ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
6 ore

Poi appare Paolina Bonaparte. E noi ci perdiamo con lei.

Tra le opere di Galleria Borghese per la mostra ‘Meraviglia senza tempo. Pittura su pietra a Roma tra Cinquecento e Seicento’, e la meraviglia del Canova.
Spettacoli
7 ore

È San Valentino anche a teatro, ecco gli eventi al Foce

Dall’omaggio a Gaber ai balli caraibici, dagli spettacoli sulle e con le donne alla Riviera adriatica in foto
Culture
8 ore

‘Leggere Lolita a Teheran’, voce (e sostegno) alle donne

Al Lac una riflessione sulla situazione in Medioriente con brani dal libro di Azar Nafisi; ma anche la danza de ‘Gli anni’ con Marta Ciappina
Sanremo
9 ore

Un altro Sanremo dei record (scuse di Blanco incluse)

Giorno due, conferenza tre. Davanti ai numeri ci sono tutti ‘più’. Il sindaco di Sanremo: ‘Non si è mai parlato tanto di fiori come quest’anno’
musec
9 ore

La rivoluzione occidentale dell’arte agli antipodi

A Villa Malpensata, dal 10 febbraio al 1° ottobre, è esposta una settantina di capolavori d’arte dei Mari del Sud, opere della Collezione Brignoni
Culture
10 ore

‘Di alberi e di guerra’ agli ‘Eventi letterari’ del Monte Verità

A inaugurare l’undicesima edizione del festival (30 marzo-2 aprile) sarà l’incontro con Giuliano da Empoli, autore de ‘Il mago del Cremlino’
Spettacoli
11 ore

La solitudine di Ulisse e la cecità umana

Stasera al Lac si replica lo spettacolo di Lina Prosa diretto da Carmelo Rifici. Ottima prova degli interpreti, notevoli le musiche di Zeno Gabaglio.
Sogno o son Festival
12 ore

Giorgia e Sanremo, parole dette bene

Dal 1993 a oggi, ogni sua apparizione all’Ariston è degna di essere ricordata: ‘Torno per rimettermi in gioco, anche se non ho mai smesso di farlo’
Sogno o son Festival
14 ore

Sanremo s’è desta, Blanco devasta

Prima serata, la lezione di educazione civica di Benigni, quella di diseducazione del rapper (?), che rende meno bella la Festa della Repubblica
Sogno o son Festival
18 ore

Sanremo, comanda Mengoni (le pagelle, prima serata)

Nella notte della Repubblica, alla fine della gara, ‘Due vite’ è in testa, Elodie è seconda, Anna Oxa ultima. I voti e la classifica generale
Gallery
Sogno o son Festival
1 gior

Sanremo dalla A di Oxa alla W di Will (un vademecum)

Cantanti e canzoni dell’edizione che prende il via questa stasera, breve guida all’ascolto
Culture
1 gior

Torna il ‘Weekend di Quartetti’ di LuganoMusica

Da venerdì 10 a domenica 12 febbraio suoneranno l’ensemble Belcea, il Quatuor Diotima e il Quartetto della Scala
Culture
1 gior

Gli appuntamenti di Ticino Musica, in attesa del festival

Domenica 12 e lunedì 13 al Conservatorio a Lugano i primi due eventi di una serie di anteprime alla 27esima edizione, che si svolgerà dal 18 al 31 luglio
Scienze
1 gior

Guardi serie tv? Puoi dormire sonni tranquilli

Secondo uno studio dell’Università di Friburgo, anche maratone da molti episodi con finali carichi di suspense non influenzano il riposo notturno
Spettacoli
1 gior

Sergio Castellitto a Chiasso è ‘Zorro, eremita sul marciapiede’

L’attore riporta sul palco il vagabondo che ripercorre vita e scelte che lo hanno potato a vivere sulla strada. Dal romanzo di Margaret Mazzantini
Sanremo
1 gior

Mattarella in sala, Benigni sul palco: Sanremo apre col botto

Conferenza n. 2: sarà la notte della Repubblica (in senso positivo) ma anche quella di Chiara Ferragni co-conduttrice
animazione
1 gior

Gli effetti psichedelici in ‘The Freakouts’ di Bruno Machado

Insieme a una manciata di musicisti, l’illustratore ha realizzato un progetto indipendente che parla del consumo di sostanze attraverso sei facce
Sogno o son festival
1 gior

Il Festival di Rapallo

Inizia questa sera. Che piaccia oppure no, Sanremo è cambiato. Non ora e nemmeno ieri; comunque, mai quanto quest’anno
Pensiero
1 gior

La lunga crisi della democrazia

Archiviata l’illusione circa la ‘fine della Storia’, avanzano autoritarismo e sovranismo. Se ne parla domani all’Usi
Mostra
26.11.2022 - 13:44

Il ‘caso Fontana’: opere, invenzioni e ingegno

La Pinacoteca Züst e l’Archivio del Moderno (Usi) promuovono l’esposizione della ‘azienda’ dell’architetto di Melide. Sabato 26 novembre, l’inaugurazione.

il-caso-fontana-opere-invenzioni-e-ingegno
Marco Stucchi
Cripta di San Matteo, cattedrale di Salerno
+6

Compasso fra le dita. Una vertiginosa posa di tre quarti e uno sguardo fiero spinto fuori campo. Domenico Fontana, ritratto da Federico Zuccari, ha tutti i crismi. Nato a Melide nel 1543, appena ventenne parte alla volta di Roma, dove inizia a lavorare come stuccatore. Pochi anni dopo, il cardinale Felice Peretti – futuro papa Sisto V dal 1585 al 1590 – lo prende sotto la sua ala e alla sua investitura lo nomina architetto pontificio.


Wikipedia
Domenico Fontana ritratto da Federico Zuccari

Al suo servizio, Domenico elabora il nuovo piano regolatore della Città Eterna, lavora quindi a imprese di notevole impegno ingegneristico come l’innalzamento dei grandi obelischi fra cui quelli nelle Piazze di San Pietro, Santa Maria Maggiore, San Giovanni in Laterano, del Popolo. Nel quinquennio del pontificato sistino, al centro del lavoro di Fontana anche alcuni importanti cantieri architettonici come il Quirinale, il Palazzo Lateranense, la Biblioteca Vaticana; lavora altresì alla costruzione della Cappella Sistina in Santa Maria Maggiore. Al suo fianco, in quel periodo, lavorano il fratello Giovanni, il nipote Carlo Maderno (nome che immantinente richiama facciata della basilica di San Pietro), gli architetti Matteo di Castello e Girolamo Rainaldi, suo discepolo.

La musica cambia quando Sisto V muore: Fontana, per invidie e sospetti (è accusato di malversazioni), viene esonerato dalla carica di architetto pontificio da Clemente VIII. Ripara allora a Napoli, dove – sul finire del XVI secolo – è nominato architetto regio e ingegnere maggiore del regno. Nella città partenopea, Domenico lavora alle vie di Chiaia, costruisce il palazzo Carafa della Spina, lavora alla Cripta di San Matteo nella cattedrale di Salerno. A inizio Seicento lavora altresì al progetto architettonico più importante, Palazzo Reale; nonostante abbia subito in corso d’opera varie trasformazioni. Napoli, è anche la città che accoglie le sue spoglie, dopo la morte sopraggiunta nel 1607.


Concattedrale della SS. Annunziata di Treia, foto di Roberto dell’Orso
Bastiano Torrigiani, Busto di Sisto V, 1585-1590 ca., bronzo parzialmente dorato

Un direttore d’orchestra

Dalla sua opera – che formalmente si sviluppa nel contesto spoglio e austero della Controriforma – o meglio dal suo modus operandi emerge come Domenico Fontana avesse una grande capacità organizzativa nei grandi progetti edilizi e nella risoluzione di "impicci" ingegneristici. E per il suo lavoro Fontana è stato per il Ticino "fonte di gloria immortale". Citiamo le parole della direttrice della Pinacoteca Giovanni Züst Mariangela Agliati Ruggia, che a sua volta le ha prese in prestito da Stefano Franscini, per definire la figura trasportata dalle ali della fama dal XVI secolo al nostro.

Alla direttrice il compito di introdurre la mostra che si dipana nelle sale della Pinacoteca di Rancate e che è stata presentata in conferenza stampa: "Le ‘invenzioni di tante opere’. Domenico Fontana (1543-1607)". Promossa dalla stessa Pinacoteca cantonale e dall’Archivio del Moderno dell’Università della Svizzera italiana (Usi), l’esposizione è curata da Letizia Tedeschi, Nicola Navone e Patrizia Tosini, rispettivamente direttrice e vicedirettore dell’Archivio del Moderno e professoressa di Storia dell’arte moderna all’Università Roma Tre.

Fontana, ha spiegato Navone, non fu un demiurgo, ma piuttosto un eccellente coordinatore di maestranze con alle spalle una squadra fortissima: sapeva mettere assieme il meglio (fra botteghe artigiane e artistiche) e metterlo all’opera. Insomma ricordando le parole dei curatori, Domenico era «un direttore d’orchestra (d’argani)». E proprio questo aspetto è il fuoco dell’esposizione che si propone di "osservare l’opera dell’architetto di Melide mettendone in luce il dialogo con i numerosi artisti e artigiani – pittori, scultori, bronzisti, stuccatori, muratori, vetrai, stagnai eccetera – che collaborano alla realizzazione dei grandi cantieri da lui progettati e diretti (committenze papali e reali) fra Roma, Napoli, Amalfi e Salerno", dice il comunicato stampa.

Per raccontare questa capacità di unire le competenze, è stato concepito un allestimento diviso in tre sezioni principali, che dal pianterreno salgono fino alla Sala delle Capriate. ‘Domenico Fontana: i luoghi, i committenti, l’impresa’; ‘Il cantiere fontaniano: dal progetto all’esecuzione’ (dove spiccano gli artisti Cesare Nebbia e Giovanni Guerra); ‘Saperi tecnici’ (dedicata alla celebre impresa del trasporto degli obelischi e al trattato inerente). Oltre all’esposizione di opere pittoriche (alcune inedite), disegni preparatori, così come volumi in teche di vetro, opere scultoree (come il busto bronzeo di Sisto V), la mostra è arricchita da una serie di supporti interattivi video e fotografico-immersivi che permette per esempio l’esplorazione di spazi architettonici lontani (la Cappella Sistina) o addirittura la scoperta di luoghi perduti, perché demoliti come la mitica Villa Montalto Peretti Massimo.

L’esposizione – che gode del prestigioso partenariato dei Musei Vaticani e l’altrettanto importante patrocinio della Biblioteca Apostolica Vaticana e della Fondazione della Guardia svizzera pontificia del Vaticano – è il frutto dei risultati della ricerca ‘L’impresa Fontana tra XVI e XVII secolo: modalità operative, tecniche e ruolo delle maestranze’, che si svolge nell’ambito del progetto Fondo nazionale svizzero -Agorà ‘The «invention of many works». Domenico Fontana (1543-1607) and his buildings works’, che mira a favorire il dialogo tra comunità scientifica e società.


Beaux-Arts de Paris
Giovanni Guerra, Innalzamento e abbassamento dell’obelisco con lo stemma di Sisto V, 1586, penna, pennello, inchiostro su tratti a pietra nera

La mostra sarà visitabile da domenica 27 novembre, al 19 febbraio 2023; l’inaugurazione è in calendario sabato 26 novembre.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved