laRegione
le-diseguaglianze-e-la-qualita-della-democrazia
ULTIME NOTIZIE Culture
Scienze
2 ore

La Cina verso la Luna per raccogliere campioni di roccia

Il veicolo spaziale senza pilota è decollato dal Centro spaziale di Wenchang. L'arrivo è previsto per fine novembre.
Cinema
3 ore

Replica dello squalo di Spielberg al Museo dell'Academy

L'unica replica dell'esemplare del film cult del 1975 pesa quasi 550 kg, è lungo 7 metri e ha 45 anni. E si chiama Bruce.
Musica
14 ore

Un po' di Bob Dylan all'asta per mezzo milione di dollari

I documenti erano nelle mani di Tony Glover, bluesman morto lo scorso anno e amico e confidente.
Streaming
14 ore

Amazon Prime e Bbc: black streaming matters

Mentre su Netflix va il mondo molto bianco di 'The Crown', altrove arriva 'Small Axe', miniserie di Steve McQueen sugli afroamericani di Londra
Musica
15 ore

Con Udhai Mazumdar al Paravento per ricordare Ravi Shankar

Venerdì 26 novembre alle 19, il tributo nei cento anni dalla nascita del padrino della world music.
Cinema
15 ore

'Collection Lockdown', la seconda ondata di corti svizzeri

Swiss Filmmakers Frédéric Gonseth, Turnus Films e CinéDokké chiamano a raccolta cineaste e cineasti confederati per un nuovo racconto del virus.
Scienze
15 ore

James Beacham, di buchi neri su Facebook e Youtube

Sui canali ufficiali del MUSE - Museo delle Scienze di Trento, il fisico conduce in un viaggio sui misteri ancora irrisolti della scienza
Teatro Sociale
15 ore

'Zona 30', Saltamacchia e Traversi per ricordare Dürrenmatt

La serie di eventi sotto il label 'Dürrenmatt 30|100' non può tenersi, ma la doppia ricorrenza viene affidata comunque alle giovani attrici ticinesi.
Cinema Teatro Chiasso
16 ore

Giuseppe Albanese, 'Invito alla danza' per 30 e in streaming

La stagione teatrale si apre comunque: saltato l'omaggio dell'Osi ad Arturo Benedetti Michelangeli, il pianista italiano resta, per un recital tutto suo.
Castellinaria
18 ore

Luce, Domenica e le piccole cose di un 'Palazzo di giustizia'

È l'opera prima di Chiara Bellosi, già affermata documentarista, in concorso nella sezione 'Young'. Con due esordienti che strappano applausi.
Scienze
1 gior

Terapie anti-tumore: scoperte due proteine cruciali

Sono Csa e Csb, note come fattori di riparazione del Dna. Fanno 'scegliere' alle cellule se invecchiare precocemente o trasformarsi in cellule tumorali.
Scienze
1 gior

La pandemia non frena la crescita dei gas serra. Anzi.

Il coronavirus non è servito a piegare i livelli di anidride carbonica: un picco nel 2019, l'aumento è proseguito nel 2020.
Società
1 gior

L'alta moda e il Natale nei trulli

Alberobello, in provincia di Bari, sede delle celeberrime costruzioni in pietra a secco, set naturale per la campagna di Dior
Castellinaria
1 gior

A Castellinaria una Antigone contro le violenze della polizia

La regista canadese Sophie Deraspe porta ai nostri giorni la tragedia di Sofocle. Ma il dilemma resta: obbedire alla legge degli uomini o a quella del cuore?
Culture
1 gior

I complicati e infelici intrecci familiari di Nicoletta Mondadori

‘La madre svagata e altre storie’ una serie di racconti che impegna il lettore
Culture
1 gior

Come si dice lìdatè? Il Cantone indaga le varietà dell’italiano

L’indagine sociolinguistica si aggiorna con un sondaggio online. Ne parliamo con Laura Baranzini dell’Osservatorio linguistico della Svizzera italiana
Culture
2 gior

Le libertà di Emilio Bossi a cent’anni dalla sua morte

Laicità, attenzione alle minoranze: il liberalismo di Milesbo al centro del libro di Edy Bernasconi sul politico e giornalista ticinese
Figli delle stelle
3 gior

'Power Up': AC/DC, dinamica dell'immutabile

AC/DC, 'Power Up' - ★★★★✩ - Non è molto diverso dagli altri. Non chiedevamo di meglio.
Società
3 gior

I tanti generi della discriminazione

Intervista al filosofo Lorenzo Gasparrini, sabato ospite di un incontro virtuale organizzato da Comundo e nateil14giugno
Culture
3 gior

‘Salviamo il giornalismo, non ci sono click che tengano’

Troppo odio nei post: il Giornale di Brescia in lockdown da Facebook. ‘Per il rispetto dei lettori e del nostro mestiere’. La direttrice, Nunzia Vallini
Società
3 gior

Rts, comitato regionale condanna abusi ma sostiene direttori

Il comitato regionale della Radiotelevisione della Svizzera romanda rinnova la propria fiducia al suo direttore Pascal Crittin e a quello della Ssr Gilles Marchand
Culture
3 gior

Letteratura, il Booker Prize 2019 a Douglas Stuart

Lo scrittore scozzese-americano ha visto l’ambito riconoscimento per il suo romanzo d’esordio ‘Shuggie Bain’
Culture
04.03.2020 - 11:440
Aggiornamento : 13.03.2020 - 18:37

Le diseguaglianze e la qualità della democrazia

Gianfranco Pasquino, professore emerito di Scienza politica a Bologna, sul futuro delle democrazie confrontate con crescenti disuguaglianze economiche

"Diseguaglianze: precisazioni, problemi, proposte" è il titolo della conferenza che Gianfranco Pasquino, professore Emerito di Scienza Politica all’Università di Bologna, terrà giovedì 5 marzo alle 18 alla biblioteca cantonale di Lugano. L'incontro apre il ciclo "Luci e ombre della globalizzazione" del Club Plinio Verda.

Professor Pasquino, in democrazia siamo tutti uguali – per quanto riguarda diritti civili e politici, mentre le disuguaglianze economiche non sarebbero un problema. Ma una persona molto ricca non ha, anche politicamente, più potere degli altri cittadini?
Sicuramente: senza uguaglianza di diritti civili e politici non possiamo parlare di democrazia, ma possiamo parlare di democrazia di fronte a diseguaglianze economiche.
Tuttavia queste disuguaglianze economiche possono avere un impatto sulla democrazia, sulla qualità della democrazia. Una democrazia in cui i ricchi possono “comprarsi le elezioni” evidentemente è una democrazia che valutiamo negativamente rispetto a una democrazia in cui tutti i cittadini hanno quasi lo stesso potere politico: l’obiezione quindi non è tanto verso coloro che diventano ricchi, ma alla loro capacità di influenzare le politiche che a loro volta favoriranno ancora di più i ricchi. Questa situazione sta diventando intollerabile in alcuni Paesi, iniziando dagli Stati Uniti.

Spesso si sente dire che non è un problema se i ricchi diventano più ricchi – se al contempo i poveri diventano meno poveri. Insomma, le disuguaglianze economiche non sarebbero di per sé un problema.
Il problema è come i ricchi usano le loro risorse per proteggere la loro posizione, per accrescere la loro ricchezza e per controllare il potere politico: questo è un cardine del liberalismo che nasce per dire che ogni uomo, e ogni donna, ha un voto e questo voto conta allo stesso modo. Ma nel momento in cui chi ha più soldi riesce a comprare i voti, riesce a comprare le decisioni degli eletti, nella democrazia entra una discriminazione economica molto dannosa e che incide sul principio dell’eguaglianza politica dei cittadini.

Dovremmo quindi pensare a una incompatibilità tra capitalismo e democrazia? Perché sembra che o il capitalismo fagocita la democrazia, oppure la democrazia impone pratiche redistributive della ricchezza.
Finché il capitalismo rimane competitivo è compatibile con la democrazia – che a sua volta deve essere competitiva, perché se c’è un unico capitalista e c’è un unico governante non siamo più in una democrazia.
La compatibilità quindi c’è, ma c’è anche una forte tensione perché i capitalisti cercano naturalmente di arricchirsi, e di controllare il potere politico affinché non proceda a quella ridistribuzione di cui lei parlava. D’altro canto la democrazia deve basarsi sul potere dei numeri, sulla costruzione di maggioranze popolari.
Il conflitto c’è, e non può che essere risolto attraverso maggioranze che si formano intorno a una certa idea di democrazia, a una certa idea di sistema economico, a una certa idea di società in cui ci sia un minimo di ricerca di uguaglianza, un minimo di opportunità per tutti.

In concreto, cosa dovremmo fare? Impedire alle persone di arricchirsi troppo?
La democrazia non deve porre alcun limite all’arricchimento. La democrazia, o meglio i democratici, intervengono nel momento in cui quei soldi vengono utilizzati per manipolare le elezioni, per influenzare la politica a proprio vantaggio.
Quindi se mi chiede se deve esserci un limite all’arricchimento, la risposta è no. Ma ci devono essere limiti all’uso di quei soldi, quindi una legge vera sul conflitto d’interesse, una legge vera sul finanziamento della politica.

Democrazia e disuguaglianze economiche possono quindi coesistere con regole serie.
Regole serie e severe. Il potere economico non deve controllare il potere politico e a sua volta il potere politico non deve controllare il potere economico. Devono essere in competizione tra di loro, però con delle regole che stabiliscono che non possono esserci dei vincitori per sempre, che i vincitori non possono opprimere coloro che perdono.

Persone molto ricche possono influenzare la società al di là della politica. Un amante del jazz potrebbe finanziare scuole e festival solo  di questo genere, penalizzando rock e classica. L’esempio può apparire banale, ma se lo applichiamo anche all’arte, alla letteratura, al cinema le (legittime) preferenze di pochi possono cambiare una società.
Con il finanziamento di queste attività lei pone un caso molto interessante. Ma se il sistema è competitivo, ci saranno altri ricchi che finanzieranno altre attività, in competizione. E anche per i cittadini ci sono possibilità, attraverso il cosiddetto crowdfunding, di finanziare a loro volta certe attività culturali.
Se avviene in maniera trasparente e in una situazione di competizione, il finanziamento di attività culturali non pone problemi.

La competizione è quindi essenziale.
Sì. Pensiamo alle primarie democratiche negli Stati Uniti. In corso ci sono dei milionari e non è affatto detto che Michael Bloomberg riuscirà a vincere. Finché c’è una situazione competitiva, c’è la possibilità di tenere sotto controllo: una volta ottenuta la nomination e magari anche diventato presidente, ci dovrà essere una legge sul conflitto d’interesse.

Il suo intervento apre il ciclo ‘Luci e ombre della globalizzazione’. In tutto questo discorso, la globalizzazione che ruolo ha?
Innanzitutto la globalizzazione è un fenomeno in corso, per cui possiamo valutarla in questo momento ma sappiamo che non possiamo fermarla – e non dovremmo neanche.
Ha prodotto arricchimento in zone del mondo che erano molto povere, a iniziare dalla Cina ma non solo. Ha prodotto una crescita di disuguaglianze ma l’uscita dalla povertà di milioni di persone. È quello che diceva all’inizio: se i ricchi diventano più ricchi ma al contempo i poveri diventano meno poveri, va benissimo – entro certi limiti, naturalmente.
La globalizzazione ha prodotto tutto questo e adesso però ci rendiamo conto che abbiamo bisogno di poter controllare come la ricchezza si va formando, di strumenti per impedire ad esempio che le corporation vadano in cerca di paradisi fiscali.

Strumenti sovranazionali: ma ci sono istituzioni internazionali che possano farlo?
L’Unione europea qualcosa sta facendo. Il resto ovviamente viene affidato a organizzazioni internazionali, alcune hanno sufficienti poteri altre non ancora. Ma certo la globalizzazione richiede un governo mondiale, o quantomeno misure prese a livello di Nazioni unite che cerchino di mitigare l’impatto che alcuni aspetti della globalizzazione sta avendo. Noi adesso stiamo parlando di ricchezza, di soldi, ma dovremmo parlare anche di clima e di commercio internazionale: quello che Trump sta facendo a livello di dazi è molto negativo, a livello di controllo delle ricchezze e delle diseguaglianze.

Ultima domanda: sul futuro  della democrazia è più ottimista o più pessimista?
Se guardo a quello che è già successo, sono relativamente ottimista. Negli ultimi trenta-quarant’anni il numero di regimi che possiamo ragionevolmente ritenere democratici è cresciuto. Siamo passati grosso modo da una trentina di democrazie a novanta democrazie. C’è una spinta alla creazione di regimi democratici.
Ma al contempo vediamo in alcuni contesti erosioni delle regole democratiche, pensiamo a Orbán che in Ungheria cerca di controllare la stampa…

Quella che lui chiama ‘democrazia illiberale’.
Certo, ma se mi capiterà lo dirò sicuramente durante la conferenza: la democrazia illiberale non esiste. Senza i principi del liberalismo la democrazia non esiste.

© Regiopress, All rights reserved