ULTIME NOTIZIE Culture
L’intervista
1 ora

Marco Paolini, contro la solitudine doppiamente ‘Sani!’

Nel disequilibrio generale, il maestro del teatro di narrazione porta in scena un’iniezione di fiducia: giovedì 2 e venerdì 3 febbraio al Teatro Sociale.
Culture
11 ore

‘Out of Me, Inside You’, Francesca Sproccati a Villa dei Cedri

Dal 10 al 12 febbraio, la performance semifinalista del Premio Schweiz 2020 e finalista del Premio svizzero della Performance 2022
Rassegna
12 ore

I documentari di ‘Ticino Archeofilm’, seconda edizione

Giovedì 9, venerdì 10 e sabato 11 febbraio, sette opere relative a grandi scoperte e a siti archeologici di fama internazionale. Al Lux di Massagno.
Scienze
13 ore

Long Covid, ecco perché affiora la stanchezza cronica

Scoperto il meccanismo che la provocherebbe in una persona su tre: il deficit di un aminoacido prodotto naturalmente dall’organismo
La recensione
13 ore

Ricco e colto, buzzurro ma sensibile: ‘Quasi amici’!

A Chiasso, il Cinema Teatro applaude a ogni cambio di scena Paolo ‘Driss’ Ruffini e Massimo ‘Filippo’ Ghini, nell’adattamento teatrale del film francese
Musica
19 ore

Justin Bieber vende diritti musicali per 200 milioni dollari

La star del pop ha firmato con Hipgnosis Songs Capital, sostenuta da Blackstone, e segna l’ennesima acquisizione di un catalogo musicale di successo
Video
Musica
21 ore

‘Rush!’ dei Måneskin è primo anche in Svizzera

Pubblicato lo scorso 20 gennaio, l’album della band italiana comanda anche in Italia, Francia, Giappone, Belgio, Paesi Bassi e Lituania
Musica
22 ore

Addio a Tom Verlaine, frontman dei Television

Chitarrista e cantante, pioniere della scena punk degli anni 70, si è spento a Manhattan dopo breve malattia.
Culture
1 gior

Sgarbi: ‘Il logo Bergamo-Brescia è di insolente bruttezza’

Il sottosegretario contro la grafica delle capitali della Cultura: ‘Un particolare di un dipinto di Caravaggio sarebbe stato più rappresentativo’
Scienze
1 gior

Non tutti sono prede facili: c’è fagiano e fagiano

Uno studio condotto in Gran Bretagna ha permesso di evidenziare significative differenze di memoria tra un esemplare e l’altro
Arte
1 gior

Il Museo etnografico apre le sue Finestre sull’arte

Il volume edito da Salvioni, con oltre cinquanta schede, racconta il patrimonio artistico dalla Valle di Muggio alla Val Mara, dall’epoca romana a oggi
L’intervista
2 gior

Si alza forte ‘Il suono della guerra’

Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
Arte
2 gior

Michel Houellebecq protagonista di un corto a luci rosse

Il collettivo Kirac, specializzato in video ‘controversi’, riprende lo scrittore francese nudo mentre viene baciato. A marzo la pubblicazione.
Culture
2 gior

Il concerto ‘scomodo’ del pianista ucraino, l’Osi lo sostituisce

L’esclusione di Alexander Romanovsky sarebbe riconducibile a un video col violinista Lundstream, per i media britannici sostenitore di Putin
Arte
2 gior

‘Amore e Psiche stanti’ del Canova venduti per oltre un milione

L’opera della collezione di Veneto Banca, del valore stimato in un paio di centinaia di migliaia di euro, è stata battuta all’asta per una cifra record
SALUTE
2 gior

L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus

Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
2 gior

John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo

Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Scienze
2 gior

L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora

La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
2 gior

Il furto della memoria

A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
Progetto Babel
2 gior

Raccontarsi con una lingua adottiva

Il rapporto fertile fra lingua madre e lingua adottiva nei corsi del progetto di Babel Festival ‘L’altralingua’. Venerdì un incontro pubblico a Bellinzona
01.02.2018 - 15:52

Nella giungla della danza (in Ticino)

Su 39 scuole di danza, ci dice Manuela Rigo, solo 6 sono riconosciute da AfpDanza. Dunque? Troppi docenti improvvisati, a rischio della salute dei bambini

di Claudio Lo Russo
nella-giungla-della-danza-in-ticino

Per Manuela Rigo è una questione di «consapevolezza». Iscrivere la propria bimba (o bimbo) a una scuola di danza è un investimento in gioia e in salute, in conoscenza del proprio corpo e delle sue risorse, ma che si può ritorcere anzitutto contro i bambini stessi. In altre parole, il lavoro con il corpo dei bambini non può essere improvvisato, al contrario occorre essere formati per svolgerlo, bisogna conoscere quel corpo nei dettagli. Purtroppo, ci spiega la presidente di Afp-Danza, spesso non è così.

Qualche numero per intendersi. In Ticino sono state censite 39 scuole di danza, ma soltanto 6 sono riconosciute da Danse Suisse (l’associazione dei professionisti della danza) e  AfpDanza (l’antenna ticinese). Solo 6 su 39, dunque, soddisfano i requisiti di qualità fissati dalle due associazioni. E le altre? «È un po’ una giungla», dice Manuela Rigo. Le stesse casse malati, che in taluni casi offrono un rimborso parziale delle spese di iscrizione a una scuola di danza, si affidano al registro Tanzvereinigung Schweiz: «Ma l’unico criterio è pagare l’iscrizione, non è richiesto di essere qualificati in alcun modo, non è serio!».

Oggi Manuela Rigo è membro dell’International Dance Council, ma alla danza è arrivata relativamente tardi, quando a 11 anni l’ha spuntata sui genitori e si è iscritta a una scuola di danza classica a Paradiso. A 14 era già alla Royal Academy of Dance per un corso, da cui è tornata con la certezza di volere un futuro nella danza. Dopo il ginnasio, di nuovo a Londra a studiare come s’insegna a danzare, come chi alla ribalta preferisce il dietro le quinte: «Il ruolo dell’insegnante me lo sono sentito appiccicato addosso ». Poi l’esperienza scenica, soprattutto danza jazz, finché non è tornata in Ticino con il sogno «di creare qualcosa che non esisteva». E la visione di un’associazione; correva l’anno 1987.

Nel frattempo qualcosa si è mosso. Fra le novità, la possibilità offerta dal Cantone di un programma scolastico su misura per i talenti della danza, per ora attivo a Canobbio a partire dalla terza media, ma che presto dovrebbe estendersi al Sopraceneri. Al momento, ci spiega Manuela Rigo, sono una dozzina le bambine ammesse (dopo audizione presso Danse Suisse) alle “talent classes”.

Dal 1987 al 2012, 25 anni dopo è sorta AfpDanza: a quale esigenza intendeva rispondere?

«L’obiettivo fondamentale era quello di tutelare la danza e il suo buon insegnamento, di garantire la certificazione degli insegnanti e di conseguenza tutelare i talenti. Se tu cominci a lavorare intensamente a 8 anni ma incappi in un insegnante che non ha avuto la formazione didattica e pedagogica per lavorare con un bambino, t’illudi di poter portare avanti la tua formazione, per poi scoprire a 11-12 anni, quando è davvero il momento di fare la scelta di diventare professionista, di dover ricominciare tutto daccapo. Siccome in Svizzera non esiste ancora l’obbligo del diploma per insegnare danza, Danse Suisse ci sta lavorando con la Confederazione. Ci si è resi conto che c’è davvero una giungla; e chi ci va di mezzo sono sempre gli allievi. Poi, un’altra intenzione era quella di poter creare un domani un’accademia semi-professionale, ma ovviamente servono i numeri e gli spazi. Allora ci siamo detti di iniziare raggruppando sotto lo stesso tetto quelle insegnanti qualificate che hanno gli stessi obiettivi».

Quali sono i pericoli?

«Anche con una bimba di 4-5 anni non si tratta di scegliere una scuola solo perché è vicina a casa. Certo, con i bambini così piccoli la parte ludica è fondamentale, tutto dev’essere impostato sul ritmo e il movimento, ma ci vogliono pazienza e una grande passione. Un’insegnante che s’improvvisa, che non ha studiato lo sviluppo psico-motorio dei bambini e non ha idea di ciò che può fare una bambina di 4 o 6 anni, può rovinarla: c’è chi le mette sulle punte a 9 anni, con grossissime pecche poi a livello di caviglie, ginocchia e schiena.

Dopo la rivoluzione della danza contemporanea, perché iniziare ancora dalla classica?

«La danza classica aiuta il bambino a sviluppare una consapevolezza del proprio corpo, a sentirlo e a sentire lo spazio attorno a sé, a rendersi conto di quel che sta facendo e a sviluppare quindi quelle doti coordinatorie, psico-fisico-motorie che lo aiutano a progredire. È la disciplina che lo permette perché è completa. È fondamentale che l’impostazione sia classica perché induce a lavorare su quella fascia muscolare che serve per trovare la tecnica. Una volta che hai questo puoi spaziare. È come per un pianista che fa quattro anni di solfeggio e impara la tecnica base del musicista: con la danza è la stessa cosa».

A proposito di dimensione ludica, a 9 anni non è presto per iniziare a parlare di ‘formazione professionale’?

«Potrebbe essere presto, per questo motivo si organizzano delle selezioni. Il mondo della danza è progredito moltissimo, il corpo di un ballerino si sviluppa in modo completamente diverso rispetto a 30 anni fa: oggi ci sono talenti di 10-11 anni impressionanti. Per quel che si riscontra a livello globale, è sorta la necessità di partire già a 9 anni, per rispondere alle esigenze fisiche delle bambine».

Ecco, si tende automaticamente a parlare al femminile. Qual è la presenza maschile nelle vostre scuole?

«Quasi inesistente. In Ticino c’è ancora il pregiudizio che per fare il ballerino bisogna avere delle tendenze effeminate. I bambini si riescono magari ad avere quando sono piccoli, da 4 a 7 anni, poi cambiano direzione perché subentra lo sport o si sentono bullizzati. In realtà, anche per i ragazzi che fanno calcio o hockey, tutto quello che è la “sbarra a terra” della danza classica è eccezionale, proprio perché vai a lavorare su quella fascia muscolare che in nessun’altra disciplina tocchi: sarebbe di grande supporto per qualsiasi sport fatto a livello  professionale.

(Il prossimo workshop di AfpDanza, il 10 febbraio, ospiterà in Ticino gli insegnanti dell’Accademia di balletto del Bolshoi di Mosca: afpdanza.ch).

© Regiopress, All rights reserved