idee-e-visioni-in-sacro-e-profano-di-mario-botta
©Enrico Cano
La mostra allestita nella sala Gian Ferrari al MAXXI di Roma
ULTIME NOTIZIE Culture
Locarno 75
1 ora

Al cubano ‘Moa’ e al venezuelano ‘Muchachos’ l’Open Doors Award

Si è svolta questa mattina la cerimonia di premiazione della sezione che va alla scoperta di nuove cinematografie in America Latina e nei Caraibi
Sostiene Morace
1 ora

Per fortuna c’è ancora chi spende soldi per guardare i film

I dati forniti dall’ufficio stampa del Festival parlano di afflusso pari al 2019. In attesa di sorprese, un bilancio di metà rassegna
Locarno 75
3 ore

Una conferenza di 24 ore per parlare di attenzione

Più che un calo di concentrazione, un sistema che spinge verso la distrazione. Le alternative? Le mostra Rafael Dernbach
Scienze
5 ore

Arrivano le ‘Lacrime di San Lorenzo’ ma con la Luna piena

Gli esperti consigliano di osservare le stelle cadenti con qualche giorno di anticipo, oppure aspettare l’ultima parte della notte
Locarno 75
5 ore

Il Cinema canta in Piazza e in Concorso

Un disincantato ‘Gigi la legge’, la voglia di essere vivi che sprizza in ‘Tengo sueños eléctricos’, emozioni forti in ‘Last Dance’ di Delphine Lehericey
Locarno 75
6 ore

Alexander Sokurov divide il Festival con un film immenso

Ode a ‘Skazka’ (Fairytale), del maestro russo; al suo confronto scompare ‘Il Pataffio’. Da applausi l’opera di Sylvie Verheyde
Locarno 75
17 ore

Gitanjali Rao narratrice dei piccoli sogni di tutti i giorni

La regista indiana è stata insignita del Locarno Kids Award per essere ‘una delle voci inconfondibili e originali del cinema indiano’ e non solo
Culture
19 ore

Morta Olivia Newton-John, star di Grease

Malata da tempo, è deceduta all’età di 73 anni
Cinema
19 ore

Lars von Trier ha il morbo di Parkinson

La sua storica società di produzione, Zentropa, ha oggi reso pubblica la malattia
Culture
20 ore

Era Clu Gulager, protagonista de ‘Il ritorno dei morti viventi’

Si è spento a Los Angeles all’età di 93 anni. Fu Billy The Kid negli anni ’60, negli Ottanta iniziò a recitare in B movie e horror
Cinema
20 ore

Non solo Bond (o Federer): ‘Il cinema in Ticino? Un mondo ampio’

Al ‘Locarno Pitching Day’ 2022 presentati sei progetti in fase di sviluppo. Castelli (Film Commission): Festival vetrina spettacolare, ma c’è tanto altro
Cineasti del presente
20 ore

Un deserto sospeso tra cielo e terra

‘Fragments From Heaven’ del marocchino Adnane Baraka è un’esperienza per la vista e anche per l’udito. Ma anche Franciska Eliassen...
L'intervista
20 ore

Tre uomini nel ‘Delta’

Sotto il tendone della Campari con il regista, Michele Vannucci, e con Luigi Lo Cascio e Alessandro Borghi
Fotografia
21 ore

Verzasca Foto Festival Off, le residenze si aprono

Mercoledì 10 agosto, la Casa della fotografia a Gordola ospita una serata di presentazione dei fotografi ospiti quest’estate della rassegna
Locarno 75
1 gior

Universi paralleli a fianco della Piazza

Horror, fantascienza, erotismo: la realtà virtuale trova spazio anche al Locarno Film Festival e regala emozioni estreme
Locarno 75
1 gior

Thomasina e Martha ascoltano il futuro con ‘Lola’

Nel film di Andrew Legge, con tutti i rischi del caso, due sorelle inventano un dispositivo in grado d’intercettare onde radio dal futuro
28.06.2022 - 09:18
di Claudio Guarda

Idee e visioni in ‘Sacro e profano’ di Mario Botta

L’architetto ticinese è stato invitato a presentare una sintesi della sua ricerca progettuale al MAXXI di Roma, visitabile fino al 4 settembre prossimo

Mario Botta è approdato al MAXXI (Museo Nazionale delle arti del XXI secolo) di Roma che, progettato da Zaha Hadid, non è solo una grande opera architettonica dalle forme innovative e spettacolari, ma è pure il primo museo nazionale di architettura presente in Italia. Il fatto che Mario Botta sia stato invitato a presentare una sintesi della sua ricerca progettuale non può che suonare come un ulteriore qualificato riconoscimento del suo lavoro. La mostra si intitola ‘Sacro e profano’ è curata da Margherita Guccione e Pippo Ciorra; ed è visitabile fino al 4 settembre prossimo.

Botta ha realizzato un’installazione estremamente concentrata ma al tempo stesso altamente significativa. All’interno di una grande sala rettangolare (la Gian Ferrari) ha presentato undici suoi progetti. Sette dedicati allo spazio sacro (sei chiese e una sinagoga) e quattro allo spazio profano: due musei (il Mart di Rovereto e il Musero Bechtler del North Carolina), le terme di Baden e il ‘Fiore di pietra’ sul Generoso. Si tratta di maquette, schizzi, disegni, fotografie che girando sulle pareti lunghe creano una sorta di orizzonte visivo, come fossero edifici posti sulla sommità di una cerchia collinare; racchiusi, sulle pareti corte, da un modello ligneo (scala 1:2) dall’abside della chiesa di Mogno, la prima da lui edificata dopo anni di contenzioso e, su quella opposta, da un tappeto con le piante di otto edifici sacri come a voler sottolineare lo sviluppo progettuale che ne è derivato. Ci si muove quindi all’interno di una dimensione soprattutto mentale e simbolica, anche se l’architettura in sé è un manufatto fisico dentro uno spazio reale.

Dalla forma visibile e concreta alla dimensione astratta del pensiero

L’intento è di far emergere, grazie al confronto, non solo il mutare o l’arricchirsi delle forme lungo il corso degli anni, ma di favorire anche il passaggio dal visibile e concreto alla dimensione astratta del pensiero, così da coglierne i principi o la visione che stanno a monte: quell’idea o visione che l’architetto cerca di concretizzare nella fisicità e nelle spazialità delle forme in sé stesse ma anche in relazione al contesto. Sono aspetti, questi, che Mario Botta non cessa mai di sottolineare e che, in parte, ha anche esplicitato nel suo sito (da visionare) sotto la voce ‘Principi’.

Ne richiameremo uno solo, ma di fondamentale importanza concettuale e programmatica: "L’architettura deve avere un fine etico piuttosto che estetico. La finalità del fatto architettonico è quella di offrire valori abitativi di qualità contrapposti a immagini puramente estetiche. La ricerca di una migliore qualità di vita passa attraverso la ricerca di una migliore qualità dello spazio di vita" così da dar vita a "spazi identitari". Tali concetti vengono ripresi sia nei testi in catalogo che nell’intervista rilasciata a Fulvio Irace in cui si coglie però anche un sentimento diffuso di precarietà dovuto soprattutto alla situazione, complessa e drammatica, del tempo presente: la pandemia, il lockdown, i cambiamenti climatici, la guerra in Ucraina (in particolare a Leopoli dove, nonostante i bombardamenti, sta costruendo una chiesa greco-ortodossa), la perdita di identità, la globalizzazione indifferenziata. Una strisciante persistente condizione (anche esistenziale) di impermanenza a cui non si deve cedere. "E l’architettura – dichiara Botta – resta ancora una forma di resistenza alla società immateriale".

L’architettura come forma di resistenza

Ecco la funzione etica nei confronti di quella società che ha dimenticato, perso o distrutto, il senso della storia, della stratificazione urbana come testimonianza non solo di avvenimenti, interventi e opere, ma anche di significati, simboli e valori, succedutisi nel tempo. Contro "l’architettura dell’immediato e le opere di consumo […] mi piacerebbe che l’archittettura parlasse di questa sfida". "La cancellazione del concetto di ‘luogo’ è un annientamento mortale per l’architettura; come lasciare i pesci senz’acqua". "L’azzeramento delle distanze e dei tempi per l’architetto diviene assenza di un contesto fisico, di un territorio, di un paesaggio con una propria qualità ambientale e modellato con la storia. Dobbiamo invece costruire luoghi identitari in opposizione alla globalizzazione" in grado di dialogare ancora con le preesistenze ambientali, culturali, sociali e simboliche del luogo.

Gli esempi, anche suggestivi, in mostra non mancano. Ma soprattutto Botta lo afferma con un’idea di ‘casa’ tanto condensata da farsi simbolo: per cui la posiziona al centro della installazione. È il luogo della privacy o, meglio ancora, del raccoglimento e del pensiero. Ha la forma di una clessidra aperta, radicata al suolo e protesa al cielo, ma è anche luogo di convergenza di forze ctonie e di energie celesti. Al suo interno nient’altro che un tavolo che corre lungo il perimetro e due sgabelli, elementi di accoglienza e dialogo che alludono all’incontro, mentre in quella alta le aste lignee prendono forma di una immaginaria biblioteca: è la dimensione del pensiero, la storia e la memoria della civiltà.

Quella ‘casa’ è il luogo deputato per ogni uomo che pensi e mediti, per chiunque metta sublimamente a contatto la finitezza della terra con l’infinito che lo pungola dentro. Lì microcosmo e macrocosmo si incontrano nella centralità dell’uomo: allusione a un’idea di uomo e di società consona alle necessità del vivere e dell’abitare insieme.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mario botta sacro e profano
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved