vito-noto-e-le-sue-idee-d-autore
LaRegione
+3
ULTIME NOTIZIE Culture
L’intervista
1 ora

‘Sul rock non ho dubbi, sul resto stiamo inguaiati’

Mentre quelli di ‘Burattino senza fili’ sono ancora a piede libero, sabato 27 agosto Edoardo Bennato canta le sue ‘canzonette’ per Spartyto
Microcosmi, Microcinema
9 ore

‘Sette, sono i magnifici’

Dai boschi del Malcantone alle sale milanesi, da Kurosawa a Sturges, da Venezia al cinema Eden di Carpi, storie di film che portano altri film
Cinema
14 ore

Grease nei cinema a 5 dollari in onore di Olivia Newton-John

Sarà proiettato negli Stati Uniti in 135 sale della catena Amc. Un dollaro per ogni biglietto venduto sarà donato alla ricerca sul tumore al seno
Scienze
14 ore

L’asteroide che segnò la fine dei dinosauri non era forse solo

Scoperto un nuovo cratere nell’Atlantico, probabilmente frutto di un impatto di un meteorite, della stessa epoca di quello caduto in Messico
Musica
14 ore

‘Non sono un cantautore’ alla Festa della Musica

Brani di Concato, Dalla, Bersani e molti altri. Ad Arbedo domenica 28 agosto alle 17.30
Libri
14 ore

A San Bernardino ‘Improvviso per pianoforte’ di Elena Spoerl

La presentazione è fissata per sabato 27 agosto alle 16 alla Galleria spazio28
Musica
14 ore

Conto alla rovescia per le Settimane Musicali di Ascona

Al via sabato 27 agosto con il Premio Grammy Evelyn Glennie, sul lungolago di Ascona per il concerto d’inaugurazione
Scienze
16 ore

Morti per tumore, il 44% a causa di fattori di rischio evitabili

Il fattore di rischio con maggiore impatto in ambo i sessi è il fumo. Seguono alcol, alimentazione scorretta, inquinamento ambientale e sesso non sicuro
Scienze
16 ore

Più problemi di memoria tra chi ha perso l’olfatto

Covid, secondo una ricerca dell’Hospital das Clínicas di San Paolo (Brasile) c’è una relazione tra la perdita sensoriale e la capacità cognitiva
Lac
17 ore

‘La traviata’ secondo Rifici

Da Rossini al capolavoro verdiano, che debutta il 2 settembre. Sulla scena che prende forma, a colloquio con il regista (aspettando Donizetti...)
Spettacoli
20 ore

‘Pretty Woman - Il Musical’, in novembre al Lac

Prevendite aperte. Con la colonna sonora affidata alla coppia Bryan Adams/Jim Wallace (ma Roy Orbison c’è), sabato 26 e domenica 27 novembre a Lugano
Culture
1 gior

Ombre su Placido Domingo: ‘Legato a rete di schiave del sesso’

Il tenore spagnolo agita nuovamente la cronaca argentina e internazionale. La sua voce nelle intercettazioni degli inquirenti.
Culture
1 gior

La lettera di Galileo del Michigan è un falso degli anni 30

Fu creato da un celebre contraffattore milanese che per anni ha sfornato ‘autografi d’autore’ per mantenere le sue sette amanti
Estate giallo-nera
1 gior

‘Quer pasticciaccio’ di Carlo Emilio Gadda

‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’, 1957: scrittura che corre da ferma, personaggi promossi protagonisti appena nominati, spregiudicatezza
Culture
2 gior

‘Vento di vita vera’ a Moghegno, con musiche di Marco Zappa

Il film di Kurt Voller in anteprima sabato 20 agosto in piazza. La colonna sonora è del ticinese, atteso giovedì 18 agosto a Brusino Arsizio in Trio
05.05.2022 - 20:56

Vito Noto e le sue ‘idee d’autore’

Dall’8 maggio fino all’11 settembre al m.a.x. museo di Chiasso una mostra antologica per ripercorrere i quarant’anni di carriera del designer svizzero

Un temperino dalla forma geometrica, un orologio che ha 24 numeri al posto di 12, una macchina incorsatrice utilizzata nel settore tessile. Cosa hanno in comune questi tre oggetti? La mano che li ha plasmati. O meglio: la mente che li ha pensati, studiati, dato una prima vita su carta, con degli schizzi e poi una seconda, grazie a dei piccoli modelli in scala, realizzati con materiali modellabili.

Stiamo parlando della mente di Vito Noto che, a partire da domenica 8 maggio fino all’11 settembre, potrà essere "vistata" al m.a.x museo di Chiasso. "Vito Noto. Quarant’anni di grafica e design. Il senso delle idee" è il nome della mostra omaggio alla carriera del designer e si inserisce nel filone espositivo della "grafica contemporanea", ripercorre l’iter creativo e professionale dell’artista, mostrando il processo concettuale dal quale sono scaturiti i progetti che hanno caratterizzato il suo lavoro.

Oltre a temperini, orologi "giorno/notte" e attrezzi legati al mondo industriale sopracitati, saranno esposti, seguendo un criterio cronologico e tematico, circa duecento pezzi fra modelli, prototipi, disegni tecnici, bozzetti preparatori, studi di logo, prodotti e macchinari.

Un dono immenso

Tutto ciò che il visitatore potrà vedere per l’occasione proviene direttamente dall’archivio personale di Noto che, in quattro decenni, ha raccolto e conservato un migliaio di dossier di progettazione e di presentazione di elaborati grafici: schizzi, bozzetti, documentazione varia, rilievi fotografici di campioni, modelli in poliuretano e prototipi vari, materiali che permettono di ricostruire il percorso creativo del designer ticinese.

Un patrimonio immenso, ancora in corso di catalogazione, donato insieme a tutta la sua Biblioteca d’artista proprio al museo chiassese. La Biblioteca costituisce in particolare un Fondo speciale della Biblioteca comunale Sbt. L’archivio di Vito Noto è il secondo Archivio completo di designer donato al m.a.x. museo con la sua biblioteca, dopo quello di Heinz Waibl.

«Questo bagaglio culturale ci è stato dato per essere usato come apporto culturale per le nuove generazioni. Non è stato semplice mettere ordine in questa matassa corposa, poiché la vasta produzione di Noto si articola fra visual design, product design e industrial design. Un artista quindi poliedrico, capace di muoversi attraverso linguaggi e metodi creativi differenti», racconta Nicoletta Ossanna Cavadini, direttrice nonché curatrice della mostra, insieme a Mario Piazza, professore associato alla Scuola di Design del Politecnico di Milano.

A ogni stanza, il suo tema

Particolarità dell’esposizione è la scelta di dedicare, per ogni sala del museo, uno specifico argomento legato alle opere di Noto. Vi è ad esempio una stanza legata al suo periodo formativo dove a farne da padrone sono gli schizzi e i progetti realizzati durante gli anni scolastici. Una seconda invece raggruppa i prodotti legati alla casa e alla vita domestica: orologi, contenitori e gli immancabili centrotavola a forma di cono, marchio distintivo di Noto. E poi ancora, uno spazio dedicato al mondo dell’ufficio, della domotica, dell’industrial design che spazia dalla "mini" oggettistica (temperamatite, separatori alfabetici,ecc...) a strumenti più voluminosi (timbra cartellini elettronici, mobili scomponibili), e per finire un’ultima area legata al Design della comunicazione visiva e al Design sanitario.

Un mondo, quello della progettazione, che ne richiama altri. Ma da dove prende spunto Noto per le sue creazioni?

"Il mio lavoro? Rispondere a delle domande"

Durante la conferenza stampa il protagonista è stato per gran parte in silenzio. Ma la sua voce la si sente forte e chiaro quando si tratta di raccontare, nel momento di visita alla mostra, le sue creazioni.

«Si pensa sempre che un oggetto sia frutto di un’intuizione. In realtà non è sempre così – afferma Noto – il designer alla fine risponde a delle domande, alcune più semplici, altre più commesse: Come posso fare questo? Come posso migliorare uno strumento? Come faccio a renderlo più sicuro, più funzionale, più semplice o più bello? Ecco, mi muovo sulla base di questi quesiti. Delle volte parto da un oggetto che già esiste e quindi lo devo rinventare cambiandone la forma. E qui sono più artista. Altre invece l’oggetto non esiste, lo si crea da zero e allora divento più tecnico».

Noto è figlio di più terre. Nasce nel 1955 a Ragusa, in Sicilia e, quando è ancora bambino, si trasferisce nell’Emmental, vicino a Lucerna. Nel 1966 approda in Ticino dove deciderà di metter radici e di aprire il suo studio di progettazione a Cadro. Ha occhio per la modernità, ma non dimentica le sue origini. Il nonno infatti era artigiano e coltivava la trazione dei carretti siciliani. «Nel mio ufficio conservo ancora un pezzo della "razza", il raggio di una ruota dei tipici carri siculi», dice Noto sorridendo. Vorremmo chiedergli di più. Approfondire quest’ultimo tema, ma scappa via subito. Un collega gli chiede di un oggetto e Noto, da raccontare se stesso, sposta l’attenzione su un temperamatite. Ne racconta la genesi. Anche in oggetti così semplici all’apparenza si nasconde un mondo, fatto di forme, meccanica, idee.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chiasso design designer m.a.x museo vito noto
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved