da-50-anni-e-oltre-alla-ricerca-del-proprio-spazio
Keystone
Realizzata dalla Società svizzera delle artiste d’arti plastiche e figurative (Ssaa)
ULTIME NOTIZIE Culture
Musica
2 ore

Frequenze libere, Trio Libelle allo Spazio Elle

Raphael Loher, Nils Fischer e Silke Strahl per il sesto appuntamento della rassegna, domenica 22 maggio alle 17.30 a Locarno
Concerti
3 ore

Enrico Pieranunzi a Jazz in Bess

Tra i più noti e apprezzati protagonisti della scena jazzistica internazionale, è atteso domenica 22 maggio alle 20.30
Danza
4 ore

Manca poco al Lugano Dance Project

Tra mercoledì 25 e domenica 29 maggio, Lugano si trasforma nella città della danza
Spettacoli
5 ore

Dagli Aphrodite’s Child a ‘Blade Runner,’ addio a Vangelis

Il compositore greco, autore di celebri colonne sonore e tastierista della band prog-rock con Demis Roussos è morto oggi a 79 anni
Streaming
5 ore

Fughe di notizie su ‘Stranger Things’, Netflix nella bufera

Tra le carte di un Monopoly promozionale, ve ne sarebbero alcune che rivelerebbero particolari della trama ancora top secret della quarta stagione
Cinema
5 ore

‘Marx può aspettare’ di Bellocchio all’Otello di Ascona

In versione originale italiana con sottotitoli in tedesco, il documentario presentato a Cannes nel 2021
Cannes 75
5 ore

Tom Cruise inonda il cielo sulla Croisette

Era il giorno di ‘Top Gun: Maverick’, ma anche del Bellocchio di ‘Esterno notte’, Aldo Moro diventato serie. E di due film in concorso non ‘globalizzati’
Società
9 ore

Prodigio di libertà e indipendenza: è Anna Kuliscioff

Alla Biblioteca cantonale di Locarno, domani sera, una conferenza per conoscere una delle protagoniste del socialismo e del femminismo italiani
Arte
10 ore

L’aridità andina del fotografo Gian Paolo Minelli

Alla Polus di Balerna fino al 9 giugno ‘Aridez’, progetto scaturito da un lungo viaggio sulle Ande
L’intervista
12 ore

Dodi Battaglia, ‘Inno alla musica’ e ai Beatles (Days)

Stasera a Bellinzona in Piazza del Sole, l’ex Pooh tra grandi successi e brani del nuovo album. ‘Quando sul palco mi volto, vedo ancora Stefano’
Musica
1 gior

Cyrille Aimée, gran finale di stagione al Jazz Cat Club

Dopo ben tre rinvii, lunedì 23 maggio ad Ascona per chiudere la 14esima stagione
Cinema
1 gior

Oscar 2023, cambiano le regole: i film devono uscire nelle sale

Il Board dell’Academy ha cambiato alcune regole. Nella categoria della miglior canzone originale abbassato da cinque a tre i brani presentabili
Spettacoli
1 gior

La Venere nera, thriller gotico a Losone

Basato sul racconto ‘La Venere d’Ille’ di Prosper Mérimée, sabato 21 maggio alle 20.30
Spettacoli
1 gior

LuganoMusica nel segno di György Ligeti e dei giovani

Presentata la stagione musicale 2022-23 del Lac, da Maurizio Pollini e la Concertgebouw ai giovani direttori Tjeknavorian e Mäkelä
Cinema
1 gior

Cannes festeggia i suoi 75 anni inneggiando al cinema

Brillano ‘Coupez!’ di Michel Hazanavicius, scelto da Thierry Fremaux per inaugurare l’edizione, e ‘For the Sake of Peace’, prodotto da Forest Whitaker
Società
1 gior

Roma, i carabinieri chiudono il Piper: ‘Risse e violenze’

Aperto nel 1965 nel quadrante Nord della capitale, ha rappresentato la risposta in salsa romana ai locali della ‘Swinging London’.
Musica
1 gior

L’Osi in San Biagio con Martijn Dendievel e Johan Dalene

Il 25enne direttore d’orchestra belga e il 21enne violinista svedese, il 16 giugno alle 20.30, si cimentano con Mozart e Mendelssohn
Musica
1 gior

Tra il Convento e Curzútt, in arrivo Monte Carasso in Jazz

Il 25 maggio all’Antico Convento delle Agostiniane i parigini ALT; il 2 giugno nel nucleo di Curzútt Danilo Boggini Hot Club de Suisse e i Lost in Swing
Spettacoli
1 gior

Festival Master Accademia Dimitri, la seconda settimana

Altre due tavole rotonde internazionali di teatro e altri spettacoli, a partire da domani
Culture
1 gior

La vita in fuga di Ulas Samchuk, la morte per fame dell’Ucraina

Un contributo di Carlo Ossola sul romanzo del 1934 ‘Maria. Cronaca di una vita’, la cui traduzione italiana sarà presentata giovedì 19 maggio al Lac
07.04.2022 - 21:49

Da 50 anni (e oltre) alla ricerca del proprio spazio

Dal 9 aprile all’8 maggio, ‘Spazio alle donne!’, mostra congiunta a Locarno e ad Ascona per celebrare mezzo secolo di suffragio femminile

Alcune le hanno "rinchiuse" in cella, proprio come un tempo si faceva con le streghe. Altre invece sono state lasciate libere di "sostare" nelle stanze e nella corte del Castello Visconteo di Locarno e nella Casa Serodine di Ascona. Sono variopinte, inusuali e tutte portano con sé un blocchetto di fogli. Non sono moderne fattucchiere ma sagome. Profili a grandezza naturale di figure femminili, quelle delle donne che li hanno creati. E ciò che stringono fra le mani non sono semplici pezzi di carta, ma schede di voto.

Sono forme inanimate, statiche, ferme ma sembrano voler comunicare, anzi, gridare tutta la loro voglia di riprendersi il proprio posto all’interno di un luogo, quando ci si riferisce a spazi definiti, ma anche all’interno di una società. Sono forme protagoniste dell’esposizione ‘Spazio alle donne! – 50 artiste (originariamente 67), 50 opere e 50 anni (più uno)’, realizzata dalla Società svizzera delle artiste d’arti plastiche e figurative (Ssaa) e che, dal 9 aprile fino all’8 maggio, sarà visitabile tramite una mostra congiunta fra i comuni di Ascona e Locarno. Sedi scelte per l’occasione il Castello Visconteo e Casorella a Locarno e la Casa Serodine, in Piazza San Pietro ad Ascona. Quest’ultima ospiterà anche l’inaugurazione della mostra, prevista per questo pomeriggio alle 18.

Da Berna alle rive del Verbano, passando per la parità di genere

L’anno scorso, per la Confederazione svizzera si è celebrato il 50esimo anniversario del Diritto di voto e di eleggibilità delle donne. Per ricordare questo momento significativo con l’arte, 67 artiste provenienti da tutta le regioni svizzere, fra cui anche quattro ticinesi (Cristina Calderara, Erika Diserens, Loredana Selene Ricca e Daniela Theiler), hanno realizzato delle opere con le loro sagome. Il fil rouge che le collegava fra loro: una scheda elettorale tenuta in mano con orgoglio.

È la stessa Elfi Thoma, presidente della Ssaa, a illustrarci le tappe del progetto: «‘Frauen im Bundeshaus’ (Donne in parlamento) nasce nel 2016 per l’allora anniversario del suffragio femminile a Basilea. Per L’occasione la sezione della Ssaa basilese aveva esposto alcune di queste opere presso il Municipio di Basilea. L’esposizione era riuscita a portarsi a casa il anche Premio delle Pari Opportunità – spiega Thoma, che continua –. In qualità di curatrice della mostra, durante quelle settimane mi sono resa conti di come la tematica fosse una sorta di tabù per i più giovani. Non riuscivano a credere che il diritto di voto per noi donne, in Svizzera, ci fosse da così poco tempo. Così, forte anche di questa esperienza e dell’esigenza di raccontare la Storia da un lato femminile, ho sviluppato l’idea di portare tutto ciò nel Parlamento federale».

E dopo essere stata esposta sotto la cupola di palazzo federale, ecco che ora la mostra ha oltrepassato il Gottardo per giungere fino alle rive del Verbano, in un passo che alla fine è stato diretto grazie anche al «legame di affinità che le due regioni hanno su diversi temi».

Ogni sagoma, rielaborata secondo i giusti e lo stile personale di ogni artista, contiene una dichiarazione personale sul tema del suffragio. Le opere simboleggiano la lunga strada verso il mezzo secolo del diritto del diritto di voto e di eleggibilità delle donne, nonché l’accettazione della parità di genere. Allo stesso modo, i messaggi artistici puntano al futuro, vale a dire alla formazione comune ed equa per tutte le persone, indipendentemente dal sesso di appartenenza.

L’arte come ponte fra i mondi

Una mostra che fa da ponte quindi fra mondi che a volte possono anche essere diametralmente opposti. Maschio e femmina, Berna e il Ticino, cultura che spazia anche nell’ambito del sociale e ci pone di fronte alla riflessione: noi siamo cambiati da allora? «Sebbene rispetto al passato siano stati fatti enormi passi avanti, è ancora necessario sottolineare che di strada per raggiungere una parità effettiva, che permetta di condividere sia oneri che onori della vita in maniera equa e indiscriminata, ce n’è ancora molta, – afferma Nancy Lunghi, municipale nonché Capodicastero Cultura di Locarno, che prosegue –. Anche nel mondo delle belle arti vi sono delle disparità di trattamento. Spesso pittrici, disegnatrici e scultrici non hanno la stessa visibilità che invece viene riservata agli uomini. Non vengono chiamate o non vengono promosse abbastanza. Oppure devono scegliere fra la famiglia e la propria carriera artistica».

Per le due città che si affacciano sul Verbano, questa è quindi l’occasione giusta per proporre una riflessione sui traguardi raggiunti e quelli ancora da raggiungere per concretizzare la parità di genere, sia essa a livello cantonale ma anche federale. E poi c’è l’aspetto legato alla collaborazione fra le due autorità cantonali.

«L’idea di rafforzare e consolidare la cooperazione fra il Borgo e la Città è nata a inizio legislazione. L’obiettivo che ci prefiggiamo è quello di portare la già forte cultura Locarnese a un livello superiore. Attività come queste, che non solo hanno una valenza puramente culturale ma anche sociale, data la tematica trattata, sono indubbiamente iniziative che mirano a tale scopo e sono preziose per la comunità Locarnese e non solo», afferma Michela Ris, municipale e Capodicastero Cultura di Ascona.

‘È come festeggiare due volte’

Ma non solo il diritto di voto è stato inaccessibile per l’universo femminile. Anche la cultura per secoli è stata negata alle donne. Geni dell’arte cui è stato precluso l’accesso alle accademie artritiche, oppure "cancellate", volutamente dimenticate della Storia per il semplice fatto di essere appartenenti al sesso femminile.

La stessa società svizzera delle artiste d’arti plastiche e figurative ne è un esempio. La sua storia, che conta ben 120 anni, è stata segnata dalla mancanza di accettazione di questa preziosa diversità nel campo dell’arte e della cultura, in una società pregna e dominata dal patriarcato.

La creazione di un’associazione di sole donne fu dovuta al netto rifiuto dei colleghi artisti del XIX secolo di ammettere qualsiasi artista nel proprio gruppo, all’allora Gsmba, Associazione dei pittori, scultori e architetti svizzeri, oggi Visarte, fondata nel 1865. Questa farsa terminò solo un secolo dopo, nel 1972, dopo l’introduzione del suffragio femminile, attraverso il lavoro risoluto delle donne ariste e la loro instancabile lotta per il riconoscimento delle donne e della loro professione. «Paradossalmente, per noi artiste il diritto di voto coincide col nostro diritto a essere accettate in una professione che per tanto tempo è stata ritenuta solo maschile. Quindi è come festeggiare due volte», aggiunge Thoma.

‘Spazio alle donne!’ è un imperativo che volge il capo al futuro ma non dimentica però la strada percorsa fino a ora. Perché ci fu un tempo in cui le streghe venivano arse vive, le donne non potevano votare, e nemmeno tenere un pennello in mano.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
artiste ascona locarno spazio suffragio femminile
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved