NJ Devils
1
PHI Flyers
0
1. tempo
(1-0)
CHI Blackhawks
0
SJ Sharks
0
1. tempo
(0-0)
BOS Bruins
1
VAN Canucks
1
1. tempo
(1-1)
ANA Ducks
TOR Leafs
02:00
 
a-lucio-con-affetto-ron
ULTIME NOTIZIE Culture
Culture
2 ore

The Deep NEsT: è la volta di Doris Femminis

Dopo Aldina Crespi il professor Vecchioni, Diego Passoni e Giulia, tocca alla scrittrice ticinese accomodarsi nel nido di Bandecchi e La Rosa
L’intervista
5 ore

Gardi Hutter, c’è del comico nella catastrofe

‘L’esperta della morte allegra’ in scena il prossimo 3 dicembre al Cinema Teatro di Chiasso in ‘Gaia Gaudi’, spettacolo ‘intergenerazionale’ sul trapasso
Architettura
6 ore

Aurelio Galfetti, ‘Costruire lo spazio’ a Mendrisio

Mercoledì primo dicembre al Teatro dell’Architettura la presentazione dei tre saggi raccolti nel volume edito da Mendrisio Academy Press
Arte
7 ore

Dopo 25 anni, ‘Nudo maschile in piedi’ attribuito a Lucian Freud

Secondo alcuni, il dipinto sarebbe addirittura un autoritratto che l’artista voleva nascondere per imbarazzo, forse destinato a Francis Bacon
Culture
8 ore

Casa della Letteratura, Alberto Nessi con Zeno Gabaglio

È l’evento che giovedì 2 dicembre alle 18.30 chiude a Lugano la stagione 2021. Introduce e modera Fabiano Alborghetti
Covid e Cultura
8 ore

Sì alla Legge Covid-19: ‘La Taskforce Culture è soddisfatta’

Alla fiducia popolare segua, da parte del Parlamento, l’estensione delle misure di compensazione e lo scudo protettivo a sostegno del settore culturale
La recensione
10 ore

Osi al Lac: il romanticismo tedesco

François Leleux non oltre una piatta lettura delle tre opere in programma. Serva da stimolo per un cambiamento di rotta. Ma Sergej Krylov è poesia
Culture
10 ore

Dalla mostra al romanzo, da ‘Real bodies’ a ‘Guasti’

‘Real bodies, i corpi del mistero’, mostra a Lugano dal 16.12, è lo spunto per la lettura del romanzo di Giorgia Tribuiani, nato da un’analoga esposizione
Musica
13 ore

Al Jazz Cat Club le magie musicali di ‘Mr. Beautiful’

George Cables, leggendario pianista, in quartetto lunedì 29 novembre al Jazz Cat Club di Ascona. Con lui, al sax, Piero Odorici, che abbiamo incontrato
Spettacoli
13 ore

Bonomi, Sanzari e la magia del Natale con l’Insubria Brass

Domenica 5 dicembre alle 18 ad Arbedo, nella chiesa di San Giuseppe, per l’ottavo e l’ultimo appuntamento del Festival della musica
Figli delle stelle
15 ore

I pesci sotto ‘The Bridge’ e il pescatore Sting

Sting - ‘The Bridge’ (A&M) - ★★★✩✩ - Anche l’ex Police ha il suo disco della pandemia, nato (ipse dixit) ‘come si pesca’
Culture
15 ore

Parigi: Josephine Baker prima afroamericana nel Pantheon

Ma anche prima figura dello spettacolo nel mausoleo francese insieme a Victor Hugo, Emile Zola e Marie Curie. L’ufficializzazione martedì 30 novembre
Spettacoli
15 ore

Addio a Stephen Sondheim, leggenda di Broadway

Le parole di ‘West Side Story’, e una pioggia di Tony e Pulitzer. Il compositore più influente nella storia del Musical si è spento nel sonno a 91 anni
Letteratura
1 gior

Addio ad Almudena Grandes, ‘voce degli sconfitti’

La 61enne, che conquistò il pubblico con il suo romanzo ‘Le età di Lulù’, ottenne il Premio Nazionale di Narrativa nel 2018
Teatro Sociale
1 gior

Chi fa la mamma tra ‘Boef & Asen’?

Ferruccio Cainero adatta lo spettacolo natalizio scritto da Norbert Ebel nel ’99, sempre attuale. Domenica 28 novembre, con attori di Barabba’s Clowns.
Società
2 gior

Paesaggi sonori per la cura dei bambini

Al Forum cultura e salute Antti Ikonen racconta il progetto di ‘soundscape’ nel nuovo ospedale pediatrico di Helsinki
Musica
2 gior

Tina Turner dottore honoris causa in storia e filosofia

L‘Università di Berna gliela consegnerà il 4 dicembre. Tra le motivazioni: ‘Esempio di via di uscita da molteplici situazioni di discriminazione’
Spettacoli
3 gior

Al Teatro Paravento si trasloca con Salvador Dalí

Prima dello spettacolo con Davide Gagliardi scritto da Egidia Bruno partendo da un un poster “troppo inquietante per appenderlo in camera”
Scienze
3 gior

Covid, il punto dell’Oms per vaccini a bambini e ragazzi

Un rapporto preliminare indica l’utilità di vaccinare i più giovani. Ma la priorità rimane proteggere soggetti fragili. E un’equa distribuzione globale
Società
3 gior

La scuola e l’erosione dell’autorità, un convegno per parlarne

Sabato a Lugano primo appuntamento dell’associazione Essere a scuola. Intervista a uno dei relatori, il filosofo dell’educazione Eirick Prairat
Scienze
3 gior

L’Oceano Artico ha iniziato a scaldarsi a inizio XX secolo

Studi italiani e britannici hanno ricostruito gli ultimi 800 anni di mutamenti di un mare con funzioni chiave nei cambiamenti climatici globali
Spettacoli
3 gior

La sorpresa Carrisi a Tutti i colori del giallo

Lo scrittore e regista italiano presenta, in anteprima, il suo nuovo romanzo ‘La casa senza ricordi’ al festival di Massagno
Spettacoli
11.12.2018 - 15:220

A Lucio, con affetto. Ron

Domani, mercoledì, a Bellinzona racconterà Dalla con le sue canzoni e con quelle scritte insieme. ‘Quello che manca, a me e a tutti, è la sua unicità’.

a cura de laRegione

La Svizzera, ultima terra calpestata in vita da Lucio Dalla, spentosi in una stanza d’albergo di Montreux quasi sette anni fa. Pensando a quel marzo del 2012, assume ancor più significato il fatto che il tributo svizzero di Ron all’amico scomparso, con il quale ha scritto alcuni dei capitoli più belli della canzone italiana, si tenga domani sera al Teatro Sociale di Bellinzona (inizio ore 20.45, www.teatrosociale.ch, www.ticketcorner.ch). Un concerto che avrà i suoni acustici del disco ‘Lucio!’, uscito poche settimane dopo ‘Almeno pensami’, il Dalla inedito con il quale Rosalino ha riportato il collega – suonando, arrangiando e cantando da par suo – sul palco del Sanremo 2018.

«Lucio è stata una persona molto intelligente, con un umorismo pazzesco, un pazzo scatenato», racconta Ron alla ‘Regione’, mentre viaggia in direzione Belluno, città che precede di 24 ore Bellinzona. «Non credo di avere mai riso così tanto in vita mia come mi è successo in tutto il tempo che abbiamo trascorso insieme. Lucio era questo, e allo stesso tempo una persona con un’attenzione molto forte verso il prossimo, cosa che lo distingueva da tutti gli altri. Uno che prendeva il suo lavoro con grande serietà, ma anche un uomo che con la musica non ha mai smesso di giocare. Questa è stata, a mio parere, la sua forza e questo è anche il vuoto che ha lasciato, dentro di me come dentro tutti, credo. Oltre alla mancanza dal punto di vista artistico, manca soprattutto il fatto che una persona come lui non sia più tra noi. Manca la sua unicità».

‘Piazza Grande’, da Napoli alla Sicilia

L’album, e il concerto in modo più esteso, abbracciano l’intera produzione di Dalla e il Ron solista, che sono stati per lungo periodo una cosa sola. «Il ricordo è affidato alle sue canzoni, al mio racconto, ma anche a fotografie e filmati. Più che raccontare cosa accadrà, però, preferisco dire che è qualcosa da vivere in prima persona, non vorrei banalizzare qualcosa che banale non è». Quel che è certo è che «ci sarà ‘Anima’, che ritengo il testo più bello che Lucio abbia scritto per me». Ci sarà anche ‘Chissà se lo sai’, canzone del 1985 che dà il titolo a un’autobiografia uscita trent’anni più tardi, che di Ron contiene tutta la storia e i cui capitoli portano ognuno il nome di un vino: «Che vino sarebbe Lucio? Un Traminer, gusto profumato, molto personale, unico e che fa sorridere. Un vino che berlo è un piacere».

Ci sarà anche, come potrebbe mancare, ‘Piazza Grande’: «È nata a bordo di una nave, mentre viaggiavamo da Napoli verso la Sicilia. Fa parte dei momenti eccezionali che abbiamo trascorso insieme, fu un momento magico accaduto in una giornata meravigliosa, di sole e di mare: io attaccai la musica con la chitarra, Lucio si avvicinò a me. Senza rendercene conto, stavamo scrivendo una canzone che avrebbe poi fatto il giro del mondo».

 
La gioia dell’essere utile

Sul palco, è prevedibile, si respirerà lo stesso rispetto contenuto nel disco. Un rispetto in nome del quale, sull’album, Ron lascia per intero la scena a Lucio in un nuovo arrangiamento di ‘Com’è profondo il mare’, idea nata dall’analisi del pezzo durante uno speciale televisivo: «Era mio anche l’arrangiamento originale e mi è piaciuto ripetere la cosa, accompagnarlo di nuovo, ma questa volta con una ritmica e con chitarre più aggressive, proprio perché ascoltando la traccia isolata del suo canto, senza gli altri strumenti, quella sua voce da sola era talmente forte che quasi ti prendeva per la gola».

Dalla davanti e Ron un passo indietro, ad arrangiare e poi suonare. Un piacere particolare riservato a chi è anche musicista e strumentista, ristrettissima categoria. È, in fondo, quel che succede anche in ‘Banana Republic’, storico disco (e tour) del 1979 che in copertina porta i nomi di Dalla e De Gregori e al suo interno – alla voce “arrangiamenti, piano, chitarra, cori” – Ron: «Credo sia così sempre. Per chi fa musica, questo è il modo di porsi. Se decido di arrangiare le canzoni di qualcuno, mi pongo nell’atteggiamento di chi arrangia e, quando suona, non vede l’ora di salire sul palco. Questo è quello che ho fatto molte altre volte, con Lucio, con De Gregori, con Venditti (‘Sotto la pioggia’, 1982, ndr). Una cosa bellissima perché ero al loro servizio. Mi riempie ogni volta di gioia questo essere utile».

‘Almeno pensami’

Premio della Critica Mia Martini e quarto posto a Sanremo 2018, ‘Almeno pensami’, donata a Baglioni dalla Fondazione Dalla, e da Baglioni a Ron (chi altri?) perché fosse cantata, è parsa a molti il giusto risarcimento da quel Festival che solo un anno prima, un po’ l’aveva maltrattato, Ron, ignorando la ballad ‘L’ottava meraviglia’. Trent’anni fa, stessa sorte era toccata a ‘Il mondo avrà una grande anima’, una cosa troppo avanti per il 1988 (o troppo bella per una gara canora).

‘Almeno pensami’ vendica in qualche modo anche ‘Occhi di ragazza’ (musica di Dalla), scartata ancor prima della gara da una poco lungimirante giuria nel 1970, quando il teenager Rosalino tentò di mettere piede al Festival speditoci proprio da Lucio, poco tempo dopo il primo incontro tra i due avvenuto nelle stanze romane della Rca, con l’artista bolognese ingessato dalla testa ai piedi dopo essere finito contro l’auto dell’allora ministro della Sanità italiano sul raccordo anulare.

«Chi se lo immaginava che avrebbe lasciato nel cassetto una canzone talmente bella», dice Ron di ‘Almeno pensami’. «Non perché non avessimo fiducia in lui, ma perché di solito quando qualcuno estromette un brano dal proprio disco è perché o non crede compiutamente in quel pezzo, o ha avuto qualche dubbio fino alla fine. E invece ci siamo trovati di fronte a una grande canzone, alla quale è stato per me molto facile avvicinarmi, e poi cantarla con tutta la passione che meritava, con la voglia di esserci».

La musica che non esiste

Dei grandi che non ci sono più, può capitare di pensare a cosa starebbero facendo oggi, quale musica ci si potrebbe attendere, se ancora vi fosse la possibilità di attendere. È l’incognita che giriamo a Ron prima di lasciarlo al suo viaggio verso il profondo nord: «È impossibile da dire, perché sarebbe sicuramente una musica che non esiste. Qualcosa di completamente nuovo, proveniente da chissà dove. Lucio si avvicinava alla musica guidato da tanta curiosità, dedicava molto del suo tempo ad ascoltare quella di tutti. Se provo a immaginarmelo oggi, lo vedo immerso dentro qualcosa di totalmente imprevedibile». Imprevedibile per Ron, ma anche per noi. Forse anche per Lucio.

 

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved