Galles
1
Svizzera
1
fine
(0-0)
mattak-il-rapper-di-comano
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
4 ore

Il viaggio di un giovane ticinese in Unione Sovietica

Lo scrittore Marco Fantuzzi ripercorre, partendo da un suo diario ritrovato, un soggiorno di gioventù nella Russia comunista
Culture
19 ore

I Pulitzer tra pandemia e Black Lives Matter

La morte di George Floyd, le rivolte degli afroamericani e il giornalismo sul coronavirus dominano questa edizione dei premi
Musica
21 ore

Il 'Ghettolimpo' di Mahmood, tra gli dei e la vita reale

Il nuovo album di un Narciso al contrario: 'In questi ultimi anni cercavo l'Alessandro di sempre, ma trovavo solo quello che vedevano gli altri'.
Arte
22 ore

Züst: micromosaici, tableau brodé, e di sfondo Rousseau

‘Le donne, l'arte e il Grand Tour’ è la mostra che si apre sabato 12 giugno alla Pinacoteca Züst di Rancate, aperta fino al 3 ottobre 2021.
Spettacoli
1 gior

Sai cosa ti dico Dante? Vai all'inferno!

Il Lussemburgo ospita una rivisitazione in chiave umoristica dell'Inferno dantesco nel 700esimo dalla morte del Sommo Poeta.
Animazione
1 gior

Winnie the Pooh con la Regina, un compleanno per due

'L'Avventura Reale' è l'animazione Disney con protagonisti l'orsetto 95 enne per rendere omaggio a Elisabetta II, anch'ella 95enne (dal 21 aprile scorso)
Musica
1 gior

'L'Allegria', Gianni Morandi canta Jovanotti

Il singolo, uscito dai Pinaxa Studios, è un gentile omaggio di Lorenzo: 'Ho scritto per uno dei migliori di sempre', scrive rispondendo alla felicità di Morandi
Videogames
1 gior

Hacker attaccano il gigante dei videogiochi Electronic Arts

Gli intrusi 'non hanno avuto accesso ai dati dei giocatori e 'non c'è ragione di ritenere che la privacy' di chi gioca 'sia a rischio', dice l'azienda
LongLake Festival Lugano
1 gior

Dante, le ruspe e il fanciullino Pelù

Il Sommo Poeta, Firenze, Greta e il Molino: il rocker-scrittore si è raccontato come in ‘Spacca l'infinito’. La musica non c'era, ma è stato come se ci fosse
Arte
1 gior

La materia dei sogni di Vincenzo Vela

Al museo di Ligornetto il progetto artistico di Adriano Kestenholz tra gessi, statue, musica e immagini di una realtà dislocata
Culture
1 gior

Arzo, il 21esimo Festival di narrazione torna 'diffuso'

Dal 19 al 22 agosto, dopo lo stop per pandemia, si allarga anche a Melide e Tremona, per allargare i confini e la poetica della manifestazione.
Letteratura
1 gior

Premio Strega Giovani a Edith Bruck per ‘Il pane perduto’

Nata in una povera e numerosa famiglia ebrea nel 1931, sopravvissuta ad Auschwitz, Dachau, Bergen-Belsen, ne 'Il pane perduto' ripercorre la sua vita.
Musica
1 gior

'Curio, Salone Piazza Grande, il mio piccolo Lac del Malcantone'

Con Sandro Schneebeli nella sede dell'Associazione da lui fondata, in tempi in cui il musicista è sempre più 'imprenditore’: ‘Per me è così da trent'anni’.
Cinema
1 gior

A Cannes un Dario Argento attore in 'Vortex'

Gaspar Noé ha scritturato il regista del brivido insieme a Françoise Lebrun e Alex Lutz per un film che racconta gli ultimi giorni di una coppia di vecchi amanti.
Culture
1 gior

Da Pro Helvetia 25mila franchi per un progetto letterario

La Fondazione svizzera per la cultura sostiene 15 autrici e autori: per la prima volta, selezionati anche progetti non scritti in una delle 4 lingue nazionali.
Locarno Film Festival
2 gior

Excellence Award Davide Campari a Laetitia Casta

Il 4 agosto, l'attrice francese sarà in Piazza Grande per la premiazione; il giorno dopo, in conversazione col pubblico al Forum @Rotonda by la Mobiliare.
Società
2 gior

Storia di Alfredino che cadde nel pozzo

Dal 10 al 13 giugno 1981, l'Italia intera ne attese il salvataggio davanti al piccolo schermo. Invano. La chiamarono 'tv del dolore', altro non poteva essere.
Spettacoli
2 gior

Anche stanotte le mucche danzeranno sul tetto

Dalla morte del bracciante Nikola Hadziev alla dura vita nell'alpe: intervista al regista zurighese Aldo Gugolz
Scienze
3 gior

'La voce' della depressione captata dall'intelligenza artificiale

L'algoritmo ideato da Carol Espy-Wilson, della University of Maryland riconosce la depressione nella lentezza della voce. Possibile l'impiego tramite app
Scienze
3 gior

Ganimede, satellite di Giove, visto dalla sonda Juno

Il più grande satellite del pianeta gassoso, e dell'intero Sistema solare, ritratto lo scorso 7 giugno a poco più di mille chilometri dalla superficie
Studi
3 gior

ETHZ rimane la migliore università dell'Europa continentale

Il Politecnico federale di Zurigo, ottavo tra le migliori università del mondo, conferma la sua leadership iniziata 14 anni fa
Cinema
3 gior

Drive-in o itinerante, a Chiasso è sempre Cinestate

Dai Pink Floyd a Grease, da Woody Allen a Wonder Woman e un po' di cinema per riflettere, divisi tra Cinequartiere e Proiezioni Grande Velocità.
Spettacoli
3 gior

L’inaspettata Orchestra della Svizzera italiana

Presentata la stagione 2021-22 dell'Osi. Il direttore Christian Weidmann racconta il suo progetto di rinnovamento non solo musicale
Cinema
3 gior

Tra Gandria e lo Spazio Elle, al via il nuovo Cineroom

Mercoledì 9 giugno, al Lido San Domenico, la prima di ‘Anche stanotte le mucche danzeranno sul tetto’; poi il programma di sposta a Locarno
LongLake Festival
3 gior

Al Boschetto Parco Ciani c'è Pelù che ‘Spacca l'infinito'

Mercoledì 9 giugno alle 17, l'ex Litfiba in dialogo con Gianluca Verga, per un racconto personale oltre il rocker, l'attivista, il personaggio pubblico
LongLake Festival
3 gior

Massimo Bucciantini, 'Addio Lugano bella' in Biblioteca

Lo storico presenta le sue 'Storie di ribelli, anarchici e lombrosiani' mercoledì 9 giugno alle 18
Scienze
4 gior

Morto il premio Nobel svizzero per la chimica Richard Ernst

Nato a Winterthur, Ernst aveva ottenuto il Nobel nel 1991: le sue scoperte hanno aperto la strada alla moderna risonanza magnetica
Locarno Film Festival
4 gior

Oper Doors, Sud est asiatico e Mongolia: i selezionati

Laos, Cambogia, Thailandia, Vietnam, Myanmar, Indonesia, Malesia, Filippine e Mongolia, otto progetti e nove produttori per chiudere il ciclo triennale
Fotografia
4 gior

Gabriel Monnet è il fotogiornalista svizzero dell'anno

Vodese, di Bex, è il vincitore del primo Prix Sept du photojournalisme suisse 2021, scelto tra i venti progetti presentati.
INTERVISTA
01.10.2018 - 06:200

Mattak, il rapper di Comano

Diploma di postino in tasca, Mattia Falcone vede la musica come una possibile prospettiva

Diplomato postino, impiegato in logistica, e 24 anni compiuti il 19 settembre. Mattia Falcone, in arte Mattak, ha però un ‘Piano B’ che vorrebbe realizzare nella sua vita: quello della musica. Il giovane di Comano, infatti, in attesa del nuovo album, si sta ritagliando un posto tutto suo nel panorama rap contemporaneo.

Cominciamo dai social. Qualcuno ha scritto: ‘Sempre la solita storia, ogni volta che ascolti Mattak, metti play e dopo meno di un minuto ti ritrovi a domandarti come sia possibile che questo ragazzo svizzero non sia al top del rapgame italiano’. Cosa manca a Mattak per farsi conoscere dal grande pubblico?
Mancano dei dischi ufficiali! È questo un po’ lo step capace di affermare un artista. Come dice Egreen (rapper italiano, ndr) ‘le mosse contano quanto l’abilità in scrittura’. Tu puoi essere bravo quanto vuoi ma poi devi saperti muovere in questo rapgame. Non sono ancora così esperto, ci sto lavorando...

Intendi anche il sostegno di una casa discografica importante?
Sì, un’organizzazione dietro ti aiuta anche a definire le date, a trovare contatti. Perché poi alla fine la musica è anche business non è solo... musica. Io il business non lo so ancora fare, mi serviva avere qualcuno vicino. Attualmente ce l’ho e ci stiamo lavorando.

Hai mai pensato alla tua partecipazione a un talent?
Sono stato recentemente contattato dalla produzione di X Factor. Ho però rifiutato perché non mi piace il format per quanto riguarda il rap. Per il resto della musica può andare bene non per il rap in quanto limitante e pieno di paletti. Inoltre le cover sono spesso al centro dello spettacolo e nel rap non sono proprio ben viste. La forza del rap sta infatti nello scriversi i testi da soli. Inoltre vorrei arrivare al top con le mie sole forze.

È vero che spesso al rapper interessa più la musica in senso stretto anziché a una condivisione più ‘commerciale’?
Soprattutto una volta questo era un valore. Adesso la maggior parte guarda più a fare soldi e meno a far musica...

Pare che il rapper sia diventato un personaggio, completo di ‘divisa’, spesso sopra le righe, e stravaganze...
Esatto! Ce ne sono tanti al giorno d’oggi che danno molto peso alla propria immagine. Tornando alle mosse. Fare il personaggio è una di queste. E spesso conta più, purtroppo, che fare una buona musica...

Tu una volta mi hai detto: i testi rispecchiano il mio animo. Io quando sono felice esco di casa non scrivo certo canzoni!
La musica è una valvola di sfogo. C’è chi fa canzoni ‘positive’, però in generale non è così.

Quando hai cominciato a comprendere che il rap poteva essere la tua strada? Che lettere e timbri possono, per ora, aspettare?
Principalmente dai consensi che raccoglievo dagli altri. Ancora adesso nello scrivere ho problemi di autostima. Per farla breve mi faccio sempre schifo! Certo questo mi aiuta un sacco ad impegnarmi tantissimo. Il fatto che i riscontri sono positivi mi porta a pensare che sono sulla buona strada.

Dove prendi gli stimoli per i tuoi testi? Quale momento del giorno ti è più d’aiuto?
In realtà non lo so... possono arrivare da qualsiasi cosa e in qualunque momento. La maggior parte delle rime mi vengono per caso. Sono stimoli esterni che in fondo con il rap non c’entrano nulla. Poi ci sono volte dove invece mi impegno e penso penso penso... però principalmente da quello che vivi e che poi tu racconti e butti fuori.

Una canzone in particolare a cui sei legato.
Sono molto legato alla canzone ‘Sinister Jerry’ perché credo mi sia venuta molto bene, abbastanza comprensibile anche per un certo tipo di pubblico che non segue un rap fitto e pieno di metriche, ricercato che è in generale quello che cerco di fare. È girata abbastanza, sia in Ticino che in Italia. Ed è molto significativa perché racconta una cosa vera che ho vissuto, disagi psicologi vari. È un bel pezzo che mi rappresenta appieno.

La famiglia ti sostiene e ti capisce nella tua arte?
I miei genitori ci hanno messo un po’... quando hanno visto che tanti ragazzi mi ascoltavano, quando hanno visto i numeri su Youtube hanno avuto un ‘risveglio’: cavolo, allora nostro figlio! All’inizio dunque ero solo io con me stesso, e ci stava anche, adesso mi supportano tantissimo.

Hai citato Youtube. Quanto i canali social sono fondamentali oggi per un giovane musicista?
Dipende da che obiettivi hai. Se vuoi farti conoscere Instagram è la strada perfetta. Facebook sta morendo, così Youtube, sta calando perché c’è Spotify. Se vuoi essere un bravo musicista e basta non ti servono questi canali. Se invece vuoi farne un lavoro non puoi non utilizzarli; devi ingegnarti e far girare la tua musica.

Nell’ottenere consenso fra i giovani vi è anche la responsabilità di trasmettere determinati messaggi. Vivi questa delicata responsabilità?
Abbastanza. Diciamo però che se mi preoccupo troppo comprometto quella che poi dovrebbe essere la mia musica. Ciò non significa che non controlli sempre quello che scrivo, perché tengo sempre presente che determinata gente, soprattutto i più giovani, mi ascolta; però cerco comunque di non farlo troppo perché altrimenti non sarebbe più naturale, non sarebbe più la mia musica.

Ma è allora così indispensabile mettere nei testi imprecazioni e torpiloqui, riferimenti alle droghe e allo sballo, al lusso e a una vita esteriormente ‘facile’?
Non è indipensabile. Ognuno parla di quello che vuole, di quello che vive e chi vuol fare ‘scena’ anche di quello che non vive. È vero certo che spessissimo escono questi argomenti, e in questo ci si omologa un po’ tutti. Ma ho scoperto rapper che parlano di tutt’altre cose, di letteratura per esempio, come Murubutu, insegnante peraltro in un liceo in Italia, che cita scrittori, racconta storie, e ciò mi appassiona.

Possiamo allora dire che il rap non è solo un dar voce al ‘disagio’? Penso agli esponenti italiani di Cinisello e delle periferie.
Nato come forma di protesta oggi ha tutto un suo nuovo contesto. È tuttora portavoce di un disagio, ma molto meno, si è un po’ persa quella denuncia sociale che c’era una volta.

Che musica ascolta Mattak? Solo rap? Quanto è importante per un musicista aprirsi al repertorio mondiale musicale?
Tantissimo! Io ascolto di tutto. Ascolto il punk rock commerciale di dieci anni fa come ascolto l’electroswing, ovvero un mix fra house e swing degli anni Venti. Inspirandosi a diversi generi musicali si possono creare nuove cose che nel rap non si sono mai sentite, nuovi generi come quelli che stanno uscendo ultimamente. È, dunque, importantissimo prendere spunto da diversi generi o ritmi o approcci, su come entrare su una base per esempio. Confrontandoti con altro ti si apre un mondo. Se ascolti solo rap sei un po’ limitato.

C’è una canzone in tutta la storia della musica che avresti voluto scrivere?
(Ci pensa un po’ poi ci risponde, ndr) Adesso non mi viene, ma probabilmente ce l’ho.

Perché il mondo rap è ancora ad appannaggio soprattutto degli uomini?
Devo dire che stanno uscendo donne brave. Certo, se avviene, fanno ancora notizia... Una brava svizzera è Martina. Secondo me è la miglior rapper italofona che abbia mai sentito.

Quanto vivere in una realtà piccola come il Ticino può limitare una carriera?
A Milano avrei avuto un’intera rete... Tanti artisti si trasferiscono lì alla ricerca di contatti. Vivere qui limita tantissimo, perché da una parte c’è la Svizzera tedesca e dall’altra l’Italia, e noi in mezzo, in una terra spesso ignota. Per farsi conoscere non basta, infatti, mettere pezzi su Youtube, bisogna mettere il becco fuori, partecipare ai concerti, incontrare gente. Qui siamo ‘chiusi’.

Le rime. Dove trovate l’estro e lo spunto?
Bisogna allenarsi... Ho iniziato con il freestyle. All’inizio mi sembrava impossibile comporre delle rime a tempo. Poi piano piano le hai tutte in testa. I libri aiutano. Avvicini le parole, le raggruppi e cerchi di combinarle e dar loro un senso. Ognuno poi ha il proprio stile. Io sono ossessionato dalla metrica, nel tempo di una rima devo chiuderne sei, altrimenti non sono contento. E poi voglio raccontare qualcosa. Anche Eminem lo fa.

In questi giorni è in lavorazione un tuo nuovo disco. Dico bene?
Esatto, ci sto lavorando da un po’. Sono abbastanza soddisfatto. Sto cercando di trovare la mia autorità artistica, rendendo unico il mio lavoro. La soglia di attenzione di un ascoltatore si sta abbassando drasticamente perché ogni giorno escono musicisti nuovi e una canzone non dura più due mesi ma dura una settimana, perché la settimana dopo c’è già l’altro che ne ha composta un’altra. Un disco si compone così in media di nove tracce, album ufficiali che una volta ne avevano quindici.

Da dove viene il tuo nome d’arte molto particolare, Mattak?
L’ho scelto perché è il mio soprannome da quando ero un bambino. Un giorno, mentre mi chiedevo che alias scegliermi, ho pensato di utilizzarlo anche per la mia carriera musicale.

Recentemente la scena musicale rap ha registrato alcune improvvise e tragiche morti di giovanissimi cantanti. Il binomio genio-follia, genio-sregolatezza, ha colpito ancora una volta il mondo delle note.
Mac Miller, morto per sospetta overdose, porco cane, lui è stato storico! Conosciutissimo e unico, era proprio un genio, faceva le basi e suonava il piano, rappava. Scriveva un pezzo al giorno e poi quando aveva quaranta pezzi, scremava, prendeva i migliori e faceva un album. Quando io per un pezzo, se non sono stimolato, ci metto magari un mese... Oppure XXXTentacion, scomparso tragicamente lo scorso giugno, ucciso in Florida durante una sparatoria: anche lui un genio. In America ci sono ancora le gang rivali, quelle vere. E lui, purtroppo, si è trovato in mezzo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved