marcel-broodthaers-un-lirico-cozzatore-al-masi
Marcel Broodthaers
+4
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
9 ore

Gitanjali Rao narratrice dei piccoli sogni di tutti i giorni

La regista indiana è stata insignita del Locarno Kids Award per essere ‘una delle voci inconfondibili e originali del cinema indiano’ e non solo
Culture
10 ore

Morta Olivia Newton-John, star di Grease

Malata da tempo, è deceduta all’età di 73 anni
Cinema
11 ore

Lars von Trier ha il morbo di Parkinson

La sua storica società di produzione, Zentropa, ha oggi reso pubblica la malattia
Culture
12 ore

Era Clu Gulager, protagonista de ‘Il ritorno dei morti viventi’

Si è spento a Los Angeles all’età di 93 anni. Fu Billy The Kid negli anni ’60, negli Ottanta iniziò a recitare in B movie e horror
Cinema
12 ore

Non solo Bond (o Federer): ‘Il cinema in Ticino? Un mondo ampio’

Al ‘Locarno Pitching Day’ 2022 presentati sei progetti in fase di sviluppo. Castelli (Film Commission): Festival vetrina spettacolare, ma c’è tanto altro
Cineasti del presente
12 ore

Un deserto sospeso tra cielo e terra

‘Fragments From Heaven’ del marocchino Adnane Baraka è un’esperienza per la vista e anche per l’udito. Ma anche Franciska Eliassen...
L'intervista
12 ore

Tre uomini nel ‘Delta’

Sotto il tendone della Campari con il regista, Michele Vannucci, e con Luigi Lo Cascio e Alessandro Borghi
Fotografia
13 ore

Verzasca Foto Festival Off, le residenze si aprono

Mercoledì 10 agosto, la Casa della fotografia a Gordola ospita una serata di presentazione dei fotografi ospiti quest’estate della rassegna
Locarno 75
16 ore

Universi paralleli a fianco della Piazza

Horror, fantascienza, erotismo: la realtà virtuale trova spazio anche al Locarno Film Festival e regala emozioni estreme
Locarno 75
17 ore

Thomasina e Martha ascoltano il futuro con ‘Lola’

Nel film di Andrew Legge, con tutti i rischi del caso, due sorelle inventano un dispositivo in grado d’intercettare onde radio dal futuro
Locarno 75
19 ore

‘Paradise Highway’ irrisolto, non convince ‘Delta’

Nel film con Juliette Binoche, imbarazzante e malinconico Morgan Freeman; tanti i temi narrativi irrisolti. Sorprende ‘Medusa Deluxe’
Culture
20 ore

Fra cultura e scienza allo ‘Sconfinare Festival’

Dal 30 settembre al 2 ottobre in Piazza del Sole a Bellinzona, lungo il confine che separa due mondi solo apparentemente opposti
Musica
20 ore

Roberto Pianca organ Trio per il Jazz in Bess extra muros

Giovedì 11 agosto alle 18.30 a Cureglia, Casa Rusca
L’intervista
21 ore

Juliette Binoche, attrice e camionista

Da Kieślowski a Kiarostami, lampi di vita e carriera fino a ‘Paradise Highway’ di Anna Gutto
Spettacoli
21 ore

Morto l’attore Roger E. Mosley, indimenticabile TC di Magnum P.I.

Aveva 83 anni ed è rimasto vittima di un incidente d’auto. Suo il ruolo di Theodore ‘TC’ Calvin accanto a Tom Selleck
Locarno 75
1 gior

Jason Blum, come spaventarsi tanto spendendo poco

La sua Blumhouse è la casa produttrice di horror per eccellenza, cose come ‘Paranormal Activity’, 15mila dollari investiti, 200 milioni guadagnati
Locarno 75
1 gior

Nuove narrazioni digitali: un incontro al BaseCamp

All’Istituto Sant’Eugenio domani, dalle 19, si terrà una masterclass dedicata al lavoro del collettivo Total Refusal. A introdurla una conferenza.
Spettacoli
1 gior

Al Festival di narrazione, raccontare senza stereotipi

Un incontro aperto al pubblico sul tema è in programma sabato 20 agosto, presso la Corte dei Miracoli di Arzo
Mostra
18.07.2022 - 08:40
Aggiornamento: 16:33
di Vito Calabretta

Marcel Broodthaers, un ‘lirico cozzatore’ al Masi

Il Museo d’arte della Svizzera italiana a Lugano ospita fino al 13 novembre prossimo l’esposizione dell’artista belga ‘Poesie industriali’

«Alla fine mi folgorò lo spirito di inventare qualcosa di insincero e mi misi subito al lavoro». Troviamo questa citazione nel manuale dedicato da Denys Riout a ‘L’arte del ventesimo secolo’, in italiano presso Einaudi e riportata in lingua originale (più bella) a p. 46 del libro dedicato da Serena Carbone a ‘Marcel Broodthaers. Poetiche dell’ombra’, pubblicato dall’editore Mimesis.

Il Museo d’arte della Svizzera italiana (Masi) a Lugano, fino al prossimo 13 novembre, propone al pubblico di cultura italiana la mostra preparata dal Centro d’arte Wiels di Bruxelles, dedicata ai ‘Poèmes industriels’ di Marcel Broodthaers e adattata a Lugano da Francesca Benini. Mentre prendiamo atto dell’insistenza del museo a ospitare mostre prodotte altrove, possiamo apprezzare una proposta utile per capire aspetti di ciò che l’arte è nel nostro mondo, facendo tesoro di esperienze del passato. Concentrandosi su una produzione specifica e circoscritta dell’importante poeta e artista belga, la mostra ci aiuta a mettere a fuoco questioni indispensabili per capire cosa sia, di cosa consista e a cosa serva l’arte oggi. Fra queste abbiamo senz’altro il tema della nostra citazione iniziale: il ruolo della menzogna e della finzione che la cultura italiana ha visto esprimersi, tra le tante, nelle elaborazioni di Giorgio Manganelli e di Carmelo Bene.

La mostra luganese è supportata da uno scaffale ben articolato presso la libreria del museo, dal quale traggo due pubblicazioni di grande utilità: il testo di Serena Carbone già citato e il volumetto tradotto in italiano da Postmedia Books: ‘L’arte nell’era postmediale - l’esempio di Marcel Broodthaers’, di Rosalind Krauss.

Effervescenza di cromaticità plastica

Propongo questi riferimenti bibliografici convinto di quanto siano importanti per affrontare la complessità del lavoro di Broodthaers, offrendoci riferimenti storici, contestualizzazioni nella dinamica della produzione artistica del secolo scorso e strumenti concettuali utili. Il piacere e la gradevolezza (ma anche, per alcuni aspetti, la sgradevolezza atonale o distonale) del felice allestimento nel sotterraneo del museo possono così essere temprati in un sistema di senso, oltre a consentirci una reazione estemporanea o effimera, peraltro importanti.

Indugiamo pure un momento sull’allestimento negli spazi del Museo. Il risultato ci si presenta con una dimensione decisamente pop, cioè con una effervescenza di cromaticità di plastica; i poemi industriali sono prodotti attraverso la compressione di placche di plastica in uno stampo che in francese si chiama moule così come la cozza e Marcel Broodthaers si definiva un "roi des moules". Tale esito pop ci rallegra e contraddice cozzando (viva il gioco semantico) con il radicalismo concettuale del suo impianto poetico.

Contraddizione strutturale

Se, pertanto, possiamo limitarci a fruire di un livello superficiale del lavoro e beneficiare della atmosfera surrealisticamente pop e giocosamente ironica, grazie al supporto dei due libri possiamo capire come quella contraddizione sia una caratteristica strutturale del lavoro di Broodthaers e possa essere messa in relazione con la situazione geografica, storica e tematica in cui l’artista lo ha impostato e sviluppato.

Quando, per esempio, vediamo in una teca come alcuni righi musicali sono popolati da segni e macchie da cui riusciamo a indurre l’idea di bordello piuttosto che quella di spartito, possiamo divertirci e sorridere al titolo (Moderato, Allegro non troppo) ma anche considerare quanto lo scontro tra retaggi atonali e impulsi di nuove melodicità sia stato importante nella dinamica artistica della storia recente: basti pensare all’esperienza dei King Crimson e alle rispettive sofisticherie tecniche, melodie ammalianti, irriverenze e ironie.

L’evocazione musicale ci serve per accogliere il concetto di postmedialità articolato da Rosalind Krauss. Broodthaers non è un musicista ma ha bisogno di trasbordare e trasgredire il confine tra generi artistici per sviluppare la propria poetica.

I libri di Rosalind Krauss e di Serena Carbone enucleano una serie di concetti, temi, riferimenti ed esigenze che ci aiutano a rivivere il lavoro artistico, ad affrontarne il senso, la portata, le contraddizioni e i rischi, questioni rispetto alle quali Marcel Broodthaers ha mostrato consapevolezza e ha cercato di giocare, utilizzando la propria cultura, l’esperienza accumulata con il lavoro e l’ironia.

Tutto ciò è importante poi per tentare di orientarci nell’insidioso paesaggio contemporaneo, dove spesso troviamo scimmiottamenti di esperienze seminali come quella in questione.

Le questioni dell’arte

Così, a fronte di Pense-bête, con la quale Marcel Broodthaers ingessa alcune sue presunte produzioni poetiche, senza farci vedere il contenuto dei libri messi uno accanto all’altro, abbiamo anni dopo incontrato il sedicente artista che si fa attribuire una laurea in occasione della quale si presenta con un braccio vistosamente e inutilmente ingessato e conseguendo il risultato di una misera figura da stupido. E mentre Broodthaers prendeva i nomi dei grandi miti della pittura ottocentesca e li trasferiva in ambito meramente testuale, sottoponendo a uno sforzo strutturale l’asse semantico-semiotico che collega il produttore dell’opera al fruitore e lavorando sul potenziale generato dal processo di immaginificazione della parola e di spazializzazione del testo, oggi assistiamo alla vertenza legale per plagio nei confronti di chi, saccheggiando biecamente l’opera altrui, in nome di un presunto cinismo poetico, la riproduce, o meglio la fa riprodurre, tale quale.

Non avendo con questo testo scritto niente sul complesso, importante e seminale lavoro di Marcel Broodthaers, spero di essere riuscito a rendergli uno specifico omaggio al quale aggiungo che, se il suo lavoro affronta questioni dell’arte in modi che sembrano chiudere la possibilità di ulteriori forme di azione artistica, la questione resta, per fortuna, affatto irrisolta e tutt’oggi possiamo confrontarci con pittura, scultura, fotografia, intermedialità eccetera straricche di senso, anche grazie al contributo del nostro lirico cozzatore.

Info: www.masilugano.ch.


Opera in esposizione

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
marcel broodthaers masi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved