costruire-e-un-atto-culturale-e-deve-far-bene-alle-persone
Ti-Press
Santa Maria degli Angeli sul Monte Tamaro
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
9 ore

Gitanjali Rao narratrice dei piccoli sogni di tutti i giorni

La regista indiana è stata insignita del Locarno Kids Award per essere ‘una delle voci inconfondibili e originali del cinema indiano’ e non solo
Culture
11 ore

Morta Olivia Newton-John, star di Grease

Malata da tempo, è deceduta all’età di 73 anni
Cinema
11 ore

Lars von Trier ha il morbo di Parkinson

La sua storica società di produzione, Zentropa, ha oggi reso pubblica la malattia
Culture
12 ore

Era Clu Gulager, protagonista de ‘Il ritorno dei morti viventi’

Si è spento a Los Angeles all’età di 93 anni. Fu Billy The Kid negli anni ’60, negli Ottanta iniziò a recitare in B movie e horror
Cinema
12 ore

Non solo Bond (o Federer): ‘Il cinema in Ticino? Un mondo ampio’

Al ‘Locarno Pitching Day’ 2022 presentati sei progetti in fase di sviluppo. Castelli (Film Commission): Festival vetrina spettacolare, ma c’è tanto altro
Cineasti del presente
12 ore

Un deserto sospeso tra cielo e terra

‘Fragments From Heaven’ del marocchino Adnane Baraka è un’esperienza per la vista e anche per l’udito. Ma anche Franciska Eliassen...
L'intervista
12 ore

Tre uomini nel ‘Delta’

Sotto il tendone della Campari con il regista, Michele Vannucci, e con Luigi Lo Cascio e Alessandro Borghi
Fotografia
13 ore

Verzasca Foto Festival Off, le residenze si aprono

Mercoledì 10 agosto, la Casa della fotografia a Gordola ospita una serata di presentazione dei fotografi ospiti quest’estate della rassegna
Locarno 75
17 ore

Universi paralleli a fianco della Piazza

Horror, fantascienza, erotismo: la realtà virtuale trova spazio anche al Locarno Film Festival e regala emozioni estreme
Locarno 75
17 ore

Thomasina e Martha ascoltano il futuro con ‘Lola’

Nel film di Andrew Legge, con tutti i rischi del caso, due sorelle inventano un dispositivo in grado d’intercettare onde radio dal futuro
Locarno 75
19 ore

‘Paradise Highway’ irrisolto, non convince ‘Delta’

Nel film con Juliette Binoche, imbarazzante e malinconico Morgan Freeman; tanti i temi narrativi irrisolti. Sorprende ‘Medusa Deluxe’
Culture
20 ore

Fra cultura e scienza allo ‘Sconfinare Festival’

Dal 30 settembre al 2 ottobre in Piazza del Sole a Bellinzona, lungo il confine che separa due mondi solo apparentemente opposti
Musica
20 ore

Roberto Pianca organ Trio per il Jazz in Bess extra muros

Giovedì 11 agosto alle 18.30 a Cureglia, Casa Rusca
L’intervista
21 ore

Juliette Binoche, attrice e camionista

Da Kieślowski a Kiarostami, lampi di vita e carriera fino a ‘Paradise Highway’ di Anna Gutto
Spettacoli
22 ore

Morto l’attore Roger E. Mosley, indimenticabile TC di Magnum P.I.

Aveva 83 anni ed è rimasto vittima di un incidente d’auto. Suo il ruolo di Theodore ‘TC’ Calvin accanto a Tom Selleck
Locarno 75
1 gior

Jason Blum, come spaventarsi tanto spendendo poco

La sua Blumhouse è la casa produttrice di horror per eccellenza, cose come ‘Paranormal Activity’, 15mila dollari investiti, 200 milioni guadagnati
Locarno 75
1 gior

Nuove narrazioni digitali: un incontro al BaseCamp

All’Istituto Sant’Eugenio domani, dalle 19, si terrà una masterclass dedicata al lavoro del collettivo Total Refusal. A introdurla una conferenza.
Spettacoli
1 gior

Al Festival di narrazione, raccontare senza stereotipi

Un incontro aperto al pubblico sul tema è in programma sabato 20 agosto, presso la Corte dei Miracoli di Arzo
Locarno 75
1 gior

‘Il pataffio’ o della trappola della commedia (umana)

Il film di F. Lagi, presentato in prima mondiale al Concorso internazionale sabato, racconta le bassezze della contemporaneità travestite da medioevo
Locarno 75
1 gior

Cineasti del presente, voglia di raccontare e sperimentare

Di ‘How’s Katia’ s’è detto; interessante ma incompleto ‘Petrol’; piace (al netto di qualche moralismo) ‘Petites’
Ambienti antropici
27.07.2022 - 05:30
Aggiornamento: 14:46

Costruire è un atto culturale e deve far bene alle persone

È online la piattaforma culturadellacostruzionesvizzera.ch: per la riflessione sugli spazi che progettiamo, edifichiamo e plasmiamo

"Ma cos’è quest’obbrobrio?". Quante volte ci è capitato di pensarlo e fors’anche borbottarlo alla vista di un palazzo che mal s’inserisce nel contesto urbano, spesso con soluzioni (anche di materiale) brutte, deturpanti – quand’anche disturbanti – e aliene; un edificio che trascende il gusto soggettivo perché nulla c’azzecca con l’ambiente circostante. E in genere il pensiero successivo è "ma chi l’ha pensato è del mestiere?".

"Costruire è un atto culturale": ecco il nocciolo della riflessione intavolata da una manciata di anni a questa parte – in Svizzera ed Europa, nel pubblico e nel privato – sul ruolo e sul peso di pianificazione e costruzione dell’ambiente umano, sia che riguardi un singolo edificio, un intero quartiere, spazi pubblici, come piazze, strade oppure zone naturalistiche di cui fruiscono i cittadini. Spoiler: in un paesaggio ben progettato e ben costruito, facendo cioè convivere fattori interdisciplinari che vanno dalla tecnica all’ecologia, dall’economia a sociologia, cultura e psicologia, la qualità di vita migliora, così come il senso di benessere della popolazione.

Mettere in rete, dibattere, ispirarsi

Dopo la piattaforma dedicata agli editori svizzeri – www.libreo.ch –, dallo scorso 23 luglio è online www.culturadellacostruzionesvizzera.ch, che si rifà al concetto di cultura della costruzione di qualità, detto in lingua tedesca – che è notoriamente più pratica – ‘Baukultur’. La piattaforma, riferisce il comunicato stampa della Società svizzera degli ingegneri e degli architetti (Sia), si propone come punto d’incontro virtuale per "stimolare il dibattito sul nostro ambiente antropico", cioè quello che "progettiamo, costruiamo e plasmiamo". Un altro intento, non secondario, è quello di intessere una rete fra gli enti (pubblici e privati) coinvolti nella pianificazione e nella costruzione del paesaggio che abitiamo, un luogo dove possano "dialogare, scambiare saperi e trovare fonte d’ispirazione", affiancando i diversi protagonisti attivi a livello locale e a livello internazionale.

Navigandoci, ci si imbatte in venti luoghi in Svizzera che sono "casi di studio" – fra gli altri l’agglomerato di Cevio, la scuola elementare di Monte Carasso, Santa Maria degli Angeli sul Monte Tamaro, la rinaturazione del fiume ginevrino Aire – presentati con video brevi e immagini. La pagina ospita altresì un’agenda – in collaborazione con espazium, edizioni per la cultura della costruzione – fitta di eventi inerenti al tema. Infine vi si trova un elenco dei numerosi attori coinvolti che si presentano in maniera succinta. Il progetto (in divenire) è il frutto della volontà di tre organismi: la Tavola rotonda Cultura della costruzione svizzera, la Sia e l’Ufficio federale della cultura (Ufc).

L’iniziativa ci permette di aprire una finestra sul concetto di cultura della costruzione di qualità. Incuriositi, siamo andati a spulciare i diversi documenti presentati sulla piattaforma.

Cronistoria

La Tavola rotonda, nel 2010, ha pubblicato il suo manifesto che ha contribuito allo sviluppo del concetto di cultura della costruzione quale nuovo ambito politico. Da quella pubblicazione passano otto anni e nel 2018 – anno europeo del patrimonio culturale – Davos ospita la Conferenza dei ministri della Cultura europei che in quell’occasione approvano la ‘Dichiarazione di Davos - Verso una visione europea della cultura della costruzione di qualità’, in cui si stabilisce che costruire è atto culturale e crea spazio per la cultura; indicando la via d’azione sul piano politico e strategico, si legge nel documento. Successivamente, nel 2020, il Consiglio federale ha adottato la Strategia interdipartimentale per la promozione della cultura della costruzione, obiettivo "promuovere in modo sostenibile una cultura della costruzione di qualità". L’anno scorso, è stato pubblicato il ‘Sistema di Davos per la qualità nella cultura della costruzione’, un documento in cui si tracciano alcune direttive per pianificare e costruire con criterio.

A beneficio della qualità di vita

La riflessione sul paesaggio costruito nasce dalla constatazione che alcune aree (per esempio le periferie), quando non protette perché non sono centro storico o patrimonio culturale, sono vittime di banalizzazione e di una "espansione urbana senza ambizione", si legge nella Dichiarazione di Davos. Si diffondono così siti annientati da "infrastrutture, successioni di centri commerciali, zone industriali". Un tipo di sviluppo dell’ambiente costruito che ha relegato in secondo piano l’aspetto culturale, basandosi troppo su un’attitudine "incentrata sui meccanismi tecnici ed economici", con conseguenze sociali negative. La qualità del paesaggio costruito, si legge, influenza profondamente il benessere e la qualità di vita, giocando un ruolo decisivo nelle interazioni e nella coesione sociale, così come la creatività e l’identificazione con il luogo". La cultura della costruzione di qualità è da considerarsi quindi un bene comune, perché favorisce lo sviluppo di "quartieri diversificati e dinamici, preservando l’ambiente’, generando anche valore economico.

Il Sistema di Davos è perciò il primo "metodo che permette di valutare la qualità nella cultura della costruzione, confrontando gli usuali fattori tecnici, ecologici ed economici con i fattori sociali, culturali ed emotivi" e propone "un approccio multidimensionale". I criteri di valutazione e quindi di costruzione sono otto (e costituiscono la base per il modulo "case studies" della piattaforma web): governance, funzionalità, ambiente, economia, diversità, contesto, genius loci e bellezza, perché "l’occhio vuole la sua parte".

Ogni criterio sottintende una domanda, mantenendo l’ordine: "Il processo decisionale legato al luogo è partecipativo e trasparente?"; "il luogo è facilmente accessibile a tutti?"; "il luogo è privo di inquinanti o sostanze che nuocciono all’ambiente e alla salute?"; "sul lungo periodo, il luogo è redditizio?"; "il luogo garantisce uguaglianza, libertà, sicurezza e sostentamento?"; "il patrimonio costruito e le specificità regionali sono riconosciuti, conservati, messi a frutto e integrati?"; "i valori locali e regionali, così come la storia, sono rispettati e trasmessi, attraverso la materialità, la progettazione e la gestione del luogo?"; "al luogo vengono attribuiti specifici valori estetici che tengono conto delle qualità formali e della loro integrazione nel contesto?".

Non finisce qui

Nel 2023, dal 14 al 16 gennaio, si svolgerà (su proposta del consigliere federale Alain Berset) la seconda Conferenza delle ministre e dei ministri della Cultura europei, intitolata "Common Good - Shared Responsability" (traducendo: bene comune - responsabilità condivisa). Insieme agli attori dell’economia privata sarà discusso su come raggiungere una cultura della costruzione di qualità in Europa.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
baukultur cultura costruzione qualità svizzera
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved