28.10.2022 - 15:05
Aggiornamento: 15:24

Il Dante di Pupi Avati a Castellinaria

Il regista bolognese sarà presente al Festival del cinema giovane con due appuntamenti il 19 novembre, uno cinematografico, l’altro letterario

il-dante-di-pupi-avati-a-castellinaria
Castellinaria
Pupi Avati

È un ritorno quello di Pupi Avati a Castellinaria, dove nel 2010 gli è stato conferito il Castello d’Onore per l’insieme della sua opera. Il regista, sceneggiatore e scrittore, sarà quest’anno al Festival del cinema giovane accompagnato dalle sue due ultime opere, una cinematografica e l’altra letteraria. In prima internazionale, il film d’apertura della 35esima edizione di Castellinaria, sabato 19 novembre alle 20.45 al Mercato Coperto di Giubiasco, sarà infatti ‘Dante’ (2022), appassionato atto d’amore di Avati per il sommo poeta. Un viaggio evocativo sulle tracce di una figura che ha segnato gli ultimi settecento anni di storia e della sua incommensurabile grandezza, compiuto sul grande schermo da Sergio Castellitto, Alessandro Sperduti, Carlotta Gamba ed Enrico LoVerso.

Legato a doppio filo al film – che a Castellinaria passerà anche nel Concorso Young – è il romanzo ‘L’alta fantasia’ pubblicato da Solferino nel 2021. Ne condivide la trama che, trent’anni dopo la morte di Dante, vede Giovanni Boccaccio inviato dalla potestà fiorentina portare scuse e risarcimento alla figlia del poeta, conducendo così il lettore (che nel film diverrà spettatore) attraverso il mistero della dismisura poetica dantesca e del miracolo dell’accesso di quest’uomo all’ineffabile. Introdotto da Stefano Vassere, sempre sabato 19 novembre alle ore 15 alla Biblioteca cantonale di Bellinzona, Pupi Avati presenterà quest’ultimo libro, proposto al Premio Strega 2022.

‘Regalo di Natale’, ‘Ma quando arrivano le ragazze?’, ‘L’arcano incantatore’… Sono solo alcuni dei titoli della filmografia del regista bolognese. Una quarantina di titoli nei quali a partire dalla fine degli anni Sessanta, Pupi Avati è stato capace di intrecciare con tocco personale commedia e dramma così come di firmare incursioni d’autore in altri generi con pellicole diventate cult come ‘La casa dalle finestre che ridono’ o ‘Zeder’: sempre seguendo le passioni autentiche di un cineasta e scrittore che ha nel cuore tanto il jazz quanto i canti della Divina Commedia, quanto l’umanità dei suoi personaggi.

La 35esima edizione si terrà dal 19 al 26 novembre prossimi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved