetto di sostenibilità, con l’auspicio che le soluzioni di comunicazione immersiva vengano percorse con sempre maggior decisione”. Il Grand Prix Suisse è stato invece attribuito a “xFarm - Soluzioni per l’agricoltura digitale” in quanto “favorisce la modernizzazione dell’impresa agricola, sfruttando l’innovazione tecnologica, creando una filiera moderna nell’interesse sia aziendale che generale”.

Per quanto riguarda il futuro del lavoro, il Premio Möbius ha affrontato il tema partendo da alcune esperienze concrete, racconti di persone che sono riuscite, tramite il digitale, a trovare una nuova strada lavorativa: Patrick Balestra, giovane ticinese che dopo bachelor in informatica all’Usi è approdato a Spotify, il servizio di musica in streaming, e Sara Beltrame, sceneggiatrice e scrittrice, che ha raccontato lo sviluppo del progetto editoriale “The Game” adattamento digitale per un pubblico giovane dell’omonimo saggio di Alessandro Baricco.

Storia interessanti, ma si potrebbe obiettare anche storie di eccezioni, in un mondo dove l'automazione rischia di far sparire posti di lavoro. Ed è stato appunto fatto notare, nella parte successiva, da Lino Guzzella, ex rettore del Politecnico di Zurigo: vediamo un aumento dei lavori ad alta specializzazione (tecnica e, aspetto interessante, creativa) e anche, seppur inferiore, di quelli che richiedono bassa formazione. A metà, la “la classe media della formazione” soffre. Perché certo, il digitale offre indubbiamente nuove opportunità, ma bisogna riuscire a coglierli, come singoli e come società. Anche con corsi come quelli attivati recentemente dall’Università della Svizzera italiana e dedicati alle nuove professioni digitali, presentati brevemente dal rettore Boas Erez.  

L’intelligenza artificiale è al momento la grande novità e a illustrarne caratteristiche e limiti – di quel che può fare, e anche dell’impatto ambientale di certe soluzioni – è stato Marco Zaffalon, direttore scientifico dell’Istituto dalle Molle di Usi e Supsi. Si tratta di una tecnologia che sta sempre più maturando, anche a livello industriale; il che significa non solo sempre più applicazioni anche per il comune cittadino, ma soprattutto che la Svizzera se vuole continuare a operare nel settore deve investire sempre più e arrivare a mettere sempre più in rete le competenze conquistate.

Chiudiamo il resoconto con un po' di ottimismo: la robotica non per sostituire il lavoro umano, ma per affiancarlo e aiutarlo, soprattutto in situazioni dove il pericolo di infortuni è elevato. Anna Valente, responsabile del Laboratorio Automazione, Robotica e Macchine della Supsi, ha presentato in particolare due di questi “amici robot”, in grado di interagire in maniera naturale con gli esseri umani.

© Regiopress, All rights reserved