ULTIME NOTIZIE Culture
Arte
4 ore

Il Museo etnografico apre le sue Finestre sull’arte

Il volume edito da Salvioni, con oltre cinquanta schede, racconta il patrimonio artistico dalla Valle di Muggio alla Val Mara, dall’epoca romana a oggi
L’intervista
8 ore

Si alza forte ‘Il suono della guerra’

Un imponente resoconto di come la musica possa scendere in trincea e il conflitto possa ‘comporre’ musica: con Carlo Piccardi tra le pagine del suo libro
Arte
18 ore

Michel Houellebecq protagonista di un corto a luci rosse

Il collettivo Kirac, specializzato in video ‘controversi’, riprende lo scrittore francese nudo mentre viene baciato. A marzo la pubblicazione.
Culture
18 ore

Il concerto ‘scomodo’ del pianista ucraino, l’Osi lo sostituisce

L’esclusione di Alexander Romanovsky sarebbe riconducibile a un video col violinista Lundstream, per i media britannici sostenitore di Putin
Arte
20 ore

‘Amore e Psiche stanti’ del Canova venduti per oltre un milione

L’opera della collezione di Veneto Banca, del valore stimato in un paio di centinaia di migliaia di euro, è stata battuta all’asta per una cifra record
SALUTE
21 ore

L’Irb e gli anticorpi che ‘placcano’ il coronavirus

Agiscono sulle parti che non mutano, aprendo nuove prospettive non solo contro il Covid
Otium
23 ore

John Basset Trumper, l’intervista; Rosetta Loy, il ricordo

Incontro con il linguista gallese, che ha applicato fonetica e linguistica alle inchieste giudiziarie. E un ritratto della scrittrice, morta nel 2022
Scienze
1 gior

L’uomo ha danneggiato l’Amazzonia più di quanto temuto sinora

La foresta amazzonica, costantemente minacciata dall’attività umana, ha già perso il 20% della sua superficie dall’inizio della colonizzazione europea
Culture
1 gior

Il furto della memoria

A colloquio con Renato Sarti, attore, drammaturgo e regista, che tanto ha indagato sugli orrori della Seconda guerra mondiale
Progetto Babel
1 gior

Raccontarsi con una lingua adottiva

Il rapporto fertile fra lingua madre e lingua adottiva nei corsi del progetto di Babel Festival ‘L’altralingua’. Venerdì un incontro pubblico a Bellinzona
storia
1 gior

Il volontario Guido e Margherita

Un volume storico raccoglie le lettere fra il 1937 e il 1947 dei coniugi Tedaldi: dalla guerra civile spagnola alla fine del secondo conflitto mondiale.
Culture
1 gior

Gabriele Nissim, il ‘Giorno della Memoria’ non sia una trappola

Nella Giornata che ricorda la Shoah, l’ideatore dei ‘Giardini dei Giusti’: ‘Ricordare non basta se non ci si impegna contro tutti i genocidi’
Culture
1 gior

A Milano una serata per celebrare la Cramps Records

Etichetta fondata nel 1972 da Gianni Sassi, pubblicò ‘Arbeit Macht Frei’, primo album degli Area. Appuntamento al Lirico Giorgio Gaber giovedì 6 aprile
Musica
1 gior

LuganoMusica, Francesco Piemontesi tra Debussy e Schubert

Martedì 31 gennaio alle 20.30 al Lac. Poco prima, alle 19.30 nella Hall, in dialogo con Etienne Reymond, il pianista presenta il programma al pubblico
Scienze
2 gior

Anche le formiche nel loro piccolo s’inca**ano: colpa del clima

Uno studio austriaco su colonie di formiche da Svizzera, Austria, Francia e Italia dimostra che quelle in arrivo dalle zone più calde sono più aggressive
Figli delle stelle
2 gior

Maestro, che ne pensa dei Måneskin?

Måneskin, ‘Rush!’ - ★★★★✩ - Per Uto Ughi sono ‘un’offesa alla cultura e all’arte’, ma il mondo della musica classica (almeno una parte di esso) è cambiato
laR
 
31.08.2022 - 20:53

Al Parco Ciani immagini in movimento sul fluir del tempo

Domenica 4 prima serata della rassegna ‘Idee di passato, idee di futuro’ promossa dall’Associazione NEL. Tre artisti presentano quattro opere video.

al-parco-ciani-immagini-in-movimento-sul-fluir-del-tempo
Domenica 4 settembre al Boschetto del Parco Ciani si potranno vedere le opere video di Emilija Skarnulyté, William Kentridge e Tuan Andrew Nguyen

Tre artisti, quattro opere e un Boschetto. Quello del Parco Ciani, che ospiterà il primo degli appuntamenti della rassegna ‘Idee di passato, idee di futuro’ promossa dall’Associazione Fare arte NEL nostro tempo. Una serata di video arte all’aperto domenica 4 settembre, durante la quale racconti lineari si alterneranno a immaginari più frammentari in una narrazione del ‘sentire’ fluire tempi che si fanno memoria, visione e attesa. «Il titolo della rassegna sembra semplice e invece è parecchio intuitivo», dice alla Regione la ricercatrice ed editor della rivista di arte contemporanea Mousse nonché curatrice dell’evento a Lugano. Giovanna Manzotti fa riferimento a una citazione di Sant’Agostino «che trovo attualissima»: "(...) È inesatto dire che i tempi sono tre: passato, presente e futuro. Forse sarebbe esatto dire il presente del passato, il presente del presente e il presente del futuro. Il presente del passato è la memoria, il presente del presente è la visione, il presente del futuro è l’attesa".

I tre artisti

Giovanna Manzotti, nell’illustrare i tre artisti scelti per questa edizione, spiega come si sia «pensato anzitutto di invitare esponenti di generazioni diverse. Ma anche con una ricerca diversa che in alcuni momenti e alcuni punti, tramite le immagini in movimento, interrogasse sul tema sulla quale l’associazione NEL si è proposta di riflettere quest’anno. Aprirà William Kentridge (nato nel 1955 e già presente lo scorso anno) con ‘Tide Table (2003). Artista multidisciplinare, lavora con video, disegno, foto, installazione. Le sue opere indagano tematiche come carestie e apartheid, che hanno risvolti crudeli anche nella società attuale. Ci sarà poi il vietnamita Tuan Andrew Nguyen (nato nel 1976), il quale lavora principalmente sulla pratica della memoria con un legame soprattutto alla sua terra di origine che si interseca a volte con la potenza degli oggetti. Oggetti che, nel caso di ‘The Boat People’ (2020), vengono replicati da un gruppo bambini in copie in legno che poi vengono bruciate e gettate nelle acque. Tra i due c’è un distacco netto anche per ciò che riguarda la tecnica utilizzata nei video. Con Kentridge si ha un lavoro tecnico e grafico, fatto di cancellature e ripetizioni, proprio come fosse un racconto è passato che viene sì cancellato ma anche riproposto e ripresentato nel presente in una forma che lui tenta di riscrivere attraverso la sua opera. Con Nguyen si ha invece una narrazione più fluida: nel suo cortometraggio di 20 minuti non ci sono troppi sbalzi, bensì dialoghi che ribaltano la prospettiva temporale continuamente». La terza artista sarà la lituana Emilija Škarnulyté (nata nel 1987), con la quale si passerà a una sorta di silenzio e immersione all’interno di una sospensione temporale. «Il suo video ‘Sirenomelia’ del 2018 è completamente privo di persone: l’artista che nuota nelle acque artiche sotto forma di sirena è sicuramente un simbolo, ma anche un contro mito cyborg legato all’umano che si fonde tra pesce e sottomarino». Chiuderà un altro lavoro di Kentridge (‘Second-hand Reading’, 2013), libro animato assai diverso rispetto a ‘Tide Table’ anche dal punto di vista della tecnica. «Ha recuperato e velocizzato le pagine di un’enciclopedia meccanica; la figura dell’artista attraversa quelle pagine e si confronta con serie di immagini e oggetti a lui cari, paesaggi, aforismi poetici e filosofici. Ci piaceva concludere con questa immagine di artista errante – indica Manzotti –, perché uno sguardo rivolto al passato che tocca anche i temi della rinascita non può fare altro che camminare verso un futuro incerto. Anche con una consapevolezza che scienza e conoscenza in tutti i settori, oggi potrebbero essere la via di salvezza rispetto a tutta l’incertezza che attraversa il tempo presente».

La scelta dell’associazione di avvicinarsi all’arte contemporanea sotto forma di immagini in movimento, ritiene Manzotti, può essere un passo più morbido e delicato all’interno della comprensione di un linguaggio che ha codici molto specifici come è appunto l’arte contemporanea. «Noi abbiamo cercato di creare un percorso penso e spero più chiaro possibile proprio a livello di passaggi narrativi: apertura e chiusura con opere dello stesso artista e in mezzo due lavori che parlano dei linguaggi simili. Ossia di immagini in movimento e di un tempo passato e futuro, mirando a creare un ritmo specifico. Poi sta a ognuno di noi individuare questo flusso provare a farlo proprio e interpretarlo rispetto al tempo presente, come hanno fatto gli artisti stessi. Uno ‘sforzo’ che può esser anche uno stimolo, perché a volte ciò che vediamo non è intuibile nell’immediato o non lo è come l’artista lo aveva pensato. Questa è anche una sfida, in quanto ognuno ha il suo bagaglio culturale e la propria visione, che poi si rifletteno in ciò che vede».

Gli altri appuntamenti

NEL è un’associazione no profit nata nel 2012 a Lugano con lo scopo di promouovere incontri e conferenze multidisciplinari su temi della contemporaneità. La serata di videoarte si inserisce nel calendario di appuntamenti di Lugano in Estate in collaborazione con la Divisione eventi e congressi della città di Lugano. Il programma di Nel proseguirà il 20 settembre con Jacqueline Burckhardt e ‘La mia commedia dell’arte – il passato è nell’opera’ (Lugano Lac, Hall ore 18.15); il 7 novembre con Massimo Cacciari e ‘Presente, Futuro e catastrofi nel pensiero dell’Antichità greca e oggi’ (Biblioteca cantonale Lugano ore 18.15) e il 29 novembre con Gian Maria Tosatti e ‘Il destino delle comete – L’arte si fa specchio del coraggio di diventare ciò che dovremmo’ (Lugano Lac, Sala 1 ore 18.15).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved