COB Jackets
NY Rangers
01:00
 
PIT Penguins
Seattle Kraken
01:00
 
NY Islanders
LA Kings
01:00
 
FLO Panthers
VEGAS Knights
01:00
 
TB Lightning
NJ Devils
01:00
 
OTT Senators
CAR Hurricanes
01:00
 
MON Canadiens
ANA Ducks
01:00
 
il-giro-del-mondo-dei-pardi-di-domani
Fish Ball
ULTIME NOTIZIE Culture
Spettacoli
1 ora

‘3/19’, l’incontro tra due mondi di Silvio Soldini

Il regista italo-svizzero ci racconta il suo nuovo film con protagonista Kasia Smutniak
Spettacoli
2 ore

Daniele Bianco, ‘L’ultimo eroe’ a Balerna

Sabato 29 gennaio alle 18 al Teatro Oratorio, spettacolo sul concetto di mito, per trovare una nuova narrazione della nostra era globale
Spettacoli
2 ore

‘Lydia tre le nazioni’, di vittime e criminali allo Studio Foce

Mercoledì 2 febbraio, spettacolo che trae spunto dalla storia di Lydia Gelmi Cattaneo, donna bergamasca che salvò numerosi ebrei tra il ’43 e il ’45
Spettacoli
3 ore

Addio Morgan Stevens, star di ‘Melrose Place’ e ‘Saranno Famosi’

Fu Nick Diamond nella celebre serie. È morto all’età di 70 anni nella sua casa di Los Angeles
LuganoMusica
3 ore

Filarmonica della Scala e non Orchestra del Gewandhaus di Lipsia

Il Kapellmeister del Gewandhaus Andris Nelsons conferma la presenza, ma alla guida della Filarmonica. Domenica 6 febbraio alle 21, con nuovo programma
Arte
5 ore

45 milioni di dollari per ‘L’uomo dei dolori’ del Botticelli

Nel XIX secolo era appartenuto a una famosa cantante inglese. Alla sua ultima vendita all’asta, nel 1963, fu acquistato per 10mila sterline.
Culture
5 ore

Giornata memoria, scuola del Tennessee vieta graphic novel Maus

Art Spiegelman tacciato di ‘linguaggio scurrile e nudità nella pubblicazione’. L’autore, premio Pulitzer, definisce la vicenda ‘orwelliana’
Culture
6 ore

Fotografò il flamenco: René Robert morto per il freddo a Parigi

Ha trascorso nove ore su di un marciapiede in seguito a una caduta senza che nessuno lo aiutasse. Aveva 85 anni.
Culture
15 ore

Spotify rimuove la musica di Neil Young dopo polemica col no-vax

Le accuse a Joe Rogan di diffondere fake news e il successivo ‘o io o lui’. Il cantante è accontentato: rischia di perdere il 60% dei proventi streaming
Culture
17 ore

Frammenti di memoria

Le cose, anche le più minute, risvegliano sentimenti, avvicinano un mondo da scoprire nuovamente.
L'intervista
19 ore

Ambrogio Sparagna, la taranta come terapia di gruppo

‘La musica è l’antidoto al male che viviamo’: sabato al Sociale, il virtuoso dell’organetto, musicista ed etnomusicologo con l’Orchestra Popolare Italiana
Cinema
1 gior

Giornate di Soletta, ‘Wet Sand’ e gli altri vincitori

Un festival di storie intime, autentiche, raccontate nei tanti documentari in gara, e i premi hanno confermato questo trend.
La recensione
1 gior

Un piccolo gioiello chiamato ‘Aucune idée’

Dal ritmo comico e irresistibile, sottilmente beffardo, l’ultima pièce di Christophe Marthaler. Vista martedì scorso al Lac.
07.08.2020 - 06:000

Il giro del mondo dei Pardi di domani

CInque cortometraggi per trovare il cinema in questa insolita edizione del Festival di Locarno

Se il primo film segreto di  questo settantatreesimo Festival di Locarno è un vecchio film di Dino Risi, “In nome del popolo italiano” passato più volte anche in televisione, l'unica speranza di vedere cinema, oltre che nella retrospettiva, è dato dai Pardi di Domani. Il primo lotto di questi, cinque cortometraggi, è passato nella notte al PalaCinema e sarà replicato oggi nella stessa sala alle 15 (oltre che, in questo festival ibrido, online sul sito www.locarnofestival.ch).


Parcelles S7

Sono film che già ci fanno fare il giro del mondo, il primo a essere visto è “Parcelles S7” di Abtin Sarabi, una coproduzione tra Senegal, Francia e Iran che regala 28 minuti di immagini che sposano la poesia, sorrette da un poema che lentamente canta l'uomo e la sua fatica per vivere, il suo difficile rapporto con l’avara terra che strema e insieme regala gioia. Protagonisti sono i lavoratori che raccolgono la canna da zucchero, ma ancor di più protagonista è l’eterna ombra di quelle canne. Ben diretto questo documentario ha il merito del rispettare l'uomo e il suo lavoro.


Fish Ball

Secondo lavoro in questo programma il ruandese “Fish Bowl” di Ngabo Emmanuel: un film sul dolore, la tradizione, la gioventù e l'amore. Il regista ci presenta Emmanuel, un giovane artista con le treccine ben raccolte, siamo il giorno prima del funerale di sua madre. Intorno a lui amici, parenti e lei, la ragazza che gli piace, ricambiato. Lo zio gli chiede di tagliarsi i capelli per il funerale, di crescere, di abbandonare le sue svagate idee artistiche. Lui si ritira con lei, lei lo stringe a sè, ed è questa scoperta d'amore che gli regala la voglia di non cambiare, che lo aiuta a sedimentare quell’infinito dolore che è la perdita di una madre. Girato in modo rigoroso e attento, il film si avvale di due interessanti giovani attori.


Here, Here

Non convince pienamente il pur interessante “Here, Here” di Joanne Cesario. Il film filippino ci mostra il ventiduenne Koi appena rientrato dal college che non ha concluso per un pesante problema all’udito. Sono giorni tremendi per sua madre e anche per lui: non si hanno notizie di suo padre disperso in un incidente in un tunnel d’estrazione. A fargli compagnia è una ragazza, si sono simpatici, e mentre lei gli racconta delle ferite nel suo corpo lui immagina le profonde ferite imposte dall'uomo alla natura, mentre sogna di perdersi in quella miniera in cui suo padre è prigioniero. La regia si compiace del suo dire e troppe cose restano in superficie, manca la misura del corto.


Zarde Khaldar

Misura che ben riempie Baran Sarmad nel suo “Zarde Khaldar” (Spotted Yellow). Il corto iraniano racconta di una ragazza segnata da una fastidiosa macchia gialla sul viso e del suo amore per le giraffe, un film pieno di tenerezza e malinconia, dolce come un tramonto che adombra la notte.


History Of Civilization

Non spaventi il titolo “History Of Civilization” quello di Zhannat Alshanova non è un film sulla storia dell’umanità, ma sulla casualità del nostro quotidiano essere. Il film kazako infatti ci mostra il gioco del destino nel volere di una insegnante dell’università di Almaty, decisa a trasferirsi a Londra, lasciando i suoi allievi per questa nuova personale avventura. Succede che questi la coinvolgano in una serata d’addio, in cui lei finalmente li vede come una giovane generazione, capace di futuro, e allora… talvolta si possono anche disfare i bagagli, la regia è di buona mano, attori e attrici bravi.

E il nuovo cinema ritrova la sala al Festival di Locarno.

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved