davide-cascio-ovvero-la-poetica-della-prospettiva-utopica
Cosimo Filippini
Davide Cascio, Spider Bee 2022; legno, carta, pittura acrilica, plexiglas, corda, oggetti vari
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
34 min

Alexander Sokurov divide il Festival con un film immenso

Ode a ‘Skazka’ (Fairytale), del maestro russo; al suo confronto scompare ‘Il Pataffio’. Da applausi l’opera di Sylvie Verheyde
Locarno 75
11 ore

Gitanjali Rao narratrice dei piccoli sogni di tutti i giorni

La regista indiana è stata insignita del Locarno Kids Award per essere ‘una delle voci inconfondibili e originali del cinema indiano’ e non solo
Culture
12 ore

Morta Olivia Newton-John, star di Grease

Malata da tempo, è deceduta all’età di 73 anni
Cinema
13 ore

Lars von Trier ha il morbo di Parkinson

La sua storica società di produzione, Zentropa, ha oggi reso pubblica la malattia
Culture
13 ore

Era Clu Gulager, protagonista de ‘Il ritorno dei morti viventi’

Si è spento a Los Angeles all’età di 93 anni. Fu Billy The Kid negli anni ’60, negli Ottanta iniziò a recitare in B movie e horror
Cinema
14 ore

Non solo Bond (o Federer): ‘Il cinema in Ticino? Un mondo ampio’

Al ‘Locarno Pitching Day’ 2022 presentati sei progetti in fase di sviluppo. Castelli (Film Commission): Festival vetrina spettacolare, ma c’è tanto altro
Cineasti del presente
14 ore

Un deserto sospeso tra cielo e terra

‘Fragments From Heaven’ del marocchino Adnane Baraka è un’esperienza per la vista e anche per l’udito. Ma anche Franciska Eliassen...
L'intervista
14 ore

Tre uomini nel ‘Delta’

Sotto il tendone della Campari con il regista, Michele Vannucci, e con Luigi Lo Cascio e Alessandro Borghi
Fotografia
15 ore

Verzasca Foto Festival Off, le residenze si aprono

Mercoledì 10 agosto, la Casa della fotografia a Gordola ospita una serata di presentazione dei fotografi ospiti quest’estate della rassegna
Locarno 75
18 ore

Universi paralleli a fianco della Piazza

Horror, fantascienza, erotismo: la realtà virtuale trova spazio anche al Locarno Film Festival e regala emozioni estreme
Locarno 75
19 ore

Thomasina e Martha ascoltano il futuro con ‘Lola’

Nel film di Andrew Legge, con tutti i rischi del caso, due sorelle inventano un dispositivo in grado d’intercettare onde radio dal futuro
Locarno 75
21 ore

‘Paradise Highway’ irrisolto, non convince ‘Delta’

Nel film con Juliette Binoche, imbarazzante e malinconico Morgan Freeman; tanti i temi narrativi irrisolti. Sorprende ‘Medusa Deluxe’
Culture
21 ore

Fra cultura e scienza allo ‘Sconfinare Festival’

Dal 30 settembre al 2 ottobre in Piazza del Sole a Bellinzona, lungo il confine che separa due mondi solo apparentemente opposti
Musica
22 ore

Roberto Pianca organ Trio per il Jazz in Bess extra muros

Giovedì 11 agosto alle 18.30 a Cureglia, Casa Rusca
L’intervista
23 ore

Juliette Binoche, attrice e camionista

Da Kieślowski a Kiarostami, lampi di vita e carriera fino a ‘Paradise Highway’ di Anna Gutto
Spettacoli
23 ore

Morto l’attore Roger E. Mosley, indimenticabile TC di Magnum P.I.

Aveva 83 anni ed è rimasto vittima di un incidente d’auto. Suo il ruolo di Theodore ‘TC’ Calvin accanto a Tom Selleck
Locarno 75
1 gior

Jason Blum, come spaventarsi tanto spendendo poco

La sua Blumhouse è la casa produttrice di horror per eccellenza, cose come ‘Paranormal Activity’, 15mila dollari investiti, 200 milioni guadagnati
03.08.2022 - 18:07
di Vito Calabretta

Davide Cascio, ovvero la poetica della prospettiva utopica

La mostra ‘Chaosmos’ al Museo d’Arte di Mendrisio fino al 4 settembre, in concomitanza con ‘Dallo spazio al tempo’ di Gianfredo Camesi

A pagina 22 di un volume pubblicato nel 2007 Mounira Khemir scrive, in francese, del lavoro di Davide Cascio: «Il suo motore non si trova negli effluvi di una estetica relazionale in voga dagli anni 1990, della quale la sola vacuità alimenta talvolta la postura». Consapevole di essere di fronte a un puro caso, sono colpito dall’utilizzo del concetto di vacuité, così importante nel lavoro di Gianfredo Camesi da esserne un titolo. Non credo che Mounira Khemir ne sia al corrente ma Gianfredo Camesi è presente al Museo di Mendrisio in concomitanza con Davide Cascio e la compresenza è una occasione felice per affrontare e relazionarsi con il lavoro di entrambi gli artisti, la cui complessità è profonda e per certi aspetti estrema.

Entrambi ponti di collegamento tra la cultura ticinese e le esperienze di altri luoghi del mondo, le due personalità appartengono a generazioni diverse e promuovono un atteggiamento nei confronti della pratica artistica radicalmente distinto. Lo vediamo percorrendo le sale del museo. La sezione dedicata a Gianfredo Camesi è ordinata, composta, seriale, lineare così come recita il titolo: Dallo spazio al tempo, in un flusso che si impregna di panismo. La sezione allestita da Davide Cascio, per lo più direttamente nel museo insieme ai dipendenti di quella istituzione, ci propone una sensazione di deflagrazione, di un tentativo di ricomporre in unità qualcosa che si è sparpagliato e infatti il titolo recita Chaosmos.

Immaginifico

Torniamo al concetto di vacuité, fondante nel lavoro di Gianfredo Camesi mentre, come dice Mounira Khemir, quello di Davide Cascio ne è un distanziamento. Ciò in effetti succede perché, anche nella presentazione di Chaosmos, egli ci mostra il risultato di un impegno analitico nei confronti dell’immaginifico che ha inquinato più lustri della nostra storia recente. Mentre Camesi impiega il proprio virtuosismo per, mentre astrae e minimalizza, densificare l’immagine prodotta caricandola di esperienzialità, gestualità, attività pittorica e riconducendola a equilibrio, Davide Cascio ha una postura analitica, critica e redistribuiva nei confronti dell’immagine e dell’immaginazione.

Egli attinge al proprio, che poi è anche il nostro, patrimonio immaginifico o, meglio, incorpora e si fa carico di una quantità innumerevole di frammenti, esperienze e contenuti che filtra attraverso la propria soggettività. Utilizzo il termine immaginifico per due motivi: perché si tratta, sì, anche di materiale iconografico, ma soprattutto di materiale che crea immaginario; perché l’ideologia immaginifica è stata una sbornia che ha connotato gli ultimi decenni di storia. Rispetto a tale realtà, Davide Cascio sembra avere un atteggiamento critico, analitico, redistributivo e rigenerativo.

Egli cioè analizza criticamente la realtà referente per ridistribuirla nel quadro dei significati possibili e rigenerare questo in una nuova prospettiva espressiva e significante. Costruisce un archivio popolato di fonti immaginifiche, associa alle fonti visive quelle letterarie e le esperienze storiche (anche della storia dell’arte e del periodo umanistico e rinascimentale, quando per esempio in altre occasioni ha ricostruito lo studiolo di San Gerolamo; e così le esperienze vissute nell’arte del XX secolo). Nell’archivio da lui ricostruito, rimette in gioco il patrimonio raccolto che diventa una fonte e si impegna a trasferirlo in risultati formali. Per riprendere ancora le parole di Mounira Khemir, svolge la funzione di «poeta della prospettiva in cerca di immagini».

Dal punto di vista procedurale, «si tuffa in un deserto astrattistico senza dimenticare che il deserto ha il dono della fonte»; «l’utopia è la proposta di un luogo giusto e bello che possa offrire l’opportunità di una condivisione del sensibile».

In tal modo, con questo tuffo, questo sprofondamento in un abisso documentale e storico, egli sperimenta una linearità verticale, di scavo filologico in un sistema di fonti che sono terreno di riferimento, radice del processo espressivo, componenti linguistiche della sua poetica e tasselli dei manufatti prodotti (nei collages, per esempio). Di ciò che viene generato dal lavoro in profondità della sua procedura artistica noi abbiamo accesso a una piccola parte: il manufatto che vediamo in mostra e il sistema di riferimenti, pubblicato nella monografia che accompagna un progetto espositivo.

Misteriosità

Molto, nondimeno, si nasconde o occulta nei meandri del processo e noi fruitori ci troviamo immersi in una misteriosità impegnativa e ci sentiamo lasciati alla nostra responsabilità e disponibilità ad accettare quelle modalità espressive; facciamo fatica a comprendere il significato effettivo, in senso narrativo e in senso concettuale. Incontriamo, qui, una componente sacerdotale del lavoro dell’artista che ci appare enormemente concentrato nel proprio officio e che non è in grado di aiutarci a comprendere, o meglio a leggere in chiaro, per esempio, il funzionamento operativo dei libri sparpagliati perché caduti da una libreria dalla quale ci sembra che non possano cadere perché non possono essere stati appoggiati, poiché sembrano mancare gli scaffali, salvo poi verificare che gli scaffali ci sono e notare che anche in questo caso la distribuzione dei volumi negli spazi risponde a una sensibilità di ordine grafico.

È chaosmos anche per noi e qui di nuovo ci aiuta il confronto così a distanza con il lavoro di Gianfredo Camesi. Entrambi gli artisti vivono uno stretto legame con il testo; entrambi producono un’arte esperienziale; entrambi hanno una sensibilità grafica e sono sempre impegnati a valorizzare i dettagli intermediatici del lavoro (alcuni esempi: nel caso di Camesi la pratica calligrafica o l’impronta dei piedi o la nudità; nel caso di Cascio, la scelta tipografica o la distribuzione dei contenuti nelle pubblicazioni).

Mentre Gianfredo Camesi sente il bisogno di condurci per mano fino all’impatto estetico del risultato del suo lavoro, Davide Cascio sente il bisogno di lasciarci liberi e responsabili di costruire la nostra fruizione di ciò che egli ha operato e creato, concentrato a massimizzare la propria libertà e responsabilità.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
davide cascio gianfredo camesi mostra museo arte mendrisio prospettiva utopica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved