l-arte-politica-di-malina-suliman-a-casa-rusca
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
3 ore

Coro Clairière ed Edvard Grieg Youth Choir, il Lac è posticipato

Causa disagi del traffico areo internazionale, salta il concerto previsto questa sera nella Hall. Confermato quello norvegese del 6 agosto
Fotografia
3 ore

‘Frontstage’ di Massimo Rana, il rock in mostra a Morcote

Ventotto ritratti in bianco e nero dagli AC/DC a Frank Zappa, dal 2 al 17 luglio, ogni weekend nella Sala Maspoli del Municipio
Spettacoli
4 ore

In 20mila per il concerto-riappacificazione fra Fedez e J-Ax

Piazza Duomo ha ospitato ‘LoveMi’, l’evento gratuito di beneficenza organizzato dalle due star a favore dei bambini con patologie neurologiche complesse
Spettacoli
23 ore

Locarno Green Project, un Film Festival ancora più verde

Da quest’anno nel Palmarès il Pardo Verde WWF per il film che meglio riflette la tematica ambientale, e un fondo tematico, il Green Film Fund
Arte
1 gior

Idee e visioni in ‘Sacro e profano’ di Mario Botta

L’architetto ticinese è stato invitato a presentare una sintesi della sua ricerca progettuale al MAXXI di Roma, visitabile fino al 4 settembre prossimo
Culture
1 gior

‘Quando suoni in un’orchestra, senti la musica che ti abbraccia’

Incontro con Sara Capone e Jonas Morkunas, due dei quattro giovani che saranno accompagnati dall’Osi nel Concerto dei Solisti del Conservatorio
JazzAscona
1 gior

Adonis Rose: ‘Che Ascona diventi un crogiolo, come New Orleans’

Musicista dalla carriera straordinaria, Adonis Rose è il coordinatore musicale delle due città. Tre anni dopo, torna con un’orchestra da Grammy
Scienze
1 gior

Sull’Etna come sulla Luna: Interact si prepara all’esplorazione

Le pendici del vulcano come luogo di allenamento e simulazione del rover in vista della missione sul satellite per prelevare campioni da analizzare
Culture
1 gior

Da Hassler a Chesnokov alla Cattedrale di Lugano

Sabato 2 luglio alle 20.30 il Coro St. John’s Voice, diretto da Graham Walker
13.05.2022 - 07:21
Aggiornamento: 15:40

L’arte politica di Malina Suliman a Casa Rusca

La giovane artista afghana sta realizzando un’esposizione site-specific a Locarno

L’esposizione della giovane artista afghana Malina Suliman a Casa Rusca a Locarno è un progetto interessante che si muove su più livelli: c’è l’aspetto più artistico, con un’estetica vicina all’arte concettuale ma al contempo popolare; c’è la dimensione della fruizione, soprattutto per quanto riguarda i progetti di street art; c’è la dimensione sociale con un’importante riflessione sui ruoli di genere; ci sono la politica e la geopolitica, con l’Afghanistan tornato in mano talebana dopo la fallimentare esperienza statunitense.

Purtroppo prima dell’inaugurazione – che si terrà sabato alle 17.30 con una "spettacolare performance dell’artista", riporta l’invito – è difficile mettere insieme queste dimensioni e, soprattutto, esprimere un giudizio sulla parte più artistica del lavoro di Malina Suliman: trattandosi di una mostra ‘site-specific’, sia l’allestimento della mostra sia la realizzazione del catalogo sono operazioni complesse che ci si ritrova a completare all’ultimo e al momento della conferenza stampa, ieri mattina, non erano completati né l’uno né l’altro. Abbiamo qualche impressione, indizi di un lavoro artistico interessante per come la riflessione artistica si rispecchia nella lotta sociale. Prendiamo l’installazione ‘Oltre il velo’ (che comprende una parte audio e video purtroppo non ancora attiva), realizzata a partire da pezzi di burqa, realizzati con grande perizia dalle donne che poi in quegli indumenti si ritrovano segregate. O il progetto ‘Il turbante come simbolo di supremazia totale’, dove la complessa dimensione sociale di questo accessorio maschile viene decostruita impiegandone il tessuto per realizzare della lingerie femminile. Intriganti, per quel che si è riusciti a vedere, i dipinti murali che l’artista stava ancora realizzando negli spazi di Casa Rusca.

Come si vede, la dimensione artistica si interseca con quella sociale e politica: in conferenza stampa il giornalista Filippo Rossi ha riassunto la situazione in Afghanistan, terra da sempre oggetto d’invasioni e di sfruttamento, invitando in particolare a non confondere la situazione a Kabul, centro in cui in alcuni periodi storici c’è stata una tensione verso la modernità, e le zone rurali dove invece questa apertura al progresso è completamente assente; ancora più indicativo l’intervento dell’artista che, con passione, ha sottolineato l’importanza di questa mostra e in generale dell’arte per far sentire la voce di un popolo che ha bisogno di aiuto e di un cambiamento di mentalità.

Malina Suliman è nata nel 1990 a Kandahar, ma ancora bambina ha dovuto lasciare l’Afghanistan trasferendosi in Pakistan, dove ha studiato Belle Arti. Nel 2009 è rientrata in Afghanistan immergendosi nell’arte contemporanea e di strada, impegnandosi a rafforzare tra i giovani e le donne la consapevolezza dei propri diritti. Malina Suliman ha ricevuto minacce e subito aggressioni ed è stata obbligata a lasciare nuovamente l’Afghanistan, trasferendosi nei Paesi Bassi dove attualmente risiede.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arte casa rusca malina suliman
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved